Futures for dummies

nahar

Nuovo Utente
Registrato
18/8/05
Messaggi
583
Punti reazioni
13
Salve a tutti, scrivo questo post per tentare di far luce su alcune informazioni basilari (e certo non semplici da reperire in maniera chiara e ordinata) per chiunque decida di approcciarsi al mondo dei futures. Spero possa essere d’aiuto a molti. Andiamo alle domande:
1) La prima questione da affrontare è quella delle scadenze, argomento sul quale ho trovato in giro molta confusione. Vorrei capire esattamente come sono regolate periodicamente le scadenze di futures su materie prime, valute e principali indici azionari. Immagino infatti che esistano delle “regole” (tipo, terzo mercoledì del mese) che regolino queste scadenze. Esempio: noto che ad oggi il future ZCZ2020 (Corn dicembre 2020) è ancora tradabile (sul sito del CME ancora c'è, ma non so come evidenziare il giorno e l'ora esatta di scadenza!), ma lo stesso non vale per il CL il cui future con scadenza più vicina è gennaio 2021 (CLF2021), come mai? Credevo che i future sulle commodities scadessero tutti lo stesso giorno del mese (anche se ho visto che alcuni scadono mensilmente, come il CL, mentre altri, come il ZC, “saltano” qualche mese)? Naturalmente, la domanda vale anche per i futures su indici e su valute.
2) Noto che i future sono tradati su diversi mercati, ad esempio Corn (ZC) sul CBOT, CL è sul NyMEx, Gold è su COMEX...a seconda del mercato in cui vengono tradati, esistono delle differenze da prendere in considerazione nell'attività di trading?
3) Cosa si intende per informativa e livelli? Ad esempio, ho visto che un noto broker prevede dei costi mensili variabili a seconda dei livelli di informativa, ma non ho ben capito cosa voglia dire ciò

Per ora spero che qualcuno voglia rispondere a queste domande...poi ne invierò altre:D
 

torre1

Un passo alla volta
Registrato
15/5/08
Messaggi
44.991
Punti reazioni
2.698
Salve a tutti, scrivo questo post per tentare di far luce su alcune informazioni basilari (e certo non semplici da reperire in maniera chiara e ordinata) per chiunque decida di approcciarsi al mondo dei futures. Spero possa essere d’aiuto a molti. Andiamo alle domande:
1) La prima questione da affrontare è quella delle scadenze, argomento sul quale ho trovato in giro molta confusione. Vorrei capire esattamente come sono regolate periodicamente le scadenze di futures su materie prime, valute e principali indici azionari. Immagino infatti che esistano delle “regole” (tipo, terzo mercoledì del mese) che regolino queste scadenze. Esempio: noto che ad oggi il future ZCZ2020 (Corn dicembre 2020) è ancora tradabile (sul sito del CME ancora c'è, ma non so come evidenziare il giorno e l'ora esatta di scadenza!), ma lo stesso non vale per il CL il cui future con scadenza più vicina è gennaio 2021 (CLF2021), come mai? Credevo che i future sulle commodities scadessero tutti lo stesso giorno del mese (anche se ho visto che alcuni scadono mensilmente, come il CL, mentre altri, come il ZC, “saltano” qualche mese)? Naturalmente, la domanda vale anche per i futures su indici e su valute.
2) Noto che i future sono tradati su diversi mercati, ad esempio Corn (ZC) sul CBOT, CL è sul NyMEx, Gold è su COMEX...a seconda del mercato in cui vengono tradati, esistono delle differenze da prendere in considerazione nell'attività di trading?
3) Cosa si intende per informativa e livelli? Ad esempio, ho visto che un noto broker prevede dei costi mensili variabili a seconda dei livelli di informativa, ma non ho ben capito cosa voglia dire ciò

Per ora spero che qualcuno voglia rispondere a queste domande...poi ne invierò altre:D

In questa sezione del forum https://www.finanzaonline.com/forum/trading-on-line/ ci sono parecchie discussione sull'operato e condizioni dei singoli broker, forse trovi anche qualcosa di più specifico sul funzionamento di questi strumenti
Qui comunque ci sono diversi utenti che operano con i future che immagino possano fornire un contributo. Ciao
 

pimpernel

Nuovo Utente
Registrato
14/4/08
Messaggi
944
Punti reazioni
82
Ciao, la banca che usi come intermediario dovrebbe avere un'apposita sezione sulle scadenze dei vari Futures , dove è tutto indicato. Come esempio ti incollo una parte di tabella di Fineco, perdona l'impaginazione scorretta :

