Fiscal cliff

serenanotte

in divenire
Registrato
25/2/08
Messaggi
10.224
Punti reazioni
505
http://intermarketandmore.finanza.com/fiscal-cliff-accordo-ora-o-mai-piu-51956.html

Fiscal Cliff: accordo ora o mai più
Scritto il 28 dicembre 2012 alle 15:13 da Dream Theater

Siamo agli sgoccioli ma tecnicamente i tempi sono ancora sufficienti. Ma a chi conviene il fiscal cliff?
Ormai siamo agli sgoccioli, e difficilmente ci sarà il nulla di fatto. Oggi, a Washington il presidente Obama si incontra con i leader repubblicani e democratici. E ‘ probabile l’arrivo di una nuova proposta per evitare il baratro fiscale. Nel caso in cui vi sia un accordo è ancora tecnicamente possibile per ottenerne l’approvazione entro il 31 dicembre: il Senato è già a Washington quindi sono teoricamente pronti a votare mentre la Camera si riunirà Domenica sera. Quindi siamo veramente in extremis. Tuttavia, i commenti di entrambe le parti ieri non hanno mostrato progressi nei negoziati

“Il Congresso fallirà e non credo che troveremo un accordo entro la fine dell’anno”, ha detto il leader della maggioranza al Senato, il democratico Harry Reid, durante la seduta del 28 dicembre. La colpa del fallimento, secondo Reid, sarebbe dei repubblicani, e in particolare dello speaker della Camera John Boehner, che sembra preoccuparsi “di più di mantenere la sua carica”, piuttosto che di agire nell’interesse dei cittadini.
Cos’è il fiscal cliff. L’espressione fiscal cliff si riferisce a un aumento consistente delle tasse e a un taglio drastico della spesa pubblica, misure che entreranno in vigore dal primo gennaio 2013, se i democratici e i repubblicani non troveranno un accordo su come ridurre il debito pubblico statunitense.
Il rischio più concreto, nel caso in cui non venga trovata una soluzione, è il crollo del pil statunitense, che porterebbe il paese verso la recessione economica e potrebbe innescare una crisi economica globale. Il primo a usare l’espressione fiscal cliff è stato il governatore della Federal reserve Ben Bernanke. Il Washington Post ha creato un’infografica per spiegare il meccanismo. (Internazionale)



Cliccate sull’immagine per ingrandirla

La prima preoccupazione è sicuramente inerente alla scadenza delle agevolazioni fiscali.Sotto quiesto aspetto il fiscal cliff colpirà praticamente tutti gli americani (88%) con un aumento di tasse pagate pari a circa 3.500 dollari all’anno. E poi la payroll tax, cioè le detrazioni automatiche sul reddito, che salirà dal 4,2 al 6,2%. E poi ancora le detrazioni riservate alle famiglie le quali caleranno a 500 dollari per bambino (dimezzate), e tornerà in vigore la “marriage penalty”, che praticamente portarà maggiori oneri fiscali alle coppie sposate che faranno la dichiarazione congiunta. Il prelievo sui capital gains aumenterà dal 15 al 20%, i dividendi saranno tassati come un normale reddito. L’imposta di successione salirà e andrà dal 35% al 55% su tutto quello che eccede un milione di dollari.

TOTALE: 536 miliardi di Dollari, senza poi dimenticare un altro elemento. Due milioni di disoccupati perderanno i sussidi e partiranno tagli alla spesa per circa 110 miliardi di USD all’anno per 10 anni. Un taglio in totale pari a 1.2 trillioni di USD! Più tutti gli altri che qui non ho elencato.

Non dimentichiamo però una cosa, che risulta evidente da quanto ho scritto: alla fine il tracollo del fiscal cliff non conviene a nessuno. Congresso compreso. Quindi dò per scontato l’arrivo di un accordo. E se questo accordo non dovesse arrivare? Ecco un’eccellente occasione per la ripartenza della volatilità.
 
Ultima modifica:
ok

l'alternativa?

stampare ancora
 
Indietro