"Eliminare il Superfluo" ma l'Italia si fonda sul Superfluo.

  • Societe Generale quota sul segmento EuroMOT di Borsa Italiana un’obbligazione a tasso fisso di durata 18 mesi.

    Questa obbligazione prevede il pagamento di tre cedole fisse, corrisposte su base semestrale, ad un tasso annuo lordo del 3,25% e il rimborso del 100% del Valore Nominale a scadenza. Durante la sua vita, il valore di mercato dell’obbligazione può essere diverso dal Valore Nominale. L’investitore potrà quindi acquistare l’obbligazione a prezzi inferiori o superiori al Valore Nominale; il rimborso del Valore Nominale è garantito esclusivamente a scadenza.
    Per continuare a leggere visita il link

mib30

acquisto BUONSENSO
Registrato
21/8/00
Messaggi
44.293
Punti reazioni
1.505
Anyway, senza spararne tante nel webbo per elevare la discussione era sufficiente citare **il libro di Emmanuel Goldstein**

L'eccesso di tecnologia ha fatto sì che le guerre da guerre di conquista siano guerre per distruggere beni superflui

Sicuramente la seconda guerra mondiale, qualcuno dice anche la prima
 

volopazzo

chi ha di +, ha di +
Registrato
22/2/02
Messaggi
60.380
Punti reazioni
1.148
In questi giorni in ogni dove si sente ripetere che gli italiani devono rinunciare al superfluo, peccato che l'Italia intera negli ultimi 30 anni ha puntato tutte le sue carte sul superfluo: ristorazione, turismo, moda, supercar, design, vino, enogastronomia, agricoltura di nicchia, mobili ed arredo, navi da crociera, settore nautica di lusso, parchi giochi, l'industria dello sci etc etc


E poi ancora sanità convenzionata, servizi privati ma nati da obbligazioni di legge, etc etc Cose, quest'ultime totalmente superflue che non creano alcun valore aggiunto.

La parte core dell'economia è davvero residuale: non produciamo mercantili, navi porta container, non produciamo elettronica, software, servizi bancari avanzati, asset management, wealth management, servizi spaziali, industria spaziale, aereonautica, nucleare, fotovoltaico etc etc (voglio dire abbiamo un pò di queste cose ma nella % del PIL sono davvero nicchie).

Se eliminiamo il superfluo come dicono tutti cosa rimane?

la parte denominata "core" è ancora più superflua: industria spaziale? serbvizi bancari/avanzati?

l'orto è core essenziale (è vero che importiamo il 50% di olio di oliva? vergogna!)
 

stefm

Sturm und Drang
Registrato
22/4/00
Messaggi
28.655
Punti reazioni
1.891
Tutto vero, ma ci sono anche problemi di priorità nella testa di tanta gente. Covid o meno.
Troppi he ho visti di disoccupati che non pagano l’acqua al condominio, ma l’abbonamento full a Sky trovano i soldi per pagarlo. Oppure operaio lui e donna delle pulizie lei, con sul groppone 3543 rate per pagare un Porsche Cayenne per il quale faticano persino a mettere carburante.
 

jun^

Playretro.it
Sospeso dallo Staff
Registrato
20/8/07
Messaggi
16.514
Punti reazioni
894
Anceh le persone son superflue se per questo...si puo' dire che tutta la categoria pensionati e' superflua ora per il bene del paese no?
 

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11/2/00
Messaggi
91.880
Punti reazioni
1.818
la parte denominata "core" è ancora più superflua: industria spaziale? serbvizi bancari/avanzati?

l'orto è core essenziale (è vero che importiamo il 50% di olio di oliva? vergogna!)

Tutto vero, ma ci sono anche problemi di priorità nella testa di tanta gente. Covid o meno.
Troppi he ho visti di disoccupati che non pagano l’acqua al condominio, ma l’abbonamento full a Sky trovano i soldi per pagarlo. Oppure operaio lui e donna delle pulizie lei, con sul groppone 3543 rate per pagare un Porsche Cayenne per il quale faticano persino a mettere carburante.

Bravi entrambi OK!
 

