Il ponte di Kerch: successo dei Russi e di Putin

BlackM

Rock and Roll
Registrato
30/3/00
Messaggi
170.585
Punti reazioni
3.274
Non capisco se con queste falsità pensi di trollare o meno. Ma la Crimea è Ucraina da decenni.
Sia per come ha scelto la popolazione locale, sia per gli accordi internazionali non ci devono essere dubbi.

Nel 1991 ogni Oblast ucraino votò per l'annessione alla Russia o l'indipendenza come Ucraina.
La Crimea votò al 54% per l'Ucraina
(e solo Sebastopoli votò al 75% per la Russia perchè negli anni era stata destinazione di immigrazione forzata di russi etnici per via della base militare)

Nel memorandum di Budapest del 1994 la Russia si impegnava a rispettare l'integrità territoriale Ucraina

Dal 1954 non faceva neppure formalmente parte della repubblica sovietica russa bensì di quella Ucraina

Mosca quindi non può avanzare nessuna rivendicazione legittima per quanto riguarda la volontà popolare o il diritto internazionale.
Ha dalla sua sola la violenza e la sopraffazione militare.... finchè dura

Il passato vale solo se fa comodo a Putin, non hai capito?
 

goodseeds

culto montecalvario
Registrato
3/5/07
Messaggi
30.243
Punti reazioni
751
Il passato vale solo se fa comodo a Putin, non hai capito?

no no vale per tutti il passato.ci mancherebbe altro.
grenadine iraq afghanistan.
sempre senza motivo o giustificazione alcuna che non fosse il regolare i cattzi prori.che è una buona molla,concordo!
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.653
Punti reazioni
1.865
Premesso che prima di pubblicare ho controllato tramite "anteprima messaggio" ed entrambe le immagini erano a me visibili, quindi credo che la domanda in questo caso andrebbe posta ai tecnici qui del sito che ci ospita.
Comunque rimedio subito.

https://i.ibb.co/qdSwpNk/photo-2022-11-07-18-31-40.jpg

https://i.ibb.co/GVXrgMq/photo-2022-11-07-18-31-42.jpg

Le foto sono in linea con quanto comunicato.

La sostituzione delle 4 campate relative alla carreggiats distrutta sono previste come completate a fine dicembre, poi verrà chiusa l'altra carreggiata per sostituire anche lì delle campate che hanno subìto danni.

Putin è stato aggiornato sullo stato del ponte di Kerch.

https://t.me/ShrikeNews/6332

”Ieri Putin è stato aggiornato sulla riparazione del ponte in Crimea. È interessante.

Si è scoperto che è necessario sostituire non solo le campate distrutte, ma anche quelle vicine, e anche parte del ponte sotto la ferrovia.

1) 4 campate distrutte sono state smantellate. Hanno in programma di ripristinarle entro il 20 dicembre.

2) Quando la parte distrutta viene ripristinata, le 4 campate adiacenti verranno smantellate, sono deformate. Hanno in programma di ripristinarle entro il 30 marzo. E alcuni lavori aggiuntivi saranno completati solo entro luglio.

3) La linea ferroviaria si è trasformata in un unico binario, non si può viaggiare sul secondo binario. Due campate dovranno essere smantellate. Il ripristino è previsto entro il 15 settembre 2023.

Questo è tutto.”

https://www.kp.ru/daily/27467.5/4672570/
 

Pred_01

compro i sogni
Registrato
21/10/14
Messaggi
25.641
Punti reazioni
596
ma cosa dici ? la Crimea e' russa ,e' sempre stata russa , lo sanno tutti ,non lo hanno riconosciuto nel 14' perche' serviva tenere aperta la questione per sanzionare la Russia . zelenski vuole , ma per piacere ,si preoccupi di onorare gli accordi di Minsk invece,se vuol fare qualcosa di utile , ah no ,e' tardi .

Personalmente, avrei (forse) potuto essere d'accordo con quanto hai scritto a fino al 23/FEB; purtroppo per quanto accaduto dal 24/FEB, da parte mia il "paradigma" da te illustrato, è completamente cambiato, da quella data conta/"comanda" chi vince lo scontro armato in atto (oppure perde "meno peggio dell'altro" lo scontro).
Il 24/FEB, ci piaccia o no, oramai ha imposto una scissura su quanto detto e fatto prima di quella data, per cui l'Ucraina se vuole/se ne è capace, può e deve decidere fin dove spingersi e/o quando fermarsi, compatibilmente con le forze in campo di entrambi ovviamente.
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.653
Punti reazioni
1.865
Sembra che la Crimea impedirà il transito sotto il ponte di Kerch a tutte le navi che non siano state caricate in un porto russo.

Questa restrizione avrà un impatto economico (ritardi) perché i carichi diretti ai porti a nord di Kerch dovranno essere ricaricati su una nave in un porto russo (o passare il carico ship-to-ship?) per poter entrare nel Mar d'Azov.

