Hedgiare portafoglio guadagnando

Gabriele01

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
6/5/21
Messaggi
680
Punti reazioni
40
Buongiorno a tutti, mi rivolgo principalmente a chi è esperto di opzioni..
Ho di recente avuto un confronto con un amico, fund manager di una società di gestione risparmio e, parlando di coperture di portafoglio( rischio mercato ), mi ha chiaramente detto che non utilizzano quasi mai l’acquisto di put, ma SOLAMENTE la vendita di call ITM.
In pratica possiedono 100 quote di sottostante, vendono call ITM( pari alla quantità di sottostante da coprire ) con strike sotto al prezzo di mercato del 10-20% scadenza mettiamo 1 anno, incassano un premio che ingloba valore intrinseco e un minimo di valore temporale.
Se il sottostante rimane fermo a scadenza dell’opzione restituiscono tutto il valore intrinseco, facendo un piccolo gain sul valore temporale.
Se il sottostante sale il loss realizzato sull’opzione viene totalmente compensato dal sottostante. Ma rimane il gain del valore temporale.
Se il sottostante scende, avviene l’hedging in quanto a scadenza si restituisce alla controparte del contratto di opzione un valore intrinseco minore.
Che poi compensa la perdita di valore sul sottostante.
Rimane comunque il piccolo gain dato dal valore temporale.

In tutti i casi, raggiunta la scadenza ci si trova il capitale di partenza più un piccolo gain...


Cosa ne pensate?
Voi fate ogni tanto delle coperture utilizzando opzioni ITM?
 
Ultima modifica:

shybrazen

Nuovo Utente
Registrato
24/9/10
Messaggi
1.383
Punti reazioni
165
Buongiorno a tutti, mi rivolgo principalmente a chi è esperto di opzioni..
Ho di recente avuto un confronto con un amico, fund manager di una società di gestione risparmio e, parlando di coperture di portafoglio( rischio mercato ), mi ha chiaramente detto che non utilizzano quasi mai l’acquisto di put, ma SOLAMENTE la vendita di call ITM.
In pratica possiedono 100 quote di sottostante, vendono call ITM( pari alla quantità di sottostante da coprire ) con strike sotto al prezzo di mercato del 10-20% scadenza mettiamo 1 anno, incassano un premio che ingloba valore intrinseco e un minimo di valore temporale.
Se il sottostante rimane fermo a scadenza dell’opzione restituiscono tutto il valore intrinseco, facendo un piccolo gain sul valore temporale.
Se il sottostante sale il loss realizzato sull’opzione viene totalmente compensato dal sottostante. Ma rimane il gain del valore temporale.
Se il sottostante scende, avviene l’hedging in quanto a scadenza si restituisce alla controparte del contratto di opzione un valore intrinseco minore.
Che poi compensa la perdita di valore sul sottostante.
Rimane comunque il piccolo gain dato dal valore temporale.

In tutti i casi, raggiunta la scadenza ci si trova il capitale di partenza più un piccolo gain...


Cosa ne pensate?
Voi fate ogni tanto delle coperture utilizzando opzioni ITM?

Detenere il sottostante e vendere call Itm al 10/20% di distanza dal prezzo equivale esattamente ad entrare short put al 10/20% di distanza.
Quindi questo operatore replica sinteticamente la vendita di put scoperte che non equivale a "coprire".
 

Cren

Nuovo Utente
Registrato
6/10/09
Messaggi
10.600
Punti reazioni
615
Es. di hedging citando Cren: compri una obbligazione a basso rischio che ti dà 100€ dopo un anno e intanto investi quei 100€ in una opzione che se va bene moltiplichi x100.
Massimo loss 100€ (salvo "complicazioni" con l'obbligazione al momento della chiusura della posizione), massimo profitto illimitato.
Una cosa che si potrebbe fare ora che l'obbligazionario sembra tornare appetibile.
:yes:

P.S.: a seguito della carneficina in corso ci sono situazioni così tirate che risk reversal a costo zero e cash covered sono diventati interessanti persino per chi ha propensione al rischio sotto i tacchi...
 

biondao

TRADER
Registrato
21/5/08
Messaggi
12.458
Punti reazioni
750
:yes:

P.S.: a seguito della carneficina in corso ci sono situazioni così tirate che risk reversal a costo zero e cash covered sono diventati interessanti persino per chi ha propensione al rischio sotto i tacchi...

