Esempio di calo reale (40%), opinioni?

Luciom

Nuovo Utente
Registrato
7/2/08
Messaggi
60.624
Punti reazioni
954
Un immobile che sto seguendo è sceso da qualcosa + di 4000 eur al metro commerciale a circa 2400, in 4 anni. L'immobile è molto bello, in zona decente, materiali top e finiture anche, classe B reale. E' possibile pensare che in questo caso si sia vicini al bottom, o c'è ancora molto spazio per calare?

Zona: colli periferici di bologna (comune limitrofo)
 
Un immobile che sto seguendo è sceso da qualcosa + di 4000 eur al metro commerciale a circa 2400, in 4 anni. L'immobile è molto bello, in zona decente, materiali top e finiture anche, classe B reale. E' possibile pensare che in questo caso si sia vicini al bottom, o c'è ancora molto spazio per calare?

Zona: colli periferici di bologna (comune limitrofo)


nel 2013 il bottom è distante anni luce
quello che vedi è lo sboom dell'effetto euro
 
Massimo ma, verosimilmente, posto un dato iniziale 4000, un prezzo attuale 2400,tu cosa pensi che sia il bottom?

Perchè a quel punto mi sfugge che senso abbia costruire un immobile! :)
 
il bottom è un momento primadi quando si comincia a risalire

ovvero, per il momento, campa cavallo... :censored::cool:
 
Massimo ma, verosimilmente, posto un dato iniziale 4000, un prezzo attuale 2400,tu cosa pensi che sia il bottom?

Perchè a quel punto mi sfugge che senso abbia costruire un immobile! :)

prova ad andare in un paese africano, costruisci al costo di 1.200$/mq e vedi se riesci a vendere sopra il prezzo di costo.

in sostanza dovremmo porci questa domanda:

gli italiani sono abbastanza ricchi (produttivi) per permettersi immobili in cemento armato in classe energetica A/B e finiture di lusso?

conclusione: poche case nuove, belle e comode per i ricchi e tante ma tante catapecchie per la massa... (pensa alle città dei paesi in via di sviluppo e puoi farti un'idea)...
 
Massimo ma, verosimilmente, posto un dato iniziale 4000, un prezzo attuale 2400,tu cosa pensi che sia il bottom?

Perchè a quel punto mi sfugge che senso abbia costruire un immobile! :)

il bottom è il punto più basso
ci vorranno minimo minimo 5 anni per toccarlo
ancora non hai visto nulla di nulla.

quello che vedi è il lento sboom dell'effetto euro
15 anni fa con 400-500 milioni di lire compravi delle ville signorili
lui se vende anche a 2k a mq come minimo va in pari.
 
prova ad andare in un paese africano, costruisci al costo di 1.200$/mq e vedi se riesci a vendere sopra il prezzo di costo.
.


Ma che centra il apese africano, sucsa...

in sostanza dovremmo porci questa domanda:


gli italiani sono abbastanza ricchi (produttivi) per permettersi immobili in cemento armato in classe energetica A/B e finiture di lusso?

Secondo me, se il costo di costruzione lo consente, uno può decidere di ridurre il margine, e concludere l'affare.
Per evitare di rimanere con immobilizzazioni grosse.

Però ognuno fa quel che vuole, molti costruttori ancora non capiscono.
Alcuni privati, me compreso, sognano, ma sarà un brusco risveglio.
Ho già capito che non c'è trippa per gatti, per cui rimango fuori con l'annuncio, ma li farò scadere tutti naturalmente, pazienza.

conclusione: poche case nuove, belle e comode per i ricchi e tante ma tante catapecchie per la massa... (pensa alle città dei paesi in via di sviluppo e puoi farti un'idea)...

Noi non siamo BRICS, e non possiamo paragonarci a quelli.
Mi paiono situazioni differenti e premesse diverse.
 
il bottom è il punto più basso
ci vorranno minimo minimo 5 anni per toccarlo
ancora non hai visto nulla di nulla.

quello che vedi è il lento sboom dell'effetto euro
15 anni fa con 400-500 milioni di lire compravi delle ville signorili
lui se vende anche a 2k a mq come minimo va in pari.

:no: a 2K/mq ci guadagna eccome (vedendo i prezzi dovrebbe essere in mezzo al nulla)...

a 140k avrà guadagnato qualcosa, poco ma qualcosa sì... avrà costruito a 1k/mq
 
A milano il costruttore, in zona sedriano, dichiarava di costruire 1.2K/mq , classe B.

Secondo me non si può indicare un prezzo di costruzione, senza indicare anche la zona.

