Fitch ha tagliato il rating dell'Italia

Rivoglio-La-Lira

Nuovo Utente
Registrato
21/11/11
Messaggi
1.551
Punti reazioni
33
Fitch ha tagliato il rating dell'Italia

L'agenzia americana ha tagliato il rating dell'Italia di due livelli, portandolo ad "A-" da "A+", con outlook negativo. Rivisto il giudizio anche su Spagna, Belgio, Cipro, Irlanda, e Slovenia

MILANO - Fitch ha tagliato il rating dell'Italia di due notch portandolo da 'A+' ad 'A-' con outlook negativo. Fitch ha tagliato anche il rating della Spagna, passato da AA- ad A, con outlook negativo. La decisione, si legge nel comunicato, è stata presa in seguito al deterioramento del quadro macroeconomico, e come riflesso della crisi del debito europea.
L'agenzia internazionale Fitch è intervenuta contestualmente sul debito di altri Paesi dell'Eurozona. Si tratta del Belgio, il cui rating passa da 'AA+' ad 'AA' con outlook negativo; Cipro da 'BBB' a 'BBB-' con outlook negativo; Irlanda per cui si conferma 'BBB+' ma con outlook negativo; Slovenia da 'AA-' ad 'A' (outlook negativo).

Dopo il downgrade dell'Italia da parte di Standard & Poor's, Fitch la più piccola delle 'tre sorelle' del rating e l'unica ad avere nell'azionariato capitali europei (per la precisione, francesi), ha confermato la decisione di tagliare il rating dell'Italia.
L'outlook negativo indica per tutti i paesi che esiste poco più del 50% di possibilità di un'ulteriore riduzione del rating nell'arco dei prossimi due anni. Come indicato nella nota del 16 dicembre, fitch ha valutato i rating sovrani sia alla luce del rischio sistemico a livello europeo che dei fattori specifici a ogni paese. Nell'ottica della crisi sistemica, e dunque della maggiore difficoltà ad accedere al mercato dei capitali, fitch ha levato un "notch" al rating di Belgio, Italia, Slovenia e Spagna ma non a quello di Cipro e Irlanda che hanno già perso la possibilità di accedere al mercato e di conseguenza richiesto l'aiuto della comunità internazionale. I fattori interni hanno inoltre spinto fitch a levare un ulteriore livello a italia, spagna e slovenia (quindi per tutti e tre i paesi una riduzione di due livelli). Per l'Italia il problema rilevato da fitch è quello della dinamica del debito pubblico.


(27 gennaio 2012)

:angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall:

MA BASTAAAAAAAAAA !!!!!!!!!!!
 
Ma pensavate fosse finito tutto?
Guardate il casino che c'è in giro, e poi l'intelligentissimo Monti :wall: che ha aumentato le accise su gasolio e benzina.

Mossa che manco un ********* handicappato mentale avrebbe fatto...
 
Fitch ha tagliato il rating dell'Italia

L'agenzia americana ha tagliato il rating dell'Italia di due livelli, portandolo ad "A-" da "A+", con outlook negativo. Rivisto il giudizio anche su Spagna, Belgio, Cipro, Irlanda, e Slovenia

MILANO - Fitch ha tagliato il rating dell'Italia di due notch portandolo da 'A+' ad 'A-' con outlook negativo. Fitch ha tagliato anche il rating della Spagna, passato da AA- ad A, con outlook negativo. La decisione, si legge nel comunicato, è stata presa in seguito al deterioramento del quadro macroeconomico, e come riflesso della crisi del debito europea.
L'agenzia internazionale Fitch è intervenuta contestualmente sul debito di altri Paesi dell'Eurozona. Si tratta del Belgio, il cui rating passa da 'AA+' ad 'AA' con outlook negativo; Cipro da 'BBB' a 'BBB-' con outlook negativo; Irlanda per cui si conferma 'BBB+' ma con outlook negativo; Slovenia da 'AA-' ad 'A' (outlook negativo).

