Diamo asilo a Snowden

rational

Nuovo Utente
Registrato
29/1/12
Messaggi
11.947
Punti reazioni
299
Dopo le ultime rilvelazioni credo che l'Itala debba dare asilo politico a Snowden prima che ce lo freghi la fancia:


Rainews24.it

Non solo l'Italia era pienamente "un obiettivo" della gigantesca operazione americana di spionaggio messa in piedi dalla Nsa, ma gli 007 Usa erano arrivati a piazzare anche delle cimici nell'ambasciata italiana a Washington. Le ultime clamorose rivelazioni sono state pubblicate stasera sul sito del Guardian, che cita documenti fatti filtrare da Edward Snowden, l'ex analista dell'agenzia americana e talpa del Datagate.



Nel giorno in cui l'Europa, infuriata per le notizie sul sistematico spionaggio delle sue istituzioni, ha minacciato di far saltare i negoziati di libero scambio con gli Stati Uniti se tutto fosse confermato, si svela anche l'attenzione molto particolare che l'intelligence americana riservava - e probabilmente continua a riservare - al nostro Paese.



E' stato prima lo Spiegel, sempre con documenti targati Snowden, a rivelare come la Nsa - attraverso il programma Boundless Informant - spiava sistematicamente le comunicazioni anche in Italia e Francia, seppur in dimensioni ridotte rispetto alla Germania: in un grafico pubblicato sul settimanale tedesco, si puo' osservare la curva delle intercettazioni dei metadati telefonici dall'Italia, che tra il 10 e il 19 dicembre 2012 si aggiravano costantemente intorno ai 4 milioni al giorno, per poi calare rapidamente fino ad arrivare a zero il 25 dicembre.



Subito dopo e' stata la volta del Guardian, che ha messo in rete informazioni clamorose, ovvero che gli Usa hanno piazzato cimici in ambasciate sia a Washington che a New York, dove sono le missioni alle Nazioni Unite. Il documento citato dal quotidiano inglese elenca 38 di queste ambasciate e missioni descrivendole come "target da attaccare" e da tenere sotto controllo con una gamma straordinariamente vasta di metodi di spionaggio, fino appunto alle cimici. Ma non solo: si parla anche di infiltrazioni della rete informatica che permetteva di leggere la posta elettronica e i documenti interni.



Le operazioni condotte contro l'ambasciata italiana a Washington, secondo tali documenti, erano state classificate come 'Bruneau' oppure 'Hemlock'. Mentre quelle contro i francesi erano state nominate 'Blackfoot' all'Onu e 'Wabash' a Washington. Nel mirino degli 007 americani della Nsa, oltre ai 'nemici' degli Stati Uniti e agli obiettivi sensibili in Medio Oriente, c'erano quindi le missioni europee - nome in codice dello spionaggio per quella dell'Onu 'Perdido' -, le ambasciate d'Italia, Francia e Grecia, e quelle di altri Paesi alleati come Giappone, Messico, Corea del Sud, India e Turchia.



Nella lista, datata settembre 2010, non compaiono invece Regno Unito, Germania e altri Stati europei occidentali. Gli Stati Uniti, attraverso un portavoce della Nsa, hanno fatto sapere che chiariranno la situazione attraverso "canali diplomatici", sia con le istituzioni europee che con i singoli Paesi interessati "a livello bilaterale", ma che non intendono fare commenti pubblici sulla vicenda.
 

Saltellone

So spesso dallo staf
Registrato
9/8/10
Messaggi
20.763
Punti reazioni
721
Poveretto, gli vuoi proprio male... finirebbe come i Maro'
 

r .

Nuovo Utente
Registrato
31/1/13
Messaggi
1.143
Punti reazioni
52
come ocialàn :D