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11/2/00
Messaggi
91.880
Punti reazioni
1.818
Anceh le persone son superflue se per questo...si puo' dire che tutta la categoria pensionati e' superflua ora per il bene del paese no?

vanità delle vanità, tutto è vanità

solo Dio è eterno

e le nostre anime, se saranno degne di partecipare di Lui
 

Benjamin_Malaussène

Nuovo Utente
Registrato
12/8/19
Messaggi
5.602
Punti reazioni
794
In questi giorni in ogni dove si sente ripetere che gli italiani devono rinunciare al superfluo, peccato che l'Italia intera negli ultimi 30 anni ha puntato tutte le sue carte sul superfluo: ristorazione, turismo, moda, supercar, design, vino, enogastronomia, agricoltura di nicchia, mobili ed arredo, navi da crociera, settore nautica di lusso, parchi giochi, l'industria dello sci etc etc


E poi ancora sanità convenzionata, servizi privati ma nati da obbligazioni di legge, etc etc Cose, quest'ultime totalmente superflue che non creano alcun valore aggiunto.

La parte core dell'economia è davvero residuale: non produciamo mercantili, navi porta container, non produciamo elettronica, software, servizi bancari avanzati, asset management, wealth management, servizi spaziali, industria spaziale, aereonautica, nucleare, fotovoltaico etc etc (voglio dire abbiamo un pò di queste cose ma nella % del PIL sono davvero nicchie).

Se eliminiamo il superfluo come dicono tutti cosa rimane?

Il punto non è neanche relativo all'Italia.
Chiunque abbia presente come è sviluppata l'economia all'epoca della globalizzazione nelle nazioni del primo mondo, sa bene che eliminare il superfluo significherebbe azzerare il PIL.

Agricoltura e servizi essenziali non si auto-sosterrebbero senza una quota costante di "consumi voluttuari" che producono PIL e tasse, senza considerare poi che in qualunque economie avanzata i processi produttivi "hard" sono sempre più esternalizzati in paesi a basso costo del lavoro (es: FCA le auto le produce in Polonia, ma ha il mktg, teoricamente superfluo, in Italia).
Chi fa affermazioni del tipo "dobbiamo fermare le attività superflue" secondo me cade in un errore logico.

Ben diverso sarebbe dire, le attività in cui è superflua la presenza devono esser svolte da remoto (coda allo sportello della banca o lavoro in ufficio)
 
Ultima modifica:

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11/2/00
Messaggi
91.880
Punti reazioni
1.818
Il punto non è neanche relativo all'Italia.
Chiunque abbia presente come è sviluppata l'economia all'epoca della globalizzazione nelle nazioni del primo mondo, sa bene che eliminare il superfluo significherebbe azzerare il PIL.

Agricoltura e servizi essenziali non si auto-sosterrebbero senza una quota costante di "consumi voluttuari" che producono PIL e tasse, senza considerare poi che in qualunque economie avanzata i processi produttivi "hard" sono sempre più esternalizzati in paesi a basso costo del lavoro (es: FCA le auto le produce in Polonia, ma ha il mktg, teoricamente superfluo, in Italia).
Chi fa affermazioni del tipo "dobbiamo fermare le attività superflue" secondo me o ragiona per frasi fatte o esplicita un'ignoranza grave.

ma no, dipende da cosa intendi per superfluo
e poi tante attività si possono fare pure da casa. parlo del terziario, non di industria agricoltura, trasporti e servizi "fisici" collegati
 

Benjamin_Malaussène

Nuovo Utente
Registrato
12/8/19
Messaggi
5.602
Punti reazioni
794
ma no, dipende da cosa intendi per superfluo
e poi tante attività si possono fare pure da casa. parlo del terziario, non di industria agricoltura, trasporti e servizi "fisici" collegati

In realtà è il contrario.
Oggi industria e agricoltura sono gli ambiti a minor valore aggiunto in assoluto.

Se elimini il terziario (di cui si potrebbe teoricamente fare a meno), distruggi completamente l'economia, ed il sostentamento fiscale dello stato.
La componente "produttiva" dell'industria è invece quella che progressivamente si sta esternalizzando all'estero.

Anche sull'agricoltura: quando compri un prodotto al supermercato la remunerazione del contadino è minima.
La remunerazione vera è di intermediari e di costruttori di sovrastruttura (packaging, pubblicità, etc.).

