FINCANTIERI e le attese per il 2020

66Marco

Nuovo Utente
Registrato
18/7/11
Messaggi
1.591
Punti reazioni
61
Fincantieri e le societa'' controllate Cetena e Isotta Fraschini Motori hanno sottoscritto presso l''Unione Industriali di Roma con Fim, Fiom e Uilm nazionali e l''esecutivo del coordinamento sindacale nazionale gli accordi sindacali per accedere al Fondo nuove competenze previsto all''articolo 88 del decreto Rilancio del 2020 e successive proroghe. L''obiettivo degli accordi, si legge in un comunicato, e'' quello di aggiornare e potenziare le competenze dei lavoratori al fine di supportare e accelerare i processi di transizione ecologica e digitale, indispensabili per consolidare la posizione di mercato e per cogliere le opportunita'' di business nei settori di interesse. Le principali aree di intervento dei progetti formativi saranno l''innovazione di prodotto e processo in ottica digital e green, l''efficientamento energetico e l''utilizzo di risorse sostenibili e la promozione dell''economia circolare. Il progetto prevede il coinvolgimento di circa 5.500 dipendenti, con qualifica di quadro, impiegato e operaio, per un monte ore totale di rimodulazione dell''orario di lavoro di circa 375.000 ore.
 

66Marco

Nuovo Utente
Registrato
18/7/11
Messaggi
1.591
Punti reazioni
61
Dopo diversi articoli di stampa della scorsa settimana, Fincantieri ha ufficializzato la consegna della nave da crociera `Resilient Lady` a Virgin Voyages.
La consegna della nave era inizialmente prevista a luglio ma poi rinviata su richiesta del committente. A seguito del mancato ritiro della nave da parte dell`armatore, con i risultati del 1H Fincantieri aveva registrato una svalutazione dei lavori in corso (come da principio IFRS9) da 62mn, per riflettere la valutazione aggiornata del rischio controparte.
Con la consegna della nave è da valutare se Fincantieri riporterà un reversal della svalutazione con i risultati FY22. Le nostre stime operative 2022 non includono il recupero della svalutazione con quindi un beneficio potenziale a livello di EBITDA 2022 di 62mn sulla nostra attuale stima di 271mn.
Nessun impatto sui numeri 2023-24 dalla notizia.
 

66Marco

Nuovo Utente
Registrato
18/7/11
Messaggi
1.591
Punti reazioni
61
Equita Sim conferma la raccomandazione hold e il prezzo obiettivo a 0,49 euro su Fincantieri (-0,55% a 0,541 euro) dopo che il gruppo ha "ufficializzato la consegna della nave da crociera Resilient Lady a Virgin Voyages. La consegna della nave era inizialmente prevista a luglio ma poi rinviata su richiesta del committente. A seguito del mancato ritiro della nave da parte dell`armatore, con i risultati del primo semestre Fincantieri aveva registrato una svalutazione dei lavori in corso (come da principio Ifrs9) da 62 mln euro, per riflettere la valutazione aggiornata del rischio controparte. Con la consegna della nave e'' da valutare se Fincantieri riportera'' un ''reversal'' della svalutazione con i risultati 2022. Le nostre stime operative 2022 non includono il recupero della svalutazione con quindi un beneficio potenziale a livello di Ebitda 2022 di 62 mln sulla nostra attuale stima di 271 mln. Nessun impatto sui numeri 2023-2024 dalla notizia".
 

66Marco

Nuovo Utente
Registrato
18/7/11
Messaggi
1.591
Punti reazioni
61
Fincantieri ha annunciato ieri di aver firmato un nuovo contratto con il Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti - Direzione degli Armamenti Navali (NAVARM), il contratto per la realizzazione di una nuova unità Navale Idro-Oceanografica Maggiore (N.I.O.M.) destinata all`Istituto Idrografico della Marina italiana. La consegna della nave è prevista per il 2026.
Il valore complessivo del contratto è di circa 280 mn (o c6% dell`order intake da noi atteso sul 2022E).
 

hawkeye

no comment
Registrato
11/1/15
Messaggi
8.655
Punti reazioni
230
Auguri di Buon Natale a tutti.

E un saluto a George che da tempo non si fa vivo nel treddo.
 

