EUR/USD di tutto di più 241ma ed.

todo

Nuovo Utente
Registrato
26/4/17
Messaggi
3.341
Punti reazioni
71
Todo geniale ....unico problema dove son finiti i 2 altri sell dell altra settimana in perdita di ca 150 pip?
Ti aiuto.... era un grafo h4 ed eri sotto un treno....quindi che incrementi che ti mancano gli ordini messi precedentemente?
Ancora nn ti stanchi di postare stupidate?

chiacchierone.....................non chiudo mai in loss chf.jpg
 

gordon wolf

Nuovo Utente
Registrato
5/4/22
Messaggi
1.422
Punti reazioni
50
Vatti a vedere gbp chf h4 che hai postato ....vedi che incremento che hai fatto campione:D
 

gordon wolf

Nuovo Utente
Registrato
5/4/22
Messaggi
1.422
Punti reazioni
50
dimenticavo..................ho chiuso in loss quando ho usato il metodo Macio con la 200

chissà perchè funziona sempre a posteriori..............

Xche nn hai capito come funziona eppure l hai consigliata in altri 3d...un po come la candela impulsiva
 

gordon wolf

Nuovo Utente
Registrato
5/4/22
Messaggi
1.422
Punti reazioni
50
E comunque todo hai fatto 1 opa e sei andato a sl nn basta x valutare una strtegia
Se ti andava a profit? Era un ottima strategia?
E se tu a volte spiegassi xche di un entrata faresti una migliore figura
 

orso123

Nuovo Utente
Registrato
1/10/07
Messaggi
4.505
Punti reazioni
77
buonasera,
mi piace esporre questa situazione su eurusd: dal grafico giornaliero la situazione appare ribassista senza se e senza ma. il grafico orario invece è interessante per un'inversione (in corso) per questi motivi: estensione 423,6 fibonacci raggiunta millimetricamente, esaurita su minimi decrescenti; candela di oggi rialzista che ora si trova su un pullback in corso. se questo movimento fosse limitato come escursione e se la settimana prossima riparte verso nord potrebbe trattarsi di inversione:yes:
chiedo commenti e critiche.
 

Allegati

  • EURUSDH1.png
    EURUSDH1.png
    31,1 KB · Visite: 7
  • EURUSDDaily.png
    EURUSDDaily.png
    31,7 KB · Visite: 6

gordon wolf

Nuovo Utente
Registrato
5/4/22
Messaggi
1.422
Punti reazioni
50
buonasera,
mi piace esporre questa situazione su eurusd: dal grafico giornaliero la situazione appare ribassista senza se e senza ma. il grafico orario invece è interessante per un'inversione (in corso) per questi motivi: estensione 423,6 fibonacci raggiunta millimetricamente, esaurita su minimi decrescenti; candela di oggi rialzista che ora si trova su un pullback in corso. se questo movimento fosse limitato come escursione e se la settimana prossima riparte verso nord potrebbe trattarsi di inversione:yes:
chiedo commenti e critiche.

Ciao orso il ragionamento fila
Daily terrei f occhio livello 1.038 come pull ....ci servono min e max crescenti...ciao
 

orso123

Nuovo Utente
Registrato
1/10/07
Messaggi
4.505
Punti reazioni
77
aggiungo: questo è il grafico 15 minuti: evidente l'allungo fibonacci 161,8 % su cui ha iniziato ritracciamento. vediamo:mmmm:
 

Allegati

  • EURUSDM15.png
    EURUSDM15.png
    32,6 KB · Visite: 6

orso123

Nuovo Utente
Registrato
1/10/07
Messaggi
4.505
Punti reazioni
77
vero. ho difatti detto "in corso" e quindi in cerca di conferma che arriverà se e solo se ci saranno minimi e max crescenti. grazie comunque e buon we
 

orso123

Nuovo Utente
Registrato
1/10/07
Messaggi
4.505
Punti reazioni
77
mi sono permesso solo per dare un'aspetto critico costruttivo al 3d
 

