ETF ad Accumulazione

Gnorik

Nuovo Utente
Registrato
19/9/22
Messaggi
24
Punti reazioni
4
Ciao a tutti, scusate se vengo a rompervi le scatole ma nelle ultime settimane mi sto lentamente interessando al mondo degli investimenti, partendo dal mondo obbligazionario e ora sto iniziando a esplorare quello azionario ( e pertanto gli strumenti ETF).
Al momento sono un po' confuso per quanto riguarda la tassazione; in italia c'e' un 26% di tassazione sui capitali, e un 26% di tassazione sul capital gain.
Ora - uno dei vantaggi degli ETF ad accumulazione e' che essendo i dividendi re-investiti automaticamente non paghi la tassazione sui dividendi. Ok - questo e' chiaro.
La tassazione sul capital gain invece dovrebbe essere relativa alla tassazione della differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto. In parole povere, se oggi acquisto 100 quote a 100 € l'una e domani vendo quelle 100 quote a 101 andrei a pagare il 26% su quell'euro aggiuntivo per ognuna delle quote, quindi 26 € in tutto sul mio guadagno di 100 €. Anche questo mi e' chiaro (ammettendo di non aver fatto errori).
La parte che mi sfugge e' questa: Metti che io oggi acquisto 100 quote a 100€. Domani avviene la redistribuzione dei dividendi diciamo del 4%, che l'etf mi re-investe automaticamente cosi' che io finisca per avere 104 quote in tutto.
Se dopodomani io decidessi di vendere le 4 quote aggiuntive (che diciamo prezzano ancora 100 €) pagherei qualcosa di capital gain oppure no? In teoria ho acquistato quote a 100 e le sto rivendendo a 100 quindi non essendoci differenza non dovrebbe avvenire alcuna tassazione?
 

artevaria

Nuovo Utente
Registrato
13/2/21
Messaggi
266
Punti reazioni
29
Ciao a tutti, scusate se vengo a rompervi le scatole ma nelle ultime settimane mi sto lentamente interessando al mondo degli investimenti, partendo dal mondo obbligazionario e ora sto iniziando a esplorare quello azionario ( e pertanto gli strumenti ETF).
Al momento sono un po' confuso per quanto riguarda la tassazione; in italia c'e' un 26% di tassazione sui capitali, e un 26% di tassazione sul capital gain.
Ora - uno dei vantaggi degli ETF ad accumulazione e' che essendo i dividendi re-investiti automaticamente non paghi la tassazione sui dividendi. Ok - questo e' chiaro.
La tassazione sul capital gain invece dovrebbe essere relativa alla tassazione della differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto. In parole povere, se oggi acquisto 100 quote a 100 € l'una e domani vendo quelle 100 quote a 101 andrei a pagare il 26% su quell'euro aggiuntivo per ognuna delle quote, quindi 26 € in tutto sul mio guadagno di 100 €. Anche questo mi e' chiaro (ammettendo di non aver fatto errori).
La parte che mi sfugge e' questa: Metti che io oggi acquisto 100 quote a 100€. Domani avviene la redistribuzione dei dividendi diciamo del 4%, che l'etf mi re-investe automaticamente cosi' che io finisca per avere 104 quote in tutto.
Se dopodomani io decidessi di vendere le 4 quote aggiuntive (che diciamo prezzano ancora 100 €) pagherei qualcosa di capital gain oppure no? In teoria ho acquistato quote a 100 e le sto rivendendo a 100 quindi non essendoci differenza non dovrebbe avvenire alcuna tassazione?

Stai facendo un po' di confusione.
Se tu parli di "etf che ti re-investe automaticamente" i dividendi e' evidente che parli di etf ad accumulazione. Quindi non avrai NESSUNA quota aggiuntiva, saranno sempre 100, pero' salira' il NAV, cioe' il prezzo delle quote, dell'etf insomma. Nell'esempio ogni quota varra' 104€
Se tu vendi le tue 4 quote per incassare il capital gain, rimarrai con 96 quote, e pagherai il 26% sul ricavato delle 4 vendute, a spanne.
 

sarsopad

Nuovo Utente
Registrato
8/12/13
Messaggi
383
Punti reazioni
32
Con un ETF tipo MWRD, in EUR, si elimina il rischio cambio in partenza? E' come avere una copertura valutaria inclusa?
 