Adesso si, concordo e forse meglio tra ancora un poco (probabilmente) ma se lo avessi fatto 6 mesi fa :( si sarebbe perso in valore capitale e pure i 100 :censored:.) Come sempre le idee buone ci sono ( per chi conosce la materia come te ed elargisce "perle") ma anche qui è necessario sapere quando farlo "unendo i tasselli della situazione macro" . Il timing è fondamentale come sempre anche per applicare le buone idee :yes:
 

biondao

TRADER
Registrato
21/5/08
Messaggi
12.458
Punti reazioni
750
Buongiorno a tutti, mi rivolgo principalmente a chi è esperto di opzioni..
Ho di recente avuto un confronto con un amico, fund manager di una società di gestione risparmio e, parlando di coperture di portafoglio( rischio mercato ), mi ha chiaramente detto che non utilizzano quasi mai l’acquisto di put, ma SOLAMENTE la vendita di call ITM.
In pratica possiedono 100 quote di sottostante, vendono call ITM( pari alla quantità di sottostante da coprire ) con strike sotto al prezzo di mercato del 10-20% scadenza mettiamo 1 anno, incassano un premio che ingloba valore intrinseco e un minimo di valore temporale.
Se il sottostante rimane fermo a scadenza dell’opzione restituiscono tutto il valore intrinseco, facendo un piccolo gain sul valore temporale.
Se il sottostante sale il loss realizzato sull’opzione viene totalmente compensato dal sottostante. Ma rimane il gain del valore temporale.
Se il sottostante scende, avviene l’hedging in quanto a scadenza si restituisce alla controparte del contratto di opzione un valore intrinseco minore.
Che poi compensa la perdita di valore sul sottostante.
Rimane comunque il piccolo gain dato dal valore temporale.

In tutti i casi, raggiunta la scadenza ci si trova il capitale di partenza più un piccolo gain...


Cosa ne pensate?
Voi fate ogni tanto delle coperture utilizzando opzioni ITM?

Ciao, non ti ha detto nulla di nuovo, pero' mi fa "strano" ( ma probabilmente il discorso andrebbe approfondito col tizio) che un fondo abbia questa "strategia" , probabilmente sono integrazioni marginali o è un fondo income e/o similari . Se il sottostante salisse si perderebbe il gain provvigioni di performance, fees , ecc che sono il "sale" dell'industria del gestito e sarebbe sempre fuori banchmark :confused:
Detto questo la strategia è come ti ha detto lui, completamente hedgiata fino allo strike scelto DITM ; quello che ha allegato francs non c'entra nulla , è un'altra cosa la covered call fatta con una otm e con una DITM. Shybrazen ti ha detto che equivale a vendere le put stesso strike , è vero ma hai dei margini in questo modo piu' bassi e non tutti i fondi possono utilizzare in maniera "disinibita" i derivati naked quindi optano per le alternative che ottengono lo stesso risultato.
Ti allego un grafico che riflette questa strategia, che dopo una forte discesa come è avvenuta in queste settimane puo' essere applicabile decidendo lo strike da vendere come ingresso "mentale" di entrata sul mercato , una cosa che faccio spesso in queste situazioni. Il valore temporale non è molto ma la strategia è a mio avviso molto buona. Anche io lo scrissi in una vecchia chat tra amici e l'ho pure riportato sul mio "passatempo blog" anche recentemente quando la misi a mercato Una malizia per sfruttare il valore temporale. - Conoscere i mercati
 

Allegati

  • gabriele 01.jpg
    gabriele 01.jpg
    100,9 KB · Visite: 10

Cren

Nuovo Utente
Registrato
6/10/09
Messaggi
10.600
Punti reazioni
615
Adesso si, concordo e forse meglio tra ancora un poco (probabilmente) ma se lo avessi fatto 6 mesi fa :( si sarebbe perso in valore capitale e pure i 100 :censored:.) Come sempre le idee buone ci sono ( per chi conosce la materia come te ed elargisce "perle") ma anche qui è necessario sapere quando farlo "unendo i tasselli della situazione macro" . Il timing è fondamentale come sempre anche per applicare le buone idee :yes:
A proposito di timing, la mia personale visione del contesto attuale è che prima di cercare il rimbalzo sul reddito fisso vorrei vedere le materie prime andare giù come si deve e così l'inflazione.

