Fornitura elettrica domestica: consigli su gestori? (Parte XV) - info nel post #1

  • CODICI AMICO E REF. LINK!

    Chiedere o fornire codici in questa sezione è severamente vietato.
    Puoi condividere ref link e codici solo in questa sezione: "Quelli che il codice...". Leggi il regolamento che si trova in evidenza sopra a tutte le discussioni e condividi i tuoi codici nel rispetto delle norme del forum.
    Trovi una DISCUSSIONE GENERALE SUI CODICI in rilievo nella sezione, per chiedere info o fornire supporto agli utenti. Questo regolamento è parte dei requisiti fondamentali letti e accettati in fase di iscrizione al forum. Pubblicare codici e ref.link in altre sezioni del forum come QUESTA in cui ti trovi comporta la sospensione dalla community.

    Staff | FinanzaOnline
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Ho letto il primo post, che tra le varie cose è scritto benissimo con una marea di informazioni, ma mi è rimasto ancora un dubbio: chi adesso è col SEN tra i clienti vulnerabili può scegliere di passare alle tutele graduali visto che verosimilmente avrà nel STG condizioni economiche migliori? Se sì, in che modo?
 
Ho letto il primo post, che tra le varie cose è scritto benissimo con una marea di informazioni, ma mi è rimasto ancora un dubbio: chi adesso è col SEN tra i clienti vulnerabili può scegliere di passare alle tutele graduali visto che verosimilmente avrà nel STG condizioni economiche migliori? Se sì, in che modo?
non può passare a stg. L'unico escamotage è volturare l'utenza a un familiare non vulnerabile
 
In verità ad oggi non è stata comunicata/proposta nessuna tariffa "tutele graduali". Se qualche sito comparatore l'ha fatto... è un falso.

Quel che si sa è ciò che ha detto Arera dopo l'esito delle aste. Cioè che la quota annuale fissa di commercializzazione ad oggi stimata è di -73 €/anno. Elettricità: pubblicati i risultati delle aste per il Servizio a tutele graduali attivo dal 1° luglio con la fine tutela per i clienti domestici non vulnerabili
Il valore definitivo sarà comunicato a giugno. Di fatto quel valore non potrà cambiare di molto. La forchetta è tra -71,30 e -75,00. Perché l'offerta d'asta di Enel (mediata sugli utenti che acquisiranno) stava a -70,30 e quella di Hera a -72,20. Assieme Enel + Hera prendono oltre la metà degli utenti domestici. Poi c'è Edison che "tira giù" la media a -72,92 €/anno.

I -130 €/anno citati dalla stessa Arera (https://www.arera.it/fileadmin/allegati/docs/24/062-2024-I-eel.pdf pag. 10) sono lo scarto tra la vecchia commercializzazione della tutela di +58 €/anno (che non ci sarà più) e la nuova commercializzazione STG di -73 €/anno. E 58+73 = 131 arrotondato a 130. È l'effettivo risparmio tra chi prima era in tutela e poi si ritrova in STG.

Quello che chiami "passaggio coattivo" (e se puoi farlo, puoi dirci chi ha coniato questa infelice denominazione?) vale solo per chi entro la fine di giugno è in maggior tutela o ha fatto la richiesta di rientro.
Non è un passaggio coattivo, è il modo con cui si realizza il diritto ad usufruire della corrente elettrica (servizio essenziale sia per la legislazione italiana che europea) nel caso in cui non si vuole scegliere il mercato libero nel mentre che Stato sopprime il servizio di maggior tutela. È l'unico escamotage per salvare capra e cavoli.
Grazie mille. Tariffa PLACET che è quella pubblicizzata, non corrisponde con quella a tutele graduali, quindi?
Se è così, non è assolutamente vero quanto ipotizzavo io, cioè che al consumatore che è rimasto in maggior tutela, dal 01/07 verrà assegnata la tariffa placet del gestore che ha vinto l'asta della zona di appartenenza. Ho ben capito?
Si conosce il gestore ma la tariffa tutele graduali no. Ultima domanda, in questa prossima tariffa tutele graduali le condizioni economiche sono stabilite da Arera unicamente, o ogni gestore ha margini "personalizzabili" stile PLACET?
Per "passaggio coattivo" intendo proprio il fatto che il consumatore in maggior tutela(salvo categorie particolari ) non può esercitare la scelta di restare con l'attuale gestore. Per volontà dello stato di sopprimere il servizio di maggior tutela. Coattivamente. dato che non è una scelta del consumatore...che invece per tanti anni ha liberamente (e non coattivamente) scelto di restare in maggior tutela, nonostante sia ben noto che non mancano e non sono mancate opzioni alternative.
 
