fra 5 anni l'AI ci sopraffarà se non troveremo rimedi

No, non è nell’ordine delle cose, o non dovrebbe esserlo neanche per un evoluzionista darwiniano come te.

Tutti gli animali superiori (almeno per questi ne intuiamo le interazioni), hanno una attività formativa di relazione con e tra i cuccioli, da cui si struttura il comportamento che evolveranno.
Se, la scuola è una forma societaria di allevamento collettivo er una migliore integrazione nel branco tribù civiltà, la scuola che tende ad escludere il rapporto con la materia (non per niente è una parola in tendenza all’estinzione), che sia materia materiale o materia di relazione che comporti imitazione diretta, esclude lo studente dalla possibilità di imparare l’intuizione. Intuizione che è espressione dell’intelligenza istintiva indotta dalla percezione della materia attraverso se e le proprie esperienze.

Quando sostenevo che “l’eduverso”, il multiverso educativo è lesivo per gli studenti, è perchè applica al concetto di don Milani dell’ imparare insegnando in uno scambio proattivo, un verso unidirezionale dell’ imparare restituendo una esperienza distaccata dalla materia.
Con un esempio: tutti abbiamo visto i telefilm, costruiti con uno schema modulare che in ogni puntata affronta un tema. Ripensando a distanza di tempo ricordiamo ‘esperienza gradevole o no, i personaggi principali e in parte lo schema. Nulla di ciò che è stato trasmesso riguardante i temi (materie) affrontati, si può dire che ha penetrato l’istintivita in maniera irrazionale.

Al contrario, l’ia che detiene la memoria di ciascuna interazione, ha un ampio spettro di conoscenza della reazione umana su sollecitazioni attraverso le varie fasi dello sviluppo.
YALUD HARIRI un noto storico israeliano che ha scritto tanti libri di successo ed è esperto di AI
sostiene che AI porrà la fine della storia umana ma non della storia che continuerà senza di noi
sarà una storia aliena che non si può prevedere ma che potrebbe essere molto pericolosa per noi
a meno che l'umanità UNITA non decida da subito un rallentamento della sua crescita ma sarà
difficile perchè ogni paese la farà crescere per conto suo sperando di avere notevoli vantaggi
sugli altri e invece verremo fregati tutti perchè ci sfuggirà il suo controllo e manco la capiremo
 
Io senza computer e telefono campo benissimo lo stesso.
Pertanto... problema che sinceramente non mi impensierisce.
 
si, ma se chi l'ha costruita avesse la volontà di dominio?
io credo che l'AI che fregherà l'umanità sarà proprio quella creata da uno stato o da una corporation con l'intento di dominio che poi sarà così potente e micidiale da sfuggirgli di mano rovinando l'intera umanità
 
YALUD HARIRI un noto storico israeliano che ha scritto tanti libri di successo ed è esperto di AI
sostiene che AI porrà la fine della storia umana ma non della storia che continuerà senza di noi
sarà una storia aliena che non si può prevedere ma che potrebbe essere molto pericolosa per noi
a meno che l'umanità UNITA non decida da subito un rallentamento della sua crescita ma sarà
difficile perchè ogni paese la farà crescere per conto suo sperando di avere notevoli vantaggi
sugli altri e invece verremo fregati tutti perchè ci sfuggirà il suo controllo e manco la capiremo
Harari é il divulgatore di shwab, parlare di lui e delle sue teorie si passa da complottisti :D
Intanto ha venduto quatordilioni di libri :D

Dice molto più, a partire dal l’acheraggio della mente e del dna, all’elevazione a dei di una ristretta cerchia.
Come novello Nietzsche vuol uccidere Dio e sostituirsi ;)
 
l'uomo ha creato la forza nucleare che potrebbe distruggere se stesso, ma l'impiego del nucleare viene sempre deciso dall'uomo
invece AI non ha bisogno dell'uomo, può decidere da sola, crescere e creare una storia diversa da quella umana ed in conflitto con noi
 
Continuate pure nel frattempo a chiedere ad Alexa come fare qualsiasi cosa... vedrete che vi troverete benissimo... :clap: :clap: :clap:
 
Harari é il divulgatore di shwab, parlare di lui e delle sue teorie si passa da complottisti :D
Intanto ha venduto quatordilioni di libri :D

Dice molto più, a partire dal l’acheraggio della mente e del dna, all’elevazione a dei di una ristretta cerchia.
Come novello Nietzsche vuol uccidere Dio e sostituirsi ;)
non conoscevo queste sue caratteristiche, io l'ho conosciuto su You tube ascoltando alcuni suoi dialoghi che ho trovato molto interessanti e logici, finora non ho trovato niente di strano in quanto da lui sostenuto ma non conosco tutto di lui, comunque si chiama Yuval Noah Harari non Hariri perchè c'è un altro Hariri famoso che non ha niente a che fare col mio Harari
ecco cosa ne dice Wikipedia

