I Grandi Traders hanno detto al Tg1

Domani non so la borsa ma lo Spread e i titoli di Stato faranno una brutta fine... Secondo me tocchiamo come minimo i 600.
 
Domani non so la borsa ma lo Spread e i titoli di Stato faranno una brutta fine... Secondo me tocchiamo come minimo i 600.

Tu sei sempre catastrofico ma domani magari 550 ci arriviamo sempre che la BCE non ci dia una mano
 
Domani non so la borsa ma lo Spread e i titoli di Stato faranno una brutta fine... Secondo me tocchiamo come minimo i 600.

nel 92 eravamo messi peggio...poi massiccia attività di stampaggio unita anche a quella patrimoniale......ci salvò.... questa volta chiaro la stamperia dovrà ess BCE..... ma pensate a quando i BOT erano al 18%.... poi i 600 punti bisogna capire se derivano na una ulteriore abbassamento dei tassi del Bund..che mi pare ora abbia una resa negativa.... ma conforta in ogni caso vedere i tassi dei BTP del breve essere scesi in modo importante..chiaro sul lungo si soffre ancora...
 
Tu sei sempre catastrofico ma domani magari 550 ci arriviamo sempre che la BCE non ci dia una mano

Hai una Tripla B... Non vali più un cazzo come paese , sei prossimo a Junk (Spazzatura) come vuoi che reagisca lo Spread?
 
nel 92 eravamo messi peggio...poi massiccia attività di stampaggio unita anche a quella patrimoniale......ci salvò.... questa volta chiaro la stamperia dovrà ess BCE..... ma pensate a quando i BOT erano al 18%.... poi i 600 punti bisogna capire se derivano na una ulteriore abbassamento dei tassi del Bund..che mi pare ora abbia una resa negativa.... ma conforta in ogni caso vedere i tassi dei BTP del breve essere scesi in modo importante..chiaro sul lungo si soffre ancora...
Nel 92 però avevamo "un piccolo" vantaggio rispetto ad ora :yes::yes: potevamo svalutare la moneta!!!;);)
 
nel 92 eravamo messi peggio...poi massiccia attività di stampaggio unita anche a quella patrimoniale......ci salvò.... questa volta chiaro la stamperia dovrà ess BCE..... ma pensate a quando i BOT erano al 18%.... poi i 600 punti bisogna capire se derivano na una ulteriore abbassamento dei tassi del Bund..che mi pare ora abbia una resa negativa.... ma conforta in ogni caso vedere i tassi dei BTP del breve essere scesi in modo importante..chiaro sul lungo si soffre ancora...

Nel 92 non avevi 1900 Mld di Debito e 92 di interessi annuo....
 
nel 92 eravamo messi peggio...poi massiccia attività di stampaggio unita anche a quella patrimoniale......ci salvò.... questa volta chiaro la stamperia dovrà ess BCE..... ma pensate a quando i BOT erano al 18%.... poi i 600 punti bisogna capire se derivano na una ulteriore abbassamento dei tassi del Bund..che mi pare ora abbia una resa negativa.... ma conforta in ogni caso vedere i tassi dei BTP del breve essere scesi in modo importante..chiaro sul lungo si soffre ancora...

ciao corvo66, nel 92 eravamo con gli stessi livelli di debito/pil ma non in recessione...e neanche in guerra finanziaria a causa dell'euro, tant'è che si trovò l'escamotage svalutando la lira che fece da propellente all'export.

tornando al tema del thread riporto da fonte finanziaria:

In realtà nella scala di S&P il rating BBB+ è ancora Investment Grade:

Di fatto l’Italia si colloca all'ultimo posto “di prima fascia”

Tutto ben quindi?

La maggior parte dei fondi fa riferimento all’Investment Grade (di solito per almeno 2 agenzie di rating su 3), ma esiste una quota rilevante di questi operatori che hanno regole molto più strette, in particolare è molto rilevante la perdita della singola A. Quindi da lunedì una fetta minoritaria ma comunque significativa di fondi pensione e fondi di investimento sarà “costretta” a liquidare.
Immaginate adesso un fondo pensione che avesse comprato in “buona fede” l'altro giorno titoli del debito pubblico A+ e lunedì si vedrà costretto a venderli perchè sono diventati BBB+.

Ovviamente solo un gestore di fondi scriteriato parteciberebbe “in buona fede” ad aste di tioli di stato italiani.

Ricapitolando, domani ci sarà un flusso di vendite sui titoli di stato italiani, in parte a causa dei fondi di investimento (e pensione) che non li possono più detenere in parte per l’innalzamento dei margini necessari sul nostro debito per ottenere liquidità attraverso operazioni Repo.

p.s. pare che potrebbero esserci ben altri problemi domani, si sono interrotti i colloqui fra FMI/UE e Grecia sulla ennesima tranche di aiuti, in queste ore il parlamento greco sta lavorando su una legge che costringa i bondholder a una partecipazione “volontaria” all’haircut.
 
Domani non so la borsa ma lo Spread e i titoli di Stato faranno una brutta fine... Secondo me tocchiamo come minimo i 600.

Eh già! Infatti quelli che da quest'estate hanno cominciato a vendere BTP sul mercato si basavano anche loro sugli astri vero?
Ma non era Goldman o standard che qualche giorno fa consigliava un reverse dalla Francia all'Italia?
 
