Generali: l’inc.ta è dietro l’angolo…..

gianni.mello

Utente stagionato
Registrato
31/10/16
Messaggi
2.751
Punti reazioni
275
E’ una prassi comune: hai un settore, una fabbrica nel caso di Generali una polizza di cui per una serie di motivi vuoi disfarti ma il tagliare in prima persona ti porterebbe dei danni reputazionali?
semplice: la vendi a qualche oscuro operatore e ci penserà poi lui a fare il killer...

E1C94E88-F4A9-4FA2-8679-91FA4C9EC2EA.jpeg
 

gianni.mello

Utente stagionato
Registrato
31/10/16
Messaggi
2.751
Punti reazioni
275
Che poi visto che parlano di cedere anche le polizze CATTOLICA questo spiegherebbe perché con dicembre chiudono i nuovi conferimenti alla polizza Cattolica per i soci….
 

cipensounpo

L'Italia nel cuore
Registrato
17/11/04
Messaggi
16.348
Punti reazioni
787
Se non ho capito male, siamo fuori dai confini della legalità; se a suo tempo scelsi di stipulare con Generali, e non con la compagnia XY, un contratto assicurativo fu anche, se non sopratutto, per questioni di affidabilità e fiducia, che magari anteposi ad altri aspetti (per esempio le condizioni di polizza, che magari erano più favorevoli con la compagnia XY); adesso (mi ripeto, se non ho capito male), mi ritrovo cliente (a mia insaputa) delle compagnia XY....mi sento io stesso "venduto", insieme alla mia polizza. Pazzesco.
 

gianni.mello

Utente stagionato
Registrato
31/10/16
Messaggi
2.751
Punti reazioni
275
cosa succede poi, nella pratica, ai possessori delle polizze "cedute"?
In teoria non succede niente: oltre alle polizze vengono cedute le riserve matematiche e quindi di fatto la gestione separata MA come fa giustamente notare Cipensounpo un conto è avere come controparte Generali e un altro avere una oscura società magari di Hedge Fund.
Che ovviamente non sono enti di beneficenza e ci vogliono guadagnare…
 
Ultima modifica:

gianni.mello

Utente stagionato
Registrato
31/10/16
Messaggi
2.751
Punti reazioni
275
Personalmente ho una Cattolica ex soci e sono stato indeciso se liquidarla per passare ad acquisti diretti di BTP però poi ho lasciato perdere pensando all’ulteriore scudo che mi dava una assicurazione come la Generali…

certo che se mi vendono.... mica voglio ritrovarmi fra qualche anno con la gestione separata piena di obbligazioni di Windhorst adesso che H2O non ne può più comperare 😁😁😁😁
 

gianni.mello

Utente stagionato
Registrato
31/10/16
Messaggi
2.751
Punti reazioni
275
riporto un articolo su Plus di oggi: è vero che è riferito alla Zurich ma da un’idea di cosa possiamo aspettarci nel caso che la cessione vada a buon fine…

591F53E2-D791-499A-9C17-BED0300247AE.jpeg
 

cipensounpo

L'Italia nel cuore
Registrato
17/11/04
Messaggi
16.348
Punti reazioni
787
Sono veramente grato a gianni.mello per avere acceso i fari su una questione che altrimenti mi sarebbe probabilmente sfuggita.
Una dozzina di anni fa sottoscrissi, per una porzione cospicua del mio patrimonio, alcune polizze Genertellife, all'epoca particolarmente vantaggiose e che tuttora conservano una buona redditività. Di conseguenza, deduco che quelle polizze rientreranno di certo nella cessione paventata.
Premesso, consentitemi lo sfogo, che mai mi sarei aspettato, sottoscrivendo un investimento tradizionalmente "libero" da ogni sorta di preoccupazione (al netto di eventi catastrofici sui nostri tds) di dovermi trovare in situazioni del genere, mi pongo delle domande:
- il diritto di recesso, eventualmente, sarebbe garantito nel nostro caso alla stregua del passaggio da Zurich a Gamalife?
- con quali modalità, prospettive e garanzie (di capitale e di redditività), proseguirebbe il rapporto contrattuale col nuovo contraente, nel caso di mancato esercizio del diritto di recesso ?
 

