Gli errori dei Giudici. Casi esemplari

Verm & Solitair

Legal Opinionist
Registrato
22/5/00
Messaggi
1.624
Punti reazioni
21
In una recente sentenza, un GOA del Tribunale di Napoli, dott. Carlino, ha dichiarato la revocatoria fallimentare di una compravendita, sostenendo che la sproporzione ex art. 67 primo comma n. 1 l.fall (tra prestazione eseguita dal fallito e ciò che è stato a lui dato o promesso) in un atto di compravendita immobiliare è dimostrata se vi è sproporzione tra prezzo pattuito e prezzo effettivamente pagato. In sostanza, in luogo di verificare la sproporzione tra prezzo pattuito e valore effettivo dell'immobile, ritiene che la sproporzione sussista tra prezzo pattuito e prezzo che il compratore dimostra di aver pagato (in realtà, in tal caso il Fallimento avrebbe solo azione per ottenere il residuo del prezzo).
 
Tribunale di Torre Annunziata. Due diversi giudici concedono due decreti ingiuntivi in favore di una una banca mandataria di società cui il credito verso un albergatore era stato ceduto, senza che vi fossero i presupposti di applicazione dell'art. 50 Tub. che consente l'emissione dell'ingiunzione. In sede di opposizione, i due giudizi si incardino dinanzi a due giudici diversi. Solo uno dei due giudici sospende la provvisoria esecuzione, l'altro inspiegabilmente no (senza congrua motivazione). Sulla base del decreto ingiuntivo esecutivo non sospeso, la banca promuove l'esecuzione su immobili dell'arbergatore. Il danno è evidente.

Il giudice di Torre Annunziata è stato trasferito.... Ma purtroppo è in corso l'azione esecutiva nei confronti dell'albergatore (nella quale la stessa banca ha fatto intervento per l'altro credito, malgrado il credito non sia liquido, perchè l'intervento del creditore nell'espropriazione immobiliare è ammesso anche per crediti non liquidi ed esigibili)
 
Indietro