Dubbio tasse acquisto da costruttore vs privato.

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK

Metius

Nuovo Utente
Registrato
15/2/05
Messaggi
144
Punti reazioni
10
Salve.

Ho un dubbio circa le tasse da pagare per l'acquisto di un appartamento nuovo direttamente dall'impresa costruttrice.
Da quel che ho capito si pagherebbe l'iva al 10% sul prezzo d'acquisto più qualche centinaia di euro fisse per nonmiricordocosa :mmmm:

Quindi se per ipotesi il prezzo d'acquisto è di 220.000 € andrei a pagare circa 22.000 € in tasse....e sti***** :wall:

Però se lo stesso appartamento lo acquisto "usato" da un privato (e come seconda casa) pago il 10% sul valore catastale.

Il dubbio è: ma che valore catastale ha l'appartamento appena ultimato dal costruttore? C'è un nesso tra il prezzo di vendita e il catasto?
Cioè ad appartamento ultimato il costruttore dice: lo venderò a 220.000 e il catasto dice: bene, allora valore catastale 220.000 ok.
Ma se il catasto se ne frega a quanto il costruttore vende e dice che il valore catastale per quell'immobile è per es. 100.000 allora si che c'è una bella differenza.

Dal costruttore pago 22.000 in tasse ma dal privato ne pagherei 10.000

La domanda nasce dal fatto che un'impresa sta costruendo una serie di piccole palazzine: alcune ultimate 2 anni fa e altre in fase di ultimazione/costruzione.
In una delle prime viene venduto un appartamento da un privato (che per motivi suoi si trasferisce altrove dopo appena 2 anni). In una delle palazzine in fase di ultimazione viene venduta la stessa tipologia d'appartamento (stessi mq,stesso piano, etc...).
Quello nuovo a 220000 appunto mentre quello già abitato ma da appena 1.5/2 anni circa lo stesso prezzo o poco più (tralasciamo di quanto può abbassare il prezzo il venditore).

Da quel che ho capito è che praticamente il "vecchio" lo paghi poco di più o uguale ma risparmi in tasse mentre viceversa il nuovo lo paghi qualcosina in meno ma ci rimetti in tasse.

Potete spiegarmi come funziona ? :mmmm:

Grazie e saluti
 
da impresa paghi l'IVA ed è il 10% sul dichiarato in atto (le altre spese in questo momento nn so dirti, a memoria nn ricordo)


da privato paghi sul valore catastale (e nn sul dichiarato in atto)
imposta di registro 7%
imposta catastale 2%

imposta ipotecaria 1% (se metti ipoteca, ovvero fai mutuo se no nn dovresti pagarla credo).

come si calcola il valore catastale su seconda casa?!

semplice si prende la rendita catastale la si moltiplica x126 (coefficente)


se la rendita è 500€ allora la base imponibile sarà 500x126 = 63.000€


ai fini dell'IMU (giusto per darti un idea a titolo informativo) prenderai il medesimo valore catastale lo rivaluterai del 5% lo moltiplicherai x160 e avrai la tua base imponibile.

ovvero partendo dalla solita rendita di 500€ avrai 500x1.05x160=84.000€

e il bello è che sta storia vale sia per la seconda che per la prima casa.

solo il 32% in + no comment....
 
Se è prima casa l'Iva è al 4%...

+ 168€ imposta catastale
+168€ imposta ipotecaria (se c'è ipoteca)

+ le imposte sul mutuo (nn ricordo il nome so che per prima mi pare lo 0.25% per seconda 1-2%?!), perchè giustamente se uno fa il mutuo, è pacifico che su un debito debba pagare una tassa....eh bè eh si :mmmm::D:wall:


però io ho dato per scontato che lui acquisti come seconda casa ;)
 
Ecco, erano quelle due "tasse" da 168 cad che non ricordavo.

Ma il problema resta sempre quello: perchè comprare dall'impresa se pago il 10% sul valore dichiarato in atto* mentre se acquisto "di seconda mano manontroppo" pago sul valore catastale che è appunto di gran lunga inferiore come base imponibile? Tenuto conto che o iva o somma delle 3 imposte, sempre 10% sono sulla seconda casa?

* a meno che invece di dichiarare 220.000 dichiaro 19.. :censored: :D
 
Dipende poi dal contratto.
Io ho comprato da costruttore, ho pagato il 4% di IVA e non un euro di più, il resto ce l'ha messo lui. Ovviamente escluso notaio per il rogito, a mio carico.
 
Ecco, erano quelle due "tasse" da 168 cad che non ricordavo.

Ma il problema resta sempre quello: perchè comprare dall'impresa se pago il 10% sul valore dichiarato in atto* mentre se acquisto "di seconda mano manontroppo" pago sul valore catastale che è appunto di gran lunga inferiore come base imponibile? Tenuto conto che o iva o somma delle 3 imposte, sempre 10% sono sulla seconda casa?

* a meno che invece di dichiarare 220.000 dichiaro 19.. :censored: :D

Perchè la casa è nuova.
perchè se è ancora in costruzione te la puoi personalizzare.
 
Ecco, erano quelle due "tasse" da 168 cad che non ricordavo.

Ma il problema resta sempre quello: perchè comprare dall'impresa se pago il 10% sul valore dichiarato in atto* mentre se acquisto "di seconda mano manontroppo" pago sul valore catastale che è appunto di gran lunga inferiore come base imponibile? Tenuto conto che o iva o somma delle 3 imposte, sempre 10% sono sulla seconda casa?

* a meno che invece di dichiarare 220.000 dichiaro 19.. :censored: :D

Ecco che spunta il NERO
 
Ecco che spunta il NERO

Occhio Met che poi la banca ti finanzia sulla base di quello che dichiari...e, se non ti serve il mutuo, considera che tu risparmieresti il 10% (o il 4%), il costruttore una aliquota del 30/40%.....:cool:
 
Indietro