directa e modulo autenticazione

redegenerated

Nuovo Utente
Registrato
11/5/06
Messaggi
94
Punti reazioni
7
nessuno ha avuto problemi a farsi firmare il modulo di autenticazione per legge anti-riciclaggio di directa? a me dicono che sono riportati dei dati personali e che quindi non possono rilasciarli. domani provero in posta, come mi ha detto il call center directa ma non ho la minima idea di come fare :confused:
è solo la mia banca che si comporta cosi?
 
redegenerated ha scritto:
nessuno ha avuto problemi a farsi firmare il modulo di autenticazione per legge anti-riciclaggio di directa? a me dicono che sono riportati dei dati personali e che quindi non possono rilasciarli. domani provero in posta, come mi ha detto il call center directa ma non ho la minima idea di come fare :confused:
è solo la mia banca che si comporta cosi?

Dati personali in che senso???
Se sei cliente...
che problemi hanno???

A meno che ti conoscono e sei un mafioso...
allora quello e' un altro discorso.
 
ma che mafioso ahahaha....(occio che ci intercettano pero...... di sti tempi........)..
cmq, perche c'è scritto il mio nome, indirizzo ecc.. loro dicono che sono dati personali e non possono firmare qualcosa che li divulghi...bho....cmq a momenti dovrebbe arrivarmi il modulo postale da directa via mail quindi non dovrebbero esserci problemi alla fine e domani diventero cliente al 100%...speriamo...sto conto è gia partito "sfortunato" :p
cmq sono gia soddisfatto dell'help desk, veramente gentile e funzionale... :)
 
redegenerated ha scritto:
nessuno ha avuto problemi a farsi firmare il modulo di autenticazione per legge anti-riciclaggio di directa? a me dicono che sono riportati dei dati personali e che quindi non possono rilasciarli. domani provero in posta, come mi ha detto il call center directa ma non ho la minima idea di come fare :confused:
è solo la mia banca che si comporta cosi?

la mia cara ex banca bnl, ha fatto la stessa cosa, hanno farfugliato qualcosa e non mi autenticavano nulla... ma stai tranquillo che alle poste te lo fanno,visto che directa li paga per rendere questo servizio, se l'ufficio postale presso cui ti rivolgi non dovesse essere a conoscenza di questa convenzione fatti dare il numero di fax dallo a qualcuno del call center directa e loro gli spediscono un fax.....
 
unicredit fece senza problemi

Luk
 
Qua non e' spiegata male...perlomeno sappiam di cosa parliamo.

redegenerated ha scritto:
ma che mafioso ahahaha....(occio che ci intercettano pero...... di sti tempi........)..
cmq, perche c'è scritto il mio nome, indirizzo ecc.. loro dicono che sono dati personali e non possono firmare qualcosa che li divulghi...bho....cmq a momenti dovrebbe arrivarmi il modulo postale da directa via mail quindi non dovrebbero esserci problemi alla fine e domani diventero cliente al 100%...speriamo...sto conto è gia partito "sfortunato" :p
cmq sono gia soddisfatto dell'help desk, veramente gentile e funzionale... :)

Approfondiamo la questione...
redegenerated (un copia/incolla con tal nome)
che sul sito dell'Adusbef...
di questo pressapoco parlavano pure la'...
tempo fa.

Dopotutto si tratta solo di un timbro e una firma...
sotto 2 parole...

Confermiamo che il sig...
xxxx yyyy
e' stato identificato ai sensi art. 2 legge 197/91
In fede
Timbro e firma.

se il bancario non vuol fare il pignolo...
e se non si e' mafiosi...
questo e' ovvio.

Ma per esser mafiosi...
mai saputo cosa bisogna fare...
ignorante in materia sono.
Nessun sicilanio da queste parti...
che ce la potrebbe spiegare???
E si che ce ne son tanti qua...
:yes: :yes: :yes:
di mafiosi???
ma no...
:no:
di siciliani...
intendevo.
:D




Un tale Davide chiedeva...
con parole sue.

Salve a tutti. Vorrei farvi un quesito.

Può la banca presso la quale ho un conto corrente, rifiutarsi (senza motivo) ad una mia richiesta di bonifico con identificazione (che è ammesso e valido ai sensi dell’art.2 della Legge 197/91 e del relativo decreto di attuazione del 19 dicembre 1991 e successive modifiche ed integrazione)??

