Gli USA si preparano a schiacciare la russia

texasranger

Nuovo Utente
Registrato
12/2/14
Messaggi
4.820
Punti reazioni
112
traduzione
"I finanziamenti sono già in atto, sono in corso contratti per triplicare sostanzialmente la produzione di 155 mm", ha detto Bush a Defense News a margine del Reagan National Defense Forum. “Ci sono fondi su The Hill, nel supplemento, per più che raddoppiarli di nuovo. Ciò richiederebbe un periodo di anni.

“Vogliamo essere in grado di costruire le nostre scorte non solo dove abbiamo iniziato la guerra, ma più in alto. Stiamo ipotizzando un bel - per un periodo di tre anni - un drammatico aumento della produzione di munizioni per artiglieria convenzionale".

Il servizio nei giorni scorsi ha assegnato contratti a tre società private per la produzione e la consegna di artiglieria da 155 mm: General Dynamics Ordnance and Tactical Systems, American Ordnance e IMT Defence.

La spinta arriva quando gli Stati Uniti hanno fornito all'Ucraina più di 1 milione di colpi di artiglieria e mentre i funzionari del Pentagono vedono la guerra in Ucraina continuare a tempo indeterminato, prosciugando ulteriormente le scorte per gli Stati Uniti e gli alleati. Bush ha detto che non è chiaro quali saranno le esigenze a medio e lungo termine dell'esercito ucraino, e l'esercito americano vuole essere pronto.

"Siamo in grado di sostenere l'Ucraina, ma è più a medio e lungo termine", ha detto Bush. "Creando questa capacità... se questa guerra durerà tre o quattro anni, saremo in grado di superare di gran lunga i russi da soli - e se lo combini con i nostri alleati, allora stiamo solo sminuendo il loro capacità. Non saranno in grado di tenere il passo".

Almeno adesso è chiaro a cosa serva.guerra.... a sostenere l'industria degli armamenti......
 

Alice88

Bunny
Registrato
25/6/02
Messaggi
37.261
Punti reazioni
1.041
gia la parola distruggere ti cattaloga..io invece distruggerei gli usa...vero cancro di questo mondo.Un europa senza Usa e' un europa libera
Non proprio.
E' da quando sono rimasti l'unica potenza mondiale che hanno perso la testa, in piu' adesso hanno abbracciato questa follia del Big Reset e non so cosa sia peggio.
 

lorenzov1963

RdC?! A Lavorare!
Sospeso dallo Staff
Registrato
30/7/08
Messaggi
29.307
Punti reazioni
1.028
Non proprio.
E' da quando sono rimasti l'unica potenza mondiale che hanno perso la testa, in piu' adesso hanno abbracciato questa follia del Big Reset e non so cosa sia peggio.
Non credo proprio: non la avevano persa prima nè tantomeno adesso - E' chi si ostina pur essendo in NATO a volere fare una terza via che non è e non sarà che non sta vedendo come stanno le cose, dando fiducia ad un criminale degno dei suoi predecessori
 

Triplet

I love Greyhound
Registrato
23/5/10
Messaggi
38.065
Punti reazioni
1.096
quando l'esercito ucraino sarà completamente decimato....

a chi daranno le armi?? ai cavalli??

i russi hanno molti militari in più...non c'è storia
 

ccc

Nuovo Utente
Registrato
14/6/09
Messaggi
45.537
Punti reazioni
589
quando l'esercito ucraino sarà completamente decimato....

a chi daranno le armi?? ai cavalli??

i russi hanno molti militari in più...non c'è storia
Il grande esercito russo che non fa altro che arretrare.......... Non fa altro che perdere territorio invaso.....oltre la meta' hanno gia' perso.....:yes:
:yes:Con una crisi economica che li sta strozzando....ed un malcontento in Patria che pesa parecchio....migliaia di persone giovani scappate per non essere arruolate.....un'inflazione enorme.......
Questo e' INCONTESTABILE.
 

plak

Nuovo Utente
Registrato
18/3/10
Messaggi
21.568
Punti reazioni
514
perché conviene anche a noi? Ci è mai interessato qualcosa di quel che accadeva nelle steppe dell'est? Se domani l'ucraina tornasse sotto mosca come è stata per secoli o gli usa ne facessero la loro base avanzata a oriente cosa ci cambia in concreto?
A noi conviene che situazioni come questa non si ripetano.
Quindi proviamo a pensare come deve finire questa vicenda perchè non si ripeta una storia del genere, ed ecco che uno può trarre le sue conclusioni.
 

plak

Nuovo Utente
Registrato
18/3/10
Messaggi
21.568
Punti reazioni
514
Uno scenario potrebbe essere (impossibile ma faccio per dire) che gli USA abbandonino l'idea della loro sfera d'influenza, lasciano fare la Russia e la NATO scompare.
A quel punto l'Italia sarebbe quindi libera dagli USA, dovrà investire su un proprio esercito (italiano ma più probabilmente europeo). E a quel punto ognuno per sè, se Putin riterrà che l'Europa è debole militarmente, magari fra 10 anni si fa un giro in Finlandia o Polonia, tanto per iniziare. E gli USA giustamente si faranno i cavoli loro.
 