Ultima modifica:
Buongiorno, mi è capitato di vedere il dettaglio di una bolletta di ENEL, in mono orario, sia nel mese di gennaio che nel mese di gennaio c'è la voce "energia - prezzo unitario 0,2250 76kwh " e poi anche la voce "perdite di rete 0,2250 8 kwh"...
C'è uno scollamento tra molti universi.
Il primo riguarda le informazioni pre-contrattuali e il modo con cui vanno comunicate agli utenti. È il Codice di Condotta Commerciale (CCC) https://www.arera.it/fileadmin/allegati/docs/22/CCC22.pdf
Il secondo riguarda la definizione delle voci di spesa e le modalità di fatturazione in bolletta contenute nella bozza di glossario di Arera https://www.arera.it/fileadmin/allegati/docs/13/500-13all.pdf (pag. 5 e pag. 7 riguardo all'inclusione e computo perdite di rete)
Il terzo (che è un multi-universo) sono i glossari dei termini in bolletta e il loro significato. Ogni fornitore ha un suo glossario che può essere diverso da quello di altri. Così (ahinoi) ha voluto l'Autorità. Ma questi glossari dicono poco o niente.

Purtroppo tanta carta per nulla.
Sì, perché il CCC si sofferma sugli indicatori sintetici di prezzo, ma poi non dice come figureranno in fatturazione. È sottinteso (ma non specificato) che per i contratti a prezzo fisso la bolletta dovrebbe riportare quel prezzo moltiplicato per i consumi, senza aggiungere perdite di rete.
La bozza di glossario Arera dice come fatturare le perdite di rete (in tre possibili modi diversi!) ma non dice che la "partita perdite" vada applicata ai soli contratti a prezzo variabile.

La prassi - direi consolidata - è che i contratti a prezzo fisso lo intendano come prezzo "fatto e finito". La bolletta deve riportare quel prezzo per i consumi e basta. I contratti a prezzo variabile possono conteggiare (e spesso così fanno) su righe diverse il (prezzo senza perdite) × consumi, e il prezzo senza perdite × (10% dei consumi = perdite).

Il caso che esponi (attenzione! Dici sia nel mese di gennaio che nel mese di gennaio, forse intendevi gennaio e febbraio) mi sembra anomalo, oltre che con un prezzo fuori mercato.
Se fosse un contratto indicizzato al PUN c'è giustificazione ad addebitare le perdite per loro conto. Se invece è un contratto a prezzo fisso bisogna vedere le condizioni contrattuali e la scheda sintetica. Se questa indicava 0,225 €/kWh ci sono gli estremi per inviare un reclamo per mancato rispetto del CCC e addebito non dovuto delle perdite.
 
Ciao,
secondo voi, è un errore scegliere lo stesso fornitore per l'elettricità? (sono già cliente gas a2a)
dalle simulazioni risulta vincente sia per il file excel (grazie @Fra62 )che per il comparatore arera
 
Tariffa PLACET che è quella pubblicizzata, non corrisponde con quella a tutele graduali, quindi?
Se è così, non è assolutamente vero quanto ipotizzavo io, cioè che al consumatore che è rimasto in maggior tutela, dal 01/07 verrà assegnata la tariffa placet del gestore che ha vinto l'asta. Ho ben capito?
Hai capito benissimo. Alcuni fornitori con queste Placet e contro-Placet seminano confusione e falsità proprio per evitare che la gente approfitti delle tutele graduali.