Non posso però fare a meno di notare che sul mercato americano quotano certi risk reversal dove ti pagano il 7% (premio/strike su base annua) per comprare Treasury lunghissimi a prezzi corrispondenti a una curva dei tassi più alta di almeno 80 punti base e finanziarti una gamba rialzista in cerca di rimbalzo (semplice Call OTM) che se entra...
 

biondao

TRADER
Registrato
21/5/08
Messaggi
12.458
Punti reazioni
750
A proposito di timing, la mia personale visione del contesto attuale è che prima di cercare il rimbalzo sul reddito fisso vorrei vedere le materie prime andare giù come si deve e così l'inflazione.

Non posso però fare a meno di notare che sul mercato americano quotano certi risk reversal dove ti pagano il 7% (premio/strike su base annua) per comprare Treasury lunghissimi a prezzi corrispondenti a una curva dei tassi più alta di almeno 80 punti base e finanziarti una gamba rialzista in cerca di rimbalzo (semplice Call OTM) che se entra...

Ciao Cren, sicuramente saranno queste le correlazioni da guardare ma i tempi non mi sembrano cosi' vicini( il termine del conflitto sarebbe un buon viatico ) . Visto che siamo in un "pour parler" tra amici la mia personale visione, espressa "terra terra" perchè è un po' piu' "contorta/articolata" nei modi/tempi è che se il reddito fisso dovesse salire ancora un pochino e mettersi in una situazione di "normalità" ( visto l'aumento dell'inflazione e la sua persistenza a non scendere ) in correlazione inversa ( come è un po' in questi giorni ) una eventuale ulteriore discesa degli indici USA ( diciamo 3600 o 3500 punti meglio ancora perchè sarebbe il ritracciamento del 50% di tutta la salita dai minimi e i livelli pre covid grossomodo ) li rimetterebbe "in concorrenza" sui rendimenti con il reddito fisso e ci sarebbe una ulteriore gamba ribassista sui bond ( l'ultima per ora, a mio avviso) di "travaso" per fare ripartire prima l'azionario poi l'obbligazionario ( ma in maniera piu' contenuta , aspettando i nuovi "stimoli" per una ripresa in caso di recessione conclamata).
 

biondao

TRADER
Registrato
21/5/08
Messaggi
12.458
Punti reazioni
750
Non capisco perché non c'entra nulla.
Il P/L nella tua immagine è identico al mio: non sono stato a guardare DITM, OTM, ATM, ecc. perché volevo soltanto un grafico che evidenziasse che short call + long sottostante non è una strategia protetta ed è sempre graficamente uno short put.

.

E' il "completamente hedgiata fino a" che non ha senso: o è hedgiata o non è hedgiata. Non è che se ti rialza la volatilità e/o crolla il sottostante i soldi te li ridà qualcun altro.

Aggiungo che ricorda molto i cash collect (profilo short put) con barriera: capitale "condizionatamente protetto", che se ti crolla un sottostante e/o aumenta la volatilità da 1000 di nominale te li trovi come niente a 200/300 e allora sì che senti un cazz0 in cul0 che ti sale fino in gola, altro che mutande di latta.
Tale cazz0 è riportato anche sul KID: "è possibile azzerare l'intero capitale investito", però sono sempre "condizionatamente protetto" e non c'è alcun hedging proprio.

Hedging = capitale protetto (e volendo "tirare" la definizione, anche: "perdita massima bloccata") per ogni valore del sottostante (e non è una mia invenzione).


