Il piccolofenomeno agli arresti domiciliari ..............

zagalo

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
16/1/03
Messaggi
10.683
Punti reazioni
308
Se gli han dato il permesso, voldì che ha ciachelato.

Ora son azzi acidi per parecchia gente.

:D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D
 
La decisione del gip di Milano Clementina Forleo che ha accolto
la richiesta degli avvocati. Erano in carcere dal 13 dicembre 2005

Antonveneta, Fiorani e Boni agli arresti domiciliari

MILANO - Arresti domiciliari all'ex ad di Bpi Gianpiero Fiorani. Li ha concessi il gip Clementina Forleo accogliendo l'istanza difensiva sulla quale i pm avevano espresso parere favorevole. Identico provvedimento è stato preso per l'ex dg della Bpi, Gianfranco Boni. Fiorani e Boni erano nel carcere milanese di San Vittore dal 13 dicembre scorso nell'ambito dell' inchiesta sulla scalata ad Antonveneta.

I due ex funzionari della banca Antonveneta sono accusati di associazione a delinquere, aggiotaggio e appropriazione indebita nell'ambito dell'inchiesta che, cominciata sul tentativo di rastrellamento di azioni della banca da parte dei cosiddetti "concertisti", aveva dato origine a svariati filoni d'indagine. Tra questi anche quello sulle presunte distrazioni, da parte degli ex manager, di decine di milioni di euro dalle casse della Popolare Italiana.

Nei giorni scorsi i difensori di Fiorani e Boni avevano presentato l'istanza di concessione degli arresti domiciliari. Su di essa i pm avevano espresso parere favorevole in quanto ritenevano "affievolite" le esigenze cautelari sotto il profilo della reiterazione del reato, dell'inquinamento probatorio e del pericolo di fuga.

(9 aprile 2006)

dal giornale kommunista.
 
zagalo ha scritto:
Se gli han dato il permesso, voldì che ha ciachelato.

Ora son azzi acidi per parecchia gente.

:D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D


anche quando scarcerarono Tanzi (che face ben altro "buco") si pensava che avesse "cantato" e che sarebbero fioccati altri arresti "illustri"

e invece .......
 
zagalo ha scritto:
Se gli han dato il permesso, voldì che ha ciachelato.

Ora son azzi acidi per parecchia gente.

:D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D

Sono contento sia a casa, da tempo non se ne parlava sulla stampa. Temevo per lui, temevo gli offrissero un caffè....
 
Mentevasta ha scritto:
Sono contento sia a casa, da tempo non se ne parlava sulla stampa. Temevo per lui, temevo gli offrissero un caffè....



non credo bevesse caffè :eek: lo sanno tutti che fa male alla salute :yes:
;)
 
pur non provando alcuna simpatia per il personaggio in questione , in effetti trovo piuttosto singolare il fatto che l'abbiano tenuto così a lungo al fresco .
 
E più strano ancora che gli arresti domiciliari sono stati concessi nel giorno delle elezioni!!! :confused:
 
sato ha scritto:
anche quando scarcerarono Tanzi (che face ben altro "buco") si pensava che avesse "cantato" e che sarebbero fioccati altri arresti "illustri"

e invece .......
Il lattaio ha cantato. Ma dato che cerano dentro tutti e quando scrivo tutti è proprio TUTTI, non si è scoperchiata la pentola.

Te lo dice uno che i bilanci e gli affidamenti del lattaio li ha setacciati di persona. Come scrissi a suo tempo: cerano più firme sulle relative delibere, che sul muretto di arasce :D :D :D :D

Il piccolofenomeno invece ha foraggiato quasi esclusivamente il centrodestra e due personaggi della sinistra che non parleranno mai: greganti docet.

NE VEDREMO DELLE BELLE.
 
Giovi c 67 ha scritto:
E più strano ancora che gli arresti domiciliari sono stati concessi nel giorno delle elezioni!!! :confused:
Tanto per far uscire qualche bufala. Sotto, sotto.

Ergo: il berlusca, lo scemo della lega, branco, e il romanino. Tanto per non far nomi. :D :D
 
Giovi c 67 ha scritto:
E più strano ancora che gli arresti domiciliari sono stati concessi nel giorno delle elezioni!!! :confused:

Bpi,Fiorani: Berlusconi mi disse di star tranquillo per scalata
lunedì, 10 aprile 2006 6.16
Versione per stampa


MILANO (Reuters) - L'ex ad di Bpi Gianpiero Fiorani, al quale da ieri sono stati concessi gli arresti domiciliari, ha detto ai magistrati milanesi che conducono l'inchiesta sulla tentata scalata della banca lodigiana ad Antonveneta, che il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi gli disse di star tranquillo circa l'operazione.