tantoquanto

Nuovo Utente
Registrato
18/6/03
Messaggi
8.537
Punti reazioni
491
Sono veramente grato a gianni.mello per avere acceso i fari su una questione che altrimenti mi sarebbe probabilmente sfuggita.
Una dozzina di anni fa sottoscrissi, per una porzione cospicua del mio patrimonio, alcune polizze Genertellife, all'epoca particolarmente vantaggiose e che tuttora conservano una buona redditività. Di conseguenza, deduco che quelle polizze rientreranno di certo nella cessione paventata.
Premesso, consentitemi lo sfogo, che mai mi sarei aspettato, sottoscrivendo un investimento tradizionalmente "libero" da ogni sorta di preoccupazione (al netto di eventi catastrofici sui nostri tds) di dovermi trovare in situazioni del genere, mi pongo delle domande:
- il diritto di recesso, eventualmente, sarebbe garantito nel nostro caso alla stregua del passaggio da Zurich a Gamalife?
- con quali modalità, prospettive e garanzie (di capitale e di redditività), proseguirebbe il rapporto contrattuale col nuovo contraente, nel caso di mancato esercizio del diritto di recesso ?
Logica vorrebbe che le condizioni e le garanzie previste dal contratto originario permangano (ad esempio consolidamento del capitale, tasso minimo garantito pari a zero, ecc...)
Certamente la redditività nessuno la garantisce, neppure genertellife (peraltro da ex possessore della "investimento garantito" mi sono trovata cambiata la gestione separata, da nuova concreta a glife premium con relativa decurtazione del rendimento)
Essenziale sarà vedere a chi saremo venduti e da lì si vedrà il da farsi, eventualmente uscendo o con esercizio del recesso o semplicemente riscattando.
Di certo le assicurazioni formali dell'acquirente (come nel caso di Gamalife postate nel Sole 24h) lasciano il tempo che trovano :cool:
 

Due.Zero

Sonpreso dallo Staff
Registrato
18/8/12
Messaggi
39.929
Punti reazioni
1.391
Ringrazio anche io @gianni.mello per la notizia avendo io un paio di polizze Genertellife della famiglia "Sicuramente".

Però non mi è chiarissimo su quando potrebbe avvenire questo passaggio forzato e con quali tempi di preavviso saremo appunto avvisati.

Se facessero come stanno facendo con la comunicazione del tasso potremmo venirlo a sapere anche a "babbo morto" :o
 

bankomatto

Nuovo Utente
Registrato
19/9/22
Messaggi
110
Punti reazioni
21
La vendita potrebbe interessare anche il FPA "pensionline" o no? Grazie
 

mander

Nuovo Utente
Registrato
4/2/15
Messaggi
21.186
Punti reazioni
474
Si tratta di fisiologici aggiustamenti di portafogli sempre avvenuti, nulla di preoccupante. Per es. Generali ha acquisito la tripla A dopo l'annunciata cessione di portafogli vita.
 

cipensounpo

L'Italia nel cuore
Registrato
17/11/04
Messaggi
16.348
Punti reazioni
787
Si tratta di fisiologici aggiustamenti di portafogli sempre avvenuti, nulla di preoccupante. Per es. Generali ha acquisito la tripla A dopo l'annunciata cessione di portafogli vita.
Ciao mander, leggo sempre con interesse i tuoi interventi, riconoscendoti tra gli utenti più esperti del FOL in tema di assicurazioni. Proprio per questo, il tuo post, in ordine alle perplessità manifestate da me e da altri, mi lascia perplesso; puoi per favore chiarire meglio il tuo pensiero, a prescindere dai vantaggi che verosimilmente ne trarrà Generali? Tanto per dire, che fine farebbero in caso di cessione le polizze Genertellife fondate su Gestione Sovrana che ancora oggi, al lordo del trattenuto, viaggiano ad oltre il 4% ?
 

mander

Nuovo Utente
Registrato
4/2/15
Messaggi
21.186
Punti reazioni
474
A prescindere dalle cessioni, valgono le condizioni speciali di polizza.

