Fondo flessibile asiatico isin LU0299668185

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
  • SONDAGGIO: Potrebbe interessarti una sezione "Trading Sportivo"?

    Ciao, ci piacerebbe sapere se potrebbe interessarti l'apetura di una nuova sezione dedicata unicamente al trading sportivo o betting exchange. Il tuo voto è importante perchè ci consente di capire se vale la pena pianificarla o no. Per favore esprimi il tuo voto, o No, nel seguente sondaggio: LINK.
    Puoi chiudere questo avviso premendo la X in alto a destra.

    Staff | FinanzaOnline

roberto

ReMember
Registrato
7/8/99
Messaggi
13.686
Punti reazioni
818
Quando 4 anni fa mi sono chiesto dove sarebbe stato più opportuno impiegare i modelli quantitatitivi che sviluppavo per terzi, utilizzandoli direttamente, non ho dovuto pensarci molto. L'Asia. Anzi la Cina !

Stava per arrivare il secolo asiatico. Un secolo di occasioni e grandi soddisfazioni. La Cina prometteva rialzi spettacolari e tutti volevano partecipare in qualche modo al banchetto.

Mi ero studiato per bene i vincitori. Fondi che facevano della volatilità l'arma vincente per primeggiare in classifica e che avevano accesso alle quote di investimento concesse dal Governo Cinese. Mi recai a Shanghai con una nutrita serie di appuntamenti organizzati per capire se c'era spazio per collaborare. Strumenti concepiti nella vecchia Europa che funzionavano con mercati asfittici sarebbero stati perfetti per mercati esuberanti e non ancora maturi.

Tornai sconsolato. L'idea di limitare la volatilità impiegando strumenti di gestione evoluti non interessava. Anzi non solo non interessava, ma veniva considerata deleteria. Chi comprerà mai un fondo asiatico che vuole limitare i rischi ? Niente rischi niente rendimenti !
E poi i gestori dei fondi hedge che visitai me lo dissero chiaramente. Usiamo tutta la leva che possiamo e non andiamo short. Sono soldi buttati shortare un mercato che sale e basta. E in ogni caso abbiamo troppi limiti per vendere allo scoperto. E i derivati sull’indice locale ancora non “esistevano”.

Avevano ragione loro. Nei 4 mesi successivi il mercato salì praticamente senza soste di un altro 60% abbondante.

Ero comunque convinto che qualcosa di buono si sarebbe potuto realizzare anche operando dalla vecchia Europa, ed in particolare dalla Svizzera. E il 15/05/2007 il fondo CB Accent Asian Century cominciò ad operare. Con prudenza. Estrema prudenza. Un fondo di diritto lussemburghese non e’ un hedge. C’erano le procedure da sviluppare. I flussi da verificare. I controlli da implementare. Durante i primi 6 mesi di vita un fondo può rimanere sottoinvestito proprio per sviluppare queste attività senza l’assillo delle segnalazioni. Dopo, deve essere investito almeno il 50% in strumenti finanziari quotati e almeno 2/3 di questi strumenti devono essere investiti in Asia. (dipende ovviamente dal regolamento adottato)
La borsa cinese salì di un altro 40%. Il fondo di un misero 7%. E poi successe l’inevitabile.

Il CSI 300 Scese da 5891 sino a 1607 con una perdita del 72%. Una buona metà dei fondi hedge che andai a visitare sono stati messi in seguito in liquidazione.

L’idea di un fondo flessibile non era così malsana in fondo. Era sbagliato il timing di partenza e i vincoli di investimento erano troppo stringenti. Ma il fondo e’ sopravvissuto. E al compimento del terzo anno si e’ trovato ad avere 5 stelle Morningstar. Unico 5 stelle della categoria Asia. (da dicembre sono scese a 4)

Fondi, ETF, Rendimenti, Performance, NAV |Fondi Italiani|CB-Accent Lux Asian Century A|ISIN:LU0299668185

In questi 4 anni e’ cambiato tutto e ora l’idea che una parte dei portafoglio debba essere investita in Asia non viene più considerata come inopportuna.
 
