Fisco e capital gain

sardi75

Nuovo Utente
Registrato
14/3/02
Messaggi
1.176
Punti reazioni
36
Le banche sono tentute a comunicare al fisco i nominativi dei clienti che hanno scelto il regime dichiarativo dei capital gain invece di quello (più comune) amministrato?

In caso negativo se il fisco volesse fare accertamenti su una persona, non sapendo dove questa ha il conto, fa una rogatoria a tutte le banche del paese?
 
Ultima modifica:
...

Sì, un aspetto importante del regime dichiaritivo è la perdita dell' anonimato fiscale.
Esiste l' Anagrafe centrale dei conti correnti e depositi istituito da qualche anno e gestito da SIA, che oggi evita la procedura da te descritta, dovendo inviare richieste di accesso dati bancari a tutti gli istituti con tempi biblici
 
Re: ...

Scritto da redon
Sì, un aspetto importante del regime dichiaritivo è la perdita dell' anonimato fiscale.
Esiste l' Anagrafe centrale dei conti correnti e depositi istituito da qualche anno e gestito da SIA, che oggi evita la procedura da te descritta, dovendo inviare richieste di accesso dati bancari a tutti gli istituti con tempi biblici

Credo di capire ma volevo dire qualcosa di più specifico.

L'anagrafe centrale dei conti correnti e depositi, da quel che dici, riguarda tutti indistintamente.

Quello che chiedevo è se venga fatto uno specifico elenco solo dei titolari di depositi e conti correnti che abbiano chiesto il regime dichiarativo dei capital gain.

Quanto all'anonimato fiscale il discorso è un po' ambiguo. Quando ci fu il c.d. scudo fiscale, che doveva proteggere appunto l'anonimato, lessi un bell'articolo che diceva che l'anonimato, in generale, dura finchè non c'è un accertamento. Se c'è un accertamento viene fuori tutto compreso il nome di chi ha fatto le operazioni in questione. A quel punto le operazioni potevano anche essere nominative.

Nel nostro caso (regime amministrato) più che di anonimato si deve parlare di dichiarazione o meno nel modello unico.
 
...

La tua risposta sta nell' art. 10 del Dlgs. 461/97.
quanto a scudo e altro...vedi messaggi privati:)
 
scudo...

essendo interessato anch'io all'argomento ho provato a leggermi l'articolo da te esposto (art. 10 del Dlgs. 461/97.)

con meno che scarsi risultati

mi sembra, nella mia poca competenza fiscale,

che tra amministrato e dichiarativo,
oltre a tutte le storie su plusvalenza minusvalenza
ti compili il tuo modulino e ti gestisci i tuoi conti sparsi in giro etc etc..

ci siano comunque alcune differenze tra anonimato "reale"
e libertà di movimento dell'investore,
nel senso di gestione autonoma del proprio capital gain e della relativa tassazione "non-anonima",
che non vengano espresse in maniera chiara
(lì dove ho cercato).

questo specifico elenco cui faceva riferimento sardi75 esiste?
e magari gli è riservata un'attenzione particolare da parte del fisco?


è sempre meglio per noi traders mortali rimanere in amministrato se non abbiamo esigenze specifiche?? in ogni caso?

forse sono solamente impazzito,
colpa del caldo di questo giorni... :eek:


grazie
 
non

capisco il quesito:confused:
 
colpa mia (e del caldo...)

E' sempre e comunque meglio per un semplice trader che ha un solo account, una sola sim.online,
il regime amministrato?

Sempre??

Non esiste nessun vantaggio non evidente nel farsi la dichiarazione da soli?


Tanx, very kind



ps il mio nick non lascia scampo alla chiarezza, lo so...
 
nel trading

E' consigliabile il risparmio amministrato, meno oneroso in termini di documentazione. Il dichiarativo trova un senso per l' investitore che compie poche operazioni, lo fa in prospettiva dell' utile e non del gain ed ha un reddito non elevato. Praticamente per l' investitore piccolo e diffuso, che non faccia trading, al quale spesso converrebbe, ai fini dell' investimento di medio lunga durata il regime dichiarativo anziché quello amministrato
 
redon.
approfitto della tua competenza per n quesito.
sono stato per due anni in regime dichiarativo, per cui ho ricevuto dalla banca il modulo sui dividendi percepiti (non ricordo come si chiama) per completare il quadro sul crdito d'imposta (regolarmente compilato).

ho poi fatto una decina di operazioni nei due anni su cw (alcune in gain alcune in perdita). cosa avrei dovuto fare al rigurado per il trattamento fiscale.

sono un po' preoccupato.
cosa ricschio? se sono in torto posso sanare la situazione?

:(
 
a occhio e croce

come già specificato in altro thread, direi solo sanzione amministrativa pecuniaria. Da fare poco, se non riaprono sanatorie.
 
Indietro