Berserk85

Sono un essere perfetto, fiero di ogni mio difetto
Registrato
12/12/19
Messaggi
4.248
Punti reazioni
311
Con un ETF tipo MWRD, in EUR, si elimina il rischio cambio in partenza? E' come avere una copertura valutaria inclusa?

No, MWED è un ETF mondo sviluppato non hedged, quindi con rischio cambio.

La denominazione del fondo/negoziazione è una cosa, I sottostanti un altra.

Per non avere rischio cambio l ETF deve essere esplicitamente euro hedged, tranne in cui anche i sottostanti non sono tutti in euro, esempio un azionario/obbligazionario area euro.
 

mrlory81

Nuovo Utente
Registrato
28/11/22
Messaggi
6
Punti reazioni
0
Info su ETF Fineco Replay vs PLUS

Salve, vorrei una vostra opinione su un possibile PAC (100 o 200€ al mese) tramite Fineco Replay sull'ETF Xtrackers Portfolio UCITS ETF 1C.
Vorrei partire con un investimento da 10K:

1) per iniziare meglio acquisto unico o rateizzato? (es. PAC mensile da 2K per 5 mesi)

2) Dato che attualmente un PAC su un solo ETF costa di commissione 2,95€/mese + costo ETF annuo (circa 0,7% del capitale), risulta conveniente questa strada o
è preferibile attivare PLUS (costo totale annuo 1,7% sul capitale investito) e farsi fare gli acquisti tramite consulenza?

La domanda mi viene spontanea perchè su un periodo di 25-30 anni dove il capitale diventerebbe di una certa entità, il costo fisso mensile di commissioni attuali (circa 36 euro annui)
sarebbe minore dell'1% corrisposto annualmente alla banca (costo annuo ETF a parte).

C'è qualcosa che non sto considerando o la cosa è più semplice del previsto? Ci sono commissioni nascoste?

3) La dimensione del fondo non molto elevata può essere rischiosa in qualche modo?
 

sarsopad

Nuovo Utente
Registrato
8/12/13
Messaggi
383
Punti reazioni
32
Io parlavo di strumenti liquidi su Borsa Italiana, IUSQ su MI ad esempio non è quotato. Dovresti controllare gli scambi sulla borsa in cui desideri operare. EIMI comprende gli emergenti a livello globale, SEMA solo Asia. Se l'intento è coprire tutto il mondo con il secondo non riusciresti.
La scelta se uno o due è anche legata alla strategia: con due in caso di ribilanciamento dinamico (come faccio io) compri più quote dell'ETF sceso maggiormente al fine di mantenere ad ogni ingresso le stesse % in portafoglio. Altrimenti tanto vale usarne uno solo secondo me.

Ciao Dario, visto che sto optando per la combinazione SWDA 88% + SEMA 12% (ho Directa e zero commissioni su questi) vorrei chiarire il punto in neretto. A me risulta che SEMA IE00B4L5YC18 non sia solo Asia...l'unica differenza che vedo tra i due è che EIMI aggiunge Investable Market.

Fa differenze sostanziali?
 

Dario!

Nuovo Utente
Registrato
5/8/22
Messaggi
164
Punti reazioni
16
Ciao Dario, visto che sto optando per la combinazione SWDA 88% + SEMA 12% (ho Directa e zero commissioni su questi) vorrei chiarire il punto in neretto. A me risulta che SEMA IE00B4L5YC18 non sia solo Asia...l'unica differenza che vedo tra i due è che EIMI aggiunge Investable Market.

Fa differenze sostanziali?

Ciao Sarsopad, hai ragione. Mi sono sbagliato, SEMA è emergenti. EIMI include tutta la capitalizzazione, quindi anche le small cap, con le conseguenze del caso. Sostanzialmente non cambia molto da una scelta all'altra.
 

Dario!

Nuovo Utente
Registrato
5/8/22
Messaggi
164
Punti reazioni
16
Ciao a tutti, leggendo il forum dei bogleheads ho scoperto l'esistenza del Vanguard FTSE All-World HDY anche nella versione ad accumulo, disponibile ad es. su Xetra:

Vanguard FTSE All-World High Dividend Yield UCITS ETF Acc | VGWE | IE00BK5BR626

Su justETF mi esce questo messaggio:
  • Questo fondo è autorizzato alla sola distribuzione del materiale marketing di Austria, Belgio, Svizzera, Germania, Danimarca, Spagna, Francia, Regno Unito, Irlanda, Lussemburgo, Paesi bassi, Portogallo, Svezia.
È la prima volta che mi imbatto in un messaggio del genere. Per curiosità, ci sono delle implicazioni particolari se un investitore italiano dovesse acquistarlo?
 

