ho fatto un calcolo ===== stesso risultato

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

Yu Yu Yu

Nuovo Utente
Registrato
17/6/05
Messaggi
10.814
Punti reazioni
439
Buongiorno a tutti,

le mie preoccupazioni sulla nuova tassazione mi han portato
a credere che convenisse acquistare titoli a medio lungo termine ora, per beneficiare più a lungo di una tassazione più favorevole di quella futura,
e che tale vantaggio compensasse eventuali rialzi dei tassi.
Mi sbagliavo e di grosso!!

Ai dubbi ed ai pensieri, ho sostituito i calcoli che Vi espongo:

adesso (più o meno) i tassi a lunga scadenza sono al 4,25%
al 12,5% il rendimento netto si aggira vicino al 3,72.

dando per scontato almeno due rialzi dei tassi tra 2006 e 2007 e che
l'effetto di tali rialzi si ripercuota sui tassi a lungo termine

avremo i tassi a lunga scadenza al 4,75% che tassati al 20% daranno un rendimento netto del 3,8 (che è già superiore di quello precedente).

In più non è neanche certo cosa sarà tassato ed in che percentuale.

Se dopodomani i tassi scendessero nuovamente ci saranno comunque
altri strumenti per approfittarne.

Magari il dubbio non è solo mio e così l'ho esposto
Un saluto a tutti
Yu

Ringrazio fa3 e Roguetrader per avermi aiutato
 
Ultima modifica:
Yu Yu Yu ha scritto:
Buongiorno a tutti,

le mie preoccupazioni sulla nuova tassazione mi han portato
a credere che convenisse acquistare titoli a medio lungo termine ora, per beneficiare più a lungo di una tassazione più favorevole di quella futura,
e che tale vantaggio compensasse eventuali rialzi dei tassi.
Mi sbagliavo e di grosso!!

Ai dubbi ed ai pensieri, ho sostituito i calcoli che Vi espongo:

adesso (più o meno) i tassi a lunga scadenza sono al 4,25%
al 12,5% il rendimento netto si aggira vicino al 3,72.

dando per scontato almeno due rialzi dei tassi tra 2006 e 2007 e che
l'effetto di tali rialzi si ripercuota sui tassi a lungo termine

avremo i tassi a lunga scadenza al 4,75% che tassati al 20% daranno un rendimento netto del 3,8 (che è già superiore di quello precedente).

In più non è neanche certo cosa sarà tassato ed in che percentuale.

Se dopodomani i tassi scendessero nuovamente ci saranno comunque
altri strumenti per approfittarne.

Magari il dubbio non è solo mio e così lo esposto
Un saluto a tutti
Yu

Ringrazio fa3 e Roguetrader per avermi aiutato

Io ricordo di aver letto un libro di un simpatico guru americano in cui raccontava che ogni volta che ha preso decisioni di investimento in una logica non finanziaria, ma di pura convenienza fiscale, ha fatto grandi czzate.
 
io ho fatto lo stesso. aspettavo una minus per vendere in forte plus
.... ed in due giorni la plus ha perso quasi il 10% dai massimi
 
Gatan ha scritto:
Io ricordo di aver letto un libro di un simpatico guru americano in cui raccontava che ogni volta che ha preso decisioni di investimento in una logica non finanziaria, ma di pura convenienza fiscale, ha fatto grandi czzate.

:clap: :clap:
Gatan, ci pensi tu a spiegarlo anche a chi sottoscrive le polizze BIDONvita?
 
trmz ha scritto:
:clap: :clap:
Gatan, ci pensi tu a spiegarlo anche a chi sottoscrive le polizze BIDONvita?


Anch'io ho fatto la stezza ca@@ata ho acquistato il btp 37 al 4% ragionando
sui tassi e ora chissà che fine fara' dopo i succevi rialzi...
87/88 ???
 
Indietro