Finanziamento, Sviluppo Italia e dissidio fra i soci

Verm & Solitair

Legal Opinionist
Registrato
22/5/00
Messaggi
1.624
Punti reazioni
21
Sembra assai strano, ma Sviluppo Italia boccerebbe un ottimo progetto per dissidio tra il socio accomandatario (autore del progetto) e soci accomandanti (che hanno strumentalizzato il dissidio, avendo cointeressenze in altre società). Bah (ricordiamo quando scrivemmo sul Pensatore Bah).
 
E poi le procedure di verifica dei presupposti per il finanziamento avvengono sulla base di regole rigide e con trasparenza?
 
ma c'è qualche riferimento di legge che dispone la mancata concessione dei contributi statali (leggi 236/93, ex 44, etc.) in caso di dissidi tra soci?
sarei davvero curioso di avere notizie in merito da chi ne sappia qualcosa
 
Scritto da Verm & Solitair
E poi le procedure di verifica dei presupposti per il finanziamento avvengono sulla base di regole rigide e con trasparenza?

sembra anomalo che la concessione di contibuti statali a chi ha regolarmente presentato istanza secondo i termini di legge avvenga secondo modalità non trasparenti e presunti regolamenti interni che possano, all'esterno, apparire in contrasto con le norme del codice civile
 
bepp
.proprio oggi sono andato ad AGRICA (unione delle cooperative) ad Agrigento per informarvi sullo stato attuale della domanda di un progetto presentato dalla mia cooperativa in seno alla legge 19/luglio/1993 n.236. (progetto fertilità) sviluppo italia...mi sa che dovrò fare un corso super accelerato di legislazione sulla cooperazione sociale ...che serve sempre in questo campo

l'indirizzo di sviluppo italia è 00187 via calabria n° 46, Roma
.poi c'è quest'altro 00138 via campo nell'elba, 30 Roma tel 06421601..oppure www.sviluppoitalia.it

...circa i quesito da te prospettato non posso esserti d'aiuto in maniera diretta ma mi posso informare;.....forse Banca Etica o Cosis potrebbero dissipare tale dubbio!
 
.....se non erro i accomandatari sono gli unici amministratori della società e i soci accomandanti non possono in nessun modo compiere atti di ordinaria amministrazione, tuttavia possono prestare la loro opera sotto la direzione degl'amministratori, e se previsto dall'atto costitutivo dare pareri e autorizzazioni su determinate operazioni e compiere atti di ispezione e di sorveglianza; ...parlando di società in accomandita semplice, con poche differenze se si parla di quella in accomandita per azioni!

...non credo che un dissidio all'interno della società possa portare alla BOCCIATURA di un finanziamento pubblico....; certo che se è così si potrebbe portare al ricatto un amministratore..o fai cosme diciamo noi oppure ti mando tutto all'aria.......!

..ma si potrebbe ricorrere alla nomina di un amministratore provvisorio per ovviare a ciò?....bho!

..mi hai messo la pulce nell'orecchio, ti farò sapere!!!!!!
 
Scritto da narese
...non credo che un dissidio all'interno della società possa portare alla BOCCIATURA di un finanziamento pubblico....; certo che se è così si potrebbe portare al ricatto un amministratore..o fai cosme diciamo noi oppure ti mando tutto all'aria.......!

Hai toccato il punto nevralgico......
 
Indietro