fra 5 anni l'AI ci sopraffarà se non troveremo rimedi

vinkor

Utente Registrato
Sospeso dallo Staff
Registrato
6/3/09
Messaggi
22.620
Punti reazioni
2.339

ieri mi sono ascoltato tutto il video del link suddetto che riporta una conversazione tra un esperto di tecnologia ed uno storico comunque legato al settore
e uno di loro sostiene che fra cinque anni l'AI sarà così superiore a noi, e già oggi lo è, che potrebbe prendere il sopravvento non si sa con quali effetti

non solo è in grado di agire meglio di noi perchè più veloce e capace di immagazzinare tanti dati impossibile per un umano, ma è capace di ideare, creare come e meglio di noi
uno dei due è ottimista sulla nostra tenuta, l'altro meno, soprattutto se l'umanità sarà divisa, saremo prede dell'AI
intanto in questi anni che mancano l'AI ci aiuterà molto in tutti i campi anche in quello dell'ambiente, ma salteranno milioni di posti di lavoro
parlano chesolo in Germania il 25% dei lavori saranno a rischio

domanda: ricordo quando leggevo Asimov su Urania e le tre leggi della robotica secondo le quali i robot non devono mai agire contro l'uomo
e pertanto perchè non si possono applicare per impedire questi possibili rischi?

Tre leggi della robotica - Wikipedia
 
Ultima modifica:
nelle storie di asimov alla fine chi tira le fila di tutto è l'IA Danieel che ha escogitato un sistema x bypassare le tre leggi con la cd legge 0 che si riferisce al benessere dell'umanità nel suo insieme, della quale in ultima analisi decide le sorti come pare a lui :D
insomma una conclusione tipica, vista in tante salse, in questo caso x un presunto fin di bene ma il succo è lo stesso .... la razza umana plagiata dal macchinario di turno che autoevolvendosi l'ha superata in tutto :eek:
 

connesso al discorso dell'AI è la potenza che dominerà il futuro della terra e sorpresa! non sarà la Cina o l'India o resteranno gli USA
ma le corporation tecnologiche secondo l'oratore Ian Bremmer

il concetto più interessante che ho trovato è che la tecnologia digitale può portare a notevoli miglioramenti, ma può anche portare alla fine della democrazia, al controllo dei popoli, alle falsificazioni, alla pubblicità invasiva solo per ottenere notevoli guadagni

l'oratore conclude dicendo che quando finì gli studi nel 1989 gli USA erano il principale esportare di democrazia anche se non perfetto
( e noi europei a differenza sua sappiamo bene che questa è una falsità in quanto hanno esportato solo conflitti per i loro fini )
oggi invece sono il principale esportatore di strumenti che possono distruggere la democrazia

e i miliardari che posseggono e controllano le tecno-corporation non sono solo i ricchi citati nelle liste Forbes ma quelli che hanno in mano il nostro futuro e dobbiamo sapere se con lo sviluppo dell'AI si comporteranno in modo affidabile e cosa faranno dell'enorme quantità di dati che stanno raccogliendo su di noi e sull'ambiente, dobbiamo proprio saperlo!
 

ieri mi sono ascoltato tutto il video del link suddetto che riporta una conversazione tra un esperto di tecnologia ed uno storico comunque legato al settore
e uno di loro sostiene che fra cinque anni l'AI sarà così superiore a noi, e già oggi lo è, che potrebbe prendere il sopravvento non si sa con quali effetti

non solo è in grado di agire meglio di noi perchè più veloce e capace di immagazzinare tanti dati impossibile per un umano, ma è capace di ideare, creare come e meglio di noi
....mmm...no. Sono come un diplomato al liceo classico medio, sanno scrivere bene riealborando cose gia' scritte. E sul riconoscimento dei pattern. Su queste due cose sono fenomenali.
Sul resto, sono degli utilissimi tool.
uno dei due è ottimista sulla nostra tenuta, l'altro meno, soprattutto se l'umanità sarà divisa, saremo prede dell'AI
intanto in questi anni che mancano l'AI ci aiuterà molto in tutti i campi anche in quello dell'ambiente, ma salteranno milioni di posti di lavoro
Si, molti posti di lavoro "salteranno", ma altri ne verranno creati, i luddisti hanno sempre avuto torto.
parlano chesolo in Germania il 25% dei lavori saranno a rischio

domanda: ricordo quando leggevo Asimov su Urania e le tre leggi della robotica secondo le quali i robot non devono mai agire contro l'uomo
e pertanto perchè non si possono applicare per impedire questi possibili rischi?