Infinity76

Nuovo Utente
Registrato
17/2/21
Messaggi
1.785
Punti reazioni
290
Il grande esercito russo che non fa altro che arretrare.......... Non fa altro che perdere territorio invaso.....oltre la meta' hanno gia' perso.....:yes:
:yes:Con una crisi economica che li sta strozzando....ed un malcontento in Patria che pesa parecchio....migliaia di persone giovani scappate per non essere arruolate.....un'inflazione enorme.......
Questo e' INCONTESTABILE.
Sai che soddisfazione...
Personalmente non mi interessa nulla se le nostre bollette energetiche e inflazione sono alle stelle, strozzando imprese e famiglie, e se questa situazione dovesse protrarsi per molti anni, magari diventare definitiva.
Sarebbe la fine dell'economia europea.
Per non parlare dei mercati finanziari che stanno facendo schifo da ormai 1 anno.
 

Galerkin

Nuovo Utente
Registrato
23/1/13
Messaggi
27.736
Punti reazioni
1.463
A noi conviene che situazioni come questa non si ripetano.
Quindi proviamo a pensare come deve finire questa vicenda perchè non si ripeta una storia del genere, ed ecco che uno può trarre le sue conclusioni.
Bella visione idealistica, ma adesso torniamo nel mondo reale: all'italia di quel che succede nelle steppe russe importa relativamente, così come ci importa relativamente di quel che accade in yemen e in 100 altri conflitti e guerre sparse per il globo terraqueo.
Se nella guerra russo-ucraina abbiamo assunto una posizione estremamente dura, che ci sta costanto moltissimo dal punto di vista energetico ed economico, e con la guerra in Yemen ce la siamo cavata con una "ferma condanna" all'onu è solo perché "vuolsi così colà (Washington) ove si puote ciò che si vuole"
 

plak

Nuovo Utente
Registrato
18/3/10
Messaggi
21.568
Punti reazioni
514
Bella visione idealistica, ma adesso torniamo nel mondo reale: all'italia di quel che succede nelle steppe russe importa relativamente, così come ci importa relativamente di quel che accade in yemen e in 100 altri conflitti e guerre sparse per il globo terraqueo.
Se nella guerra russo-ucraina abbiamo assunto una posizione estremamente dura, che ci sta costanto moltissimo dal punto di vista energetico ed economico, e con la guerra in Yemen ce la siamo cavata con una "ferma condanna" all'onu è solo perché "vuolsi così colà (Washington) ove si puote ciò che si vuole"
Per me non è una visione idealistica, bensì una visione di lungo termine.
Sono sempre critico con i governi perchè non hanno una visione sull'economia, ma se almeno sul fronte geopolitico si pensa a lungo termine per me è corretto. Non bisogna guardare solo quello che io pago oggi, ma come sarà il mondo anche fra molti anni.
Credo che il nodo sia tutto qui, ma chiaramente è la mia idea e capisco benissimo quel che dite voi.
 

Il Conte Pedro

Nuovo Utente
Registrato
20/3/08
Messaggi
2.079
Punti reazioni
221
Uno scenario potrebbe essere (impossibile ma faccio per dire) che gli USA abbandonino l'idea della loro sfera d'influenza, lasciano fare la Russia e la NATO scompare.
A quel punto l'Italia sarebbe quindi libera dagli USA, dovrà investire su un proprio esercito (italiano ma più probabilmente europeo). E a quel punto ognuno per sè, se Putin riterrà che l'Europa è debole militarmente, magari fra 10 anni si fa un giro in Finlandia o Polonia, tanto per iniziare. E gli USA giustamente si faranno i cavoli loro.

E' appunto affinché la probabilità di questo (disastroso) scenario rimanga prossimo allo zero, che intervenire a supporto dell'Ucraina rimane una questione di sicurezza nazionale ed europea.
 

plak

Nuovo Utente
Registrato
18/3/10
Messaggi
21.568
Punti reazioni
514
Altra cosa: qua si parla di steppe russe ma ricordo che siamo arrivati a 1 mm dalla Polonia, non mi pare la stessa cosa.
 