Questo e' il benchmark di gestione che utilizzo e che prevede un investimento long di titoli cinesi per il 50% e il restante 50% Cash Libor 3 m total return
 

Allegati

  • bench.jpg
    bench.jpg
    23 KB · Visite: 540
E questa e' la gestione verso benchmark (verso il benchmark di gestione, non verso il benchmark da prospetto)
 

Allegati

  • comp.jpg
    comp.jpg
    87,9 KB · Visite: 553
In questi 4 anni e’ cambiato tutto e ora l’idea che una parte dei portafoglio debba essere investita in Asia non viene più considerata come inopportuna.

Secondo me questa idea non è mai stata inopportuna. Già da tempo investo 1/3 circa dell'azionario in Asia come allocazione strategica di lungo termine.
Vorrei approfittare della tua conoscenza dei mercati asiatici per chiederti se ci sono dei titoli accessibili per un investitore retail, magari quotati in Europa o America, che consentano di accedere ad un pacchetto di azioni interessanti. Per capirci qualcosa di simile a TIP per l'Italia o Vostok Nafta per Russia (titolo quotato a Stoccolma).

Grazie :bow:
 
Secondo me questa idea non è mai stata inopportuna. Già da tempo investo 1/3 circa dell'azionario in Asia come allocazione strategica di lungo termine.
Vorrei approfittare della tua conoscenza dei mercati asiatici per chiederti se ci sono dei titoli accessibili per un investitore retail, magari quotati in Europa o America, che consentano di accedere ad un pacchetto di azioni interessanti. Per capirci qualcosa di simile a TIP per l'Italia o Vostok Nafta per Russia (titolo quotato a Stoccolma).

Grazie :bow:

Uno dei produttori di ETF piu' interessanti a mio parere e'

Van Eck Global che copre parzialmente l'area asiatica ma che ha ETF interessantissimi come agribusiness o terre rare.

Altrimenti il solito FXI US

FXI: iShares FTSE China 25 Index Fund Summary - Bloomberg
 

Ho già in ptf l'etf che replica il CSI300 emesso da C.S. e quotato in Borsa Italiana; il fatto è che vorrei una azione per il benefit fiscale recupero minus. E un titolo rappresentativo di alcune partecipazioni mi piacerebbe in termini di diversificazione. Purtroppo non ci sono più prodotti come il Certificate Benchmark di RBS che replicava l'indice azionario di Shanghai... a suo tempo è stato di certo un apripista per l'azionario cinese "vero".
 
Ho già in ptf l'etf che replica il CSI300 emesso da C.S. e quotato in Borsa Italiana; il fatto è che vorrei una azione per il benefit fiscale recupero minus. E un titolo rappresentativo di alcune partecipazioni mi piacerebbe in termini di diversificazione. Purtroppo non ci sono più prodotti come il Certificate Benchmark di RBS che replicava l'indice azionario di Shanghai... a suo tempo è stato di certo un apripista per l'azionario cinese "vero".

Ho in portafoglio un solo titolo europeo Novozymes.com | Home (che sconsideratamente ho dimezzato troppo presto)
 
roberto,
una domanda: lei teme una bolla et simila per l'Asia/Cina? Il suo fondo detiene tantissima liquidità in ptf e probabilmente per questo è sotto il bench di morningstar.
Potrebbe dare indicazioni in merito, per quale motivo un approccio tanto castigato...da padre di famiglia?
grazie per una risposta,
saluti
 
roberto,
una domanda: lei teme una bolla et simila per l'Asia/Cina? Il suo fondo detiene tantissima liquidità in ptf e probabilmente per questo è sotto il bench di morningstar.
Potrebbe dare indicazioni in merito, per quale motivo un approccio tanto castigato...da padre di famiglia?
grazie per una risposta,
saluti

