il nostro sistema processuale non riconosce l'eccezione di incompetenza giuridica

Verm & Solitair

Legal Opinionist
Registrato
22/5/00
Messaggi
1.624
Punti reazioni
21
Si può eccepire l'incompetenza per materia (ad es., causa di lavoro), per territorio o per valore. Ma se l'attore o il convenuto verificano che la causa è incardinata dinanzi ad un giudice fesso (incompetente in materia di diritto), non è riconosciuta alcuna tutela.

e' GRAVE. L'Ignoranza delle legge non è motivo di giustificazione. Tuttavia è consentito che un giudice sia ignorante (e spesso l'impugnazione della sentenza non consente di riconoscere pubblicamente la stupidità di un giudice).
 
Ps: allo stato ho già fatto due esposti. Ma ne seguiranno altri. In un primo caso il giudice è stato trasferito.
 
.........mi riprometto di venire molto piu' spesso..........

..................... a leggere i vs. thread...........................

Sea :p
 
sarà a causa dell'incompetenza che le cause diventano secolari, per giungere alla fine davanti ad un GOA, il quale non intende sapere neppure il motivo per cui la causa è stata tentata.
E poi si dice che gli italiani bussano a Strasbourgo.
 
Poi c'è il problema della specializzazione: ho passato una domenica a redigere un ricorso in cassazione, perchè i giudici della sezione lavoro non capiscono un'acca di diritto commerciale. Per la verità, non so se capiscono di diritto, dato che ritengono che la frase "E' Ns. intenzione assumerla" sia espressione di una... "volontà "preliminare" di assumere il lavoratorein futuro. Non conoscono la lingua italiana!

Quel che è peggio è che queste cacchiate provengono da giudici, che dovrebbero conoscere (o almeno leggere) l'art. 1362 c.c., che fa riferimento alla INTENZIONE della parti (che certo non è volontà di stipulare futuri contratti).

E il cliente con chi se la deve pigliare? Con quelli che hanno dato loro una laurea? Come chi si incacchia che il figlio muore per strada perchè con troppa leggerezza di rilascia la patente di guida a degli spostati (di cervello)?
 
Senza considerare la contradditorietà della motivazione. Ma ai magistrati fanno un corso di LOGICA? O soltanto l'analisi logica (anche se con il congiuntivo si trovano malaccio). Scriviamo meglio noi di getto sul Forum che loro in una sentenza.
 
A CERTI magistrati interessa + fare arbitrati che studiare i codici!
 
E ancora, la settimana scorsa a lezione di procedura civile il prof faceva notare come da tribunale a tribunale cambino le regole d'applicazione ai fatti proposti; l'art. 508 del c.p.c, assunzione di debiti da parte dell'aggiudicatario o dell'assegnatario che libererebbe il debitore pignorante dal debito previa autorizzazione del giudice e accordo con il creditore pignoratizio o ipotecario; è un articolo che il tribunale di Palermo non applica mai o se vogliamo usare una percentuale, al 99% non applica; invece quello di Monza fa molto uso di codesto articolo;

..allora io mi chiedo perchè nel firmare un contratto debba accettare la clausola che vuole, in caso di controversia, dirottarmi in un tribunale ove certe regole codicistiche vengono applicate o ignorate e potrebbero essere da nocumento ai miei interessi!?
 
Indietro