Futures su prodotti agricoli
Nome Simbolo Scadenza mese Chiusura automatica Prossima scadenza
Oat ZOH1 26/02/2021 24/02/2021 19:15 30/04/2021
Corn ZCH1 26/02/2021 24/02/2021 19:15 30/04/2021
Wheat ZWH1 26/02/2021 24/02/2021 19:15 30/04/2021
Soybean ZSF1 31/12/2020 29/12/2020 19:15 26/02/2021
Rough Rice ZRF1 31/12/2020 29/12/2020 19:15 26/02/2021
Soybean Oil ZLF1 31/12/2020 29/12/2020 19:15 26/02/2021
Soybean Meal ZMF1 31/12/2020 29/12/2020 19:15 26/02/2021
Mini-Corn XCH1 26/02/2021 24/02/2021 19:45 30/04/2021
Mini-Wheat XWH1 26/02/2021 24/02/2021 19:45 30/04/2021
Mini-Soybean XKF1 31/12/2020 29/12/2020 19:45 26/02/2021
Nota: le colonne "Scadenze del mese" e "Prossima Scadenza" indicano il First Notice Day
 
Registrato
13/2/09
Messaggi
1.651
Punti reazioni
101
Di solito tutti i futures su indici azionari scadono il terzo venerdi del mese di scadenza, quasi tutti sono trimestrali (Mar, Giu, Sett, Dic) ma alcuni hanno scadenze mensili, come il Cac40, Ibex35 e Aex25.

Per le commodities e' un po' piu' complesso, di solito hanno scadenze mensili, su energetici sono tutte liquide, su metalli preziosi come Gold invece ci sono scadenze assolutamente da evitare, anche su valutario ci sono scadenze mensili ma si opera sempre sulle trimestrali. Per capire la scadenza migliore su cui operare, che in alcuni casi potrebbe non essere la prima disponibile, la cosa migliore e più veloce e' controllare i volumi scambiati del giorno per le diverse scadenze. Di regola vai sulla scadenza con volumi piu' alti e piu' vicina. Anche controllare la data effettiva di scadenza del future su cui vai a operare e' importante, se gia' sai che l'operazione che vuoi fare intendi mantenerla aperta per piu' giorni. Per esempio il Crude Oil scadenza Gennaio 21, in realta' scade a dicembre (il 21 in questo caso), il mini Crude scade il giorno prima del grande e regola per contanti, mentre il grande per consegna.
Se operi su futures queste sono tutte cose che devi sapere quasi a memoria. La fonte migliore sono le pagine delle specifiche contrattuali su siti ufficiali delle borse. Anche il tuo broker dovrebbe darti tutte queste info, inclusi gli orari di negoziazione. In una pagina magari facile da consultare mentre operi.
 

nahar

Nuovo Utente
Registrato
18/8/05
Messaggi
583
Punti reazioni
13
Grazie per le risposte :bow: Studiandomi le specifiche contrattuali sul sito CME ho già chiarito parecchio le idee su questioni di scadenze e volumi su materie prime, valutario, e indici USA. Si aprono quindi altre domande:
1) Per leggere le specifiche contrattuali (in modo chiaro, dettagliato e “ufficiale”, esattamente come sul CME) riguardanti i future su FTSE MIB, CAC40, Ibex35 e Aex25, su quale sito dovrei cercare?
2) Nel Tab Calendar dei contratti future sul sito CME, trovo delle schede con le seguenti diciture: FIRST TRADE/LAST TRADE, SETTLEMENT, FIRST HOLDING, FIRST POSITION, FIRST NOTICE,FIRST DELIVERY. E' importante per un trader di future conoscere il significato di TUTTE quelle voci? Se sì, qualche anima pia potrebbe illuminarmi (anche se il significato di alcune voci è palese, un riassunto più “accademico” di tutte le voci non farebbe male)?
3) Per evitare problemi di liquidità, quanti giorni prima dovrebbe essere chiuso il future? Esempio: il corn dic2020 risulta tradabile fino al 14dic2020, ma già ieri (a sei giorni dalla scadenza) risultavano tradati solo 900 contratti, oggi addirittura siamo a 80. Forse la domanda più corretta sarebbe: quando vediamo che i volumi sul future iniziano a diminuire in maniera consistente, esiste una “soglia di allarme” sotto la quale è consigliabile liquidare la posizione (a prescindere che sia in gain o loss)? Che so: quando il future scende sotto i 1000 contratti è meglio chiudere?
 
