eredità

pilum

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
27/1/04
Messaggi
201
Punti reazioni
2
dove trovare risposta a quesiti di diritto ereditario?
 
la questione è questa: mio padre ha un fratello sposato senza prole,ossia mio zio.Può egli-mio zio- ignorare un domani me e mia sorella nel suo testamento? O abbiamo comunque diritto ad una quota "legittima" ?

Grazie
 
re

Scritto da pilum
la questione è questa: mio padre ha un fratello sposato senza prole,ossia mio zio.Può egli-mio zio- ignorare un domani me e mia sorella nel suo testamento? O abbiamo comunque diritto ad una quota "leggittima"?

tra poco risponderanno personaggi molto piu competenti di me, credo però che non spetti alcuna leggittima ai nipoti, a meno che tuo zio si scordi di fare testamento.
 
Re: re

Scritto da mibo2
Scritto da pilum
la questione è questa: mio padre ha un fratello sposato senza prole,ossia mio zio.Può egli-mio zio- ignorare un domani me e mia sorella nel suo testamento? O abbiamo comunque diritto ad una quota "leggittima"?

tra poco risponderanno personaggi molto piu competenti di me, credo però che non spetti alcuna leggittima ai nipoti, a meno che tuo zio si scordi di fare testamento.

Bhè,considera però che noi siamo eredi di nostro padre...che è suo fratello....
 
Scritto da pilum
la questione è questa: mio padre ha un fratello sposato senza prole,ossia mio zio.Può egli-mio zio- ignorare un domani me e mia sorella nel suo testamento? O abbiamo comunque diritto ad una quota "legittima" ?

Grazie

NO

art. 536 del codice civile: i legittimari, in soldoni, sono il coniuge, i figli e i genitori del defunto, per farla breve
:no:
 
Scritto da redon
NO

art. 536 del codice civile: i legittimari, in soldoni, sono il coniuge, i figli e i genitori del defunto, per farla breve
:no:

Non è così semplice: questo è un caso dove non vi è prole,ed i genitori sono defunti da tempo immemore.
So che il codice contempla pure questi casi.

Esempio: Art. 538 Riserva a favore degli ascendenti legittimi

Se chi muore non lascia figli legittimi né naturali, ma ascendenti legittimi, a favore di questi è riservato un terzo del patrimonio, salvo quanto disposto dall`art. 544.

In caso di pluralità di ascendenti, la riserva è ripartita tra i medesimi secondo i criteri previsti dall`art. 569.
 
Nella successione ereditaria, in caso di assenza di testamento, c'è da rispettare la priorità di parentela.

Gli ascendenti ereditano se non ci sono discendenti. E siamo nel tuo caso.
Solo che davanti a voi c'è un erede con un grado di parentela più prossimo (vostro papà, fratello del de cuius), quindi eredita lui e a voi non spetta nulla.

Quanto alla legittima, se non ricordo male spetta solo a coniuge e figli e ascendenti di primo grado (e i nipoti non sono di primo grado).

Se vuoi un consiglio trattate bene lo zio e fatevi inserire nel testamento. ;)

Estella
 
...

Scritto da pilum
Non è così semplice: questo è un caso dove non vi è prole,ed i genitori sono defunti da tempo immemore.
So che il codice contempla pure questi casi.

Esempio: Art. 538 Riserva a favore degli ascendenti legittimi

Se chi muore non lascia figli legittimi né naturali, ma ascendenti legittimi, a favore di questi è riservato un terzo del patrimonio, salvo quanto disposto dall`art. 544.

In caso di pluralità di ascendenti, la riserva è ripartita tra i medesimi secondo i criteri previsti dall`art. 569.

Appunto , non avendo figlio, c' è solo la moglie...tutt' al più i genitori dell zio, cioé i nonni del richiedente
:confused: :confused: :confused: :confused: :confused: :confused: :confused: :confused: :confused: non vedo tutta sta confusione, francamente.
Di certo non il fratello-padre, nè tantomeno i figli di lui
 
quindi

o compare nel testamento, come erede o almeno come legatario spero per lui, o nulla. non potrà pretendere nulla. Anche in presenza di testamento, solo la moglie, eventualmente i genitori di lui, avranno una quota garantita. O eventuali figli se ne avrà ...
 
se non c' è testamento...

582
Concorso del coniuge con ascendenti legittimi, fratelli e sorelle. Al coniuge sono devoluti i due terzi dell’eredità se egli concorre con ascendenti legittimi o con fratelli e sorelle anche se unilaterali, ovvero con gli uni e con gli altri. In questo ultimo caso la parte residua è devoluta agli ascendenti, ai fratelli e alle sorelle, secondo le disposizioni dell’articolo 571, salvo in ogni caso agli ascendenti il diritto a un quarto della eredità
571
Concorso di genitori o ascendenti con fratelli e sorelle. Se coi genitori o con uno soltanto di essi concorrono fratelli e sorelle germani del defunto, tutti sono ammessi alla successione del medesimo per capi, purché in nessun caso la quota, in cui succedono i genitori o uno di essi, sia minore della metà.

Se vi sono fratelli e sorelle unilaterali, ciascuno di essi consegue la metà della quota che consegue ciascuno dei germani o dei genitori, salva in ogni caso la quota della metà in favore di questi ultimi (582).

Se entrambi i genitori non possono (463) o non vogliono venire alla successione e vi sono ulteriori ascendenti, a questi ultimi si devolve, nel modo determinato dall’articolo 569, la quota che sarebbe spettata a uno dei genitori in mancanza dell’altro.
 
Ho postato la domanda su di un forum notarile,mi hanno risposto che mio padre ha diritto ad una quota,e se dovesse mancare prima di mio zio,allora subentrerei io.

