enel trova alleati: Suez/GDF

  • Ecco la 69° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana difficile per i principali indici europei e americani, solo il Nasdaq resiste alle vendite grazie ai conti di Nvidia. Il leader dei chip per l’intelligenza artificiale ha riportato utili e prospettive superiori alle attese degli analisti, annunciando anche un frazionamento azionario (10 a 1). Gli investitori però valutano anche i toni restrittivi dei funzionari della Fed che hanno ribadito la visione secondo cui saranno necessari più dati che confermino la discesa dell’inflazione per convincere il Fomc a tagliare i tassi. Anche la crescita degli indici Pmi, che dipingono un’economia resiliente con persistenti pressioni al rialzo sui prezzi, rafforzano l’idea di tassi elevati ancora a lungo. Per continuare a leggere visita il link

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK

luigir

再見論壇
Registrato
25/3/02
Messaggi
5.320
Punti reazioni
165
Economia
22 mag 14:50
Energia: esposto britannico contro fusione Suez-Gdf
BRUXELLES - Non c'e' solo l'Enel nell'elenco degli oppositori alla fusione tutta francese tra Suez e Gaz de France. La societa' britannica Centrica ha inviato un esposto alla Commissione europea, sostenendo che l'operazione avrebbe "effetti negativi sulla concorrenza e comportera' danni agli interessi dei consumatori", soprattutto in Belgio e nel Regno Unito. Con l'unione delle due filiali belghe Distrigaz ed Electrabel, il nuovo gruppo si troverebbe in una posizione "ultradominante" nell'approvvigionamento energetico in Belgio (produzione, distribuzione e approvvigionamento). In pericolo anche la concorrenza nel Regno Unito: con un controllo piu' forte sui gasdotti che transitano per il Belgio, la fornitura di gas in Gran Bretagna sarebbe "altamente dipendente" da Suez-Gdf. Bruxelles emettera' un verdetto entro il 19 giugno. (Agr)
 
luigir ha scritto:
Economia
22 mag 14:50
Energia: esposto britannico contro fusione Suez-Gdf
BRUXELLES - Non c'e' solo l'Enel nell'elenco degli oppositori alla fusione tutta francese tra Suez e Gaz de France. La societa' britannica Centrica ha inviato un esposto alla Commissione europea, sostenendo che l'operazione avrebbe "effetti negativi sulla concorrenza e comportera' danni agli interessi dei consumatori", soprattutto in Belgio e nel Regno Unito. Con l'unione delle due filiali belghe Distrigaz ed Electrabel, il nuovo gruppo si troverebbe in una posizione "ultradominante" nell'approvvigionamento energetico in Belgio (produzione, distribuzione e approvvigionamento). In pericolo anche la concorrenza nel Regno Unito: con un controllo piu' forte sui gasdotti che transitano per il Belgio, la fornitura di gas in Gran Bretagna sarebbe "altamente dipendente" da Suez-Gdf. Bruxelles emettera' un verdetto entro il 19 giugno. (Agr)

Come sono caduti in basso questi francesi. Un paese in cui e' nata la rivoluzione contro i poteri forti a fine 1700 ..... hanno perso tutto di quello spirito.
 
claudio_rome ha scritto:
Come sono caduti in basso questi francesi. Un paese in cui e' nata la rivoluzione contro i poteri forti a fine 1700 ..... hanno perso tutto di quello spirito.

per essere sostituiti a fine 700 da altri poteri forti, non dimentichiamolo.

Tu, Claudio, per esempio, preferiresti pagare meno la corrente come avviene nel monopolio francese o piu' con il libero mercato all'italiana?

A parte che la Francia non è solo quella di Suez/GDF, quindi lasciamo perdere, visto che non è "in tema".
 
luigir ha scritto:
per essere sostituiti a fine 700 da altri poteri forti, non dimentichiamolo.

Tu, Claudio, per esempio, preferiresti pagare meno la corrente come avviene nel monopolio francese o piu' con il libero mercato all'italiana?

A parte che la Francia non è solo quella di Suez/GDF, quindi lasciamo perdere, visto che non è "in tema".

Non esiste il "prezzo politico"!

Se lo stato fa pagare di meno e' solo perche' prende con le tasse cio' che "regala" in forma di prezzo dell'energia ridotto.
 
claudio_rome ha scritto:
Non esiste il "prezzo politico"!

Se lo stato fa pagare di meno e' solo perche' prende con le tasse cio' che "regala" in forma di prezzo dell'energia ridotto.

direi di si, concordo.