Neretto: francs tu non sei stato a guardare perchè le opzioni non è che le conosci a fondo e non ci lavori ma la differenza è enorme. Secondo te il P/L che ho postato io per rappresentarglielo graficamente è uguale a quello postato da te? Ma non vedi dove si trova il breakeven rispetto al prezzo di acquisto del sottostante ? :( E' tutta un' altra cosa quella che hai postato te , coprirà il 2% di movimento con quel premietto piccolo, non è uguale a quello che ho postato io ( riguardati e comprendi meglio la figure postate ) ; DITM OTM ATM non sono la stessa cosa : quello di cui parla Gabriele 01 è un altra cosa , copre il 20% di movimento e FINO A . -20% è hedgiata e lui ha affermato questo ed è giusto . Leggi bene il suo post e la sua domanda.
PS: che graficamente il payoff sia uguale ad una short put lo ha ribadito Shybrazen , io l'ho detto decine di volte indietro negli anni ( pure un tizio nel post del blog che ho linkato lo ha scritto nei commenti, pensa in quanti lo sanno :)) .
Ma sempre tutto questo cazzzO in gola , cazzzo in ****, linguaggio scurrile ed inutile, KO!????:mmmm::mmmm: mica sei al bar sotto casa?
 

Gabriele01

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
6/5/21
Messaggi
680
Punti reazioni
40
Ciao, non ti ha detto nulla di nuovo, pero' mi fa "strano" ( ma probabilmente il discorso andrebbe approfondito col tizio) che un fondo abbia questa "strategia" , probabilmente sono integrazioni marginali o è un fondo income e/o similari . Se il sottostante salisse si perderebbe il gain provvigioni di performance, fees , ecc che sono il "sale" dell'industria del gestito e sarebbe sempre fuori banchmark :confused:
Detto questo la strategia è come ti ha detto lui, completamente hedgiata fino allo strike scelto DITM ; quello che ha allegato francs non c'entra nulla , è un'altra cosa la covered call fatta con una otm e con una DITM. Shybrazen ti ha detto che equivale a vendere le put stesso strike , è vero ma hai dei margini in questo modo piu' bassi e non tutti i fondi possono utilizzare in maniera "disinibita" i derivati naked quindi optano per le alternative che ottengono lo stesso risultato.
Ti allego un grafico che riflette questa strategia, che dopo una forte discesa come è avvenuta in queste settimane puo' essere applicabile decidendo lo strike da vendere come ingresso "mentale" di entrata sul mercato , una cosa che faccio spesso in queste situazioni. Il valore temporale non è molto ma la strategia è a mio avviso molto buona. Anche io lo scrissi in una vecchia chat tra amici e l'ho pure riportato sul mio "passatempo blog" anche recentemente quando la misi a mercato Una malizia per sfruttare il valore temporale. - Conoscere i mercati


Ma, ipotizzando che l’obbiettivo del fondo fosse contestualizzare un reddito cercando di correre bassi rischi.. in questi casi i dividendi sono impliciti nel premio dell’opzione?
Ovvero prendiamo un sottostante come EMB ( etf usd tds emergenti ) e ipotizziamo di comprare 100 quota che valgono 100 Usd l’una e che il dividendo ( l’ultimo pagato )fosse del 5%, se io contestualmente vendo una call DITM strike 80 ( -20%) scadenza 1 anno, incasserò un premio che sarà dato dal valore intrinseco +valore temporale+ dividendo?
Quindi se porto a scadenza riceverò il dividendo dal sottostante, oltre ad incassare sia il valore temporale dell’opzione che il dividendo implicito?
 

shybrazen

Nuovo Utente
Registrato
24/9/10
Messaggi
1.383
Punti reazioni
165
Ma, ipotizzando che l’obbiettivo del fondo fosse contestualizzare un reddito cercando di correre bassi rischi.. in questi casi i dividendi sono impliciti nel premio dell’opzione?
Ovvero prendiamo un sottostante come EMB ( etf usd tds emergenti ) e ipotizziamo di comprare 100 quota che valgono 100 Usd l’una e che il dividendo ( l’ultimo pagato )fosse del 5%, se io contestualmente vendo una call DITM strike 80 ( -20%) scadenza 1 anno, incasserò un premio che sarà dato dal valore intrinseco +valore temporale+ dividendo?
Quindi se porto a scadenza riceverò il dividendo dal sottostante, oltre ad incassare sia il valore temporale dell’opzione che il dividendo implicito?

