Dubbi su contratto di affitto

FasTrader

Now Slow Trader
Registrato
9/10/01
Messaggi
620
Punti reazioni
15
1) La mia padrona di casa mi ha chiesto un "adeguamento della cauzione" di 44,64E che presumo sia un adeguamento Istat - non dell'affitto ma della cauzione !!!. Mi chiedo se sia corretto, non avendone sentito mai parlare.

2) Poi le spese sono ripartite per vani e non per millesimi (è proprietaria dell'intera palazzina di 3 piani).

3) Inoltre gli inquilini pagano una cifra per la "tenuta dei conti", insomma come se lei fosse l'amministratore, che nessuno ha "deliberato".

4) Non ci ha mai fatto vedere alcuna fattura e non abbiamo mai scelto nessuna ditta per le pulizie o altro, ma le ha scelte lei. Noi paghiamo e basta !!! Nota: il riscaldamento è autonomo.

Vi ringrazio per le delucidazioni !
 
1) La mia padrona di casa mi ha chiesto un "adeguamento della cauzione" di 44,64E che presumo sia un adeguamento Istat - non dell'affitto ma della cauzione !!!. Mi chiedo se sia corretto, non avendone sentito mai parlare.

2) Poi le spese sono ripartite per vani e non per millesimi (è proprietaria dell'intera palazzina di 3 piani).

3) Inoltre gli inquilini pagano una cifra per la "tenuta dei conti", insomma come se lei fosse l'amministratore, che nessuno ha "deliberato".

4) Non ci ha mai fatto vedere alcuna fattura e non abbiamo mai scelto nessuna ditta per le pulizie o altro, ma le ha scelte lei. Noi paghiamo e basta !!! Nota: il riscaldamento è autonomo.
------------------------------------------------------------------------------
1 non ti so rispondere
2 alcune spese devono essere divise x mm altre a persona quella a vani mi è nuova
3 le spese dei"conti" devono essere comprese nella quota amministratore che ogni anno alla riunione condominiale viene confermato
4 per le pulizie le spese sono una quota a mm e una quota a piano (e ti garantisco che c'è una bella differenza)
comunque ti deve presentare tutti gli anni un prospetto delle spese fatte e quelle " a veni".
se non lo fa "sunia"

by
una curiosità se me la vuoi soddisfare
in che citta si trova la palazzina
quanti mq sono
e quanto paghi

grazie
 
Scritto da Rennet

1 non ti so rispondere
2 alcune spese devono essere divise x mm altre a persona quella a vani mi è nuova
3 le spese dei"conti" devono essere comprese nella quota amministratore che ogni anno alla riunione condominiale viene confermato
4 per le pulizie le spese sono una quota a mm e una quota a piano (e ti garantisco che c'è una bella differenza)
comunque ti deve presentare tutti gli anni un prospetto delle spese fatte e quelle " a veni".
se non lo fa "sunia"

by
una curiosità se me la vuoi soddisfare
in che citta si trova la palazzina
quanti mq sono
e quanto paghi

grazie

Credo che la divisione per "vani" sia stata effettuata in quanto, essendo un'unica proprietaria della palazzina, non c'è un regolamento di Condominio e quindi nessun criterio ad hoc per la divisione delle spese (oltre al codice civile).

Per fare un regolamento di condominio, ma soprattutto per fare la tabella millesimale, occorre una certa preparazione tecnica, oltre a del bel tempo!

Dubito però della legittimità della divisione delle spese per vani! Insomma... se la padrona di casa-palazzina non chiama un geometra per risparmiare fatti suoi... ma le spese andrebbero SEMPRE E COMUNQUE divise per millesimi!

L'amministratore di condominio NON ESISTE: è la stessa padrona di casa che si è AUTOASSEGNATO un compenso per la "gestione", ossia in sostanza per pagare la tassa del passo carraio, l'impresa di pulizie e le bollette Enel, perchè altre spese praticamente non ci sono!!!

Il prospetto delle spese condominiali l'ha presentato regolarmente, con la divisione anomala dei vani, ma non ha mai presentato le fatture... Insomma ci si deve fidare dei calcoli da lei fatti !!!

Il mio appartamento è un 80mq e pago 640E+spese a Torino (basse, un 40 E/mese)
 
Scritto da FasTrader
Credo che la divisione per "vani" sia stata effettuata in quanto, essendo un'unica proprietaria della palazzina, non c'è un regolamento di Condominio e quindi nessun criterio ad hoc per la divisione delle spese (oltre al codice civile).