Mentre da noi, è proprio notizia di ieri o l'altro ieri, le authorities si trovano a dover multare le compagnie non per la cifra che hanno rubato a noi, in perfetto spirito neo-liberale, ma per una somma che è di gran lunga inferiore... E questo mi fa girare i corbezzoli ancora di piu'.

E da noi paghiamo le tasse lo stesso. le mie bollette sono sempre piu' di tasse che di consumi. Quindi tra essere derubato dallo Stato ed essere derubato dallo Stato e dalle aziende che fingono la competizione, preferisco ancora il primo perchè mi costa di meno.

Questo astrae dal primo post per il quale, ovviamente, sono perfettamente contro alla fusione se la situazione è quella illustrata nella nota dell'agenzia stampa.

Ma ci sarebbe veramente da comprendere fin oa che punto convenga la competizione.. inoltre... le multe delle authories fanno ridere, visto che i soldi dovrebbero essere restituiti ai consumatori ed essere quelli rubati piu' le multe, altro che solo le multe...
 
Il punto non e' che non ci siano problemi. Il punto e' su come risolvere i problemi.


Esempio?


Le telecomunicazioni. Nessuno puo' affermare che Telecom Italia sia un'azienda che lavora benissimo.
Tuttavia paragoniamo la Telecom Italia di adesso e il monopolio SIP di 10/15 anni fa'.

Per quanto la T.I. continui a non piacermi come azienda, bisogna ammettere che ha fatto passi da gigante, e questo solo e grazie alla liberalizzazione.

Tale liberalizzazione e' perfetta? Purtroppo no, comunque 10/100/1000 volte meglio di come si stava prima.

Con l'energia e' la stessa identica questione.


La soluzione ai problemi attuali e' piu' stato? No assolutissimamente no!
 
non so quali telecom tu usi, oppure se ti può permetter una linea privata e privilegiata,
io ho due colleghi, guarda caso stranieri, che sono inferociti, uno da un mese ha problemi con la linea che la telecom non risolve, l'altro che ho un pò seguito, da 10 giorni, dopo un temporale non sono in grado di ristabilire la linea, cioè una semplice linea di doppini,
varie chiamate, quando è aperta la chiamata, quando è in corso di riparazione, quando è già stata riparata, ed ovviamente, nessuno è responsabile, nessuno sa nulla, non comunicano i dati della ditta a cui è stato appaltato il lavoro, ed il telefonista, funge da parafulmini dei clienti inferociti...
e questa la privatizzazione che intendi tu?
fosse stata imposta una privatizzazione, ci sarebbe un responsabile, ci sarebbero conseguenze o almeno spiegazioni sull'accaduto, e se non le scuse almeno un rimborso.

E cosi che lavora il privato in Italia? Allora si che stiamo bene...

gioia23

p.s. già forse siamo iellati noi che ci è successo casualmente...
 
gioia23 ha scritto:
gioia23

p.s. già forse siamo iellati noi che ci è successo casualmente...

Te la ricordi la SIP si o no?
 
claudio_rome ha scritto:
Il punto non e' che non ci siano problemi. Il punto e' su come risolvere i problemi.


Esempio?


Le telecomunicazioni. Nessuno puo' affermare che Telecom Italia sia un'azienda che lavora benissimo.
Tuttavia paragoniamo la Telecom Italia di adesso e il monopolio SIP di 10/15 anni fa'.

Per quanto la T.I. continui a non piacermi come azienda, bisogna ammettere che ha fatto passi da gigante, e questo solo e grazie alla liberalizzazione.

Tale liberalizzazione e' perfetta? Purtroppo no, comunque 10/100/1000 volte meglio di come si stava prima.

Con l'energia e' la stessa identica questione.


La soluzione ai problemi attuali e' piu' stato? No assolutissimamente no!

Devo ammettere che l'esempio che hai preso in considerazione è uno di quegli esempi che mostrano un successo.

Però, stiamo parlando di Energia, non di telecomunicazioni e la situazione li' è tragica veramente. Si potrebbe fare la stessa cosa fatta per Telecom? Cioè? Cosa si dovrebbe fare? Le multe l'antitrust le ha affibbiate quindi non cambiamo argomento. Altrimenti si possono prendere altir servizi a paragone ed il caso Telecom non sarebbe piu' edificante. Poi, francamente, mi chiedo come si fa da una parte ad accusare telecom per i metodi di acquisizione da parte del gruppo di controllo e poi difenderne i risultati, a seconda delle stagioni ed a seconda degli argomenti discussi.

Torniamo all'energia ed alle multe dell'antitrust che fanno ridere e che a me consumatore non giovno mentre il prezzo di cartello fissaqto giova lo Stato e le sue casse due volte, una sulle tasse caricate e due sulle multe... Lo Stato connivente degli imbroglioni.