Berserk85

Sono un essere perfetto, fiero di ogni mio difetto
Registrato
12/12/19
Messaggi
4.248
Punti reazioni
311
Ciao a tutti, leggendo il forum dei bogleheads ho scoperto l'esistenza del Vanguard FTSE All-World HDY anche nella versione ad accumulo, disponibile ad es. su Xetra:

Vanguard FTSE All-World High Dividend Yield UCITS ETF Acc | VGWE | IE00BK5BR626

Su justETF mi esce questo messaggio:
  • Questo fondo è autorizzato alla sola distribuzione del materiale marketing di Austria, Belgio, Svizzera, Germania, Danimarca, Spagna, Francia, Regno Unito, Irlanda, Lussemburgo, Paesi bassi, Portogallo, Svezia.
È la prima volta che mi imbatto in un messaggio del genere. Per curiosità, ci sono delle implicazioni particolari se un investitore italiano dovesse acquistarlo?
Nessuna.

Semplicemente per motivi che noi non sappiamo, Vanguard ha deciso di non listarlo su piazza affari ma tu puoi compralo senza problemi su xetra o dove preferisci
 

lognomo

Nuovo Utente
Registrato
21/3/19
Messaggi
113
Punti reazioni
6
Concordo...negli ultimi messaggi si nota una certa confusione sugli strumenti.
@sarsopad bisognerebbe capire anche l'entità del portafoglio, età, orizzonte temporale, propensione al rischio ecc. Inutile avere mille ETF per cercare di "battere" il mercato.
Mah, io non sono molto d'accordo.
E' ovvio che se c'è solo confusione in testa qualsiasi idea è sbagliata di base.
Ma personalmente ho in ptf GGRA, XDEM, VWCE, EMQQ, XCHA, CAPU, CAPE, XDWH, GLUX e SPYX (e pochi costi, sono quasi tutti gratuiti su degiro, TER totale medio 0,40).
Buona parte, come vedi, smart beta.
Quest'anno sono, ad oggi, in gain del due per cento.
La chiave è la strategia.
Se gli etf sono messi li a pene di segugio, solo perchè ci piacciono, e senza alcuna logica ne di strategia temporale ne di asset allocation (geografica e monetaria) concordo che non abbiano senso.
Ma a quel punto è valido anche per il VWCE e basta.
Se uno investe 100k nel VWCE e tra sei mesi gli servono i soldi.. ha senso averci investito?
Ovviamente no.
Ma se una persona SA perchè sta mettendo quegli strumenti nel PTF è un discorso ben diverso.
Ovvio, non è detto che batterà il mercato, anzi probabilmente non ci riuscirà.
Ma magari avrà attenuato la volatilità restando 100 per cento azionario, o magari sarà sottoesposto al dollaro (che nel VWCE va oltre il 60 per cento) o ancora starà danto un grande peso ai mercati emergenti, oppure avere un ptf che sia insieme core e satellite gestibile in tutte le stagioni avendo etf separati per emergenti e sviluppati e per diversi momenti dei mercati finanziari, o magari tutte queste cose insieme.
 
Ultima modifica:

sarsopad

Nuovo Utente
Registrato
8/12/13
Messaggi
383
Punti reazioni
32
Mah, io non sono molto d'accordo.
E' ovvio che se c'è solo confusione in testa qualsiasi idea è sbagliata di base.
Ma personalmente ho in ptf GGRA, XDEM, VWCE, EMQQ, XCHA, CAPU, CAPE, XDWH, GLUX e SPYX (e pochi costi, sono quasi tutti gratuiti su degiro, TER totale medio 0,40).
Buona parte, come vedi, smart beta.
Quest'anno sono, ad oggi, in gain del due per cento.
La chiave è la strategia.
Se gli etf sono messi li a pene di segugio, solo perchè ci piacciono, e senza alcuna logica ne di strategia temporale ne di asset allocation (geografica e monetaria) concordo che non abbiano senso.
Ma a quel punto è valido anche per il VWCE e basta.
Se uno investe 100k nel VWCE e tra sei mesi gli servono i soldi.. ha senso averci investito?
Ovviamente no.
Ma se una persona SA perchè sta mettendo quegli strumenti nel PTF è un discorso ben diverso.
Ovvio, non è detto che batterà il mercato, anzi probabilmente non ci riuscirà.
Ma magari avrà attenuato la volatilità restando 100 per cento azionario, o magari sarà sottoesposto al dollaro (che nel VWCE va oltre il 60 per cento) o ancora starà danto un grande peso ai mercati emergenti, oppure avere un ptf che sia insieme core e satellite gestibile in tutte le stagioni avendo etf separati per emergenti e sviluppati e per diversi momenti dei mercati finanziari, o magari tutte queste cose insieme.
grazie per il contributo...le idee mi si sono schiarite abbastanza, sono entrata come scritto con SWDA+SEMA e già ho visto i sali scendi e le cifre +&- e verdi&rosse...:asd:

