fissato bollato

newfutures

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
13/9/03
Messaggi
299
Punti reazioni
14
chiedo gentilmente info riguardo all'uso di questa modalita' nel trasferimento titoli azionari tra persone fisiche diverse

si puo' fare con qualsiasi azione anche non sospesa dalle contrattazioni ?
anche con CW ?
anche a prezzi distanti dall'attuale prezzo di mercato ?
sono necessarie altre pratiche (esempio dal notaio) ?

la banca quanto chiede ? quella del venditore o dell'acquirente ?

saranno mica ad esempio quelle sotto riportate ? ( che salasso)

grazie

SERVIZIO TITOLI - SERVIZIO TITOLI PER CONTO DI PORTATORI- Autentica girate: aumento da € 35,00 a € 50,00 delle comm. fisse per certificato e spese perogni fissato bollato 0,30% del controvalore con minimo di € 300,00;- esecuzione di mandati specifici per operazioni su valori mobiliari per conto di portatori odepositanti: aumento del max. dallo 0,20% allo 0,25% dell’importo oggetto della transazione eaumento del minimo da € 130,00 a € 150,00.
 
Ultima modifica:
Si può fare per titoli quotati e non. Non c'è obbligo del notaio. Sulle modalità precise meglio informarsi direttamente in banca.

Ecco cosa ho scritto riguardo Parmalat.

Per il sorgere di plus e minusvalenze, la normativa sul capital gain parla di "cessioni a titolo oneroso" (vendite) e non parla di annullamenti, ecc. Ci sono, pero', pareri che sono per il riconocimento della minusvalenza anche in caso di fallimento. C'e', quindi, incertezza sulla natura fiscale delle perdite derivanti dall'azzeramento del capitale di una societa', e comunque la cosa necessiterebbe di parecchio tempo.

Per contabilizzare al piu' presto le minusvalenze basta trovare qualcuno a cui non costi nulla detenere Parmalat nel dossier titoli, concordare una vendita a prezzo simbolico, comprare il fissato bollato (per assolvere al bollo: il costo è proporzionale al valore della compravendita, quindi costera' pochissimo) e dare istruzioni all'intermediario di trasferire le azioni al dossier del compratore. Sulle modalita' di attuazione e' preferibile chiedere dettagli al vostro intermediario.

Nel caso in cui l'impiegato/promotore cadesse dalle nuvole: articolo 6, comma 3 della Legge sul capital gain (Decreto Legislativo del 21/11/1997 n. 461): "I soggetti di cui al comma 1 applicano l'imposta sostitutiva di cui all'articolo 5 su ciascuna plusvalenza, differenziale positivo o provento percepito dal contribuente.Qualora tali soggetti non siano in possesso dei dati e delle informazioni necessarie per l'applicazione dell'imposta sostitutiva di cui al comma 1 sulle plusvalenze e gli altri redditi ivi indicati, devono richiederle al contribuente, anteriormente all'effettuazione delle operazioni (il fissato bollato, n.d.r.); il contribuente comunica al soggetto incaricato dell'applicazione dell'imposta i dati e le informazioni richieste, consegnando, anche in copia, la relativa documentazione, o, in mancanza, una dichiarazione sostitutiva in cui attesti i predetti dati ed informazioni".

A trasferimento effettuato, l'intermediario dovra' calcolare la minusvalenza sulle Parmalat vendute (il prezzo di vendita e' sul fissato bollato), mentre all'acquirente saranno immesse nel dossier le azioni Parmalat al costo, simbolico, indicato sul fissato bollato. Quando le azioni saranno annullate, l'acquirente le perdera', ma a lui non sara' costato nulla. A titolo informativo: al mercato grigio di Londra, le azioni vengono trattate a 0.07-0.09
Ultimo: i fissati bollati non sono facili da trovare, in genere ne sono provviste le rivendite nei pressi dei Tribunali.
 
FACCIAMO UN ESEMPIO
uno non vuole perdere le minusvalenze dell'anno 2000 (30.000 euro)
compra 31000 euro di una qualsiasi azione o di un certificates
e vende con fissato bollato ad un amico a prezzo simbolico
l'amico puo' usufruire della minus ancora x 4+1 anni
eventualmente poi si puo' fare una operazione inversa

si puo fare ?

e se uno vende a se stesso ma su un deposito titoli presso banca diversa ?

grazie anticipatamente
 
puo' davvero interessare a tutti :D :D :D
 
Indietro