Domanda su tassi bce -> settembre o ottobre

SerenoVariabile

Utente Registrato
Registrato
26/7/07
Messaggi
260
Punti reazioni
9
Volevo chiedervi cosa ne pensate del prossimo rialzo :

1- sarà l' ultimo ?
2- sarà l' ultimo (se per caso l' America andasse in recessione -> pil fine anno disastroso) ?
3- settembre o ottobre ?
4- dopo quello che è successo in questi giorni è secondo voi ancora scontato un rialzo a 4,25 anche se gli euribor sembrano non aver dubbi ?


Ovviamente domando perchè a ottobre forse ho in mente di investire il capitale (che ora è parcheggiato in liquidità) in titoli alto rating con scadenza 5-8 anni

Guardando gli irs e gli euribor , sarebbe ancora presto ma forse bisogna anche considerare come si evolverà la situazione .
Grazie in anticipo per un eventuale risposta ...
 
SerenoVariabile ha scritto:
Volevo chiedervi cosa ne pensate del prossimo rialzo :

1- sarà l' ultimo ?
2- sarà l' ultimo (se per caso l' America andasse in recessione -> pil fine anno disastroso) ?
3- settembre o ottobre ?
4- dopo quello che è successo in questi giorni è secondo voi ancora scontato un rialzo a 4,25 anche se gli euribor sembrano non aver dubbi ?


Ovviamente domando perchè a ottobre forse ho in mente di investire il capitale (che ora è parcheggiato in liquidità) in titoli alto rating con scadenza 5-8 anni

Guardando gli irs e gli euribor , sarebbe ancora presto ma forse bisogna anche considerare come si evolverà la situazione .
Grazie in anticipo per un eventuale risposta ...
sicuramente quando dovrai investire il tuo capitale dovrai fare delle valutazioni
ad es

IT0001338612 BTP 4,25% 01.11.2009
ha rendimento netto 3,80

IT0003719918 BTP 4,25% 01.02.2015
ha rendimento netto 3,96

per uno 0,16 in più ne vale la pena prendere il 2015 ?
poi se i tassi arriveranno a 4,50 nel 2008 meglio non avere fretta e valutare sul momento la convenienza all'acquisto di questo o quel titolo , a volte prendere scadenze lunghe non ha senso se il rendimento è simile a una scadenza breve
 
SerenoVariabile ha scritto:
Volevo chiedervi cosa ne pensate del prossimo rialzo :

1- sarà l' ultimo ?
2- sarà l' ultimo (se per caso l' America andasse in recessione -> pil fine anno disastroso) ?
3- settembre o ottobre ?
4- dopo quello che è successo in questi giorni è secondo voi ancora scontato un rialzo a 4,25 anche se gli euribor sembrano non aver dubbi ?


Ovviamente domando perchè a ottobre forse ho in mente di investire il capitale (che ora è parcheggiato in liquidità) in titoli alto rating con scadenza 5-8 anni

Guardando gli irs e gli euribor , sarebbe ancora presto ma forse bisogna anche considerare come si evolverà la situazione .
Grazie in anticipo per un eventuale risposta ...

Jean-Claude Trichet, presidente della Bce, nel corso dei suoi ultimi interventi apparentemente criptici, l'ha detto chiaro e tondo: strenua lotta all'inflazione (sa benissimo che quella vera è parecchio superiore ai dati forniti per equiparare salari e affitti) e monitoraggio costante dei prezzi degli immobili che in alcuni stati dell'Ue hanno raggiunto livelli non sostenibili.

Traduzione per i non addetti: "entro la fine del corrente anno praticheremo un aumento del tasso di riferimento di almeno altri 50 bp distribuiti in 2 tranches". I mercati infatti, sembra abbiano già scontato l'ulteriore stretta. Ma, com'è noto, in finanza non bisogna mai dare niente per scontato: è necessario attuare un'attento monitoraggio dell'andamento dei mercati internazionali che, come si è assistito negli ultimi giorni, sono molto nervosi a causa - "si dice", ma potrebbe essere un pretesto - delle diffuse insolvenze sui mutui subprime. Bisognerà tenere sotto controllo la situazione per un paio di settimane e vedere quale orientamento prevarrà. Qualora la situazione sfugga al controllo (improbabile), non solo non vi saranno aumenti del Tur, ritengo, ma è ipotizzabile un'inversione del trend.

Gli Usa faranno l'impossibile affinchè non sia raggiunto e conclamato lo stadio recessivo, con robuste iniezioni di denaro fresco di stampa e, non ultimo, facendo progressivamente scivolare il cambio. Il prossimo anno ci saranno nuove elezioni e i Repubblicani difenderanno con i denti le loro posizioni, facendo certamente reagire l'economia.

Conclusione: rimarrei alla finestra per tutto il 2007 utilizzando qualche strumento molto liquido e non volatile come i nostri CCT.