AchilleFx

Nuovo Utente
Registrato
25/1/20
Messaggi
95
Punti reazioni
3
Ieri facevo una domanda sul dollaro troppo forte e se questa fosse una cosa gradita agli Americani. Eravamo sotto la parità, se non ricordo male. Nessuno mi ha risposto, ma credo che il mercato stia rispondendo alla mia domanda, perchè le perentorie dichiarazioni rilasciate ieri da un membro della FED (Bullard, sulla mancanza di necessità di aumentare i tassi di 100 pb) "sembra" abbiano invertito il trend di breve.
 

newable

Nuovo Utente
Registrato
4/1/11
Messaggi
14.672
Punti reazioni
150
Buongiorno,
vedo che il 3d attira diversi neofiti alla ricerca di lumi sulle prospettive a medio-lungo termine di EUR/USD.
Difficile fare previsioni a lungo termine in presenza di tante variabili: il discorso è complesso, toccherebbe scenari macroeconomici e teorie non universalmente condivise. Cercherò di semplificarlo nei limiti delle mie limitate capacità.
Spesso si fa riferimento ai "fondamentali" di una economia per stimarne il rapporto con le altre valute, ma si tratta di un esercizio assai teorico e poco pratico, perché non esiste una formula universale che permetta di tradurlo in un range di cambio prefissato. In tempi moderni, gli Usa hanno argomentato formule empiriche a sostegno della teoria di una svalutazione artificiale dello Yuan condotta dalle autorità monetarie cinesi. Ma sono teorie di scarsa applicabilità pratica.
In generale, il prezzo di un bene è determinato dall'equilibrio fra domanda e offerta: il prezzo degli immobili è determinato sulla base dello stock di offerta e della domanda, ovvero sugli scambi effettivi. Analogamente, il valore di una azione quotata e la relativa capitalizzazione, vengono determinati sulla base degli scambi effettivi, non sempre svolti sulla base di analisi sulla reale redditività della società sottostante.
Per il Forex il discorso è un diverso, perché non riguarda un bene ma un mezzo e nasce per armonizzare lo scambio di beni e servizi fra nazioni che adottano una valuta differente. In assenza di un concambio con un mezzo comune (oro) il cambio valutario si assesta su valori determinati dalla domanda e dall'offerta, nonché dai correttivi imposti dalle banche centrali e dai governi a sostegno della propria valuta e della propria bilancia commerciale.
Per esplicitare tale concetto, prendiamo un esempio recente: il cambio USD/RUB. Schizzato in su con il conflitto in Ucraina, si è fortemente ridimensionato arrivando a valori addirittura inferiori rispetto all'inizio del conflitto: si tratta della forza implicita dell'economia russa? Rappresenta i "fondamentali"? Niente affatto: rappresenta l'equilibrio fra domanda e offerta, dove la domanda USD in cambio di rubli è sterilizzata dalle sanzioni economiche che impediscono l'acquisto di beni verso la Russia, mentre la domanda di rubli è sostenuta dalla vendita di beni energetici in rubli.