La denominazione PLACET è un calderone. Ci sono le Placet del mercato libero (a costi spesso allucinanti), la Placet gas in deroga del. 100/23 (a prezzo sì indicizzato, ma con spread unico nazionale fissato da Arera), le Placet "tutele graduali" sia quelle in corso per microimprese/artigiani/commercianti sia le prossime per gli utenti domestici. Entrambe regolate da Arera.

Le tutele graduali (STG) per utenti domestici saranno a prezzo variabile mensile: PUN + altri termini di cui s'è già discusso in dettaglio. Saranno convenienti rispetto alle Placet sul mercato e alle altre offerte variabili.
Ma gli importi esatti per gli utenti domestici non sono stati ancora comunicati da Arera: né la commercializzazione (valore ufficioso -73 €/anno, potrebbe variare di ±1 €) né lo spread. Per le microimprese lo spread (CPSTGM) è attualmente negativo, ossia è un ulteriore rimborso a consumo di 0,038 €/kWh https://www.arera.it/fileadmin/allegati/docs/24/111-2024-R-eel.pdf
 
Ultima modifica:
C'è uno scollamento tra molti universi.
Il primo riguarda le informazioni pre-contrattuali e il modo con cui vanno comunicate agli utenti. È il Codice di Condotta Commerciale (CCC) https://www.arera.it/fileadmin/allegati/docs/22/CCC22.pdf
Il secondo riguarda la definizione delle voci di spesa e le modalità di fatturazione in bolletta contenute nella bozza di glossario di Arera https://www.arera.it/fileadmin/allegati/docs/13/500-13all.pdf (pag. 5 e pag. 7 riguardo all'inclusione e computo perdite di rete)
Il terzo (che è un multi-universo) sono i glossari dei termini in bolletta e il loro significato. Ogni fornitore ha un suo glossario che può essere diverso da quello di altri. Così (ahinoi) ha voluto l'Autorità. Ma questi glossari dicono poco o niente.

Purtroppo tanta carta per nulla.
Sì, perché il CCC si sofferma sugli indicatori sintetici di prezzo, ma poi non dice come figureranno in fatturazione. È sottinteso (ma non specificato) che per i contratti a prezzo fisso la bolletta dovrebbe riportare quel prezzo moltiplicato per i consumi, senza aggiungere perdite di rete.
La bozza di glossario Arera dice come fatturare le perdite di rete (in tre possibili modi diversi!) ma non dice che la "partita perdite" vada applicata ai soli contratti a prezzo variabile.

La prassi - direi consolidata - è che i contratti a prezzo fisso lo intendano come prezzo "fatto e finito". La bolletta deve riportare quel prezzo per i consumi e basta. I contratti a prezzo variabile possono conteggiare (e spesso così fanno) su righe diverse il (prezzo senza perdite) × consumi, e il prezzo senza perdite × (10% dei consumi = perdite).

Il caso che esponi (attenzione! Dici sia nel mese di gennaio che nel mese di gennaio, forse intendevi gennaio e febbraio) mi sembra anomalo, oltre che con un prezzo fuori mercato.
Se fosse un contratto indicizzato al PUN c'è giustificazione ad addebitare le perdite per loro conto. Se invece è un contratto a prezzo fisso bisogna vedere le condizioni contrattuali e la scheda sintetica. Se questa indicava 0,225 €/kWh ci sono gli estremi per inviare un reclamo per mancato rispetto del CCC e addebito non dovuto delle perdite.
Ti ringrazio per la risposta chiara e puntuale. Si intendevo gennaio e febbraio, e non ci sono evidenziati altri costi nella parte quote variabili in materia energia, solo quota energia e perdite di rete. Purtroppo il mio amico non aveva coscienza dell'offerta in essere e non ha conservato schede o ricevute del contratto stipulato. Si potrebbe provare comunque a contattare il servizio clienti e chiedere lumi, ma non so con quali risultati.
 
Ti ringrazio per la risposta chiara e puntuale. Si intendevo gennaio e febbraio, e non ci sono evidenziati altri costi nella parte quote variabili in materia energia, solo quota energia e perdite di rete. Purtroppo il mio amico non aveva coscienza dell'offerta in essere e non ha conservato schede o ricevute del contratto stipulato. Si potrebbe provare comunque a contattare il servizio clienti e chiedere lumi, ma non so con quali risultati.
Basterebbe vedere la bolletta dettagliata...
 