Per fare un regolamento di condominio, ma soprattutto per fare la tabella millesimale, occorre una certa preparazione tecnica, oltre a del bel tempo!

Dubito però della legittimità della divisione delle spese per vani! Insomma... se la padrona di casa-palazzina non chiama un geometra per risparmiare fatti suoi... ma le spese andrebbero SEMPRE E COMUNQUE divise per millesimi!

L'amministratore di condominio NON ESISTE: è la stessa padrona di casa che si è AUTOASSEGNATO un compenso per la "gestione", ossia in sostanza per pagare la tassa del passo carraio, l'impresa di pulizie e le bollette Enel, perchè altre spese praticamente non ci sono!!!

Il prospetto delle spese condominiali l'ha presentato regolarmente, con la divisione anomala dei vani, ma non ha mai presentato le fatture... Insomma ci si deve fidare dei calcoli da lei fatti !!!

Il mio appartamento è un 80mq e pago 640E+spese a Torino (basse, un 40 E/mese)

e dove abiti in centro?

calcola che per 80mq in zona Via chiesa della salute i miei inquilini pagano la meta':mad:

ps l'adeguamento della cauzione e' obbligatorio se il proprietario lo chiede ma te li corrisponde gli interessi legali ogni anno?

ciao
 
P.za Adriano.

Gli interessi me li da, da di aumento della cauzione io non ne ho mai sentito parlare!

Fortunati i tuoi inquilini! Il contratto è recente (1anno fa) e i prezzi delle case affitto/acquisto sono notevolmente aumentati in questi anni !!!
 
Scritto da FasTrader
P.za Adriano.

Gli interessi me li da, da di aumento della cauzione io non ne ho mai sentito parlare!

Fortunati i tuoi inquilini! Il contratto è recente (1anno fa) e i prezzi delle case affitto/acquisto sono notevolmente aumentati in questi anni !!!

il tasso deve essere quello legale

calcola che molti sono inquilini da 30 anni alcuni anche persone anziane, per cui lo dico onestamente nn me la sento di alzare il canone perche' ci vuole anche un minimo di "correttezza" a questo mondo
purtroppo le spese straordinarie riducono il rendimento al solo rivalutarsi dell'immobile, ma tanto nn ne ho bisogno e va bene cosi'
parlo di uno stabile in ottime condizioni e loro stessi devo dirlo tengono gli appartamenti come li terrei io

rimango perplesso sulla cifra che paghi
nn ti conviene un mutuo per quell'importo?
oltretutto credo che dal tuo conteggio sia escluso il costo del riscaldamento e della luce, come da prassi

chiaro che nn parlo di acquistare in centro (ho immobili in centro e li' si parla di cifre diverse) pero' secondo me conviene eccome
Non me la sento di "sparare" sul tuo padrone di casa perche' tra ICI e IRPEF e spese di manutenzione straordinaria il reddito da locazione se ne sparisce, pero' onestamente mi sembra troppo

io di chiedere certe cifre nn me la sento

ciao
 
Non sparo neanche io

sulla proprietà, però le chiedo correttezza !

La rivalutazione del DEPOSITO CAUZIONALE (non dell'affitto) durante la durata del contratto (e quindi non in sede di rinnovo) non è prevista dal contratto che abbiamo stipulato e non è neanche prevista - da quanto ho appurato - da norme generali.... E quindi non me la chiedi !

Sono 45 E non una cifra importante, però la proprietà non spende UN euro nelle parti comuni. Non c'è bisogno di chissà quali lavori, anche se non è una casa nuova!! - ma ad esempio di cambiare i citofoni si...

Quello che vorrei acquistare è un CALL sulla casa, tanto per non perdere i lavori che ho fatto (impianto d'antifurto, telefonico, rete nelle camere, etc.). Magari glielo propongo alla padrona di casa, anche se gli affittuari hanno già la prelazione ! Sonderò il terreno x Natale quando affronterò tutto il discorso spese e ripartizione (adesso non ne ho tempo e voglia).
 
Per quanto rigurda le spese il locatore o l'amministratore è tenuto per legge ad esibire tutte le pezze giustificative e le fatture su richiesta degli inquilini o dei condomini.
Sulle altre questioni non ti so dire nulla.
 
Indietro