E Poi Dicono Che Il Trading Sia Un Mestiere Pericoloso

chezmaxime

lavitaèunaltracosa
Registrato
28/2/03
Messaggi
5.887
Punti reazioni
212
e questi poveracci?


Non è stato reso noto il nome della casa farmaceutica produttrice Londra : sei gravi dopo test su farmaco Gli uomini partecipavano dietro compenso a una sperimentazione per valutare la tossicitò della molecola

LONDRA - Due uomini versano in condizioni critiche e altri quattro sono gravi dopo aver partecipato a Londra ad un test clinico per la messa in commercio di un nuovo farmaco. Lo ha reso noto una fonte ospedaliera. I sei uomini, che erano stati pagati per sottoporsi ai test, sono tutti ricoverati nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale londinese di Northwick Park, ha dichiarato un portavoce precisando che vi sono stati ammessi martedì sera a seguito di una reazione negativa al farmaco, un anti-infiammatorio per il trattamento, fra gli altri, della poliartrite reumatoide e della leucemia, L’Agenzia britannica per il regolamento dei farmaci e dei prodotti sanitari (Mhra), ha immediatamente ordinato la sospensione dei test, che venivano effettuati in una unità di ricerca indipendente dell’ospedale di Northwick Park, sotto la supervisione dell’americana Parexel International, un organismo che svolge le prove cliniche per conto dei laboratori farmaceutici.
■L e quattro fasi in una sperimentazione clinica
L’Mhra, che non ha rivelato il nome del farmaco né quello dell’azienda produttrice, ha immediatamente allertato i suoi omologhi europei e inviato degli ispettori presso l’unità di ricerca per indagare sull’origine del problema. In totale, otto uomini, tutti volontari di età compresa fra i 18 e 40 anni, partecipavano alle prove avviate lunedì. Due avevano ricevuto un placebo e pertanto non hanno accusato alcun disturbo. L’Mhra ha affermato che sono state seguite tutte le procedure regolamentari previste prima di avviare il test della «fase 1» che si effettua su persone in buona salute e per un periodo molto breve per osservare gli effetti collaterali. Precedentemente il farmaco era stato testato su degli animali, come tutti i nuovi medicinali, e nulla lasciava prevedere tali conseguenze sul metabolismo umano, ha precisato il portavoce dell’Mhra. Ogni anno, migliaia di volontari britannici partecipano a prove cliniche, generalmente ben retribuite.
15 marzo 2006

corriere.it
 
chezmaxime ha scritto:
e questi poveracci?


Non è stato reso noto il nome della casa farmaceutica produttrice Londra : sei gravi dopo test su farmaco Gli uomini partecipavano dietro compenso a una sperimentazione per valutare la tossicitò della molecola

LONDRA - Due uomini versano in condizioni critiche e altri quattro sono gravi dopo aver partecipato a Londra ad un test clinico per la messa in commercio di un nuovo farmaco. Lo ha reso noto una fonte ospedaliera. I sei uomini, che erano stati pagati per sottoporsi ai test, sono tutti ricoverati nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale londinese di Northwick Park, ha dichiarato un portavoce precisando che vi sono stati ammessi martedì sera a seguito di una reazione negativa al farmaco, un anti-infiammatorio per il trattamento, fra gli altri, della poliartrite reumatoide e della leucemia, L’Agenzia britannica per il regolamento dei farmaci e dei prodotti sanitari (Mhra), ha immediatamente ordinato la sospensione dei test, che venivano effettuati in una unità di ricerca indipendente dell’ospedale di Northwick Park, sotto la supervisione dell’americana Parexel International, un organismo che svolge le prove cliniche per conto dei laboratori farmaceutici.
■L e quattro fasi in una sperimentazione clinica
L’Mhra, che non ha rivelato il nome del farmaco né quello dell’azienda produttrice, ha immediatamente allertato i suoi omologhi europei e inviato degli ispettori presso l’unità di ricerca per indagare sull’origine del problema. In totale, otto uomini, tutti volontari di età compresa fra i 18 e 40 anni, partecipavano alle prove avviate lunedì. Due avevano ricevuto un placebo e pertanto non hanno accusato alcun disturbo. L’Mhra ha affermato che sono state seguite tutte le procedure regolamentari previste prima di avviare il test della «fase 1» che si effettua su persone in buona salute e per un periodo molto breve per osservare gli effetti collaterali. Precedentemente il farmaco era stato testato su degli animali, come tutti i nuovi medicinali, e nulla lasciava prevedere tali conseguenze sul metabolismo umano, ha precisato il portavoce dell’Mhra. Ogni anno, migliaia di volontari britannici partecipano a prove cliniche, generalmente ben retribuite.
15 marzo 2006

corriere.it

:eek:
 
Indietro