P.S. Significativa discesa degli IRS: dal 5,07% 20y del 9/7 u.s. al 4,84% di oggi.

http://www.oenb.at/isaweb/report.do?report=660
 
Ultima modifica:
Lou Cypher ha scritto:
Jean-Claude Trichet, presidente della Bce, nel corso dei suoi ultimi interventi apparentemente criptici, l'ha detto chiaro e tondo: strenua lotta all'inflazione (sa benissimo che quella vera è parecchio superiore ai dati forniti per equiparare salari e affitti) e monitoraggio costante dei prezzi degli immobili che in alcuni stati dell'Ue hanno raggiunto livelli non sostenibili.

Traduzione per i non addetti: "entro la fine del corrente anno praticheremo un aumento del tasso di riferimento di almeno altri 50 bp distribuiti in 2 tranches". I mercati infatti, sembra abbiano già scontato l'ulteriore stretta. Ma, com'è noto, in finanza non bisogna mai dare niente per scontato: è necessario attuare un'attento monitoraggio dell'andamento dei mercati internazionali che, come si è assistito negli ultimi giorni, sono molto nervosi a causa - "si dice", ma potrebbe essere un pretesto - delle diffuse insolvenze sui mutui subprime. Bisognerà tenere sotto controllo la situazione per un paio di settimane e vedere quale orientamento prevarrà. Qualora la situazione sfugga al controllo (improbabile), non solo non vi saranno aumenti del Tur, ritengo, ma è ipotizzabile un'inversione del trend.

Gli Usa faranno l'impossibile affinchè non sia raggiunto e conclamato lo stadio recessivo, con robuste iniezioni di denaro fresco di stampa e, non ultimo, facendo progressivamente scivolare il cambio. Il prossimo anno ci saranno nuove elezioni e i Repubblicani difenderanno con i denti le loro posizioni, facendo certamente reagire l'economia.

Conclusione: rimarrei alla finestra per tutto il 2007 utilizzando qualche strumento molto liquido e non volatile come i nostri CCT.

P.S. Significativa discesa degli IRS: dal 5,07% 20y del 9/7 u.s. al 4,84% di oggi.

http://www.oenb.at/isaweb/report.do?report=660
quindi pct per tutto il 2007?
 
spray ha scritto:
questa non l'ho capita...me la spieghi per cortesia?

Beh, se vuoi spuntare un buon tasso devi mettere a disposizione un cifra consistente con banche a sportello o accontentarti di tassi inferiori con banche online per cifre anche minime. Dipende comunque molto dal potere contrattuale...
 
faccio moneybox unicredit al 3,30 con 63000k...potere contrattuale sottozero,non sono il tipo che si impone...l'importante è conoscersi.
 
I tassi a lungo stanno pero' scendendo sia in europa che in America dove oltretutto sta aumentando il differenziale 30y - 2y che è ora a 0,40 .

Non so questo cosa significhi ,pero' qualcosa in direzione contraria a quanto è avvenuto negli ultimi tempi sta avvenendo
 
a maggior ragione bisogna stare "short"pure sulle obbligazioni.troppe variabili:tassi che cresceranno per tutto il 2007(ancora pochi mesi cmq) e poi boh.Cedola fissa al 20% DAL 1 GEN. 2008...la borsa che va giù e le obbligazioni governative che vanno al max...,troppo magma....
 
mi permetterei di consigliarti di non fare l'investimento tutto in un colpo, ma diluirlo in qualche tranches (2 o 3 , a seconda dell'importo)

almeno così eviti di prenderci male...

a presto

maino
 
Maino ne sa,lo sappiamo,ma non si ha tanto tempo da dedicare a diversificazioni e quant'altro purtroppo.io cerco solo un rendimento sicuro e questo lo trovo in pct o titoli di stato.come me credo la maggior parte delle persone;diversificare,dopotutto,è già entrare in un ottica di rischio.Il rischio non è accettabile,rischiare il salario non si fa,...
 
spray ha scritto:
faccio moneybox unicredit al 3,30 con 63000k...potere contrattuale sottozero,non sono il tipo che si impone...l'importante è conoscersi.
Immagino intendessi 63K ?
Comunque io in Banca intesa il 25/7 per un mese 50K a 3,45% netto.
 
spray ha scritto:
Maino ne sa,lo sappiamo,ma non si ha tanto tempo da dedicare a diversificazioni e quant'altro purtroppo.io cerco solo un rendimento sicuro e questo lo trovo in pct o titoli di stato.come me credo la maggior parte delle persone;diversificare,dopotutto,è già entrare in un ottica di rischio.Il rischio non è accettabile,rischiare il salario non si fa,...

spray,
non mi riferivo tanto alla diversificazione (ho preso per buono il tuo input)quanto piuttosto alla diluizione temporale dell'investimento.

in pratica, se scegli di investire nel titolo X , fai in modo di entrarci a più riprese , con qualche mese di intervallo fra i vari ingressi.
 
Maino ha scritto:
spray,
non mi riferivo tanto alla diversificazione (ho preso per buono il tuo input)quanto piuttosto alla diluizione temporale dell'investimento.

in pratica, se scegli di investire nel titolo X , fai in modo di entrarci a più riprese , con qualche mese di intervallo fra i vari ingressi.
hai sicuramente ragione,ma devi tener conto del "sentiment"del piccolo investitore,-investo la,investo tot-mi darà tot.Altrimenti ,credo,diventa già tentativo e sperimentazione...ma chi ne ha poi tanta voglia?
 