Quindi è tutto aleatorio, a volte ci guadagnano, altre meno.
In genere, anche io, credo che NON ci perdano...
 
Ma che centra il apese africano, sucsa...

stiamo diventando ricchi o stiamo diventando poveri? stiamo raggiungendo la Germania e gli USA oppure stiamo andando verso la Spagna?

Secondo me, se il costo di costruzione lo consente, uno può decidere di ridurre il margine, e concludere l'affare.
Per evitare di rimanere con immobilizzazioni grosse.

Però ognuno fa quel che vuole, molti costruttori ancora non capiscono.
Alcuni privati, me compreso, sognano, ma sarà un brusco risveglio.
Ho già capito che non c'è trippa per gatti, per cui rimango fuori con l'annuncio, ma li farò scadere tutti naturalmente, pazienza.

con i costruttori (molti) non ci saranno molti cali perché i margini erano così ampi che è probabile abbiano raggiunto i costi con il 50% del costruito (venduto negli ultimi anni), quindi l'invenduto cercheranno di piazzarlo a prezzi inferiori ma sempre alti...

L'usato è un'altra cosa... lì sarà un bagno di sangue.

Noi non siamo BRICS, e non possiamo paragonarci a quelli.
Mi paiono situazioni differenti e premesse diverse.

per ora no, la tendenza però è quella, loro crescono, noi gli andiamo incontro...
 
L'usato è un'altra cosa... lì sarà un bagno di sangue.

Non sono sicuro di quest.
Cioè, io per esempio, vorrei vendere per ricomprare qualcosa di più grande.
Io posso calare, ma fino ad un certo punto (ho comprato in lire nel 2001).
Se non dovessi ottenere quel che ritengo il minimo, me ne farò una ragione!

Il bagno di sangue, in egenere, sarà per le case a rendita, e per chi ha gravi difficoltà, per cui sarà oggetto di aste al ribasso e spregiudicati vari.

Ripeto, sono situazioni che non riesco a quantificare a livello italiano, ma sono sempre cose borderline, la situazione generale soffre molto del credit crunch, per cui queste cose non si possono generalizzare più di tanto.

IMHO chiaramente, non penso di avere in mano la verità assoluta.
 
Serpeggia sempre quest'idea che i costruttori costruiranno con poco margine nel-mondo-che-verrà! :D
Non credo proprio.
I costruttori o avranno validi motivi per costruire (guadagno, riciclaggio, affari più o meno puliti....) o cambieranno lavoro/asset.....
 
Non credo che uno dall'oggi al domani cambi lavoro/assett così come si cambiano le mutande....
 
Non sono sicuro di quest.
Cioè, io per esempio, vorrei vendere per ricomprare qualcosa di più grande.
Io posso calare, ma fino ad un certo punto (ho comprato in lire nel 2001).
Se non dovessi ottenere quel che ritengo il minimo, me ne farò una ragione!

Il bagno di sangue, in egenere, sarà per le case a rendita, e per chi ha gravi difficoltà, per cui sarà oggetto di aste al ribasso e spregiudicati vari.

Ripeto, sono situazioni che non riesco a quantificare a livello italiano, ma sono sempre cose borderline, la situazione generale soffre molto del credit crunch, per cui queste cose non si possono generalizzare più di tanto.

IMHO chiaramente, non penso di avere in mano la verità assoluta.

nessuno ti vieta di tenere
ti si svaluterà in mano e per 20 anni pagherai l'imu.
l'immobiliare com'è cresciuto per 40 anni
scenderà per almeno 10 ritornando su valori simili a 40 anni fa
 
nessuno ti vieta di tenere
ti si svaluterà in mano e per 20 anni pagherai l'imu.
l'immobiliare com'è cresciuto per 40 anni
scenderà per almeno 10 ritornando su valori simili a 40 anni fa

azz, in soli 10 anni tornerà ai valori di 40 anni fa.

nominali, immagino :o
 
Io non ritengo che la svalutazione della prima casa, dove abito, mi disturbi più di tanto.
Certo, mi dispiace, ma non avendo comprato per rivendere, o almeno non con quel primario obiettivo, se succede qualcosa del genere, bon, PAZIENZA!

Ragazzi, non siamo tutti uguali! :)
 
Non credo che uno dall'oggi al domani cambi lavoro/assett così come si cambiano le mutande....

Eppure un sacco di imprese stanno chiudendo...credo che i disoccupati del comparto siano circa 300.000.
Comunque di case in vendita ce ne sono parecchie....per qualche anno...
 
Indietro