Yuval Noah Harari - Wikipedia
 
Ultima modifica:
Come li deceleri i tempi? Ormai sono all'aperto e qualcuno che le sviluppa, anche se fuori legge, ci sarà anche solo per essere più avanti della concorrenza o per fini particolari.
ma infatti la decelarazione è una speranza ma sono pessimista sulla sua possibilità per le ragioni che tu sostieni
 
non conoscevo queste sue caratteristiche, io l'ho conosciuto su You tube ascoltando alcuni suoi dialoghi che ho trovato molto interessanti e logici, finora non ho trovato niente di strano in quanto da lui sostenuto ma non conosco tutto di lui, comunque si chiama Yuval Noah Harari non Hariri perchè c'è un altro Hariri famoso che non ha niente a che fare col mio Harari
Di harari ho postato molto, usa il suo appeal per mettere insieme argomenti diversi in chiave fantascientifica prendibile, con poche attinenze scientifiche, ma creano un immaginario normalizzante.

É assimilabile alla fabian society, anche se pone spesso sotto forma di allert, la normalizzazione delle evoluzioni che comunica come scontate.

Ad esempio ci sono diversi studi sul controllo della mente e delle emozioni su base chimica e elettromagnetica diretta, mentre lui ipotizza un controllo collettivo della salute e della produttività tali da essere o dentro o fuori.
Attraverso la speciazione tra chi é all’interno del sistema e ne accetta la cessione del diritto sul proprio corpo e chi stando al di fuori perde il salto evoluzionistico.
 
Io senza computer e telefono campo benissimo lo stesso.
Pertanto... problema che sinceramente non mi impensierisce.
Sicuro?

Hai un conto in banca o nascondi i soldi sotto il materasso?
La tua banca usa dei computer e la telefonia per il tuo conto...

Prendi i mezzi pubblici o hai una macchina?
Computer anche qui per la loro realizzazione e la tua fruizione dei mezzi...

Potrei andare avanti all'infinito ma te ne sarai già reso conto da solo, spero :bye:
Eppure scrivi sul FOL, chissà come
 
Sicuro?

Hai un conto in banca o nascondi i soldi sotto il materasso?
La tua banca usa dei computer e la telefonia per il tuo conto...

Prendi i mezzi pubblici o hai una macchina?
Computer anche qui per la loro realizzazione e la tua fruizione dei mezzi...

Potrei andare avanti all'infinito ma te ne sarai già reso conto da solo, spero :bye:
Eppure scrivi sul FOL, chissà come
La tua risposta è sensata e pertanto ti spiego meglio cosa volevo dire.
Sono consapevole che oggi le cose a cui accennavi richiedono o hanno richiesto l'uso della tecnologia digitale.
Io stesso per lavoro sono un tecnico multimediale ed opero esclusivamente in ambito digitale pur avendo iniziato 25 anni fa con tecnologia analogica.
Rispondo alle tue obiezioni:
1) Banca: non avrei alcun tipo di problema ad essere pagato in contanti, a pagare tutto in contanti e a custodirli personalmente senza avere un conto corrente.
2) Trasporti: ho un'automobile euro 4 (che dunque ha a bordo un minimo di elettronica) e due motociclette euro 0 che elettronica non ne hanno. Non avrei alcun problema a sostituire l'auto attuale con una totalmente analogica. I mezzi pubblici li uso ma se fossi costretto a farne a meno, non avrei grossi problemi.
3) Social: uso questo forum e FB, non sono minimamente amante di chat e telefono e se comunque fossi costretto a non usare più questi media, non avrei problemi di socialità visto che mi piace tantissimo chiacchierare coi miei vicini e conoscenti.
Cosa voglio dire con questo?
Semplicemente una cosa: che se fossi costretto per forza di cose a rinunciare al digitale, saprei comunque come vivere senza patire la cosa eccessivamente.
 
La tua risposta è sensata e pertanto ti spiego meglio cosa volevo dire.
Sono consapevole che oggi le cose a cui accennavi richiedono o hanno richiesto l'uso della tecnologia digitale.
Io stesso per lavoro sono un tecnico multimediale ed opero esclusivamente in ambito digitale pur avendo iniziato 25 anni fa con tecnologia analogica.
Rispondo alle tue obiezioni:
1) Banca: non avrei alcun tipo di problema ad essere pagato in contanti, a pagare tutto in contanti e a custodirli personalmente senza avere un conto corrente.
2) Trasporti: ho un'automobile euro 4 (che dunque ha a bordo un minimo di elettronica) e due motociclette euro 0 che elettronica non ne hanno. Non avrei alcun problema a sostituire l'auto attuale con una totalmente analogica. I mezzi pubblici li uso ma se fossi costretto a farne a meno, non avrei grossi problemi.
3) Social: uso questo forum e FB, non sono minimamente amante di chat e telefono e se comunque fossi costretto a non usare più questi media, non avrei problemi di socialità visto che mi piace tantissimo chiacchierare coi miei vicini e conoscenti.
Cosa voglio dire con questo?
Semplicemente una cosa: che se fossi costretto per forza di cose a rinunciare al digitale, saprei comunque come vivere senza patire la cosa eccessivamente.
Certo, è un ragionamento sensato il tuo ma generalizzando:

Banca e contanti: quei contanti sono frutto di movimenti digitali per cui il computer comunque serve (anche se non a te)
Trasporti: le auto sono comunque create dalla tecnologia per cui dovresti muoverti a piedi, e magari nudo visto che anche i vestiti (sia in fibre naturali che sintentiche) e le scarpe (pelle o plastica)...