Dopo il downgrade dell'Italia da parte di Standard & Poor's, Fitch la più piccola delle 'tre sorelle' del rating e l'unica ad avere nell'azionariato capitali europei (per la precisione, francesi), ha confermato la decisione di tagliare il rating dell'Italia.
L'outlook negativo indica per tutti i paesi che esiste poco più del 50% di possibilità di un'ulteriore riduzione del rating nell'arco dei prossimi due anni. Come indicato nella nota del 16 dicembre, fitch ha valutato i rating sovrani sia alla luce del rischio sistemico a livello europeo che dei fattori specifici a ogni paese. Nell'ottica della crisi sistemica, e dunque della maggiore difficoltà ad accedere al mercato dei capitali, fitch ha levato un "notch" al rating di Belgio, Italia, Slovenia e Spagna ma non a quello di Cipro e Irlanda che hanno già perso la possibilità di accedere al mercato e di conseguenza richiesto l'aiuto della comunità internazionale. I fattori interni hanno inoltre spinto fitch a levare un ulteriore livello a italia, spagna e slovenia (quindi per tutti e tre i paesi una riduzione di due livelli). Per l'Italia il problema rilevato da fitch è quello della dinamica del debito pubblico.


(27 gennaio 2012)

:angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall:

MA BASTAAAAAAAAAA !!!!!!!!!!!
Be visto che tu rivuoi la lira dovresti essere contento di questo declassamento........:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D
 
Allora lunedì si sale!!! :D
 
ma hanno perfettamente ragione
 
Arrivano sempre in ritardo....poveracci
 
al meeting di davos
Draghi: «Evitata una crisi di liquidità»
Il presidente della Bce: «In cinque mesi la zona euro ha fatto progressi notevoli. Lo spread? Potente motore di riforma»

MILANO- Dalla crisi («i quattro anni più lunghi della mia vita»), ai mercati («Stanno esagerando il rischio del debito»), passando per il credit crunch («sappiamo di aver evitato un'enorme crisi di liquidità»). Mario Draghi a Davos è intervenuto al Forum economico mondiale e ha toccato alcuni aspetti che in questo momento tengono l'Eurozona con il fiato sospeso.

I PROGRESSIE LO SPREAD- La buona notizia per il presidente della Bce è che la zona euro ha fatto progressi «notevoli» contro la crisi debito che la attanaglia dal dicembre 2009. «È sbalorditivo. Se fate un raffronto tra la situazione di oggi e quella degli ultimi cinque mesi, la zona euro e tutto un altro mondo». Secondo Draghi, «per molti anni gli spread non hanno assolutamente rispecchiato i diversi livelli di rischio dei vari bond governativi» perché erano «nel complesso tutti molto bassi». Ma, in 0gni caso è stato «un potente motore di riforma». Certo è che «i mercati stanno esagerando il rischio del debito governativo e questo può andare avanti ancora un po'». Dopo la crisi finanziaria del 2008, ha precisato il presidente dell'Eurotower, «tutto ad un tratto sono diventati superiori al rischio effettivo». Draghi ha chiarito che negli ultimi anni abbiamo assistito «a un accumulo di leva finanziaria sia eccessivo sia scorrettamente percepito».

L'EUROPA- Ma il lavoro non è finito in Europa. «Il Fiscal Compact, questa serie di regole a livello di trattato, è molto importante perchè di base sottrae dalla sovranità nazionale parte della discrezionalità della politica fiscale». «È necessario affinché i Paesi dell'euro area tornino ad avere fiducia l'uno nell'altro. Ed è importante perchè è un primo passo, anche se timido, verso un unione fiscale». La Banca centrale europea «difende la stabilità dei prezzi in entrambe le direzioni». Mario Draghi, ha evocato l'ipotesi che la politica monetaria debba anche prendere in considerazione il rischi al ribasso dell'inflazione.

