Fondo senza conto

cader

Nuovo Utente
Registrato
20/7/00
Messaggi
8
Punti reazioni
0
Dalla lettura delle Officine Giuridiche tempo fa ho letto che è possibile sottoscrivere un fondo comune d'investimento senza necessariamente accendere un conto corrente, ma ciò vale per tutte le banche ?
Io non riesco a chiudere il mio conto presso la Banca Popolare dell'Adriatico, in quanto insistono nel dire
che "non è possibile avere un fondo senza conto".
Potreste cortesemente fornirmi i riferimenti normativi per "sbatterli in faccia" all'impigato di turno ed eventualmente al direttore della mia banca, ve ne sarei molto grato!
 
il problema è opposto: non esiste un dato normativo che imponga l'apertura di conto corrente.

E' chiaro che esistono diversi tipi di fondo (ad accumulazione o con distribuzione, per questi ultimi può servire un conto (ma perchè presso la stessa banca??) per l'accredito). In sostanza, i servizi di investimento e i singoli servizi bancari non sono "collegati" in rapporto di necessarietà (da un lato è possibili intermediari abilitati solo ad alcuni servizi; dall'altro clienti che chiedono solo alcuni servizi).

E' un tuo diritto chiedere la chiusura del conto (leggi clausole riportate sul retro del contratto di conto corrente, è sembre bene leggere con attenzione).

Per l'intermediario: la "salvaguardia" del numero dei clienti non può avvenire con "strumenti di costrizione" ma con "strumenti di convinzione". Basta dire loro che nel caso il cliente è disposto a vendere tutto e richiedere sottoscrizione fondi ad altro intermediario, naturalmente comunicando l'avvenuto alla Banca d'Italia, se i funzionari dell'intermediario non diano spiegazioni plausibili sul collegamento nezionale (collegamento fra i due tipi di rapporti, che può sussistere su base convenzionale).

Chi ti risponde ha sottoscritto fondi presso intermediario senza alcun conto corrente.
 
Chiedi alla banca di mostrarti l'articolo del regolamento del fondo che impone ai sottoscrittori di essere intestatari di conto corrente presso quella banca: se non lo fa (ed è ovvio che non lo farà, in quanto non esiste tale condizione nel regolamento del fondo comune) puoi tranquillamente estinguere il conto corrente.
 
Scritto da cader
Dalla lettura delle Officine Giuridiche tempo fa ho letto che è possibile sottoscrivere un fondo comune d'investimento senza necessariamente accendere un conto corrente, ma ciò vale per tutte le banche ?
Io non riesco a chiudere il mio conto presso la Banca Popolare dell'Adriatico, in quanto insistono nel dire
che "non è possibile avere un fondo senza conto".
Potreste cortesemente fornirmi i riferimenti normativi per "sbatterli in faccia" all'impigato di turno ed eventualmente al direttore della mia banca, ve ne sarei molto grato!

Naturalmente tu puoi sottoscrivere un fondo comune con chiunque senza necessariamente aprire un conto corrente, ma ogni banca ha delle normative interne che prevedono in alcuni casi la necessità di aprire un deposito di strumenti finanziari per poter sottoscrivere fondi e di conseguenza l'accensione di un conto corrente per poter gestire l'addebito dei bolli, delle spese e della movimentazione dal cc al fondo e viceversa.
Normalmente, se non hai delle cifre irrisorie, minacciando di disinvestire tutto ottieni per lo meno di poter chiudere il cc.
Ma non sempre è così (dipende appunto dalla normativa interna della banca). E a tuo sfavore possono applicare spese di estinzione del cc salate.
 
Ho mandato una mail alla bpda eccovi la risposta:

------------------------------------------------------------------------------------

Mittente: Da: Gaetanino.Ventura@bpda.it
Il: 23 Ago 2002 - 17:09
Oggetto: Sua richiesta del 23.8.02


In relazione alla Sua Richiesta che riporto qui allegata:

Sono interessato alla sottoscrizione di fondi comuni d'investimento, ma condizione fondamentale è che non sia necessario accendere un conto correte per l'investimento, come oggi richiestomi dalla mia banca.
Pertanto vi chiedo: è possibile sottoscrivere presso di voi fondi comuni d'investimento senza accendere un conto corrente?
Certo di vostra sollecita risposta
distinti saluti


LE COMUNICO CHE LEI PUO' AFFETTUARE UN INVESTIMENTO IN FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO, SENZA ACCENDERE UN CONTO CORRENTE

PER QUESTA OPERAZIONE, LE NS. ATTUALI PROCEDURE RICHIEDONO LA SEMPLICE ACCENSIONE DI UN LIBRETTO DI RISPARMIO NOMINATIVO (CHE NON HA NESSUN COSTO ANNUALE SE NON QUELLO DI ACCENSIONE PARI A 10 EURO CIRCA) CHE SARA' COLLEGATO AL DOSSIER TITOLI, DOVE SONO A CUSTODIA I FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO.