Registrato
13/2/09
Messaggi
1.651
Punti reazioni
101
Grazie per le risposte :bow: Studiandomi le specifiche contrattuali sul sito CME ho già chiarito parecchio le idee su questioni di scadenze e volumi su materie prime, valutario, e indici USA. Si aprono quindi altre domande:
1) Per leggere le specifiche contrattuali (in modo chiaro, dettagliato e “ufficiale”, esattamente come sul CME) riguardanti i future su FTSE MIB, CAC40, Ibex35 e Aex25, su quale sito dovrei cercare?
2) Nel Tab Calendar dei contratti future sul sito CME, trovo delle schede con le seguenti diciture: FIRST TRADE/LAST TRADE, SETTLEMENT, FIRST HOLDING, FIRST POSITION, FIRST NOTICE,FIRST DELIVERY. E' importante per un trader di future conoscere il significato di TUTTE quelle voci? Se sì, qualche anima pia potrebbe illuminarmi (anche se il significato di alcune voci è palese, un riassunto più “accademico” di tutte le voci non farebbe male)?
3) Per evitare problemi di liquidità, quanti giorni prima dovrebbe essere chiuso il future? Esempio: il corn dic2020 risulta tradabile fino al 14dic2020, ma già ieri (a sei giorni dalla scadenza) risultavano tradati solo 900 contratti, oggi addirittura siamo a 80. Forse la domanda più corretta sarebbe: quando vediamo che i volumi sul future iniziano a diminuire in maniera consistente, esiste una “soglia di allarme” sotto la quale è consigliabile liquidare la posizione (a prescindere che sia in gain o loss)? Che so: quando il future scende sotto i 1000 contratti è meglio chiudere?

In generale quello che ti deve interessare è il LAST TRADE inteso come data di scadenza. Per quei prodotti che hanno anche FIRST NOTICE (per esempio alcune commodities e obbligazioni USA) considera questa come data di scadenza.
In generale, gli indici li puoi scambiare tranquillamente fino al giorno precedente alla scadenza, le commodities idealmente passerei a scadenza successiva almeno 2/3 giorni prima della scadenza (o first notice se applicabile) o in generale non appena i volumi giornalieri della scadenza successiva sono più alti della scadenza più vicina (front month)
 

Sonicardo

Nuovo Utente
Registrato
25/11/07
Messaggi
82
Punti reazioni
1
Essendo dummy sull'argomento specifico mi inserisco a domandare.
Se opero con plus 500 devo tenere a mente le scadenze altrimenti chiude la posizione in automatico al di là di stop vari ?
grazie
 

Sonicardo

Nuovo Utente
Registrato
25/11/07
Messaggi
82
Punti reazioni
1
Essendo dummy sull'argomento specifico mi inserisco a domandare.
Se opero con plus 500 devo tenere a mente le scadenze altrimenti chiude la posizione in automatico al di là di stop vari ?
grazie

In pratica, i cfd sono influenzati in qualche modo dalla scadenza del future relativo?
 

nahar

Nuovo Utente
Registrato
18/8/05
Messaggi
583
Punti reazioni
13
Perfetto, comincio a vederci chiaro, grazie a tutti per l'aiuto. Ma ancora ho qualche domandina :)
1) Cosa si intende per informativa e livelli? Ad esempio, ho visto che un noto broker prevede dei costi mensili variabili a seconda dei livelli di informativa, ma non ho ben capito cosa voglia dire ciò. Si tratta forse dei livelli del book? Per un trader multiday (candele daily/weekly) come me, è utile avere un book a più livelli?
2) Devo tenere d’occhio anche l’open interest? Se sì perché?
3) Domanda importante: dove reperire info fondamentali (report sui raccolti, etc) per tradare le commodities (prevalentemente in spread)? Mi pare che il CME offra una newsletter a riguardo: è affidabile/ben dettagliata?
4) Più che altro una curiosità: dove trovare i prezzi spot delle materie prime, ammesso che per il trader sia utile leggerli e raffrontarli col prezzo future? Ad esempio, nel petrolio lo spot è il CLY00