Galerkin

Nuovo Utente
Registrato
23/1/13
Messaggi
27.736
Punti reazioni
1.463
Per me non è una visione idealistica, bensì una visione di lungo termine.
Sono sempre critico con i governi perchè non hanno una visione sull'economia, ma se almeno sul fronte geopolitico si pensa a lungo termine per me è corretto. Non bisogna guardare solo quello che io pago oggi, ma come sarà il mondo anche fra molti anni.
Credo che il nodo sia tutto qui, ma chiaramente è la mia idea e capisco benissimo quel che dite voi.
E quale sarebbe la nostra strategia a lungo termine, perché non mi è chiara? Viceversa quella degli USA è chiarissima ma non mi sembra che i loro interessi coincidano esattamente coi nostri...
 

plak

Nuovo Utente
Registrato
18/3/10
Messaggi
21.568
Punti reazioni
514
E quale sarebbe la nostra strategia a lungo termine, perché non mi è chiara? Viceversa quella degli USA è chiarissima ma non mi sembra che i loro interessi coincidano esattamente coi nostri...
La strategia di lungo termine è quella di rendere chiaro a Putin che deve stare a casa sua e non deve guardare verso ovest. Semmai a suo piacimento che invada qualcuno verso sud-est se gli fa piacere. Ovviamente sto semplificando ma penso che il discorso sia ovvio.
 

Galerkin

Nuovo Utente
Registrato
23/1/13
Messaggi
27.736
Punti reazioni
1.463
Uno scenario potrebbe essere (impossibile ma faccio per dire) che gli USA abbandonino l'idea della loro sfera d'influenza, lasciano fare la Russia e la NATO scompare.
A quel punto l'Italia sarebbe quindi libera dagli USA, dovrà investire su un proprio esercito (italiano ma più probabilmente europeo). E a quel punto ognuno per sè, se Putin riterrà che l'Europa è debole militarmente, magari fra 10 anni si fa un giro in Finlandia o Polonia, tanto per iniziare. E gli USA giustamente si faranno i cavoli loro.
Benissimo, e allora cosa vietava a noi europei di reagire nell'immediato all'aggressione russa con una "ferma condanna" e nel lungo periodo (10 anni) differenziare gli approvvigionamenti energetici e potenziare lo strumento difensivo?
Invece di fare i tafazzi con reazioni impulsive e isteriche che non hanno spostato di una virgola le sorti del conflitto e hanno ammazzato la nostra economia?
I principali paesi europei hanno un pil tale da scoraggiare, con minimi investimenti nella difesa, qualunque velleità di Mosca. La polonia da sola ha oggi uno strumento militare impressionante; se la germania investisse nel bundeswher la metà di quel che investiva negli anni ottanta, in 10 anni avrebbe una forza convenzionale tale da fare in un mese quel che a Guderian e soci non riuscì 80 anni fa
 

plak

Nuovo Utente
Registrato
18/3/10
Messaggi
21.568
Punti reazioni
514
Benissimo, e allora cosa vietava a noi europei di reagire nell'immediato all'aggressione russa con una "ferma condanna" e nel lungo periodo (10 anni) differenziare gli approvvigionamenti energetici e potenziare lo strumento difensivo?
I principali paesi europei hanno un pil tale da scoraggiare, con minimi investimenti nella difesa qualunque velleità di Mosca. La polonia da sola ha oggi uno strumento militare impressionante, se la germania investisse nel bundeswher la metà di quel che investiva negli anni ottanta in 10 anni avrebbe una forza convenzionale tale da fare in un mese quel che a Guderian e soci non riuscì 80 anni fa
Lo potevi fare dopo esserti staccato dalla sfera d'influenza USA. Non la vedo come una strada sbagliata quella che ipotizzi, semplicemente la vedo oggi impraticabile, domani chissà.
 

genngattu

Nuovo Utente
Registrato
21/1/08
Messaggi
3.290
Punti reazioni
179
Il grande biden sta schiacciando lentamente (e volutamente) putin. D'altronde tra i due c'è un abisso di intelletto, non tanto perché biden sia un Einstein, ma quanto alla pochezza intellettuale di vladimiro. Comunque per ora siamo 4 a 0 al 50 esimo per gli USA. Imbarazzante predominio a stelle e strisce.
 

Allegati

  • 8069115037_9742618192_o-e1548914610889.jpg
    8069115037_9742618192_o-e1548914610889.jpg
    813,7 KB · Visite: 2