Un conto è riuscire a vivere rinunciando direttamente alle tecnologie ma, in un modo o nell'altro, per vivere ne abbiamo bisogno anche se indirettamente. Questo il concetto alla base della mia risposta OK!

A proposito: come potresti nutrirti senza cacciare e pescare o coltivare (ovviamente a mani nude e con mezzi primitivi)? E comunque la terra, se non è di proprietà, come la compri senza soldi frutto della tecnologia? Baratto?
 
questo video di Yulan Noah Harari è molto esaustivo circa AI, le sue caratteristiche ed i suoi pericoli, purtroppo è in inglese ed i sottotitoli sottostanti sono in una lingua imprecisata, suppongo asiatica, ma credo che siate in grado di cambiarla in italiano

 
AI non ha bisogno di coscienza per essere pericolosa come un virus può essere mortale per l'uomo senza avere coscienza di se e del male
 
aspetta e spera che mi schiavizzi
potresti diventare suo schiavo senza che te ne renda conto, per esempio AI è molto capace a creare intimità per diventare affidabile e accreditarsi verso gli altri che cadono nella sua trappola in modo poco comprensibile
 
ecco un altro video di HARARI che parla di AI, del futuro, dei pericoli, ecc...

 
Certo, è un ragionamento sensato il tuo ma generalizzando:

Banca e contanti: quei contanti sono frutto di movimenti digitali per cui il computer comunque serve (anche se non a te)
Trasporti: le auto sono comunque create dalla tecnologia per cui dovresti muoverti a piedi, e magari nudo visto che anche i vestiti (sia in fibre naturali che sintentiche) e le scarpe (pelle o plastica)...

Un conto è riuscire a vivere rinunciando direttamente alle tecnologie ma, in un modo o nell'altro, per vivere ne abbiamo bisogno anche se indirettamente. Questo il concetto alla base della mia risposta OK!

A proposito: come potresti nutrirti senza cacciare e pescare o coltivare (ovviamente a mani nude e con mezzi primitivi)? E comunque la terra, se non è di proprietà, come la compri senza soldi frutto della tecnologia? Baratto?
Innanzitutto grazie per la risposta!
Credo però ci sia un malinteso, io non ho detto che posso vivere senza tecnologia senza alcun problema.
Ho invece affermato che se dovessi rinunciare alla tecnologia digitale, sarei in grado di farlo senza grossi problemi.
Quindi tecnologia digitale, non qualsiasi tipo di tecnologia.
Per intenderci, posso rinunciare allo smartphone ma se mi togli la motozappa, allora ho un problema.
Lo scenario che hai dipinto tu è per così dire un mondo da Mad Max, io viceversa facevo semplicemente un passo di 40 anni indietro, mi riferivo ad un mondo pre windows e pre internet non ad una società post atomica... :D
In ogni caso riguardo al cibo, ho un orto, un frutteto ed un uliveto a cui sto dietro personalmente con l'aiuto della mia compagna, olio agrumi verdura e patate non ne compriamo e spesso facciamo dei baratti con amici che hanno cose che noi non produciamo, dai polli al pesce.
E per il riscaldamento abbiamo il termocamino, che in parte alimentiamo con la potatura dei nostri alberi, soprattutto gli ulivi.
Con tutto ciò cosa voglio infine dire: ben venga la tecnologia digitale ed anche l'AI, poi se un giorno qualcosa andrà storto, qualche alternativa per vivere comunque almeno nei primi periodi ce l'avremo.
Poi se va a finire a Mad Max, allora non c'è speranza per me, soprattutto perchè non avrei la cattiveria che serve per affrontare quel tipo di scenario...
 
potresti diventare suo schiavo senza che te ne renda conto, per esempio AI è molto capace a creare intimità per diventare affidabile e accreditarsi verso gli altri che cadono nella sua trappola in modo poco comprensibile
ti consiglio questo
 
qui non si tratta di credere che chi usa la tecnologia digitale rischia la schiavitù di AI mentre chi ne rimane fuori, rimane libero
AI dominerà tutto e tutti a prescindere da chi usa o meno la tecnologia digitale, non ci saranno isole libere nè individui che se la cavano
 
Indietro