PER OGNI ALTRA INFORMAZIONE CHE VOLESSE AVERE A RIGUARDO, PUO' RIVOLGERSI PRESSO UNA NS. FILIALE A LEI PIU' VICINA, CHE SARA' BEN LIETA DI RICEVERLA.

DISTINTI SALUTI.
B.POP. DELL'ADRIATICO - AREA COMMERCIALE
U.O. PRIVATI E POE - TEL 0721/447.345



------------------------------------------------------------------------------------



A questo punto non mi resta che recarmi alla mia filiale e disinvestire tutto dato che non mi danno altra scelta!!
Ormai il rapporto di fiducia è andato a farsi f...... !!
 
Porta con te la mail e mostrala al direttore di agenzia.

Inoltre, segnala il comportamento della filiale alla direzione, prenderanno certamente provvedimenti (anche se sanno che le filiali ci provano apposta...).
 
Scritto da cader
Ho mandato una mail alla bpda eccovi la risposta:

------------------------------------------------------------------------------------


PER QUESTA OPERAZIONE, LE NS. ATTUALI PROCEDURE RICHIEDONO LA SEMPLICE ACCENSIONE DI UN LIBRETTO DI RISPARMIO NOMINATIVO (CHE NON HA NESSUN COSTO ANNUALE SE NON QUELLO DI ACCENSIONE PARI A 10 EURO CIRCA) CHE SARA' COLLEGATO AL DOSSIER TITOLI, DOVE SONO A CUSTODIA I FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO.



C.V.D.
 
Un libretto di risparmio??
Mah...

Allora noi poveri promotori finanziari, non supportati da filiali bancarie che dovremmo fare?
Cambiare mestiere??

Cambia SIM!! :)
 
Scritto da cader
Ho mandato una mail alla bpda eccovi la risposta:

LE COMUNICO CHE LEI PUO' AFFETTUARE UN INVESTIMENTO IN FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO, SENZA ACCENDERE UN CONTO CORRENTE

PER QUESTA OPERAZIONE, LE NS. ATTUALI PROCEDURE RICHIEDONO LA SEMPLICE ACCENSIONE DI UN LIBRETTO DI RISPARMIO NOMINATIVO (CHE NON HA NESSUN COSTO ANNUALE SE NON QUELLO DI ACCENSIONE PARI A 10 EURO CIRCA) CHE SARA' COLLEGATO AL DOSSIER TITOLI, DOVE SONO A CUSTODIA I FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO.

Non mi sembra una grande soluzione nemmeno questa: non è infatti possibile comprare quote di fondi inserendole in un deposito titoli comune senza aprirne uno personale (seppur collegato ad un libretto di risparmio quasi senza costi) sul quale è necessario comunque pagare i bolli? A me sembra di sì, d'altronde le varie SIM come fanno?

Bye
 
Si lo puoi fare, ma i fondi che metti in dossier devono essere emessi dalla società di fondi della Banca, non società con le quale la banca ha contratti di vendita.
 
[ ]:) Se hai sottoscritto il fondo comune nella modalità PIC ovvero in unica soluzione senza aderire ad un piano di investimento programmato puoi tranqullamente chiudere il tuo c/c e richiedere alla società di gestione del fondo un certificato cumulativo nominativo il cui costo non dovrebbe superare i 30€.

Ciao e fammi sapere poi...
 
Re: Re: Fondo senza conto

Scritto da NickP


Non mi sembra una grande soluzione nemmeno questa: non è infatti possibile comprare quote di fondi inserendole in un deposito titoli comune senza aprirne uno personale (seppur collegato ad un libretto di risparmio quasi senza costi) sul quale è necessario comunque pagare i bolli? A me sembra di sì, d'altronde le varie SIM come fanno?

Bye
Nella banca dove lavoravo il conto titoli di appoggio per i clienti sottoscrittori di fondi ma non correntisti veniva aperto con una procedura particolare, e venivano caricate delle condizioni affinchè fosse zero spese - zero bolli.
Ovviamente su tale conto titoli (personale) potevano starci solo quote di fondi collocati dalla banca e null'altro.
Quanto alla gestione della liquidità, o si apriva un libretto al risparmio, o, se proprio proprio il cliente non voleva assolutamente aprire nessun conto, si accreditava un conto interno provvisorio della filiale e si acquistava da lì.

La filiale incassa veramente poco per questo tipo di sottoscrizioni (nel mio caso qualche mille lire, a prescindere dall'importo versato nel fondo).
Per questo motivo tendono a spingere affinchè venga aperto un conto corrente.

Ciao
Estella
 
Sono stato in filiale per chiudere il conto, ho proposto una delle vostre soluzione ( e colgo l'occasione per ringraziare tutti) ma nemmeno all'evidenza dei fatti hanno provveduto all'estizione del conto !!!

A questo punto non mi resta che adire le vie legali !!!!!
 
Confermo che anche nella mia banca si possono sottoscrivere fondi (esclusi PAC) senza avere conto corrente, deposito a risparmio e deposito titoli, quindi senza pagare ne' spese di custodia ne' bolli.
 
Indietro