Ciao,
secondo voi, è un errore scegliere lo stesso fornitore per l'elettricità? (sono già cliente gas a2a)
dalle simulazioni risulta vincente sia per il file excel (grazie @Fra62 )che per il comparatore arera
Quale offerta di A2A e quali consumi?
 
Buongiorno, chiedo venia se...è già stato scritto; siccome mio figlio deve allacciare gas e luce nella nuova residenza, premesso 1 basso consumo ....da single, ovvero circa 1000 kwh annui, al momento...quali sono i gestori + convenienti? Grazie
 
Buongiorno, chiedo venia se...è già stato scritto; siccome mio figlio deve allacciare gas e luce nella nuova residenza, premesso 1 basso consumo ....da single, ovvero circa 1000 kwh annui, al momento...quali sono i gestori + convenienti? Grazie

Scarica il foglio Excel di @Fra62 in prima pagina, inserisci consumo stimato ed eventualmente la potenza del contatore, et voilà!
 
...grazie OK! , nelle more, sapendo di non sapere...mi stavo orientando su....questa di Iren fissa

Offerte Iren

Perchè scrivi "mi stavo orientando su....questa di Iren fissa" e metti il link alla pagina di una delle peggiori offerte variabili (Iren 10x3 Luce Variabile)?
Con un consumo di 1.000kWh, se vuoi stare su un FISSA, l'offerta migliore è quella di DOLOMITI Mitica Energia. Se invece vuoi stare su una VARIABILE, puoi chiedere al tuo fornitore di zona per il Mercato Tutelato, attivarti velocemente, e poi da luglio sarai passato in Tutele Graduali, oppure nel mercato libero le migliori restano SegnoVerde LuceVerde o Octopus Flex Mono
 
Perchè scrivi "mi stavo orientando su....questa di Iren fissa" e metti il link alla pagina di una delle peggiori offerte variabili (Iren 10x3 Luce Variabile)?
Con un consumo di 1.000kWh, se vuoi stare su un FISSA, l'offerta migliore è quella di DOLOMITI Mitica Energia. Se invece vuoi stare su una VARIABILE, puoi chiedere al tuo fornitore di zona per il Mercato Tutelato, attivarti velocemente, e poi da luglio sarai passato in Tutele Graduali, oppure nel mercato libero le migliori restano SegnoVerde LuceVerde o Octopus Flex Mono
...chiedo venia, mi ero fatto trarre in inganno dai...60 euro di bonus; grazie per l'esauriente risposta, a sto punto, considerato che avendo consumi bassi, da single e quindi meglio la...fissa ...credo che si orienterà su....Dolomiti Mitica energia FISSA.OK!


Mitica Energia - Dolomiti Energia
 
Ultima modifica:
grazie per la risposta, A2A START LUCE potenza 3Kw, consumi 900-1200 Kw anno dal foglio "CONFRONTO OFFERTE" offerta a prezzo fisso
Ma quindi sei nel tutelato? Perché quell'offerta è riservata a chi è nel tutelato.
Se la risposta è sì, io fossi in te rimarrei nel tutelato così a luglio entri in STG.
 
...chiedo venia, mi ero fatto trarre in inganno dai...60 euro di bonus; grazie per l'esauriente risposta, a sto punto, considerato che avendo consumi bassi, da single e quinfi meglio la...fissa ...credo che si orienterà su....Dolomiti Mitica energia FISSA.


Mitica Energia - Dolomiti Energia
Ok, ovviamente ricordati un paio di mesi prima della scadenza di rivedere le condizioni, perché dopo il primo anno parte il PCV di 12€/mese e lo spread di 0,03€/kWh.
Come un po' tutte le offerte del mercato libero, bisogna abituarsi a cambiare ogni anno
 
Ma quindi sei nel tutelato? Perché quell'offerta è riservata a chi è nel tutelato.
Se la risposta è sì, io fossi in te rimarrei nel tutelato così a luglio entri in STG.
sull'attuale bolletta c'è scritto Servizio a maggior tutela e stando a quello che ho letto passerei a Hera
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Indietro