Con queste ultime domande credo di aver finito, ma spero che altri intervengano nel post poiché credo che i future siano strumenti da maneggiare con molta cautela, quindi è bene sapere TUTTO.
 

nahar

Nuovo Utente
Registrato
18/8/05
Messaggi
583
Punti reazioni
13
coraggio ragazzi, non mi abbandonate proprio a Natale :'(:bow: (paraculo)
 
Registrato
13/2/09
Messaggi
1.651
Punti reazioni
101
Essendo dummy sull'argomento specifico mi inserisco a domandare.
Se opero con plus 500 devo tenere a mente le scadenze altrimenti chiude la posizione in automatico al di là di stop vari ?
grazie

Su CFD non ci sono scadenze, quindi non ha chiusure da parte del broker per scadenza del contratto. Hai comunque 2 tipi di CFD:
- quello su indici spot, lo riconosci in quanto ti fanno rollover giornaliero
- quello che segue il future, lo riconosci che di regola non ha rollover giornaliero ma un rollover unico in concomitanza del roll del future che passa alla scadenza successiva (quindi roll mensile o trimestrale)
 
Registrato
13/2/09
Messaggi
1.651
Punti reazioni
101
Perfetto, comincio a vederci chiaro, grazie a tutti per l'aiuto. Ma ancora ho qualche domandina :)
1) Cosa si intende per informativa e livelli? Ad esempio, ho visto che un noto broker prevede dei costi mensili variabili a seconda dei livelli di informativa, ma non ho ben capito cosa voglia dire ciò. Si tratta forse dei livelli del book? Per un trader multiday (candele daily/weekly) come me, è utile avere un book a più livelli?
2) Devo tenere d’occhio anche l’open interest? Se sì perché?
3) Domanda importante: dove reperire info fondamentali (report sui raccolti, etc) per tradare le commodities (prevalentemente in spread)? Mi pare che il CME offra una newsletter a riguardo: è affidabile/ben dettagliata?
4) Più che altro una curiosità: dove trovare i prezzi spot delle materie prime, ammesso che per il trader sia utile leggerli e raffrontarli col prezzo future? Ad esempio, nel petrolio lo spot è il CLY00

Con queste ultime domande credo di aver finito, ma spero che altri intervengano nel post poiché credo che i future siano strumenti da maneggiare con molta cautela, quindi è bene sapere TUTTO.

Ciao

1) Cosa si intende per informativa e livelli? Ad esempio, ho visto che un noto broker prevede dei costi mensili variabili a seconda dei livelli di informativa, ma non ho ben capito cosa voglia dire ciò. Si tratta forse dei livelli del book? Per un trader multiday (candele daily/weekly) come me, è utile avere un book a più livelli?

- Si si tratta della profondita' del book, e no, non credo che ti serva a nulla se lavori nel lungo periodo.

2) Devo tenere d’occhio anche l’open interest? Se sì perché?

- Utili per capire la scadenza migliore su cui operare, perche' rappresenta il numero (in lotti) di posizioni aperte, quindi le scadenze su cui c'e' maggiore "interesse" appunto. Non ti dice nient'altro, c'e' chi avra' opinioni diverse, ma su future a mio avviso e' solo un indicatore di liquidita' del contratto (non ti dice se interesse e' short o long, perche' ovviamente per ogni posizione aperta c'e' un uguale numero di short e long)

3) Domanda importante: dove reperire info fondamentali (report sui raccolti, etc) per tradare le commodities (prevalentemente in spread)? Mi pare che il CME offra una newsletter a riguardo: è affidabile/ben dettagliata?

Usa google, magari trovi info per esempio su sito Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), c'e' anche mercato ICE che e' importante per commodities, qualche cosa la trovi anche li immagino


4) Più che altro una curiosità: dove trovare i prezzi spot delle materie prime, ammesso che per il trader sia utile leggerli e raffrontarli col prezzo future?