Tre leggi della robotica - Wikipedia
Perché non ci sono rischi :).
Un conto e' avere un software che fa un lavoro meglio degli esseri umani, cosa verissima in molti ambiti.
Ma e' come dire che le auto marciano piu' dei muli.
Un conto e' pensare che questo sia un rischio per l'umanita'...
 
trovo che i temi postati siano molto importanti e interessanti, dell'AI si è già discusso tanto anche sul fol ma non so se fino a questo punto
il fatto cioè che siamo vicini ad un possibile punto di non ritorno se non si prendono le giuste misure e se non si stabiliscono ferree regole

lo stesso Elon Musk che è in pieno dentro questo mondo tecnologico, ha più volte allertato circa i pericoli dell'AI che lui usa e con la quale cresce
e lui fa parte assieme ai tanti CEO delle grosse compagnie tecnologiche come Nvidia, quelle dei semiconduttori taiwanesi e le tante altre, alcune magari poco conosciute di quel gruppo minoritario di nababbi che più che ricchi hanno in mano il potere di rendere il pianeta schiavo e al loro servizio e bisogna capire quale, se di semplice potere dominante o di puro guadagno finanziario e purtroppo non credo che si tratti del secondo ma del primo perchè già sono straricchi e a quel livello un ulteriore miliardo al loro patrimonio poco cambia la loro condizione, piuttosto l'ambizione di avere il pianeta ai loro piedi con noi cittadini del mondo loro schiavi controllati e impossibilitati a ribellarci, come già avviene in Cina dove i cinesi sono controllati in tutte le fasi della loro vita e premiati o puniti a seconda del loro comportamento
 
per quanto riguarda i posti di lavoro si parla di tempistiche e di stati con differenze sostanziali
nei prossimi dieci-venti anni dovrebbero saltare milioni di posti di lavoro, ma dopo ne dovrebbero sorgere nuovi soprattutto nel campo dell'ingegneria informatica
ci saranno paesi non in grado di competere con la Information Technology che vivranno nel modo tradizionale e magari conserveranno i posti di lavoro ed altri come la California, il Texas, il Giappone, la Cina ed i paesi più progrediti in Europa che subiranno perdite di posti di lavoro nei primi anni ma ne acquisiranno nuovi negli anni successivi
 
ti metto un like di incoraggiamento per il sopraffarerà che mi ha messo di buon umore.
 
certe volte penso alla mia strana vita
cominciata in una fattoria di poveri contadini senza luce e acqua in casa, il gabinetto fuori accanto alla stalla
solo dieci anni dopo trasferiti in città arriva la tv, il frigorifero e la lavatrice
vado a lavorare in banca e si fa tutto a mano o con la macchina da scrivere usando moduli copiativi con tante pagine
con lettere che vengono spedite e fogli contabili
poi arriva il computer che rivoluziona tutto il lavoro
più tardi lo smartphone, un piccolo oggetto col quale si telefona, si fotografa, si registrano video, si ascolta musica, si frequentano i social
e tra un po' rischiamo di avere macchine più intelligenti di noi che ci comanderanno a bacchetta e potrebbe essere un netto peggioramento di tutto, soprattutto della nostra libertà
e allora mi viene da rimpiangere la fattoria con gli animali in mezzo ai campi dove non c'erano comodità ma si respirava libertà
 
....
e tra un po' rischiamo di avere macchine più intelligenti di noi che ci comanderanno a bacchetta e potrebbe essere un netto peggioramento di tutto, soprattutto della nostra libertà
e allora mi viene da rimpiangere la fattoria con gli animali in mezzo ai campi dove non c'erano comodità ma si respirava libertà

stai tranquillo
manca ancora parecchio


Immagine.jpg


Immagine2.jpg
 
Ultima modifica:
ti metto un like di incoraggiamento per il sopraffarerà che mi ha messo di buon umore.
c'è un RE di troppo, mica tanto grave
pochi interventi su un argomento secondo me interessante e molto importante per chi lo vivrà (io forse me la caverò sparendo prima)
invece almeno tre per quel RE di troppo
saprete coniugare bene il futuro di verbi strani ma rischiate che un robot vi freghi la libertà
 