Nel 92 però avevamo "un piccolo" vantaggio rispetto ad ora :yes::yes: potevamo svalutare la moneta!!!;);)

esatto....infatti visto che non siamo solo noi..ma anche spagna (grecia la do già in default) portogallo ..oltre ad altri paesi che hanno perso la tripla A (del resto quando S&P abbasso il rating USA, dissi che, questione di tempo, tutti sarebbero scesi ), la BCE ( e la germania dovrà dire si) si metterà a stampare.....perchè a parte il debito, sul quale nessuno discute, il problema è la crescita!!!!! e se non c'è liquidità non si va da nessuna parte...e la liquidità la crei stampando!!!!

OK!
 
Il problema è l'euro.... L'Italia potrà fare quante manovre vuole ma la situazione peggiorerà solo... IL VERO MALATO E' L'EURO!
 
Nel 92 non avevi 1900 Mld di Debito e 92 di interessi annuo....

vero, ma gran parte del debito è salito anche perchè si è cresciuti un c.a.z.z.o...PIl da terzo mondo negli ultimi 10!!! mettici pure anche l'evasione...ma fondamentalmente siamo piantati da anni...e la spesa pubblica è lievitata come una torta!!!

Se solo ad esempio il Governo valorizzava ENI, magari con lo spin off..faceva una plus valenza di 50 miliardi di euro...(3 manovre).... ma questi nn fanno una mazz.a...
molto del problema italia è ed è stata la classe politica... non la gente che andava a lavorare e si guadagnava onestamente da vivere...
 
ciao corvo66, nel 92 eravamo con gli stessi livelli di debito/pil ma non in recessione...e neanche in guerra finanziaria a causa dell'euro, tant'è che si trovò l'escamotage svalutando la lira che fece da propellente all'export.

tornando al tema del thread riporto da fonte finanziaria:

In realtà nella scala di S&P il rating BBB+ è ancora Investment Grade:

Di fatto l’Italia si colloca all'ultimo posto “di prima fascia”

Tutto ben quindi?

La maggior parte dei fondi fa riferimento all’Investment Grade (di solito per almeno 2 agenzie di rating su 3), ma esiste una quota rilevante di questi operatori che hanno regole molto più strette, in particolare è molto rilevante la perdita della singola A. Quindi da lunedì una fetta minoritaria ma comunque significativa di fondi pensione e fondi di investimento sarà “costretta” a liquidare.
Immaginate adesso un fondo pensione che avesse comprato in “buona fede” l'altro giorno titoli del debito pubblico A+ e lunedì si vedrà costretto a venderli perchè sono diventati BBB+.

Ovviamente solo un gestore di fondi scriteriato parteciberebbe “in buona fede” ad aste di tioli di stato italiani.

Ricapitolando, domani ci sarà un flusso di vendite sui titoli di stato italiani, in parte a causa dei fondi di investimento (e pensione) che non li possono più detenere in parte per l’innalzamento dei margini necessari sul nostro debito per ottenere liquidità attraverso operazioni Repo.

p.s. pare che potrebbero esserci ben altri problemi domani, si sono interrotti i colloqui fra FMI/UE e Grecia sulla ennesima tranche di aiuti, in queste ore il parlamento greco sta lavorando su una legge che costringa i bondholder a una partecipazione “volontaria” all’haircut.

tutto quello che vuoi...ma guarda che quelli che dovrebbero vendere da domani hanno in realtà già venduto....mica aspettavano il giudizio S&P... il giudizio stava già nei nostri titoli di stato al 7 e passa % di interesse!!!! ragion per cui stai sicuro che fondi pensione ecc...sono già usciti da un bel pò...voglio dire, quelli che dovevano uscire per questo motivo lo hanno già fatto!!!OK!
 
vero, ma gran parte del debito è salito anche perchè si è cresciuti un c.a.z.z.o...PIl da terzo mondo negli ultimi 10!!! mettici pure anche l'evasione...ma fondamentalmente siamo piantati da anni...e la spesa pubblica è lievitata come una torta!!!

Se solo ad esempio il Governo valorizzava ENI, magari con lo spin off..faceva una plus valenza di 50 miliardi di euro...(3 manovre).... ma questi nn fanno una mazz.a...
molto del problema italia è ed è stata la classe politica... non la gente che andava a lavorare e si guadagnava onestamente da vivere...


Ti ripeto... sta morendo l'euro e con lui tutta l'Europa... non vedo vie di fuga , pendiamo dalle labbra della Merkel , è lei sola a decidere le sorti.
 
esatto....infatti visto che non siamo solo noi..ma anche spagna (grecia la do già in default) portogallo ..oltre ad altri paesi che hanno perso la tripla A (del resto quando S&P abbasso il rating USA, dissi che, questione di tempo, tutti sarebbero scesi ), la BCE ( e la germania dovrà dire si) si metterà a stampare.....perchè a parte il debito, sul quale nessuno discute, il problema è la crescita!!!!! e se non c'è liquidità non si va da nessuna parte...e la liquidità la crei stampando!!!!

OK!

Si non molto 2000 miliardi di euro mica tanto ci vuole ecccheccaxx la fed nei vari QE STAMPAVA DAPAZZI
 
Ti ripeto... sta morendo l'euro e con lui tutta l'Europa... non vedo vie di fuga , pendiamo dalle labbra della Merkel , è lei sola a decidere le sorti.

la merkela.... sa benissimo che adesso o cede o tiriamo giu anche loro... quindi il male minore penso sia accettare le proposte di noi e della francia
 
Il problema è l'euro.... L'Italia potrà fare quante manovre vuole ma la situazione peggiorerà solo... IL VERO MALATO E' L'EURO!

l'euro, ormai lo sappiamo tutti, è stato concepito probabilmente secondo una sua precisa attuazione che non è poi mai stata applicata....e adesso i nodi sono al pettine...
 
Indietro