ovviamente sono super consapevole che l'investimento in ETF azionario DEVE riguardare una parte di portafoglio da lasciare a lungo termine, di soldi che presumibilmente non debbano servire...infatti, a dir la verità, sono tentata di incrementare la somma investita per abbassare il prezzo di carico sfruttando questa discesa prenatalizia :D....però non voglio esagerare in senso opposto, sarebbe sempre bipolarità finanziaria...
 

bankomatto

Nuovo Utente
Registrato
19/9/22
Messaggi
110
Punti reazioni
21
grazie per il contributo...le idee mi si sono schiarite abbastanza, sono entrata come scritto con SWDA+SEMA e già ho visto i sali scendi e le cifre +&- e verdi&rosse...:asd:

ovviamente sono super consapevole che l'investimento in ETF azionario DEVE riguardare una parte di portafoglio da lasciare a lungo termine, di soldi che presumibilmente non debbano servire...infatti, a dir la verità, sono tentata di incrementare la somma investita per abbassare il prezzo di carico sfruttando questa discesa prenatalizia :D....però non voglio esagerare in senso opposto, sarebbe sempre bipolarità finanziaria...

Inutile andare a mediare appena si vede del rosso. Costruisciti una strategia di investimento e seguila indipendentemente dai mercati.
 

Layne

Nuovo Utente
Registrato
8/7/11
Messaggi
75
Punti reazioni
1
Carissimi,

ho attualmente per vari motivi circa il 50% del portafoglio ilquido e vorrei investirlo su prospettive a medio lungo termine, con entrate graduali.

Non ho al momento la costanza per seguire gli investimenti, per cui pensavo di posizionarmi su un ETF ad accumulazione e restare in attesa (non penso di avere spese a breve): attualmente ho il 10% del portafoglio circa su ETF world, ma vorrei evitare di avere un peso eccessivo sull'azionario americano.
Esiste qualcosa:
- ex US (o con US meno "pesante");
- ad accumulazione;
- con basse spese di gestione?
Grazie mille in anticipo.
 

Berserk85

Sono un essere perfetto, fiero di ogni mio difetto
Registrato
12/12/19
Messaggi
4.248
Punti reazioni
311
Carissimi,

ho attualmente per vari motivi circa il 50% del portafoglio ilquido e vorrei investirlo su prospettive a medio lungo termine, con entrate graduali.

Non ho al momento la costanza per seguire gli investimenti, per cui pensavo di posizionarmi su un ETF ad accumulazione e restare in attesa (non penso di avere spese a breve): attualmente ho il 10% del portafoglio circa su ETF world, ma vorrei evitare di avere un peso eccessivo sull'azionario americano.
Esiste qualcosa:
- ex US (o con US meno "pesante");
- ad accumulazione;
- con basse spese di gestione?
Grazie mille in anticipo.
Io rimarrei sempre su etf passivi e non sbagli, visto che non hai modo di seguire.


Cercare etf tematici o a gestione attiva devi monitorare anche che vadano bene
 

bankomatto

Nuovo Utente
Registrato
19/9/22
Messaggi
110
Punti reazioni
21
Carissimi,

ho attualmente per vari motivi circa il 50% del portafoglio ilquido e vorrei investirlo su prospettive a medio lungo termine, con entrate graduali.

Non ho al momento la costanza per seguire gli investimenti, per cui pensavo di posizionarmi su un ETF ad accumulazione e restare in attesa (non penso di avere spese a breve): attualmente ho il 10% del portafoglio circa su ETF world, ma vorrei evitare di avere un peso eccessivo sull'azionario americano.
Esiste qualcosa:
- ex US (o con US meno "pesante");
- ad accumulazione;
- con basse spese di gestione?
Grazie mille in anticipo.