66Marco

Nuovo Utente
Registrato
18/7/11
Messaggi
1.591
Punti reazioni
61
La Stampa di sabato ritorna a parlare della commessa da 1.5 bn per due fregate più opzione per una aggiuntiva della Marina Militare greca. Nell`articolo si sottolinea come la decisione di affidamento della commessa dovrebbe arrivare ad inizio 2023 (in linea con quanto indicato dal CEO Folgiero in una recente intervista) e ribadisce che sono rimasti in gara solo Fincantieri e il gruppo francese Naval Group. Pensiamo che (FCT.MI) sia ben posizionata per vincere questa importante commessa anche alla luce del recente MoU con il gruppo Onex Shipyards & Technologies per la gestione dei cantieri navali greci di Elefsis (dove potenzialmente verranno eseguiti i programmi di costruzione delle navi).
 

66Marco

Nuovo Utente
Registrato
18/7/11
Messaggi
1.591
Punti reazioni
61
Fincantieri ha comunicato da poco il piano industriale 2023-27, che prevede i seguenti target finanziari al 2025 e 2027: ricavi pari rispettivamente a 8.8 mld e 9.8 mld, EBITDA margin circa 7% e circa 8%, PFN/EBITDA attesa a 4.5-5.5x e 2.5-3.5x rispettivamente.
Le attese del management sono di generare utile netto a partire dal 2025.
 

pc-1000

Nuovo Utente
Registrato
8/12/22
Messaggi
33
Punti reazioni
3
FINCANTIERI - Possibile commessa da 1,5 miliardi in Grecia
Oggi 14:44 - WS
 

66Marco

Nuovo Utente
Registrato
18/7/11
Messaggi
1.591
Punti reazioni
61
Il Sole 24 Ore riporta oggi un articolo che torna sul tema della gara da 1.5bn per 3 fregate (+1 in opzione) destinate alla marina militare greca. L`articolo non riporta particolari novità rispetto a quanto recentemente riportato da altre fonti giornalistiche e dal top management di Fincantieri:
- Fincantieri e Naval Group sono le due società rimaste in gara;
- Il governo greco punta ad arrivare ad una decisione finale sull`assegnazione possibilmente entro la fine di gennaio 2023;
- la proposta tecnica di Fincantieri dovrebbe essere superiore a quella di Naval Group (per livello tecnologico delle navi proposte) ma Naval Group conta sul supporto del governo francese.
Si tratta di un ordine potenzialmente importante per Fincantieri data la storica buona marginalità di ordini di questo tipo e il miglior ciclo di pagamenti rispetto al settore crocieristico. Dopo i recenti accordi con il gruppo americano Onex per la gestione dei cantieri greci di Elefsis (che verranno utilizzati per la costruzione delle navi), riteniamo che Fincantieri abbia buone chance di vedersi assegnato l`ordine
 

66Marco

Nuovo Utente
Registrato
18/7/11
Messaggi
1.591
Punti reazioni
61
Fincantieri, attraverso la controllata americana Fincantieri Marine Group, ha firmato un contratto con Crest Wind, joint venture tra Crowley ed Esvagt, per la progettazione e la costruzione di un Service operation vessel (Sov). La nave, informa un comunicato, avra'' una lunghezza di 88 metri, sara'' realizzata presso lo stabilimento di Bay Shipbuilding ed entrera'' in servizio nel 2026. L''unita'' servira'' con un noleggio a lungo termine il Coastal Virginia Offshore Wind, parco eolico negli Stati Uniti di Dominion Energy. Le unita'' Sov sono utilizzate per il trasporto di tecnici addetti alla manutenzione e al monitoraggio del funzionamento delle turbine eoliche in mare. Crowley e'' una delle principali aziende che supporta il mercato eolico offshore statunitense, mentre Esvagt e'' il principale fornitore di servizi Sov in Europa. "Con questo ordine Fincantieri ribadisce di essere prime mover nel settore delle navi a supporto dell''eolico offshore, che nei prossimi anni fara'' convergere ingenti investimenti", afferma Pierroberto Folgiero, amministratore delegato di Fincantieri, sottolineando che, "come abbiamo affermato nel piano industriale, la spinta verso la decarbonizzazione ci consentira'' di rafforzare ulteriormente il posizionamento competitivo e il carattere distintivo del nostro modello, al contempo sviluppando le sinergie in tutto il core business per valorizzare le competenze del gruppo". L''unita'' per Crest Wind si aggiunge alle dieci in portafoglio di tipo Construction Service Operations Vessel (Csov) o Sov e di due posacavi. Grazie al suo know-how e alla leadership nella costruzione di queste navi, il gruppo punta a cogliere le opportunita'' derivanti dalla crescita della potenza installata a livello mondiale prevista nel 2030 e del fabbisogno addizionale di oltre 150 unita'' per l''installazione e manutenzione dei campi eolici.