Giovani "Bamboccioni" : ecco i numeri - Parte II

  • Obbligazione Societe Generale – Tasso fisso in Euro

    Questa obbligazione prevede il pagamento di tre cedole fisse, corrisposte su base semestrale, ad un tasso annuo lordo del 3,25% e il rimborso del 100% del Valore Nominale a scadenza. Durante la sua vita, il valore di mercato dell’obbligazione può essere diverso dal Valore Nominale. L’investitore potrà quindi acquistare l’obbligazione a prezzi inferiori o superiori al Valore Nominale; il rimborso del Valore Nominale è garantito esclusivamente a scadenza.
    Per continuare a leggere visita il link

cavallobolso

Nuovo Utente
Registrato
5/9/11
Messaggi
5.107
Punti reazioni
193
In tanti paesi civili le case pubbliche ci sono, non necessariamente dei cessi, e sono tante, e questo diminuisce il peso degli inevitabili abusi che ci possono essere. Se adesso in Italia ci sono situazioni di degrado è perchè lo Stato (o chi per lui) ha abbandonato questo settore.

Ma apriamo gli occhi,
le case popolari sono un serbatoio di voti a spese del contribuente, dove si può vedere tutto il bestiario della politica italiana...dal già citato voto di scambio al rimpallo tra responsabilità: il gestore dà lo sfratto che viene bloccato dal comune in odore di elezioni e di iniquità: il conduttore onesto si vede come vicini di casa nomadi extracomunitari e nostrani tiraacampare che vengono aiutati per l'affitto, sfornano figli come conigli (cit.) e hanno il BMW serie 7 eletta parcheggiato sotto casa, popolare.

E' un'istituzione che ha fallito, molto meglio dare dei contributi a persone con reddito.
 

bionabol

Nuovo Utente
Registrato
29/10/11
Messaggi
7.362
Punti reazioni
140
Ma apriamo gli occhi,
le case popolari sono un serbatoio di voti a spese del contribuente, dove si può vedere tutto il bestiario della politica italiana...dal già citato voto di scambio al rimpallo tra responsabilità: il gestore dà lo sfratto che viene bloccato dal comune in odore di elezioni e di iniquità: il conduttore onesto si vede come vicini di casa nomadi extracomunitari e nostrani tiraacampare che vengono aiutati per l'affitto, sfornano figli come conigli (cit.) e hanno il BMW serie 7 eletta parcheggiato sotto casa, popolare.

E' un'istituzione che ha fallito, molto meglio dare dei contributi a persone con reddito.

proprio il mese scorso passando davanti ad una stecca di condomini di case popolari ho contato almeno 10 auto che costano oltre i 40k e un volvo che costerà anche più di 50k
sicuramente erano tutti parenti in visita:rolleyes:
se ricordo bene ci sono stati anche casi di appartamenti popolari svenduti all'ammico che poi li ha rivenduti a prezzo triplo
 

cavallobolso

Nuovo Utente
Registrato
5/9/11
Messaggi
5.107
Punti reazioni
193
proprio il mese scorso passando davanti ad una stecca di condomini di case popolari ho contato almeno 10 auto che costano oltre i 40k e un volvo che costerà anche più di 50k
sicuramente erano tutti parenti in visita:rolleyes:
se ricordo bene ci sono stati anche casi di appartamenti popolari svenduti all'ammico che poi li ha rivenduti a prezzo triplo

Tra l'altro non c'è incompatibilità (o non c'era, spero) tra essere assegnatario di casa popolare ed averne una fuori provincia, come seconda casa.

Privatizziamo questo scempio per favore.
 

Fornost

Nuovo Utente
Registrato
9/10/12
Messaggi
997
Punti reazioni
52
---> tutto giusto SE il costo dei laureati in scienza delle merendine (quindi sicuri disoccupati inquesto paese alla deriva) fosse zero per la comunita'...invece, dato il loro costo nei conti pubblici, ogni laureato rappresenta un po' di debito pubblico in piu' per la nazione quindi sarebbe meglio avere piu' manovali ignoranti che laureati disoccupati.

Quasi tutto vero, ma non centra con il discorso di bigmad (che condivido e a cui do un bollino verde virtuale).
Che poi, i dati sulle percentuali di lauree "fuffa" in Italia rispetto a quelle in altri paesi nessuno li ha mai visti...

Rispetto al discorso dei manovali ignoranti:
a) Il mercato del lavoro attuale non è comunque sostenibile se si vuole una ripresa economica, quindi non ha senso "assecondarlo";
b) Fosse anche compatibile con una ripresa economica, "assecondarlo" vorrebbe dire puntare dritti dritti verso l'est (Est Europa e Cina), è questo il futuro che vogliamo per l'Italia?!?
 

alcala

..grullo...
Registrato
27/9/04
Messaggi
3.915
Punti reazioni
111
b) Fosse anche compatibile con una ripresa economica, "assecondarlo" vorrebbe dire puntare dritti dritti verso l'est (Est Europa e Cina), è questo il futuro che vogliamo per l'Italia?!?

Purtroppo questa scelta l'hanno già fatta una decina di anni fa. :rolleyes:
Adesso mi sembra quasi impossibile invertire la china.
 

Fornost

Nuovo Utente
Registrato
9/10/12
Messaggi
997
Punti reazioni
52
Purtroppo questa scelta l'hanno già fatta una decina di anni fa. :rolleyes:
Adesso mi sembra quasi impossibile invertire la china.

Sì ma i risultati ottenuti non sono stati brillanti: i salari sono diminuiti, ma il PIL non è aumentato perché non puoi battere il "terzo mondo"... A meno di non diventare terzo mondo a tua volta :(
 

kimo

STAY ALIVE !!!
Registrato
30/4/05
Messaggi
8.113
Punti reazioni
424
Quasi tutto vero, ma non centra con il discorso di bigmad (che condivido e a cui do un bollino verde virtuale).
Che poi, i dati sulle percentuali di lauree "fuffa" in Italia rispetto a quelle in altri paesi nessuno li ha mai visti...

Rispetto al discorso dei manovali ignoranti:
a) Il mercato del lavoro attuale non è comunque sostenibile se si vuole una ripresa economica, quindi non ha senso "assecondarlo";
b) Fosse anche compatibile con una ripresa economica, "assecondarlo" vorrebbe dire puntare dritti dritti verso l'est (Est Europa e Cina), è questo il futuro che vogliamo per l'Italia?!?

---> tutto giusto MA se il politicante di turno dichiara che e' il LIMITE DEL 3% ANNUO AL DEFICIT come ostacolo principale allo sviluppo del paese, devo ragionare in quel senso e quindi chiedere razionalmente una diminuzione della spesa pubblica...
Quando i politicanti diranno che e' la moneta unica il problema, allora si potra' richiedere il ritorno alla moneta nazionale.
Quando i politicanti diranno che e' il debito pubblico ad essere irredimibile, allora la soluzione logica sara' il default.
Il vero problema e' che i politicanti nostrani sono ipocriti, contorti, e assai limitati mentalmente (ovvero sono dei geni ma LADRI, e pensano solo al loro tornaconto) mentre gli elettori italiani non sono da meno dei loro rappresentanti.
L'unica vera soluzione -la sola cosa che sapra' farci ritornare ad un sano pragmatismo- sara' la fame, quindi piu' la gente sara' ignorante e piu' comprendera' unicamente gli istinti fondamentali e abbandonera' pippe mentali e caxxeggi dialettici...