Lo si legge in un verbale tratto dall'ordinanza, di cui Reuters ha potuto leggere uno stralcio, con la quale il gip Clementina Forleo ha scarcerato ieri Fiorani e l'ex direttore finanziario di Bpi Gianfranco Boni, concedendo a entrambi i domiciliari.

"Andammo da Berlusconi in Sardegna per il giorno di San Lorenzo. Era l'agosto 2004. C'eravamo io, [il deputato di Forza Italia Cesare] Previti e Berlusconi con le nostre mogli", si legge nel verbale citato nell'ordinanza. "Ricordo che gli portai un cactus, ma era enorme, trenta o quaranta chili e cercando di caricarlo sulla barca mi coprii di ferite".

"Prima di pranzo ci riunimmo e io mostrai a Berlusconi delle slide per illustrargli la nostra operazione Antonveneta".

"STIA TRANQUILLO"

"Incontrai Berlusconi in una seconda occasione del Salone nautico di Genova nell'ottobre 2004 -- proseguono le dichiarazioni a verbale di Fiorani -- e lui volle sapere che cosa avevo detto ai magistrati che mi avevano interrogato per la questione Hdc. Voleva sapere se Crespi aveva bobine con registrazioni. Gli dissi: 'Stia tranquillo'. E lui rispose: 'E lei stia tranquillo per la scalata'.

Luigi Crespi, ex sondaggista di Berlusconi, venne arrestato dalla procura di Milano per circa una settimana fra le fine di settembre e l'inizio di ottobre 2005, con l'ipotesi di reato di bancarotta fraudolenta per il fallimento da 35 milioni di euro della sua società di comunicazione Hdc. L'inchiesta su Hdc vede indagato anche Fiorani per concorso in bancarotta.

FIORANI: BERLUSCONI SAPEVA COSE CHE NON DOVEVA SAPERE

Fiorani, nel verbale riportato nell'ordinanza del gip, cita ancora un incontro col presidente del Consiglio. "Poi ci rivedemmo ad Arcore tra dicembre e gennaio del 2005 - ha messo a verbale l'ex ad di Bpi - Quando parlai con Berlusconi capii che sapeva cose che non doveva sapere. Evidentemente Grillo lo teneva informato".

Il senatore di Forza Italia Luigi Grillo è da tempo iscritto sul registro degli indagati della procura di Milano per concorso in aggiotaggio nell'ambito dell'inchiesta sulla fallita scalata ad Antonveneta, secondo quanto riferito da fonti giudiziarie.

Fiorani e Boni sono indagati con l'ipotesi di reato di associazione a delinquere finalizzata all'appropriazione indebita, ricettazione e aggiotaggio
 
Mentevasta ha scritto:
Bpi,Fiorani: Berlusconi mi disse di star tranquillo per scalata
lunedì, 10 aprile 2006 6.16
Versione per stampa
Ghe sem.
 
Fiorani: soldi per una lobby pro-Fazio

Fiorani: soldi per una lobby pro-Fazio
Lodi, 11 aprile 12,37

Passate o quasi le elezioni, arrivano i contenuti delle ultime dichiarazioni di Gianpiero Fiorani che hanno consentito la scarcerazione dell’ex-amministratore delegato della Bpi, da domenica agli arresti domiciliari.
E’ a suon di denaro che Fiorani sostiene d'aver cementato una lobby pro-Fazio di parlamentari di Forza Italia e della Lega Nord: una lobby che si sarebbe schierata a difesa del mandato a vita e delle prerogative dell'ex Governatore di Banca d'Italia.
Secondo le sue stesse dichiarazioni, Fiorani consegnò 200 mila euro al senatore di Forza Italia Luigi Grillo, presidente della Commissione Lavori Pubblici e fedelissimo di Fazio. Grillo a sua volta avrebbe detto al banchiere che metà dei soldi sarebbe stata destinata al senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri.
Le ripercussioni dello scandalo Bpi potrebbero essere solo all’inizio?
 
Indietro