Incredibile come un caso così semplice dia adito a diecimila interpretazioni diverse.....
 
Scritto da jellyfish
Nella successione ereditaria, in caso di assenza di testamento, c'è da rispettare la priorità di parentela.

Gli ascendenti ereditano se non ci sono discendenti. E siamo nel tuo caso.
Solo che davanti a voi c'è un erede con un grado di parentela più prossimo (vostro papà, fratello del de cuius), quindi eredita lui e a voi non spetta nulla.

Quanto alla legittima, se non ricordo male spetta solo a coniuge e figli e ascendenti di primo grado (e i nipoti non sono di primo grado).

Se vuoi un consiglio trattate bene lo zio e fatevi inserire nel testamento. ;)

Estella

Comunque la domanda era questa:

SE mio zio esclude me,mia sorella,mio padre dal testamento........ALLORA può qualcuno di noi tre (io,mio padre,mia sorella) pretendere COMUNQUE qualcosa??????????
 
la mia risposta era secca

no:no: :no: :no: :no:
:D
 
Scritto da Méchant
Mi dici per favore il nome di questo sito notarile, lo eviterò accuratamente.

:yes:

Se tuo zio fa testamento e decide di dare tutto a Eva Henger va tutto a lei e basta.

Se non fa testamento va tutto a tuo padre.

In nessun caso, allo stato attuale, qualcosa viene in mano a te e a tua sorella.

:)

infatti se tuo zio non dice nulla concorre anche tuo padre con la moglie, però tuo zio può, via testamento fare ciò che vuole
 
pare

avesse detto così, che aveva una moglie: inquesto caso è solo lei che ha diritto alla propria quota, in caso di testamento, non gli altri (escludo i nonni dello scrivente, per ragioni anagrafiche anche se teoricamente prospettabili)
Anche qui mechant, è errato: allora
1) se c' è un testamento, alla moglie spetta comunque metà del patrimonio più il diritto di abitazione della casa (ai nonni eventualmente, cioé genitori del defunto, spetterebbe 1/4). Gli altri citati non hanno diritto a nulla
2) se non ci fosse testamento, il patrimonio sarebbe ripartito così:
2/3 al coniuge e agli altri 1/3 (art. 582), seguendo quanto indicato all' art. 571 (già riportato), fermo restando un ulteriore 1/4 sul residuo agli ascendenti (cioé ai nonni dello scrivente se saranno vivi)
:yes:
 
...

il discorso della "legittima" vale solo in caso di testamento, donazioni, fittizie alienazioni... se no si applicano le regole della successione legittima, non testamentaria
 
Scritto da Méchant
Ma lo zio è sposato?

:mmmm:

Avevo capito di no.

Allora il discorso è diverso, un terzo va alla moglie in ogni caso.

Il resto, se lo zio decide, tramite testamento, di lasciarlo a Eva Henger va a Eva Henger, se non c'è testamento viene diviso tra Fratello e Moglie.

:)
Sono d'accordo. :yes:
Gli articoli del cc interessati si trovano qui
http://www.studiocelentano.it/codici/cc/lIItII.htm


Una cosa di cui invece non sono sicura, e che non ho trovato nel riferimento normativo, è la seguente: se non c'è più il fratello, ma c'è la moglie, è vero che i figli del fratello ereditano la parte che spetta al fratello?

In parole povere, se uno degli eredi è morto, subentrano i suoi eredi? :confused:
 
leggi le norme sull' istituto della rappresentazione

467 cc. :cool:
 
Scritto da pilum
Comunque la domanda era questa:

SE mio zio esclude me,mia sorella,mio padre dal testamento........ALLORA può qualcuno di noi tre (io,mio padre,mia sorella) pretendere COMUNQUE qualcosa??????????

Nell'ipotesi che lo zio faccia testamento si apre la successione testamentaria e allora bisogna osservare l'articolo seguente :

[art.536 C.C.]
le persone , a favore delle quali la legge riserva una quota di eredità o altri diritti di successione sono : il coniuge , i figli legittimi , i figli naturali, gli ascendenti legittimi.
Ai figli legittimi sono equiparati i legittimati e gli adottivi.
A favore dei discendenti dei figli legittimi o naturali, i quali vengono alla successione in luogo di questi, la legge riserva gli stessi diritti che sono riservati ai figli legittimi o naturali.


Mi sembra evidente che se lo zio fa testamento tu, tua sorella e tuo padre non abbiate diritto a nulla.
Solo lo zio, di sua spontanea volontà, può inserirvi nel testamento dandovi una parte nel rispetto dei legittimari.
Ma se vi vuole escludere vi può escludere.

Completamente diverso è il caso in cui lo zio non lascia testamento. Allora si aprirebbe la successione legittima.
 
...

Scritto da aerosmith
Nell'ipotesi che lo zio faccia testamento si apre la successione testamentaria e allora bisogna osservare l'articolo seguente :

[art.536 C.C.]
le persone , a favore delle quali la legge riserva una quota di eredità o altri diritti di successione sono : il coniuge , i figli legittimi , i figli naturali, gli ascendenti legittimi.
Ai figli legittimi sono equiparati i legittimati e gli adottivi.
A favore dei discendenti dei figli legittimi o naturali, i quali vengono alla successione in luogo di questi, la legge riserva gli stessi diritti che sono riservati ai figli legittimi o naturali.


Mi sembra evidente che se lo zio fa testamento tu, tua sorella e tuo padre non abbiate diritto a nulla.
Solo lo zio, di sua spontanea volontà, può inserirvi nel testamento dandovi una parte nel rispetto dei legittimari.
Ma se vi vuole escludere vi può escludere.

Completamente diverso è il caso in cui lo zio non lascia testamento. Allora si aprirebbe la successione legittima.

:yes:
 
Indietro