D'improvviso, morire (omicidio)

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

nickilista

Siento el Sur...
Registrato
21/12/02
Messaggi
4.371
Punti reazioni
201
E' morta la figlia di Trintignant.
Non voglio fare la morale, va da sé che il suo uomo è una bestia (?).
Tuttavia, vorrei tentare di dire una cosa più generale, perché spesso vedo "discussioni" di tal fatta (anche se non degenerano nel modo in cui è degenerata questa).
Quello che mi colpisce quando vedo gente che litiga violentemente (qui, di fronte casa mia, in estate, è un continuo "spettacolo"), è il fatto che - credo - bisogna essere davvero accecati per percuotere un uomo con tanta insistenza e bestialità (ma la bestialità non è la metafora adatta, perché la bestia è tale senza essere altro da sé). Intendo dire: una volta assestato un colpo "spiazzante" (ovvero capace di cogliere l'assenza dell'avversario, anticipandolo in presenza. Basti pensare al ghepardo che cerca di anticipare la gazzella che procede a zigzag, per rimanere in tema "bestiale"), cosa spinge ad insistere? Fumo, alcool, rabbia, emotività, sono davvero così fondanti da consentire il superamento del rantolo, degli occhi di chi invoca - immagino - del tempo: una presa di distanza dallo spazio chiuso della forza in esercizio? Chi si ritrova alla fine di questa marcia trionfale, cosa ritrova, propriamente?

La morte per omicidio è sempre possibile?
 
Scritto da nickilist@
E' morta la figlia di Trintignant.
Non voglio fare la morale, va da sé che il suo uomo è una bestia (?).
Tuttavia, vorrei tentare di dire una cosa più generale, perché spesso vedo "discussioni" di tal fatta (anche se non degenerano nel modo in cui è degenerata questa).
Quello che mi colpisce quando vedo gente che litiga violentemente (qui, di fronte casa mia, in estate, è un continuo "spettacolo"), è il fatto che - credo - bisogna essere davvero accecati per percuotere un uomo con tanta insistenza e bestialità (ma la bestialità non è la metafora adatta, perché la bestia è tale senza essere altro da sé). Intendo dire: una volta assestato un colpo "spiazzante" (ovvero capace di cogliere l'assenza dell'avversario, anticipandolo in presenza. Basti pensare al ghepardo che cerca di anticipare la gazzella che procede a zigzag, per rimanere in tema "bestiale"), cosa spinge
ad insistere? Fumo, alcool, rabbia, emotività, sono davvero così fondanti da consentire il superamento del rantolo, degli occhi di chi invoca - immagino - del tempo: una presa di distanza dallo spazio chiuso della forza in esercizio? Chi si ritrova alla fine di questa marcia trionfale, cosa ritrova, propriamente?
La morte per omicidio è sempre possibile?

Hai mai visto i francesi litigare?Non hanno le mezze misure.
 
Re: Re: D'improvviso, morire (omicidio)

Scritto da mac4
Hai mai visto i francesi litigare?Non hanno le mezze misure.


:eek: :eek:
:confused: :confused:
 
Re: Re: D'improvviso, morire (omicidio)

Scritto da mac4
Hai mai visto i francesi litigare?Non hanno le mezze misure.

Altro che francesi, vieni a Quarto Oggiaro...
 
Indietro