Se la gestione del singolo contratto è oneroso l'ente cedente o il cessionario ha l'obbligo di rispettarlo.

In alternativa si può proporre il riscatto in base a condizioni da convenire fra l' ente e il contraente.
 

Nofee

Nuovo Utente
Registrato
8/9/22
Messaggi
99
Punti reazioni
16
Non è una cosa simpaticissima da leggere, ma nemmeno preoccupante.

Certo, come giustamente qualcuno ha puntualizzato un conto è avere come controparte Generali un conto è avere un altro ente, ma i contratti restano identici e parlo per esperienza personali di polizze molto vecchie passate di mano più di una volta.

Per altro faccio notare che i rendimeti delle GS le case li gesticono come vogliono e anche senza passsare dover vendere parte dei portafogli ad altri soggetti.

Due esempi reali su Generali: L'anno scorso la loro grossissima gestione Rialto è stata splittata in due: Rialto per tutti i contratti pre 2016 e "nuova Rialto" per tutti i contratti post 2016.
Questo ha comportato che tutti i pre 2016, che spesso ha minimi garantiti, non veniva "diluiti" da nuovi versamenti, mentre nei post 2016 permettevano nuovi versamenti e diluizioni varie, indi chi aveva contratti pre 2016 ha avuto un vantaggio, chi post 2016 una penalizzazione. E in questo caso era sempre di Generali

Ancora prima Generali ha preso delle GS davvero ottime (anche 4% di rendimento), ma con controvalori bassi (100 milioni di masse, che paragonate ai 20 miliardi delle rialto era nulla) tipo la "nuova auris" e le ha accorpate nelle rialto, dove il rendimento ora è intorno al 2,5%.

Purtrppo sono cose che possono fare e a cui non si può fare nulla.
 

gianni.mello

Utente stagionato
Registrato
31/10/16
Messaggi
2.751
Punti reazioni
275
Uscito oggi articolo di aggiornamento sul Sole 24 ore: la procedura va avanti entro fine febbraio gli hedge fund interessati presenteranno le loro offerte non vincolanti.

Ne parlo sul mio blog
 

bancale

Uso le banche.
Registrato
30/1/03
Messaggi
2.740
Punti reazioni
221
Mi sembra un problema modesto. Un hedge fund non può comprare un portafoglio di polizze; eventualmente può costituire un'impresa assicuratrice, chiedere le dovute autorizzazioni e con quest'ultima acquistare polizze.
E' evidente che chi acquista vorrà nel tempo rendere sempre più redditizio il suo business, ma nell'esempio della lettera scritta al "sole 24 ore" si ipotizza la fuga dei clienti e l'eventuale insolvenza della compagnia...
In linea teorica tutto è possibile ma quale sarebbe l'interesse di chi investe e spende, per esempio 100, se poi tutti i clienti dovessero scappare e quindi non pagare più le commissioni di gestione?
Vi sono molti casi, già in passato, di compagnie cedute, un caso che conosco bene riguarda Eurovita che acquistò vecchie polizze a vita intera con rendimenti minimi elevati e che propose, uno due anni fa, agli assicurati più giovani di riscattare il prodotto in cambio di un premio pari a ca 5 anni di rendimento.
Ogni cliente scelse in base alle sue esigenze, ma quando un cliente ha un contratto vantaggioso in essere, per uscirne, deve essere
"ingannato" o stimolato a farlo.