Ultima modifica:
c'è un RE di troppo, mica tanto grave
pochi interventi su un argomento secondo me interessante e molto importante per chi lo vivrà (io forse me la caverò sparendo prima)
invece almeno tre per quel RE di troppo
saprete coniugare bene il futuro di verbi strani ma rischiate che un robot vi freghi la libertà
ghigliottiniamolo :D
 
Il solo pensiero che l'IA sopraffarerà :friend: la becera e inadeguata classe politichina italica mi compiace , tutto a vantaggio nostro , peggio di così non potrebbe fare!!
 
Sopraffarerà è il nuovo petaloso.
 
Il solo pensiero che l'IA sopraffarerà :friend: la becera e inadeguata classe politichina italica mi compiace , tutto a vantaggio nostro , peggio di così non potrebbe fare!!
i politici se la cavano sempre, sono i cittadini a rimanere fregati
 
non vi sorprende che un CEO di una techno-corporation diventi più potente del presidente degli USA o della Cina?
 

ieri mi sono ascoltato tutto il video del link suddetto che riporta una conversazione tra un esperto di tecnologia ed uno storico comunque legato al settore
e uno di loro sostiene che fra cinque anni l'AI sarà così superiore a noi, e già oggi lo è, che potrebbe prendere il sopravvento non si sa con quali effetti

non solo è in grado di agire meglio di noi perchè più veloce e capace di immagazzinare tanti dati impossibile per un umano, ma è capace di ideare, creare come e meglio di noi
uno dei due è ottimista sulla nostra tenuta, l'altro meno, soprattutto se l'umanità sarà divisa, saremo prede dell'AI
intanto in questi anni che mancano l'AI ci aiuterà molto in tutti i campi anche in quello dell'ambiente, ma salteranno milioni di posti di lavoro
parlano chesolo in Germania il 25% dei lavori saranno a rischio

domanda: ricordo quando leggevo Asimov su Urania e le tre leggi della robotica secondo le quali i robot non devono mai agire contro l'uomo
e pertanto perchè non si possono applicare per impedire questi possibili rischi?

Tre leggi della robotica - Wikipedia
Sull’ia si legge di tutto, ma alcuni aspetti che vorrei fossero approfonditi non si affrontano.

Ti ricordi l’ingresso delle calcolatrici e i registratori all’universita a basso costo e poi i tomtom.
La tecnologia ha messo dei freni alle capacità, di calcolo di memoria, di orientamento. Oggi i lavori devono esser procedura ti secondo schemi compatibili col mezzo e l’adeguamento è dell’uomo.
Con la capacità di calcolo dell’IA la scuola diventa superflua, il nozionismo inutile quanto la capacità di confronto dati.

Questo si ripercuote sulla capacità di discernimento. Le persone sono procedurali negli atti che fanno e nei comportamenti, lo si legge anche qui, non si discosta dal dettato iniziale sovvertendo i paradigmi.
Non vorrei parlare di idiocracy, ma il rischio nell’adattamento all’uso dell’IA e in quella tendenza passando da essere a creatura.
Noi siamo asserì molto più complessi ed articolati di una ia con capacità infinitamente superiori, ma la narrativa e il sistema stanno vincolando all’essere strumento della macchina. A pensare in modo funzionale dei limiti della macchina assecondando le sue qualità invece delle nostre.

Persino quando si pensa ai lavori che spariranno, non si tiene conto della centralità dell’uomo che diventa funzionale ad una redditività costruita attorno alla macchina.

Un esempio che sentii tempo fa è che noi mangiamo spaghetti e sogniamo bikini. Domani una macchina potrà stampare qualunque oggetto. Potrà prendere della materia, anche spaghetti e trasformarla in qualunque forma ma non potrà sognare bikini.

Noi siamo molto di più di quel che viene narrato, ma la maggioranza sta cadendo nella narrativa che mette al centro la macchina sterile, diventando sterile esso stesso.
 
Indietro