Ok, meno Stato... Guarda che in Italia abbiamo meno Stato, e per questo ci sono i cartelli, dove v'e' lo Stato esiste un prezzo sociale.
 
luigir ha scritto:
dove v'e' lo Stato esiste un prezzo sociale.

:confused:

Dammi la tua email, ti faccio una scansione delle mie ultime bollette gas (ENI) e luce (ENEL) e poi ne riparliamo.

P.S. O preferisci parlare di Alitalia e F.S.? Meglio loro che aziende private?
 
claudio_rome ha scritto:
Te la ricordi la SIP si o no?

Certo che me la ricordo, ma non possiamo fare confronti temporali per dire che la telecome è molto migliorata, il confronto va fatto con i concorrenti attuali e la situazione di mercato negli altri paesi concorrenti, sul "come dovrebbe essere" e "com'è".

Questi si se no che sono metodi comunisti, li si diceva che l'output dell'industria era aumentato del 200%, poi scoprivi magari che erano prodotti che in occidente erano sorpassati da un decennio,

gioia23
 
claudio_rome ha scritto:
:confused:

Dammi la tua email, ti faccio una scansione delle mie ultime bollette gas (ENI) e luce (ENEL) e poi ne riparliamo.

P.S. O preferisci parlare di Alitalia e F.S.? Meglio loro che aziende private?

Senti Claudio, io voglio capire una volta e per sempre cosa ne pensi delle multe dell antitrust e dai prezzi che anziche' scendere in un regime di libera concorrenza continuano a salire.

appena mi arriva la mia bolletta energetica in Belgio te la mando. Quele italiane le conosco e pago piu tasse che consumi, come ho gia' detto. Alitalia? Da rottamare, fosse per me sarebbe gia' fallita. Trasporti pubblici? Ma lo sai che in Italia non costano nulla ed a paragone la qualita' e' migliore degli altri? Ma sei mai stato all'estero? Hai mai preso un treno privatizzatissimo in Inghilterra? -Hai mai pagato per una fermata di metro qui a bruxelles 1.50 euro? Hai mai pagato 350 sterline al mese per una tratta di 45 minuti di treno? Ma che stai dicendo? io non capisco dove vuoi andare a parare. Per te tutto cio' che e' privato e' bello... I prezzi sociali, sono i prezzi sussidiati dallo Stato e senza i quali i nostri concittadini che prendono 500 al mese in nero od anche 1000 non potrebbero campare. Tu liberalizza ancora di piu' in Italia e vedrai che la gente la mandiamo veramente all'obitorio. La tua visione e' quella dell'Argentina. Io c'ero, tu no e francamente io non so piu' dove parare con i tuoi interventi che sono una continua contraddizione. Dove da una parte difendi l'Italia e dall'altra vorresti l'Argentina.

Privatizziamo pure... Ma perche' non lo hanno fatto quelli del governo precedente? Perche'?
 
Fai una bella ricerca sulle ferrovie argentine e vedi cosa e' capitato quando Menem ha privatizzato. E guarda magari anche le ricette suggerite dal FMI quando e' iniziata la svendita dell'Argentina, gli aumenti del crimine, i poliziotti in galera, gli abusi della polizia e dell'esercito... Dai un'occhiata: li' hanno messo in pratica la tua ricetta e sai cosa? Quando ho fatto la mia prima riunione al Ministero dell'Economia dopo 2 anni di studi sulla situazione argentina ed un anno prima che fossi invitato a Buenos Aires, si fecero tutti una gran risata perche' "El Tano" (dispreggiativo per gli italiani laggiu'" disse che stava andando tutto in malora... Loro risero, proprio come risero qui' sui forum poco prima che avvenisse il patatrac. Non so se c'eri allora ed ora hai un nick diverso oppure se non c'eri ma ti assicuro che i commenti erano gli stessi dei tuoi: pessimista, senza ricette, comunista (qualcuno fascista) mentre in cuor mio, ti assicuro, che a paragone con te, tu sei il comunista. Solo che c'e' da essere realisti e questo manca da queste parti.
 
luigir ha scritto:
Senti Claudio, io voglio capire una volta e per sempre cosa ne pensi delle multe dell antitrust e dai prezzi che anziche' scendere in un regime di libera concorrenza continuano a salire.

Mi sembra che vedi gli aumenti solo a causa della mancata liberalizzazione, oppure (peggio) di una mancata nazionalizzazione.

Ma non sara' che i prezzi sono saliti perche' e' aumentato tutto? Petrolio, gas, carbone, la vita in generale (stipendi di chi estrae, stipendi di chi distribuisce etc...etc).
 
luigir ha scritto:
Trasporti pubblici? Ma lo sai che in Italia non costano nulla ed a paragone la qualita' e' migliore degli altri?