Poi per carità, non voglio entrare nel merito di cosa sia giusto fare per contenere la pandemia.
Solo sottolineare quanto sia un controsenso, dal punto di vista econonimico, sostenere "chiudiamo i luoghi di divertimento per non chiudere i luoghi di lavoro".
 

BlackM

Rock and Roll
Registrato
30/3/00
Messaggi
172.451
Punti reazioni
3.619
L'uomo DEVE fare solo poche cose: respirare, bere, mangiare, espellere le scorie. Questo è ciò che DEVE fare.
TUTTO IL RESTO è superfluo.
Certo...se uno è più bestia che uomo :D
Altrimenti ci sono un sacco di altre cose che non sono affatto superflue per lo standard di vita oggi.
Magari lo standard si abbasserà e allora sarà un altro discorso.
Ma in effetti non sta scritto sulle Tavole della Legge che l'Italia debba rimanere per sempre un paese ricco.
 

gsbontem

Nuovo Utente
Registrato
29/9/00
Messaggi
18.601
Punti reazioni
710
Anceh le persone son superflue se per questo...si puo' dire che tutta la categoria pensionati e' superflua ora per il bene del paese no?

Con tutti i soldi che sganciano ai bimbi******? Per non parlare di quando lasciano l'eredità...
 

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11/2/00
Messaggi
91.880
Punti reazioni
1.818
In realtà è il contrario.
Oggi industria e agricoltura sono gli ambiti a minor valore aggiunto in assoluto.

Se elimini il terziario (di cui si potrebbe teoricamente fare a meno), distruggi completamente l'economia, ed il sostentamento fiscale dello stato.
La componente "produttiva" dell'industria è invece quella che progressivamente si sta esternalizzando all'estero.

Anche sull'agricoltura: quando compri un prodotto al supermercato la remunerazione del contadino è minima.
La remunerazione vera è di intermediari e di costruttori di sovrastruttura (packaging, pubblicità, etc.).

Poi per carità, non voglio entrare nel merito di cosa sia giusto fare per contenere la pandemia.
Solo sottolineare quanto sia un controsenso, dal punto di vista econonimico, sostenere "chiudiamo i luoghi di divertimento per non chiudere i luoghi di lavoro".

Fino agli anni '60 l'industria del divertimento praticamente non esisteva
si campava lo stesso, e abbiamo avuto il boom economico
poi abbiamo voluto vivere al di sopra dei nostri mezzi...ma questo si sa ormai da anni...
adesso PRETENDIAMO di vivere comunque al di sopra dei nostri mezzi, senza rinunciare a NULLA, per contenere la pandemia
che è devastante. se ci fossero i morti per strada, nelle case, si continuerebbe il divertimento? probabilmente sì
come è accaduto a volte sulle spiagge, un morto per annegamento, ci mettono un telo sopra e gli altri continuano come se niente fosse :eek: :eek:
se arriveremo a questo punto significa che la nostra civiltà è FINITA
e siamo tornati all'era delle barbarie
 

gioviale56

Nuovo Utente
Registrato
10/1/06
Messaggi
17.161
Punti reazioni
453
L'uomo DEVE fare solo poche cose: respirare, bere, mangiare, espellere le scorie. Questo è ciò che DEVE fare.
TUTTO IL RESTO è superfluo.
Certo...se uno è più bestia che uomo :D
Altrimenti ci sono un sacco di altre cose che non sono affatto superflue per lo standard di vita oggi.
Magari lo standard si abbasserà e allora sarà un altro discorso.
Ma in effetti non sta scritto sulle Tavole della Legge che l'Italia debba rimanere per sempre un paese ricco.

Ci sono ancora tribu primitive al mondo , loro non hanno il superfluo e vivono ugualmente mangiando radici e poco altro. Però lavorano tutti ,non hanno il reddito di divananza. Se vuoi vivere devi darti da fare.
 

BlackM

Rock and Roll
Registrato
30/3/00
Messaggi
172.451
Punti reazioni
3.619
Ci sono ancora tribu primitive al mondo , loro non hanno il superfluo e vivono ugualmente mangiando radici e poco altro. Però lavorano tutti ,non hanno il reddito di divananza. Se vuoi vivere devi darti da fare.

E invece basta stampare il fatturato perso qui e dare 3000 Euro al mese a tutti :o :p