Il Paese va a rotoli, voi continuate pure a farvi le pi.ppe destra vs. sinistra

Mojito F.C.

► facce di bronzo ◄
Registrato
15/9/07
Messaggi
97.376
Punti reazioni
1.403
Precari, allarme Cgil: “A fine anno a rischio migliaia di lavoratori”
Centinaia di migliaia di contratti scadranno il 31 dicembre. Con l'entrata in vigore della legge Fornero le aziende dovrebbero essere invogliate a convertire le collaborazioni a progetto in lavoro dipendente, ma il sindacato denuncia: "Molti aggirano le norme utilizzando tipologie ancora peggiori, come partite Iva, occasionali e voucher"


A fine anno migliaia di precari rischiano di rimanere senza lavoro. A lanciare l’allarme è la Nidil Cgil, ricordando che il 31 dicembre scadranno moltissimi contratti di collaborazione, sia nel pubblico che nel privato. Da quel momento entreranno in vigore le norme della legge Fornero, secondo la quale i nuovi contratti di collaborazione dovranno “rispondere a progetti veri, con retribuzioni non inferiori ai minimi contrattuali, che determinino un risultato finale di modifica della situazione aziendale”.

I lavoratori che si stanno aderendo alla campagna “Capodanno 2013 – Non restare da solo“, lanciata dal sindacato, segnalano che molte aziende “non stanno rinnovando i contratti o in alcuni casi, anziché trasformare le collaborazioni a progetto o le associazioni in partecipazione in lavoro dipendente, aggirano le norme utilizzando tipologie ancora peggiori, come partite Iva, occasionali e voucher”. Secondo l’Istat nel terzo trimestre dell’anno i collaboratori a contratto (co.co.pro o co.co.co) erano 430mila. I dati Inps aggiornati al 2011 parlano di 1.464.950 collaboratori totali, fra concorrenti ed esclusivi.

Per quanto riguarda la pubblica amministrazione, i lavoratori che rischiano di più sono quelli con contratti di collaborazione: non rientrano infatti nella proroga di sei mesi prevista dalla legge di stabilità, in base alla quale i precari del settore pubblico con un contratto a tempo determinato in scadenza a dicembre che ha superato il limite di 36 mesi potranno restare al lavoro fino al prossimo 31 luglio.

Secondo le valutazioni della Cgil, i contratti in scadenza a fine anno sono circa 700mila e di questi il “60-70% è a rischio”. Il segretario generale Filomena Trizio si augura che le nuove norme “siano applicate con una contrattazione di merito tra organizzazioni sindacali e impresa”, ma non nasconde il rischio che “le aziende preferiscano la non attivazione di nuovi contratti o la loro trasformazione in tipologie ancora meno tutelanti”.


http://www.ilfattoquotidiano.it/201...anno-a-rischio-migliaia-di-lavoratori/455300/
 
E qual'è il problema?

Qua c'è gente che afferma che bisognerebbe licenziare almeno in milione e mezzo di persone nel pubblico per fare andar meglio le cose.

Se intanto cominciamo a lasciare a spasso qualche miglkiaio di precari, sarà pur sempre un miglioramento, no? :wall::wall::wall:
 
Precari, allarme Cgil: “A fine anno a rischio migliaia di lavoratori”
Centinaia di migliaia di contratti scadranno il 31 dicembre. Con l'entrata in vigore della legge Fornero le aziende dovrebbero essere invogliate a convertire le collaborazioni a progetto in lavoro dipendente, ma il sindacato denuncia: "Molti aggirano le norme utilizzando tipologie ancora peggiori, come partite Iva, occasionali e voucher"


A fine anno migliaia di precari rischiano di rimanere senza lavoro. A lanciare l’allarme è la Nidil Cgil, ricordando che il 31 dicembre scadranno moltissimi contratti di collaborazione, sia nel pubblico che nel privato. Da quel momento entreranno in vigore le norme della legge Fornero, secondo la quale i nuovi contratti di collaborazione dovranno “rispondere a progetti veri, con retribuzioni non inferiori ai minimi contrattuali, che determinino un risultato finale di modifica della situazione aziendale”.

I lavoratori che si stanno aderendo alla campagna “Capodanno 2013 – Non restare da solo“, lanciata dal sindacato, segnalano che molte aziende “non stanno rinnovando i contratti o in alcuni casi, anziché trasformare le collaborazioni a progetto o le associazioni in partecipazione in lavoro dipendente, aggirano le norme utilizzando tipologie ancora peggiori, come partite Iva, occasionali e voucher”. Secondo l’Istat nel terzo trimestre dell’anno i collaboratori a contratto (co.co.pro o co.co.co) erano 430mila. I dati Inps aggiornati al 2011 parlano di 1.464.950 collaboratori totali, fra concorrenti ed esclusivi.

Per quanto riguarda la pubblica amministrazione, i lavoratori che rischiano di più sono quelli con contratti di collaborazione: non rientrano infatti nella proroga di sei mesi prevista dalla legge di stabilità, in base alla quale i precari del settore pubblico con un contratto a tempo determinato in scadenza a dicembre che ha superato il limite di 36 mesi potranno restare al lavoro fino al prossimo 31 luglio.