Mah, prezzi spot affidabili aggiornati di contiuno credo siano disponibili solo su siti specialistici probabilmente a pagamento, su questo non ti so aiutare.
 

nahar

Nuovo Utente
Registrato
18/8/05
Messaggi
583
Punti reazioni
13
Su CFD non ci sono scadenze, quindi non ha chiusure da parte del broker per scadenza del contratto. Hai comunque 2 tipi di CFD:
- quello su indici spot, lo riconosci in quanto ti fanno rollover giornaliero
- quello che segue il future, lo riconosci che di regola non ha rollover giornaliero ma un rollover unico in concomitanza del roll del future che passa alla scadenza successiva (quindi roll mensile o trimestrale)

Tra l'altro, parlando soprattutto di future su commodities, sorgono dei dubbi. Sebbene nel caso di CFD che replica il future la situazione sia piuttosto chiara, nel senso che, se volessimo rollare, sconteremo (negativamente) il normale effetto contango, che succede invece nel caso di CFD che replica lo spot (esempio tipico, il CFD sul petrolio spot CLY00...non so se ve ne sono anche altri)? Googlando ho trovato questa spiegazione: "nel raro caso di contratti (cfd) spot su materie prime, l’intermediario carica per le posizioni portate in overnight un costo di rollover o swap all’investitore che cresce all’aumentare del contango, importo che potrebbe invece essere a credito dell’investitore nel caso di backwardation." Sembrerebbe dunque che, nel caso di CFD su spot, il costo del contango venga "occultato" nella commissione overnight.

Grazie per le risposte StickyOK!OK!OK!OK!
 

shybrazen

Nuovo Utente
Registrato
24/9/10
Messaggi
1.384
Punti reazioni
168
Ciao



2) Devo tenere d’occhio anche l’open interest? Se sì perché?

- Utili per capire la scadenza migliore su cui operare, perche' rappresenta il numero (in lotti) di posizioni aperte, quindi le scadenze su cui c'e' maggiore "interesse" appunto. Non ti dice nient'altro, c'e' chi avra' opinioni diverse, ma su future a mio avviso e' solo un indicatore di liquidita' del contratto (non ti dice se interesse e' short o long, perche' ovviamente per ogni posizione aperta c'e' un uguale numero di short e long)

Complimenti davvero Sticky, sei bravo, preparato e generoso.
Io osservo molto le variazioni di open interest del future e del mercato delle opzioni e ne ho fatto il mio unico metodo di trading. Correlando questi dati riesco a ricavarne informazioni preziose.
Ad esempio su S&P sia sulla scadenza settembre che sulla scadenza dicembre, sapevo che a 3400 insisteva un grosso cumulato di call e che quel cumulato corrispondeva a circa il 40% di tutte le call su quelle scadenze.
Era ovvio che se il mercato fosse arrivato a quello strike rischiando di far diventare itm oltre il 40% delle call a mercato, il venditore di quelle call sarebbe dovuto correre ai ripari con i soliti strumenti utilizzati dagli hedger: il rollaggio a strike più lontani nel tempo e nel prezzo o la copertura con i future o con opzioni con delta opposto.
Quello che è poi avvenuto è stato proprio questo: alcune posizioni call sono state chiuse, ed altre sono state coperte dal delta contrario di future long. Sul future sono di fatto aumentati molto gli open interest.
La stessa cosa sta ora avvenendo sullo strike 3700 che su s&p Dicembre rappresenta oltre il 70% di call che scadrebbero itm. Un aumento della componente future sarebbe un segnale che sul mercato gli hedger sono entrati in copertura usando la protezione lineare del future e questo potrebbe portare le quotazioni ancora più in alto. In fin dei conti è solo l'interesse monetario a far muovere prezzi e i contratti. Il resto sono solo chiacchiere da analisti.
 
Registrato
13/2/09
Messaggi
1.651
Punti reazioni
101
Complimenti davvero Sticky, sei bravo, preparato e generoso.
Io osservo molto le variazioni di open interest del future e del mercato delle opzioni e ne ho fatto il mio unico metodo di trading. Correlando questi dati riesco a ricavarne informazioni preziose.
Ad esempio su S&P sia sulla scadenza settembre che sulla scadenza dicembre, sapevo che a 3400 insisteva un grosso cumulato di call e che quel cumulato corrispondeva a circa il 40% di tutte le call su quelle scadenze.
Era ovvio che se il mercato fosse arrivato a quello strike rischiando di far diventare itm oltre il 40% delle call a mercato, il venditore di quelle call sarebbe dovuto correre ai ripari con i soliti strumenti utilizzati dagli hedger: il rollaggio a strike più lontani nel tempo e nel prezzo o la copertura con i future o con opzioni con delta opposto.
Quello che è poi avvenuto è stato proprio questo: alcune posizioni call sono state chiuse, ed altre sono state coperte dal delta contrario di future long. Sul future sono di fatto aumentati molto gli open interest.
La stessa cosa sta ora avvenendo sullo strike 3700 che su s&p Dicembre rappresenta oltre il 70% di call che scadrebbero itm. Un aumento della componente future sarebbe un segnale che sul mercato gli hedger sono entrati in copertura usando la protezione lineare del future e questo potrebbe portare le quotazioni ancora più in alto. In fin dei conti è solo l'interesse monetario a far muovere prezzi e i contratti. Il resto sono solo chiacchiere da analisti.