Maino ha scritto:
spray,
non mi riferivo tanto alla diversificazione (ho preso per buono il tuo input)quanto piuttosto alla diluizione temporale dell'investimento.

in pratica, se scegli di investire nel titolo X , fai in modo di entrarci a più riprese , con qualche mese di intervallo fra i vari ingressi.

Mah, non vedo un livello di rischio eccessivo investendo anche l'intero capitale in pct o cct/08...
 
Lou Cypher ha scritto:
Mah, non vedo un livello di rischio eccessivo investendo anche l'intero capitale in pct o cct/08...

Lou,
mi riferivo a quanto scritto da serenovariabile nel suo primo post quando dice " ovviamente domando perchè a ottobre forse ho in mente di investire il capitale (che ora è parcheggiato in liquidità) in titoli alto rating con scadenza 5-8 anni "

in quel caso, appunto, consiglierei di farlo non tutto in un colpo...
 
Si ma dovete anche considerare le commissioni , diventa oneroso per me comprare in più tranche(pago un fisso ogni acquisto) poi ovviamente io vorrei diversificare molto quindi comprare molto titoli ... cmq vedrò cosa fare dopo il successivo rialzo ....

purtroppo mi sembra chiaro che forse il vento sta cambiando ...ma è sempre difficile capire se non impossibile cosa ci riserva il futuro .

Intanto aspetterò ... poi magari ritornerò per qualche consiglio tanto fino a ottobre non mi muovo .
 
SerenoVariabile ha scritto:
Volevo chiedervi cosa ne pensate del prossimo rialzo :

1- sarà l' ultimo ?
2- sarà l' ultimo (se per caso l' America andasse in recessione -> pil fine anno disastroso) ?
3- settembre o ottobre ?
4- dopo quello che è successo in questi giorni è secondo voi ancora scontato un rialzo a 4,25 anche se gli euribor sembrano non aver dubbi ?


Ovviamente domando perchè a ottobre forse ho in mente di investire il capitale (che ora è parcheggiato in liquidità) in titoli alto rating con scadenza 5-8 anni

Guardando gli irs e gli euribor , sarebbe ancora presto ma forse bisogna anche considerare come si evolverà la situazione .
Grazie in anticipo per un eventuale risposta ...



Oggi appuntamento Bce: i tassi saliranno, ma dopo la pausa estiva.

Finanzaonline.
02-08-2007

Durante la riunione di oggi, la Banca centrale europea dovrebbe, con molta probabilità, lasciare invariato il costo del denaro dell'Eurozona al 4%. Piuttosto sarà quindi interessante cogliere i segnali che lancerà il governatore Jean-Claude Trichet durante la consueta conferenza stampa. In particolare, secondo gli economisti di Ing, la domanda chiave che si sta ponendo il mercato è se Trichet permetterà di capire con precisione quando ci sarà la prossima stretta. Intanto, è opinione diffusa che la nuova mossa vedrà la luce a settembre, dopo la pausa estiva, in concomitanza con la pubblicazione delle nuove previsioni macroeconomiche, anche perchè, non molto tempo fa, Trichet aveva dichiarato che non intende andare contro il consensus degli economisti. E se pertanto, almeno per oggi, non metterà mano ai tassi, ecco che gli esperti di Ing sono convinti che il numero uno di Francoforte userà le fatidiche parole: "strong vigilance".
 
2 agosto 2007
Bce: Trichet convoca a sorpresa un briefing sui tassi nel pomeriggio.

La Banca centrale europea ha convocato a sorpresa una conferenza stampa per le 14.30 di oggi, giovedì 2 agosto, dopo la comunicazione della decisione sui tassi di interesse che giungerà alle 13.45. La conferenza sarà tenuta dal presidente Jean-Claude Trichet e, a differenza di quanto avviene di consueto, non sarà trasmessa via Internet, a causa del brevissimo lasso di tempo con cui è stato deciso di convocare la conferenza. Inoltre i giornalisti presenti all'Eurotower di Francoforte non potranno
comunicare i contenuti della conferenza prima di un quarto d'ora dalla sua conclusione o, al massimo, alle 15.30. Nel frattempo la Banca d'Inghilterra, come previsto, lascia invariato al 5,75% il suo tasso-chiave d'interesse.

In precedenza c'era un'attesa unanime degli analisti per un costo del danaro invariato al 4% nell'area dell'euro.Tra i 45 analisti finanziari consultati da Dow Jones, 39 prevedono un aumento al 4,25% entro il terzo trimestre. La Bce ha ripetutamente messo in guardia da una ripresa delle pressioni inflazionistiche nel secondo trimestre, che ora potrebbe risultare ulteriormente accentuata dai recenti picchi del petrolio. Tuttavia, a controbilanciare le istanze restrittive potrebbero contribuire sia la recente volatilità dei mercati finanziari, alimentata dai timori di un impatto negativo sull'economia globale per il deterioramento del mercato del credito americano - sia l'indebolimento del dollaro sull'euro.
 
Indietro