Ciao che ET World? O incrementi quello oppure valuta un vanguard lifestrategy (farei un pac mensile o trimestrale) e metti il resto in conti deposito.
Puoi prendere un lS60 oppure se hai un orizzonte lungo (20-30anni) anche un ls80 (60 azioni 40 bond il primo, 80 azioni 20 bond il secondo). Ovviamente sono esposti molto agli USA ma la parte bond è hedgiata. L'esposizione replica la capitalizzazione del mercato...è normale essere esposti agli usa.
 
Ultima modifica:

forexinoeg

Nuovo Utente
Registrato
17/10/16
Messaggi
118
Punti reazioni
0
Buongiorno, volevo una volta per tutte capire da chi magari ha realmente già fatto un pac da anni con un etf a interesse composto come capire se e come vengono aggiunti sommati al capitale investito. Mi spiego meglio, ho fatto 2 ingressi ormai da un anno con le stesse somme in 2 etf uguali ma il primo (vwce interesse composto) il secondo vwrl (a distribuzione). Dopo un anno mi ritrovo praticamente col pmc in parità, forse leggermete sotto, ma mentre vwrl mi ha pagato trimestralmente i dividendi che mi vengono accreditati sul conto già tassati, di vwce mi sembra anche dai calcoli fatti delle somme investite aggiunte in totale che sia rimasto tutto invariato, come se non mi venisse pagato aggiunto niente………. Voi come fate a capire se effettivamente l’interesse viene aggiunto, scalato dal pmc ecc??!!
Per chi non ha capito perchè mi son spiegato male, se investo 100€ per 12 mesi in vwrl e nell'arco dell'anno diaciamo torno in pari col pmc ho 1200€ totali e per esempio 25€ già pagati e tassti sul conto, quindi per esempio 1225€ totali, con vwce inceve stesso procedimento mi ritrovo 1200€ e basta...........
 
Ultima modifica:

Layne

Nuovo Utente
Registrato
8/7/11
Messaggi
75
Punti reazioni
1
Buongiorno Cari,

grazie mille per le risposte.

Avevo omesso alcune informazioni e altre ne aggiungo::

  • l’ETF al momento in portafolio è IE00BK5BQT80. Non è tra quelli con le spese più basse (è nella media) ma a suo tempo mi era stato consigliato per la dimensione, che mi tranquillizza abbastanza. Al momento sta al -3% per cui se sale un attimo volendo è liquidabile;
  • da qualche mese sono residente all’estero e i redditi da lavoro che percepisco sono in CHF. Quei redditi saranno oggetto di diverso investimento in base alle regole del posto. In EUR al momento ho redditi passivi da cedola e da immobile affittato, che in parte andrò a tenere liquidi per le spese quando rientrerò in Italia e spese varie dell’immobile. Diciamo che, esagerando, saranno 2k all’anno disponibili per l’investimento in EUR;
  • per vari motivi (costi di conto multivaluta e bancari eccessivi) voglio mantenere il conto in EUR aperto in Italia.
  • a tendere, in futuro mi vedo in zona Euro e non voglio fare all-in sul CHF (anzi, ho il terrore del rischio cambio);
  • non ho benefici fiscali da PAC e analoghi;
  • @bankomatto, non credo avrò necessità particolari nei prossimi anni. Non sono vicino alla pensione, se rientrerò in Italia – a parte l’immobile mio affittato – potrei nel breve termine usare due immobili familiari di valore prossimo allo zero, ma che “riparano dalla pioggia” e comunque mi auguro che avrei un reddito. In sostanza, l’orizzonte è lungo e un lS80 (immagino sia questo IE00BMVB5R75) andrebbe bene. Anche un azionario puro non mi crea problemi;
  • @Berserk, si sicuramente meglio passivi. Nello specifico, gli ETF tematici mi sembrano molto più a rischio e illiquidi. Magari metterò qualche piccolo importo sacrificabile su cose specifiche che mi sembreranno promettenti, ma il grosso lo voglio tenere su qualcosa a cui non devo pensare;
  • per dare il contesto dell’operatività, l’online banking lo apro quasi tutti i giorni, ma di recente faccio transazioni una volta ogni due mesi (e meglio così).
Grazie ancora