Redazione Online 27 gennaio 2012 | 15:36
 
fra un po gettano la spugna x me
 
Grecia,a un passo da accordo swap debito
Ministro Finanze greco,offerta Atene non oltre 15 febbraio
27 gennaio, 19:20

ROMA, 27 GEN - ''Siamo a un passo'' dalla conclusione dell'accordo con i creditori privati sulla ristrutturazione volontaria del debito della Grecia. Lo dichiara in una nota il ministro delle Finanze greco Evangelos Venizelos sottolineando come il governo di Atene debba definire ''una serie di importanti questioni sul nuovo piano di aiuti internazionali''. Venizelos spiega quindi che ''tutti questi temi devono essere definiti in pochi giorni' cosicche' l'offerta sia pronta entro il 15 febbraio''.
 
Fitch ha tagliato il rating dell'Italia

L'agenzia americana ha tagliato il rating dell'Italia di due livelli, portandolo ad "A-" da "A+", con outlook negativo. Rivisto il giudizio anche su Spagna, Belgio, Cipro, Irlanda, e Slovenia

MILANO - Fitch ha tagliato il rating dell'Italia di due notch portandolo da 'A+' ad 'A-' con outlook negativo. Fitch ha tagliato anche il rating della Spagna, passato da AA- ad A, con outlook negativo. La decisione, si legge nel comunicato, è stata presa in seguito al deterioramento del quadro macroeconomico, e come riflesso della crisi del debito europea.
L'agenzia internazionale Fitch è intervenuta contestualmente sul debito di altri Paesi dell'Eurozona. Si tratta del Belgio, il cui rating passa da 'AA+' ad 'AA' con outlook negativo; Cipro da 'BBB' a 'BBB-' con outlook negativo; Irlanda per cui si conferma 'BBB+' ma con outlook negativo; Slovenia da 'AA-' ad 'A' (outlook negativo).

Dopo il downgrade dell'Italia da parte di Standard & Poor's, Fitch la più piccola delle 'tre sorelle' del rating e l'unica ad avere nell'azionariato capitali europei (per la precisione, francesi), ha confermato la decisione di tagliare il rating dell'Italia.
L'outlook negativo indica per tutti i paesi che esiste poco più del 50% di possibilità di un'ulteriore riduzione del rating nell'arco dei prossimi due anni. Come indicato nella nota del 16 dicembre, fitch ha valutato i rating sovrani sia alla luce del rischio sistemico a livello europeo che dei fattori specifici a ogni paese. Nell'ottica della crisi sistemica, e dunque della maggiore difficoltà ad accedere al mercato dei capitali, fitch ha levato un "notch" al rating di Belgio, Italia, Slovenia e Spagna ma non a quello di Cipro e Irlanda che hanno già perso la possibilità di accedere al mercato e di conseguenza richiesto l'aiuto della comunità internazionale. I fattori interni hanno inoltre spinto fitch a levare un ulteriore livello a italia, spagna e slovenia (quindi per tutti e tre i paesi una riduzione di due livelli). Per l'Italia il problema rilevato da fitch è quello della dinamica del debito pubblico.


(27 gennaio 2012)

:angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall:

MA BASTAAAAAAAAAA !!!!!!!!!!!

siamo già stati declassati da S&P era logico aspettarsi un downgrade dalle altre due sorelle
devono seguirsi altrimenti perdono di credibilità
non puoi essere bocciato da una e promosso dall'altra

Penso che i mercati scontano un downgrade unico sapendo già che una segue l'altra
 
siamo già stati declassati da S&P era logico aspettarsi un downgrade dalle altre due sorelle
devono seguirsi altrimenti perdono di credibilità
non puoi essere bocciato da una e promosso dall'altra

Penso che i mercati scontano un downgrade unico sapendo già che una segue l'altra

:D saliamo lunedì :D :bow:
 
siamo già stati declassati da S&P era logico aspettarsi un downgrade dalle altre due sorelle
devono seguirsi altrimenti perdono di credibilità
non puoi essere bocciato da una e promosso dall'altra

Penso che i mercati scontano un downgrade unico sapendo già che una segue l'altra

Invece hanno perso l'occasione di mostrare indipendenza, lungimiranza ed obiettività.
Potevano segnare un goal a porta vuota.
 
