Il governo del fare riduce le tasse (ma per chi?)

sardi75

Nuovo Utente
Registrato
14/3/02
Messaggi
1.176
Punti reazioni
36
Oggi mi è arrivata una comunicazione allucinante dalla banca: il governo del fare ha tolto il credito d’imposta sui dividendi.

Cioè con i governi normali sui dividendi da distrbuire la società pagava il 36%. Il resto veniva distribuito. A quel punto il contribuente inseriva il dividendo lordo nella dichiarazione dei redditi ma dall’imposta complessiva veniva detratto il 36% già pagato dalla società (il credito d’imposta). In pratica chi stava su un aliquota marginale minore del 36% (diciamo il 34% la maggior parte dei contribuenti) riceveva un rimborso del 2%. La cosa aveva la banale ragione di non tassare lo stesso dividendo prima sulla società e poi sul percettore e il dividendo veniva complessivamente tassato secondo l’aliquota marginale del percettore finale, in questo caso 34%.

Cosa ti fa il governo del fare? Non solo toglie il credito d’imposta ma addirittura ri-tassa sul percettore al 12% il dividendo già tassato sulla società. Cioè prima la società paga il 36% poi il contribuente, su quello che rimane, paga il 12%. Cioè nel caso del contribuente medio di prima si passa dal 34% al 36+12= 48%!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ogni commento è superfluo. Io non compro azioni da tempo per altre ragioni; ma anche quei poveretti ignari della dissolutezza delle loro scelte che ancora, per incomprensibili motivi del tutto irrazionali le compravano, da oggi invece di farsi sbeffeggiare in questo modo andranno a farsi le crociere sul Mar Morto, che è sicuramente meglio. E i soldi in borsa chi li metterà? E la Confindustria non aveva niente da dire su questa mostruosità? E come mai se ne parla solo ora?
 
l'esempio fatto...

un po' approssimativo, comomunque nel complesso è vero che viene pensalizzato un reddito medio basso anzichè uno medio alto
 
Scritto da sardi75

...
Cosa ti fa il governo del fare? Non solo toglie il credito d’imposta ma addirittura ri-tassa sul percettore al 12% il dividendo già tassato sulla società.
...
Il governo attuale in perfetta continuità con i governi precedenti continua a legiferare in materia fiscale complicando sempre di piu' la normativa.
Basta leggere le istruzioni di un Unico o di un 770 per rendersene conto.
In questo caso poi contravviene al principio di evitare le doppie imposizioni sullo stesso reddito, mettendosi senza alcuna necessità in condizione di subire il prevedibile contenzioso.
 
non so nulla o quasi

di fisco et simili, xrò se ho ben letto ed approfondito la notizia, x chi come me percepisce utili da partecipazioni non qualificate ed è in regime amministrato, non cambia un bel nulla di nulla.

ho capito bene?
 
Re: non so nulla o quasi

Scritto da Gianluca
di fisco et simili, xrò se ho ben letto ed approfondito la notizia, x chi come me percepisce utili da partecipazioni non qualificate ed è in regime amministrato, non cambia un bel nulla di nulla.

ho capito bene?
Prima con un reddito inferiore a 70 milioni di lire ti conveniva dichiarare il dividendo recuperando il credito d'imposta pagata dalla societa'.
Adesso non puoi piu' scegliere: ti viene trattenuto il 12,5% e fine della storia.
 
Re: non so nulla o quasi

Scritto da Gianluca
x chi come me percepisce utili da partecipazioni non qualificate ed è in regime amministrato, non cambia un bel nulla di nulla.
ho capito bene?
Non cambia un bel nulla da un punto di vista di adempimenti fiscali (cioè continuerai a non fare niente). Però prima se stavi su un aliquota del 34% potevi scegliere di pagare il 34%; oggi devi pagare inevitabilmente il 48%. Ti sembra un passo avanti?
 
Re: Re: Il governo del fare riduce le tasse (ma per chi?)

Scritto da mirto

In questo caso poi contravviene al principio di evitare le doppie imposizioni sullo stesso reddito, mettendosi senza alcuna necessità in condizione di subire il prevedibile contenzioso.

Quale contenzioso? Questa è una legge dello stato, non un atto amministrativo. Si dovrebbe fare un ricorso alla corte costituzionale.
All’inizio si pagherà il 48% di tasse fino a quando la gente se ne accorgerà e avrà un ulteriore motivo per non investire in borsa.
 
Re: Re: Re: Il governo del fare riduce le tasse (ma per chi?)

Scritto da sardi75
Quale contenzioso? Questa è una legge dello stato, non un atto amministrativo. Si dovrebbe fare un ricorso alla corte costituzionale.
All’inizio si pagherà il 48% di tasse fino a quando la gente se ne accorgerà e avrà un ulteriore motivo per non investire in borsa.
Hai ragione, non avevo riflettuto sul fatto che i danneggiati sono i contribuenti con minor reddito per i quali il 12,5% dei dividendi percepiti non supera facilmente 1.000 euro, percio' nessuno sollevera' l'incostituzionalita' della legge e tutto rimarra' com'e' adesso.
:angry:
 
Indietro