No, i dividendi sono già scorporati nel premio delle opzioni. Si chiama regola della Put/Call parity e per chi opera su titoli azionari che staccano dividendi deve esser conosciuta a memoria.
Morale: i primi delle opzioni sono sempre al netto dei dividendi.
Se ti interessa qua c'è un video dove viene spiegata questa importante relazione dal minuto 13,40: https://www.youtube.com/watch?v=YcEHSSCkFUc&list=PL3_KY1-8VLoljGcREL9D5dbT2L0nBXnik&index=5
 

francs

statistico-caina
Registrato
29/11/10
Messaggi
13.979
Punti reazioni
1.184
Neretto: francs tu non sei stato a guardare perchè le opzioni non è che le conosci a fondo e non ci lavori ma la differenza è enorme. Secondo te il P/L che ho postato io per rappresentarglielo graficamente è uguale a quello postato da te? Ma non vedi dove si trova il breakeven rispetto al prezzo di acquisto del sottostante ? :( E' tutta un' altra cosa quella che hai postato te , coprirà il 2% di movimento con quel premietto piccolo, non è uguale a quello che ho postato io ( riguardati e comprendi meglio la figure postate ) ; DITM OTM ATM non sono la stessa cosa : quello di cui parla Gabriele 01 è un altra cosa , copre il 20% di movimento e FINO A . -20% è hedgiata e lui ha affermato questo ed è giusto . Leggi bene il suo post e la sua domanda.
PS: che graficamente il payoff sia uguale ad una short put lo ha ribadito Shybrazen , io l'ho detto decine di volte indietro negli anni ( pure un tizio nel post del blog che ho linkato lo ha scritto nei commenti, pensa in quanti lo sanno :)) .
Ma sempre tutto questo cazzzO in gola , cazzzo in ****, linguaggio scurrile ed inutile, KO!????:mmmm::mmmm: mica sei al bar sotto casa?

Ho cancellato i messaggi.
Non sono d'accordo con l'approccio analitico e non sintetico.
 
Ultima modifica:

biondao

TRADER
Registrato
21/5/08
Messaggi
12.458
Punti reazioni
750
Ma, ipotizzando che l’obbiettivo del fondo fosse contestualizzare un reddito cercando di correre bassi rischi.. in questi casi i dividendi sono impliciti nel premio dell’opzione?
Ovvero prendiamo un sottostante come EMB ( etf usd tds emergenti ) e ipotizziamo di comprare 100 quota che valgono 100 Usd l’una e che il dividendo ( l’ultimo pagato )fosse del 5%, se io contestualmente vendo una call DITM strike 80 ( -20%) scadenza 1 anno, incasserò un premio che sarà dato dal valore intrinseco +valore temporale+ dividendo?
Quindi se porto a scadenza riceverò il dividendo dal sottostante, oltre ad incassare sia il valore temporale dell’opzione che il dividendo implicito?