'sera

attenzione il benchmark indicato da morningstar è errato ( Azionari Asia-Pacifico incl. Giappone) vedi post.n3
 
roberto,
una domanda: lei teme una bolla et simila per l'Asia/Cina? Il suo fondo detiene tantissima liquidità in ptf e probabilmente per questo è sotto il bench di morningstar.
Potrebbe dare indicazioni in merito, per quale motivo un approccio tanto castigato...da padre di famiglia?
grazie per una risposta,
saluti

Il Benchmark di Morningstar non tiene conto del fatto che il fondo sia flessibile (Morningstar assegna una delle categorie esistenti e una categoria Asia flessibile non e' prevista)

Benchmark Dichiarato (in fase di consobizzazione)
50% EUR Libor , 50% MSCI Far East USD

Benchmark Morningstar
MSCI AC Asia Pac NR USD

Bloomberg invece categorizza il fondo tra i flessibili.
 

Allegati

  • b1.jpg
    b1.jpg
    27,5 KB · Visite: 200
  • b2.jpg
    b2.jpg
    25,2 KB · Visite: 192
roberto,
una domanda: lei teme una bolla et simila per l'Asia/Cina? Il suo fondo detiene tantissima liquidità in ptf e probabilmente per questo è sotto il bench di morningstar.
Potrebbe dare indicazioni in merito, per quale motivo un approccio tanto castigato...da padre di famiglia?
grazie per una risposta,
saluti

Per quanto riguarda l'approccio castigato .... hem hem ... devo dire che al momento mi trovo al massimo del range storico dell'investimento azionario ossia long (66%) e la volatilita' degli ultimi 5 giorni e' li a dimostrarlo.

CBAACAC: CB-Accent Lux - Asian Century Summary - Bloomberg
 
'sera

attenzione il benchmark indicato da morningstar è errato ( Azionari Asia-Pacifico incl. Giappone) vedi post.n3

Invece su fondionline.it si legge una Classificazione differente: Bilanciati Azionari - Asia Pacific

FondiOnLine.it


Perchè sopra non è stata indicata la performance del benchmark a 1 Y (anno) ?
 
Invece su fondionline.it si legge una Classificazione differente: Bilanciati Azionari - Asia Pacific

FondiOnLine.it


Perchè sopra non è stata indicata la performance del benchmark a 1 Y (anno) ?

Misteri del report di bloomberg. E non c'e' nemmeno nella pagina descrittiva. Ho gia' chiesto lumi e mi hanno risposto controlliamo .... vabbe'
 

Allegati

  • bbg.jpg
    bbg.jpg
    113,6 KB · Visite: 180
  • bbg2.jpg
    bbg2.jpg
    119,7 KB · Visite: 183
penso che il benchmark indicato dal sito fondionline sia più aderente alla realtà del century
 
Come e' possibile vedere dalla pagina qui sopra le perdite conseguite nel 2008 (-21.60%) sono andate ben oltre alla media dei fondi della stessa categoria (-14.93%) e questo è stato il vero punto debole della gestione.
 
penso che il benchmark indicato dal sito fondionline sia più aderente alla realtà del century

Da gennaio 2011 su Bloomberg il fondo ha un benchmark (BAIF OF EOF FLEX PORT) simile (ma piu' perforormante e meno volatile) di quello del Carmignac Patrimoine che ha (BAIF UCITS OEF BALANCED)
 

Allegati

  • BCOMP.jpg
    BCOMP.jpg
    89,6 KB · Visite: 172
Questo invece era il benchmark precedente. Decisamente troppo favorevole (storicamente) al fondo e poco realistico.

Quindi benchnmark nuovo .. vita nuova ! :)
 

Allegati

  • bp.jpg
    bp.jpg
    92,3 KB · Visite: 173
Indietro