Secondo le valutazioni della Cgil, i contratti in scadenza a fine anno sono circa 700mila e di questi il “60-70% è a rischio”. Il segretario generale Filomena Trizio si augura che le nuove norme “siano applicate con una contrattazione di merito tra organizzazioni sindacali e impresa”, ma non nasconde il rischio che “le aziende preferiscano la non attivazione di nuovi contratti o la loro trasformazione in tipologie ancora meno tutelanti”.


Precari, allarme Cgil: “A fine anno a rischio migliaia di lavoratori” - Il Fatto Quotidiano

Ma non eri quello che pompava Renzi fino a ieri?:D
Gia' mollato il PD un'altra volta?
 
il problema è l'agenda monti
dei precari lavoro azienda disoccupati ecc
non glie ne frega na mazza a nessuno lassu
e quà dentro tutti si scannano per berluschino vendolo monti ecc
che bravi
 
il problema è l'agenda monti
dei precari lavoro azienda disoccupati ecc
non glie ne frega na mazza a nessuno lassu
e quà dentro tutti si scannano per berluschino vendolo monti ecc
che bravi


Come non gliene frega a nessuno.

Qua dentro c'è un mucchio di gente che fa il tifo perchè si licenzino uno o due milioni di lavoratori della pubblica amministrazione per risanare il paese :o
 
Come non gliene frega a nessuno.

Qua dentro c'è un mucchio di gente che fa il tifo perchè si licenzino uno o due milioni di lavoratori della pubblica amministrazione per risanare il paese :o

si lo distruggi il paese in quel modo altroché
 
si lo distruggi il paese in quel modo altroché

Sì, pareva anche a me che lasciare più di un milione di persone a spasso potesse creare problemi, ma qua, se cerchi bene, ti spiegano che non è vero:o
 
Sì, pareva anche a me che lasciare più di un milione di persone a spasso potesse creare problemi, ma qua, se cerchi bene, ti spiegano che non è vero:o

non molto tempo fà accecato dalla rabbia lo pensavo anche io
vedi tutta questa spesa e il settore privato che non ce la fa piu' e ti viene da inveire contro certi aiuti e certe situazioni che sembrano anomale
poi messa da parte la rabbia e abbracciata la voglia di capire mi sono messo a studiare... e li c'è la verità... e allora quando capisci e non sei accecato a PRIORI e non fai parte di interessi e non pensi solo al TUO interesse ti viene facile cambiare idea e non parlare piu' per rabbia ma ragionando con la propria testa

in questa situazione tagliando le spese si avviterebbe il paese nel disastro totale
le spese vanno riallocate semmai
in economia, quella che si studia nei libri, vige il concetto che nei periodi di recessione lo stato non deve tagliare la spesa ma anzi deve supportare con la spesa... ovviamente se hai sovranità monetaria... e quì casca l'asino ;)
 
non molto tempo fà accecato dalla rabbia lo pensavo anche io
vedi tutta questa spesa e il settore privato che non ce la fa piu' e ti viene da inveire contro certi aiuti e certe situazioni che sembrano anomale
poi messa da parte la rabbia e abbracciata la voglia di capire mi sono messo a studiare... e li c'è la verità... e allora quando capisci e non sei accecato a PRIORI e non fai parte di interessi e non pensi solo al TUO interesse ti viene facile cambiare idea e non parlare piu' per rabbia ma ragionando con la propria testa

in questa situazione tagliando le spese si avviterebbe il paese nel disastro totale
le spese vanno riallocate semmai
in economia, quella che si studia nei libri, vige il concetto che nei periodi di recessione lo stato non deve tagliare la spesa ma anzi deve supportare con la spesa... ovviamente se hai sovranità monetaria... e quì casca l'asino ;)

Mah.....io nella mia ignoranza di economia mi permettevo di dubitare che un milione di nuove famiglie povere portassero al rilancio dei consumi di cui ha bisogno il paese.

Certo, si risparmierebbe qualcosa, ma credo che quello che si perderebbe, a cascata, con la ulteriore contrazione dei consumi che si avrebbe, sarebbe ben maggiore.
 
Mah.....io nella mia ignoranza di economia mi permettevo di dubitare che un milione di nuove famiglie povere portassero al rilancio dei consumi di cui ha bisogno il paese.

Certo, si risparmierebbe qualcosa, ma credo che quello che si perderebbe, a cascata, con la ulteriore contrazione dei consumi che si avrebbe, sarebbe ben maggiore.

in questa orgia di disinformazione dove ti dicono che il colpevole è il debito pubblico
hai la falsa certezza che tagliando le spese il debito cala e quindi ti abbassano le tasse e quindi ti salvi... e va bè mi fermo quì va che già mi viene da ridere :D
 
in questa orgia di disinformazione dove ti dicono che il colpevole è il debito pubblico
hai la falsa certezza che tagliando le spese il debito cala e quindi ti abbassano le tasse e quindi ti salvi... e va bè mi fermo quì va che già mi viene da ridere :D

come lo vedi ?
Programma
 
Indietro