Un altro mezzo classico per correggere l'equilibrio fra domanda e offerta è rappresentato dai dazi, che alzano artificiosamente il prezzo dei beni in ingresso in un paese (vedi la politica dei dazi attuata da Trump) con la finalità di riequilibrare la bilancia commerciale.
Ma veniamo alle politiche attuate dalla banche centrali. Oltre alla possibilità di interventi diretti sul mercato dei cambi (lo sport preferito dalla SNB: alcuni ricorderanno il fallimento di hedge fund e broker in occasione dell'improvvisa rinuncia al cap price sul franco svizzero di qualche annetto fa) agisce principalmente sul tasso di cambio ufficiale. Ovviamente l'azione sui tassi non è finalizzata al "cambio", ma ha un importantissimo risvolto sullo stesso, specialmente in quest'epoca di enorme massa monetaria, leva finanziaria e mobilità dei capitali. Accanto al trade di beni e servizi, la mobilità dei capitali finanziari rappresenta una parte sempre più rilevante del meccanismo di domanda e offerta. Un tasso di interesse analogo fra le due sponde dell'Atlantico risulta neutrale alla scelta valutaria, ma un differenziale di cambio rilevante innesca un carry trade a favore della valuta che offre tassi di interesse più interessanti: è questo il motore principale del cambio EUR/USD in questo momento e permarrà fintanto che il differenziale di tasso di interesse rimarrà elevato. D'altra parte, un euro più debole favorisce l'esportazione di beni e servizi verso gli Usa e questo nel tempo contribuirà a bilanciare la debolezza dell'euro.
L'innalzamento dei tassi in Usa è dovuto alla crescita dell'inflazione e l'inflazione è un risvolto diretto dell'espansione monetaria pilotata dalla Fed: è una crisi prevalentemente finanziaria, che conduce a un periodo di recessione pilotato di un'economia finora in crescita.
La situazione europea è completamente differente ed eterogenea: l'inflazione è principalmente attribuita all'aumento dei costi energetici e la capacità della BCE di contrastarla agendo sui tassi di interesse è fortemente limitata anche dal fardello costituito dal debito pubblico di alcuni paesi. Ma un eccessivo indebolimento dell'euro, peggiora la bilancia dei pagamenti per l'approvvigionamento energetico, alimentando le cause stesse dell'inflazione. Finora abbiamo registrato un'inflazione dei prezzi al consumo intorno al 8% su base annua, ma quella dei prezzi del produttore sta viaggiando a oltre il 30%. Questo scenario costituisce un ulteriore motivo di incertezza sul futuro mantenimento da parte degli investitori degli asset in euro e alimenta la spirale recessiva che incombe sull'Europa. La recessione colpirà duro, specialmente in paesi con un elevato debito privato e non mi stupirebbe vedere EUR/USD sotto 0,90. Ma questo scenario dipenderà essenzialmente dalla (in)capacità dei governi e della BCE di contrastarlo, whatever it takes.
 