Ciao, innanzitutto grazie :)
Sono pienamente d'accordo, per questo nel commento avevo specificato OI su futures ;). Se parliamo di opzioni in effetti cambia completamente il punto di vista, gli open interest sulle opzioni in un certo senso forniscono supporti e resistenze sul sottostante
 

romeod

Nuovo Utente
Registrato
23/1/17
Messaggi
1.010
Punti reazioni
34
Venerdí scade il future del ftsemib.
Avendone uno e non facendo niente, mi viene chiuso automaticamente e mi viene accreditato il valore. Ma non ricordo a che prezzo, quello dell'apertura di venerdí? o chiusura di giovedí?
 

shybrazen

Nuovo Utente
Registrato
24/9/10
Messaggi
1.384
Punti reazioni
168
Venerdí scade il future del ftsemib.
Avendone uno e non facendo niente, mi viene chiuso automaticamente e mi viene accreditato il valore. Ma non ricordo a che prezzo, quello dell'apertura di venerdí? o chiusura di giovedí?

Si, ti viene chiuso automaticamente e ti verrà regolato monetariamente al valore di cash settlement del venerdì mattina calcolato "sui prezzi di apertura degli strumenti finanziari che lo compongono".
Nell'immagine hai tutte le specifiche.
screenshot.1608193864.jpg
 

biondao

TRADER
Registrato
21/5/08
Messaggi
12.468
Punti reazioni
772
Ciao, innanzitutto grazie :)
Sono pienamente d'accordo, per questo nel commento avevo specificato OI su futures ;). Se parliamo di opzioni in effetti cambia completamente il punto di vista, gli open interest sulle opzioni in un certo senso forniscono supporti e resistenze sul sottostante

Ciao Giorgio, per una volta sono in disaccordo con te :p. Gli OI sul future sono una parte integrante e correlata agli OI sulle opzioni. Quando parte un trend o viene "attaccato" uno strike "importante" ( che tu affermi fare da supporto o da resistenza) c'è conseguentemente un aumento degli OI sul future perchè è proprio quello che viene utilizzato per "fare" il movimento. Un sunto della lettura corretta degli OI ( sulle opzioni e sul future ) lo misi qui sul blog Conoscere i mercati - Didattica, poi ci abbiamo anche fatto una tecnica e protocolli operativi ( io e l'amico Bruno alias Sybrazen ) sui livelli di ripartizione ( un algoritmo che "quantifica" quante call o put siano andate ITM e le relative conseguenze operative ).
 

Allegati

  • mil 1.jpg
    mil 1.jpg
    161,6 KB · Visite: 12
  • mil 2.jpg
    mil 2.jpg
    195,7 KB · Visite: 8
  • partenza di un trend.jpg
    partenza di un trend.jpg
    136,2 KB · Visite: 9
Registrato
13/2/09
Messaggi
1.651
Punti reazioni
101
Ciao Giorgio, per una volta sono in disaccordo con te :p. Gli OI sul future sono una parte integrante e correlata agli OI sulle opzioni. Quando parte un trend o viene "attaccato" uno strike "importante" ( che tu affermi fare da supporto o da resistenza) c'è conseguentemente un aumento degli OI sul future perchè è proprio quello che viene utilizzato per "fare" il movimento. Un sunto della lettura corretta degli OI ( sulle opzioni e sul future ) lo misi qui sul blog Conoscere i mercati - Didattica, poi ci abbiamo anche fatto una tecnica e protocolli operativi ( io e l'amico Bruno alias Sybrazen ) sui livelli di ripartizione ( un algoritmo che "quantifica" quante call o put siano andate ITM e le relative conseguenze operative ).

Hey come stai?
mi sono espresso male mi devi perdonare. Quello che volevo dire che OI del future di per se ci fai poco, a parte magari capire quale scadenza trattare. Se operi e/o prendi in considerazione anche le opzioni, il discorso cambia completamente. Ma sul thread Futures for dummies pensavo fosse troppo...:)