Dubbio successione - posso farla solo per la mia parte di eredità?

Kasparov

Nuovo Utente
Registrato
3/2/04
Messaggi
748
Punti reazioni
25
Buongiorno a tutti,
ho un dubbio per quanto riguarda una dichiarazione di successione.

La situazione è questa:
il testamento assegna 5 immobili a 3 eredi (un erede riceve 3 immobili, gli altri uno per uno)

Io ne ho ricevuto 1 (quello di minor valore, quindi non avrei problemi di riduzione delle quote ecc.).

Gli altri 2 eredi litigano per cause diverse.

Posso presentare la dichiarazione di successione solo per la mia parte di eredità?
Pagherei le imposte catastali e ipotecarie solo per il mio immobile e amen.

In quel caso non ho ben capito cosa succederebbe al conto corrente. In teoria ne potrei reclamare 1/3, ma pare che le banche facciano resistenza se la dichiarazione di successione non è completa...
 

gianted

Nuovo Utente
Registrato
12/4/14
Messaggi
3.272
Punti reazioni
225
In teoria potresti mettere in successione un solo immobile allegando il testamento.
Però cosa risponderai all'AdE quando ti domanderà che fine hanno fatto gli altri quattro?
Mi sembra meno complicato chiedere agli eredi la loro parte di imposte e presentare la dichiarazione completa.

Per quanto riguarda la liquidità, tutto dipende dai due litiganti che impediranno ogni prelievo finchè dura la contesa... questo è sicuro a prescindere dalle regole bancarie.
 

Andrea4891

W il papa Imbroglio!
Registrato
29/12/04
Messaggi
24.840
Punti reazioni
1.233
mi pare che la denuncia di successione abbia carattere oggettivo, non soggettivo

insomma non puoi dire IO HO EREDITATO QUESTO

devi denunciare che TIZIO E' MORTO LASCIANDO UN ASSE, COSI' SUDDIVISO ...

non mi pare si possa fare diversamente

ps - lieto d'imparare, nel caso mi sbagli
 

Kasparov

Nuovo Utente
Registrato
3/2/04
Messaggi
748
Punti reazioni
25
Sono d'accordo che la cosa più semplice e pulita sia fare la successione tutti insieme, ma se uno degli eredi si rende irreperibile e già sono passati 6 mesi cosa posso fare?

Certo non ho intenzione di pagare la sua parte di imposte ipotecarie e catastali.
 

gianted

Nuovo Utente
Registrato
12/4/14
Messaggi
3.272
Punti reazioni
225
Rimanere fermi non è una grande idea perchè oltre alle sanzioni per omessa dichiarazione, dovrete comunque pagare IMU, TARI e le altre imposte intestate sì ancora al defunto ma solo formalmente, in realtà i soggetti passivi siete voi tre a tutti gli effetti.

Presenta pure tu la dichiarazione incassando dall'altro la sua parte di imposte e metà di quelle del desaparecido.
I fondi sul conto corrente cointestato serviranno da "deposito in garanzia" fino al giorno in cui il figliuol prodigo tornerà per occupare il suo immobile e reclamare la sua fetta di liquidità.
 

Kasparov

Nuovo Utente
Registrato
3/2/04
Messaggi
748
Punti reazioni
25
Rimanere fermi non è una grande idea perchè oltre alle sanzioni per omessa dichiarazione, dovrete comunque pagare IMU, TARI e le altre imposte intestate sì ancora al defunto ma solo formalmente, in realtà i soggetti passivi siete voi tre a tutti gli effetti.

Presenta pure tu la dichiarazione incassando dall'altro la sua parte di imposte e metà di quelle del desaparecido.
I fondi sul conto corrente cointestato serviranno da "deposito in garanzia" fino al giorno in cui il figliuol prodigo tornerà per occupare il suo immobile e reclamare la sua fetta di liquidità.

Non capisco il prendere i fondi del conto corrente come "deposito di garanzia"...
La banca ha detto che trasferirà i soldi su un conto cointestato tra i vari eredi dopo aver presentato la successione.
 

gianted

Nuovo Utente
Registrato
12/4/14
Messaggi
3.272
Punti reazioni
225
Certo, mi spiego meglio: adesso il conto del defunto è bloccato, voi fate la successione e la presentate in banca che vi chiederà di aprire un nuovo conto cointestato a tutti e tre. Voi due firmate la pratica impostando la tipologia a firma congiunta. Siccome il terzo erede è latitante il conto verrà aperto solamente quando andrà in banca e metterà la propria firma. Solo allora i fondi del de cuius potranno venire trasferiti sul nuovo conto ma non potranno venire prelevati da nessuno degli eredi senza il consenso scritto degli altri due.