Vuoi la botte piena e la moglie ubriaca :) . Ti ha risposto Bruno.
Le logiche di questo approccio al mercato sono semplici, ne abbiamo parlato già in passato, sono "double face", se non va bene "l'operazione principale" ( quella dell'incasso premi) gli va bene quell'altra. Se non ti piace questa logica il profilo di rischio "basso" non lo è, lo devi cercare altrove. E' una modalità in cui chi è disposto ad investire (presupposto fondamentale) si da dei valori dove ottimizzare gli ingressi ma cade sempre in piedi. Con una strategia di questo tipo ti prendi il valore temporale ( che è dato dalla somma del vega piu' il theta ) e quando il mercato scende parecchio , come in questo momento storico , o nel 2008/2009 , nel 2020 ,ecc , la volatilità implicita espressa dal vega nel premio dell'opzione è molto alta quindi la call DITM è carica di valore temporale. Questo valore temporale, in base alla IV prezzata al momento puo' valere il 3/5/8% dei margini utilizzati, a seconda della volatilità (storica) tipica del sottostante = ampiezza di movimenti = +rischio/opportunità. Sono tutte cose che puoi facilmente vedere da uno skew di volatilità. Questo non toglie che il mercato possa scendere ulteriormente ( in questo caso nel durante l'at now ne soffrirebbe cose ripetute all'infinito in ogni dove ma non penso sia il problema di una struttura capitalizzata quindi lo escludiamo dalle solite chiacchere trite e ritrite che oramai hanno imparato anche i sassi ) anche sotto il valore dello strike venduto a -20% quindi la strategia andrebbe in loss ma per un fondo/gestore trovarsi long ad un -30/40% da inizio anno è la manna dal cielo poichè entrerebbero a mani basse a comprare . Quindi se va bene va bene, incassi valore temporale a scadenza, se va male va bene ugualmente poichè lo strike scelto è una ottima opportunità di ingresso a mercato. E' lo stesso concetto di chi vende put naked allo strike dove preferiscono entrare ma , come già scritto in precedenza, con prerogative diverse. Se SP500 fosse a 2500 punti tra un mese pensi che entrebbe sugli indici o sui singoli titoli utilizzando questa tecnica? Non sicuramente, gli converebbe fare altro per darti l'equivalente di quel premio, prova a chiederglielo.
 

francs

statistico-caina
Registrato
29/11/10
Messaggi
13.979
Punti reazioni
1.184
Non so come si faccia a chiamarlo "hedging", sebbene il loss è controllato, così come viene proposto.
Comunque a tutti i finanzieri...buoni giocarelli.

Immagine.jpg
 

Gabriele01

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
6/5/21
Messaggi
680
Punti reazioni
40
No, i dividendi sono già scorporati nel premio delle opzioni. Si chiama regola della Put/Call parity e per chi opera su titoli azionari che staccano dividendi deve esser conosciuta a memoria.
Morale: i primi delle opzioni sono sempre al netto dei dividendi.
Se ti interessa qua c'è un video dove viene spiegata questa importante relazione dal minuto 13,40: https://www.youtube.com/watch?v=YcEHSSCkFUc&list=PL3_KY1-8VLoljGcREL9D5dbT2L0nBXnik&index=5

Grazie, adesso guardo il video..
Ma quindi se compro il sottostante EMB e nel contempo vendo CALL deep ITM strike a -20% scadenza un anno, incasserò un premio inferiore al valore intrinseco in quanto viene scorporato il dividendo?
Oppure quanto meno il valore intrinseco è sempre prezzo sottostante - strike ? Magari grazie anche al valore temporale?
 

shybrazen

Nuovo Utente
Registrato
24/9/10
Messaggi
1.383
Punti reazioni
165
Grazie, adesso guardo il video..
Ma quindi se compro il sottostante EMB e nel contempo vendo CALL deep ITM strike a -20% scadenza un anno, incasserò un premio inferiore al valore intrinseco in quanto viene scorporato il dividendo?
Oppure quanto meno il valore intrinseco è sempre prezzo sottostante - strike ? Magari grazie anche al valore temporale?


Le opzioni Put e Call con il medesimo prezzo di esercizio e la stessa data di scadenza sono legate da una relazione fissa chiamata put/call parity. E’ la formula più importante per conoscere la congruità dei prezzi delle opzioni.

La formula base è: Call – Put = Sottostante – Prezzo di Esercizio
La put call parity permette di replicare le opzioni ed il sottostante utilizzando posizioni sintetiche composte da opzioni e sottostante o da opzioni di segno opposto, ma soprattutto, questa formula, oltre a ricavare il prezzo di una opzione partendo dalla conoscenza del prezzo dell’opzione di segno opposto, consente, nel caso specifico della tua richiesta, di conoscere il “reale” prezzo del sottostante al netto dello stacco dei dividendi nell’effettivo momento in cui viene battuto.
Quindi, per capire che reale delta stai vedendo e che valore intrinseco ha la tua opzione, che prezzo avrà il sottostante e quanto sarà lo stacco dei dividendi alla data di scadenza della tua opzione, è necessario che tu faccia questo semplice esercizio di equivalenza.