AchilleFx

Nuovo Utente
Registrato
25/1/20
Messaggi
95
Punti reazioni
3
Buongiorno,
vedo che il 3d attira diversi neofiti alla ricerca di lumi sulle prospettive a medio-lungo termine di EUR/USD.
Difficile fare previsioni a lungo termine in presenza di tante variabili: il discorso è complesso, toccherebbe scenari macroeconomici e teorie non universalmente condivise. Cercherò di semplificarlo nei limiti delle mie limitate capacità.
Spesso si fa riferimento ai "fondamentali" di una economia per stimarne il rapporto con le altre valute, ma si tratta di un esercizio assai teorico e poco pratico, perché non esiste una formula universale che permetta di tradurlo in un range di cambio prefissato. In tempi moderni, gli Usa hanno argomentato formule empiriche a sostegno della teoria di una svalutazione artificiale dello Yuan condotta dalle autorità monetarie cinesi. Ma sono teorie di scarsa applicabilità pratica.
In generale, il prezzo di un bene è determinato dall'equilibrio fra domanda e offerta: il prezzo degli immobili è determinato sulla base dello stock di offerta e della domanda, ovvero sugli scambi effettivi. Analogamente, il valore di una azione quotata e la relativa capitalizzazione, vengono determinati sulla base degli scambi effettivi, non sempre svolti sulla base di analisi sulla reale redditività della società sottostante.
Per il Forex il discorso è un diverso, perché non riguarda un bene ma un mezzo e nasce per armonizzare lo scambio di beni e servizi fra nazioni che adottano una valuta differente. In assenza di un concambio con un mezzo comune (oro) il cambio valutario si assesta su valori determinati dalla domanda e dall'offerta, nonché dai correttivi imposti dalle banche centrali e dai governi a sostegno della propria valuta e della propria bilancia commerciale.
Per esplicitare tale concetto, prendiamo un esempio recente: il cambio USD/RUB. Schizzato in su con il conflitto in Ucraina, si è fortemente ridimensionato arrivando a valori addirittura inferiori rispetto all'inizio del conflitto: si tratta della forza implicita dell'economia russa? Rappresenta i "fondamentali"? Niente affatto: rappresenta l'equilibrio fra domanda e offerta, dove la domanda USD in cambio di rubli è sterilizzata dalle sanzioni economiche che impediscono l'acquisto di beni verso la Russia, mentre la domanda di rubli è sostenuta dalla vendita di beni energetici in rubli.
Un altro mezzo classico per correggere l'equilibrio fra domanda e offerta è rappresentato dai dazi, che alzano artificiosamente il prezzo dei beni in ingresso in un paese (vedi la politica dei dazi attuata da Trump) con la finalità di riequilibrare la bilancia commerciale.
Ma veniamo alle politiche attuate dalla banche centrali. Oltre alla possibilità di interventi diretti sul mercato dei cambi (lo sport preferito dalla SNB: alcuni ricorderanno il fallimento di hedge fund e broker in occasione dell'improvvisa rinuncia al cap price sul franco svizzero di qualche annetto fa) agisce principalmente sul tasso di cambio ufficiale. Ovviamente l'azione sui tassi non è finalizzata al "cambio", ma ha un importantissimo risvolto sullo stesso, specialmente in quest'epoca di enorme massa monetaria, leva finanziaria e mobilità dei capitali. Accanto al trade di beni e servizi, la mobilità dei capitali finanziari rappresenta una parte sempre più rilevante del meccanismo di domanda e offerta. Un tasso di interesse analogo fra le due sponde dell'Atlantico risulta neutrale alla scelta valutaria, ma un differenziale di cambio rilevante innesca un carry trade a favore della valuta che offre tassi di interesse più interessanti: è questo il motore principale del cambio EUR/USD in questo momento e permarrà fintanto che il differenziale di tasso di interesse rimarrà elevato. D'altra parte, un euro più debole favorisce l'esportazione di beni e servizi verso gli Usa e questo nel tempo contribuirà a bilanciare la debolezza dell'euro.
L'innalzamento dei tassi in Usa è dovuto alla crescita dell'inflazione e l'inflazione è un risvolto diretto dell'espansione monetaria pilotata dalla Fed: è una crisi prevalentemente finanziaria, che conduce a un periodo di recessione pilotato di un'economia finora in crescita.
La situazione europea è completamente differente ed eterogenea: l'inflazione è principalmente attribuita all'aumento dei costi energetici e la capacità della BCE di contrastarla agendo sui tassi di interesse è fortemente limitata anche dal fardello costituito dal debito pubblico di alcuni paesi. Ma un eccessivo indebolimento dell'euro, peggiora la bilancia dei pagamenti per l'approvvigionamento energetico, alimentando le cause stesse dell'inflazione. Finora abbiamo registrato un'inflazione dei prezzi al consumo intorno al 8% su base annua, ma quella dei prezzi del produttore sta viaggiando a oltre il 30%. Questo scenario costituisce un ulteriore motivo di incertezza sul futuro mantenimento da parte degli investitori degli asset in euro e alimenta la spirale recessiva che incombe sull'Europa. La recessione colpirà duro, specialmente in paesi con un elevato debito privato e non mi stupirebbe vedere EUR/USD sotto 0,90. Ma questo scenario dipenderà essenzialmente dalla (in)capacità dei governi e della BCE di contrastarlo, whatever it takes.

Ottima risposta, grazie. C'è molto su cui riflettere in queste tue righe.. non che sia la verità assoluta, ma sicuramente è fonte d'ispirazione per ulteriori ricerche. OK!