Mi sa che non cambierà la situazione a breve. Credo che Lunedi sia un po come oggi. Magari ecco... non si salirà, ma le devastazioni dei mesi passati dovrebbero essere terminate...dovrebbero.. :(
Questo declassamento non aggiunge niente a quello che già si sapeva o immaginava.
 
Fitch ha tagliato il rating dell'Italia

L'agenzia americana ha tagliato il rating dell'Italia di due livelli, portandolo ad "A-" da "A+", con outlook negativo. Rivisto il giudizio anche su Spagna, Belgio, Cipro, Irlanda, e Slovenia

MILANO - Fitch ha tagliato il rating dell'Italia di due notch portandolo da 'A+' ad 'A-' con outlook negativo. Fitch ha tagliato anche il rating della Spagna, passato da AA- ad A, con outlook negativo. La decisione, si legge nel comunicato, è stata presa in seguito al deterioramento del quadro macroeconomico, e come riflesso della crisi del debito europea.
L'agenzia internazionale Fitch è intervenuta contestualmente sul debito di altri Paesi dell'Eurozona. Si tratta del Belgio, il cui rating passa da 'AA+' ad 'AA' con outlook negativo; Cipro da 'BBB' a 'BBB-' con outlook negativo; Irlanda per cui si conferma 'BBB+' ma con outlook negativo; Slovenia da 'AA-' ad 'A' (outlook negativo).

Dopo il downgrade dell'Italia da parte di Standard & Poor's, Fitch la più piccola delle 'tre sorelle' del rating e l'unica ad avere nell'azionariato capitali europei (per la precisione, francesi), ha confermato la decisione di tagliare il rating dell'Italia.
L'outlook negativo indica per tutti i paesi che esiste poco più del 50% di possibilità di un'ulteriore riduzione del rating nell'arco dei prossimi due anni. Come indicato nella nota del 16 dicembre, fitch ha valutato i rating sovrani sia alla luce del rischio sistemico a livello europeo che dei fattori specifici a ogni paese. Nell'ottica della crisi sistemica, e dunque della maggiore difficoltà ad accedere al mercato dei capitali, fitch ha levato un "notch" al rating di Belgio, Italia, Slovenia e Spagna ma non a quello di Cipro e Irlanda che hanno già perso la possibilità di accedere al mercato e di conseguenza richiesto l'aiuto della comunità internazionale. I fattori interni hanno inoltre spinto fitch a levare un ulteriore livello a italia, spagna e slovenia (quindi per tutti e tre i paesi una riduzione di due livelli). Per l'Italia il problema rilevato da fitch è quello della dinamica del debito pubblico.


(27 gennaio 2012)

:angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :angry: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall:

MA BASTAAAAAAAAAA !!!!!!!!!!!

di cosa ti meravigli? quelli di Fitch sono ebrei, non hanno mai perdonato gli italiani di aver favorito le deportazioni in germania nei campi di concentramento e sterminio della seconda guerra mondiale.
e cosi il downgrade te l'hanno rifilato oggi, 27 gennaio, nel giorno della ricorrenza della Soah.
 
in che senso quelli di fitch sono ebrei?
 
Potremmo assistere a una reazione uguale e contraria al downrating di S&P?
 
di cosa ti meravigli? quelli di Fitch sono ebrei, non hanno mai perdonato gli italiani di aver favorito le deportazioni in germania nei campi di concentramento e sterminio della seconda guerra mondiale.
e cosi il downgrade te l'hanno rifilato oggi, 27 gennaio, nel giorno della ricorrenza della Soah.

Sì ... ma ora basta, abbiamo capito che siamo delle cacche ma BASTA però adesso ... sempre parlano stè agenzie di reating ... per far scendere l'indice così mangiano anche loro
 
Indietro