Secondo voi è il caso di chiamare la polizia se fanno un abuso del genere oppure è una loro facoltà opporsi?
Grazie anticipate,
Davide
*****
Gli risponde un altro...
di nome Grasshoper...
di sicuro uno experto...

Facciamo chiarezza.

La legge 197/91 (detta "antiriciclaggio") impone a tutti gli intermediari finanziari il "riconoscimento" della clientela, che deve essere effettuata da un dipendente o incaricato (es. un promotore) identificando la persona che ha di fronte mediante un documento di identità valido. La stessa legge prevede che tale obbligo non sussiste se la stessa persona è già stata identificata da un altro intermediario e quest’ultimo certifica l’avvenuto riconoscimento.

E’ proprio questa certificazione che il funzionario della banca si rifiuta di sottoscrivere. Non è obbligato a farlo, per cui il rifiuto è legittimo.

L’Ufficio Italiano dei Cambi (che è l’autorità demandata alla vigilanza in materia di antiriciclaggio) ha autorizzato gli intermediari ad una diversa procedura, proprio per favorire lo sviluppo delle banche online. In base al suo parere del 31/01/2000 (pubblicato sul sito www.uic.it, sezione "Antiriciclaggio"), un cliente può essere validamente riconosciuto dalla banca online se questi effettua un bonifico, a credito del conto presso la stessa banca online, che provenga da un conto a lui intestato (vale anche il caso di cointestazione) presso un’altra banca.

In questo caso, tuttavia, le somme trasferite sul conto online potranno "uscire" solo verso il conto dal quale è stato effettuato il bonifico originario. Si tratta quindi di una procedura molto utile nel caso in cui il conto online venga utilizzato solo per gestire i propri investimenti (ad esempio, per fare trading in borsa) o come parcheggio della liquidità (come nel caso del Conto Arancio). Se invece si tratta di aprire un conto corrente online da utilizzare liberamente (in particolare se da questo conto devono essere fatti bonifici a favore di terzi), sarebbe preferibile il riconoscimento mediante modulo.

Molti operatori online prevedono anche che il riconoscimento venga effettuato da propri incaricati (promotori) o presso le filiali del gruppo bancario del quale fanno parte.

Ti consiglio quindi di prendere contatto con il loro call centre per trovare la soluzione più adatta.

******

Al che il Davide...
soddisfatto...
ha concluso...
con parole sue.

Rispondendo al messaggio.. mi ci è voluto un po’ di tempo, ma alla fine l’ho capito, e vorrei chiarirlo anche a voi cosa vuol dire bonifico con identificazione, perchè molti non sanno cosa vuol dire.

Quando si instaura un rapporto online con una banca che opera *solo* online, viene inviata una lettera al cliente un messaggio contenente i dati per effettuare un bonifico (con un codice). Il cliente è tenuto a inviare un bonifico con oggetto il codice indicato.

Il rifiutarsi di fare il bonifico con identificazione era quindi una mera ignoranza del bancario, che non sapeva nemmeno che volesse dire banca online (e pensava che fosse un loro conto accessibile anche online).

Infatti il bancario non è tenuto a identificarmi, ma a procedere all’invio del bonifico tramite il mio conto (una banalissima operazione), ricordandosi di inserire come oggetto del bonifico il codice di identificazione che mi è stato inviato per posta.

Io l’ho fatto e ora il conto online è attivo e perfettamente funzionante, e domani andrò a chiudere il conto che ho avuto per tanto tempo e che non mi ha per niente fruttato nonostante avessi una cospicua cifra (anzi.. devo anche pagare per chiuderlo).

Saluti


P.S.
A fagiolo...
e' arrivato or ora il mio amico Angelo...
inviato il bonifico martedi' lui a Torino.

Oggi giovedi' ore 9,30...
mentre stava al mercato....
la telefonata...

gia' operativo...

gli han detto dal call center...

ma non e' ancora bravo a usar la piattaforma...
dice...
ecco perche e' venuto qua...
anche se si e' gia messo in acquisto su Enel stamane...

In banca che ti han detto per l'identificazione???

Assolutamente niente...
versato..
timbrato...
inviato.

Tutto a posto.
 
Ultima modifica:
Indietro