Non costano nulla ... e' vero ..... e infatti hanno miliardi (di Euro) di bilanci in rosso.

Alla faccia della trasparenza.

Quindi ricapitolando

1) Non ti piace una compagnia privata che fa' spendere tanto ed ha i bilanci in attivo
2) Ti piace una compagnia pubblica che fa' spendere poco ed ha i bilanci in profondo rosso.

Bah.
 
claudio_rome ha scritto:
Mi sembra che vedi gli aumenti solo a causa della mancata liberalizzazione, oppure (peggio) di una mancata nazionalizzazione.

Ma non sara' che i prezzi sono saliti perche' e' aumentato tutto? Petrolio, gas, carbone, la vita in generale (stipendi di chi estrae, stipendi di chi distribuisce etc...etc).

nonono... gli aumenti li vedo perche' si sono formati i cartelli e lo Stato (italiano) ne approfitta, e lo sapeva bene il cdx che ha privatizzato meno di quelli di prima... Sarebbero crollate le entrate... Da qui' la Finanza creativa a cui abbiamo assistito. Poi magari facciamo un bel thread sulla Finanza Creativa. i prezzi sono saliti? Ok, diciamo di si'... Ma come mai le societa' come l'ENI pubblicano risultati record dovuti, lo dicono loro, all'aumento del costo delle fonti energetiche? Allora ci han fatto pagare troppo? Lo Stato manda le investigazioni ed ecco che saltano fuori le multe.

Perche', io continuo a dirlo, tu non sei liberale ed io non sono comunista, siamo I-T-A-L-I-A-N-I. Quando giungerai a questa conclusione vedrai tutto con occhi diversi.
 
claudio_rome ha scritto:
Non costano nulla ... e' vero ..... e infatti hanno miliardi (di Euro) di bilanci in rosso.

Alla faccia della trasparenza.

Quindi ricapitolando

1) Non ti piace una compagnia privata che fa' spendere tanto ed ha i bilanci in attivo
2) Ti piace una compagnia pubblica che fa' spendere poco ed ha i bilanci in profondo rosso.

Bah.

non rigirare le parole.

I bilanci sono in rosso. Tu sei disposto a pagare il prezzo effettivo dei trasporti? La gente che guadagna mille euro puo' permetterselo tenendo conto che quelli che guadagnano 5-10-20 mila Euro al mese neanche li usano i trasporti?
 
luigir ha scritto:
Ok, diciamo di si'... Ma come mai le societa' come l'ENI pubblicano risultati record dovuti, lo dicono loro, all'aumento del costo delle fonti energetiche? Allora ci han fatto pagare troppo? Lo Stato manda le investigazioni ed ecco che saltano fuori le multe.

Perche', io continuo a dirlo, tu non sei liberale ed io non sono comunista, siamo I-T-A-L-I-A-N-I. Quando giungerai a questa conclusione vedrai tutto con occhi diversi.

Beh allora sono Italiani pure gli americani. Anche li' le societa' petrolifere (credo anche quelle energetiche) hanno record di utili.

Ma si' .... nazionalizziamo tutto .... pure in america! Visto che nazionalizziamo le perdite, nazionalizziamo pure il profitto.
 
claudio_rome ha scritto:
Beh allora sono Italiani pure gli americani. Anche li' le societa' petrolifere (credo anche quelle energetiche) hanno record di utili.

Ma si' .... nazionalizziamo tutto .... pure in america! Visto che nazionalizziamo le perdite, nazionalizziamo pure il profitto.
ma non erano comunista anche loro in un altro thread?

Conosci il sistema americano? non dovresti neanche postare una frase simile se conosci l'America, se non per rispondere alle domane con altre domande e diluire il ragionamento tra lerighe senza dare MAI una sola risposta
 
luigir ha scritto:
non rigirare le parole.

I bilanci sono in rosso. Tu sei disposto a pagare il prezzo effettivo dei trasporti? La gente che guadagna mille euro puo' permetterselo tenendo conto che quelli che guadagnano 5-10-20 mila Euro al mese neanche li usano i trasporti?

Quello che dici e' tutto giusto. Il risultato pratico purtroppo e' tutta un'altra cosa. Alla fine sono proprio quelli che guadagnano 1000 Euro al mese a pagare (con le tasse) i bilanci in rosso delle societa' pubbliche.

Va be' .... non pagano il biglietto alla biglietteria ma lo pagano con le trattenute sullo stipendio ......

Mi pare che non sia proprio efficiente come sistema .....
 
Indietro