Sembrerebbe una mossa "Tafazzi" di cui mi sfugge lo scopo. :boh:

"Russia has banned passage through
Kerch Strait to ships with a certain
cargo.
Russia has banned the passage through the Kerch
Strait to ships that were loaded in
ports of foreign countries. This was
reported in the Main Directorate for Maritime
Affairs under the Ministry of Transport of Turkey.
"According to the official notification
that we received from the Maritime
Administration of Russia, the passage of ships
loaded outside the territory of the Russian Federation to the
north through the Kerch Strait, which
provides passage to the Sea of Azov,
is prohibited," TASS quotes the message."
 

Allegati

  • FhXSUcLXEAIzOYJ.jpg
    FhXSUcLXEAIzOYJ.jpg
    175,4 KB · Visite: 6

Dance with wolf

Jeune Europe/EURASIA
Registrato
13/8/10
Messaggi
29.043
Punti reazioni
1.333
Ministry of Transport of the Russian Federation reports. Today at 14:30 Moscow time, the Crimean bridge is fully operational. Cars, buses and all civilian vehicles can now travel without restriction. Repair and restoration work now completed.
FhXU5MxX0AADCr0.jpeg.jpg
OK!
 

Dance with wolf

Jeune Europe/EURASIA
Registrato
13/8/10
Messaggi
29.043
Punti reazioni
1.333
Ministry of Transport of the Russian Federation reports. Today at 14:30 Moscow time, the Crimean bridge is fully operational. Cars, buses and all civilian vehicles can now travel without restriction. Repair and restoration work now completed.
Vedi l'allegato 2858246
OK!

(....) il conto possono mandarlo direttamente
al seguente indirizzo:

10 Downing Street in London
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.653
Punti reazioni
1.865
Ministry of Transport of the Russian Federation reports. Today at 14:30 Moscow time, the Crimean bridge is fully operational. Cars, buses and all civilian vehicles can now travel without restriction. Repair and restoration work now completed.
OK!


O non si sono messi d'accordo col Ministero dei Trasporti della Crimea o...tu posti immagini senza link con quello che più ti piace.

https://kerch.fm/2022/11/11/v-subbotu-na-krymskom-mostu-vnov-ostanovjat-dvizhenie-na-12-chasov.html

”Sabato, il traffico sarà nuovamente interrotto per 12 ore sul ponte di Crimea Ieri, 10:09

Sabato 12 novembre, il traffico sarà nuovamente interrotto per 12 ore sul ponte di Crimea.

Lo ha riferito il servizio stampa del ministero dei Trasporti della Crimea, - riferisce Kerch.FM.

“Il 12 novembre, dalle 04:00 alle 16:00 (ora di Mosca), il ponte di Crimea sarà chiuso. In relazione ai lavori di riparazione e restauro, il traffico automobilistico sul ponte sarà limitato a 12 ore.”
 

torre1

Un passo alla volta
Registrato
15/5/08
Messaggi
44.961
Punti reazioni
2.688
Sembra che la Crimea impedirà il transito sotto il ponte di Kerch a tutte le navi che non siano state caricate in un porto russo.

Questa restrizione avrà un impatto economico (ritardi) perché i carichi diretti ai porti a nord di Kerch dovranno essere ricaricati su una nave in un porto russo (o passare il carico ship-to-ship?) per poter entrare nel Mar d'Azov.

Sembrerebbe una mossa "Tafazzi" di cui mi sfugge lo scopo. :boh:

"Russia has banned passage through
Kerch Strait to ships with a certain
cargo.
Russia has banned the passage through the Kerch
Strait to ships that were loaded in
ports of foreign countries. This was
reported in the Main Directorate for Maritime
Affairs under the Ministry of Transport of Turkey.
"According to the official notification
that we received from the Maritime
Administration of Russia, the passage of ships
loaded outside the territory of the Russian Federation to the
north through the Kerch Strait, which
provides passage to the Sea of Azov,
is prohibited," TASS quotes the message."

Potrebbe essere che abbiano paura della presenza di incursori o di esplosivi o di entrambi sulle navi caricate in porti considerati non sicuri che potrebbero trasformarsi o in gigantesche bombe galleggiati o come basi per incursori ostili che si attiverebbero in prossimità del ponte ?
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.653
Punti reazioni
1.865
Potrebbe essere che abbiano paura della presenza di incursori o di esplosivi o di entrambi sulle navi caricate in porti considerati non sicuri che potrebbero trasformarsi o in gigantesche bombe galleggiati o come basi per incursori ostili che si attiverebbero in prossimità del ponte ?

Può darsi, ma il danno che si procurano con i ritardi (e i relativi costi) per l'approvvigionamento verso il Mar d'Azov sembra eccessivo.
 

torre1

Un passo alla volta
Registrato
15/5/08
Messaggi
44.961
Punti reazioni
2.688
Può darsi, ma il danno che si procurano con i ritardi (e i relativi costi) per l'approvvigionamento verso il Mar d'Azov sembra eccessivo.

Dato il danno procurato da ritardi e costi ci deve essere una ragione importante per una misura di questo tipo. Se gli dovessero distruggere il ponte in modo serio immagino sarebbe anche peggio.

Se impongono il caricamento in porti russi e non in altri porti l'unica spiegazione che mi viene in mente è che vogliono essere certi che a bordo non venga portato altro (mezzi, esplosivi, strumentazione di disturbo o di offesa, uomini o un mix di tutto ciò)

Se dovessero riempire una nave di esplosivi o se portasse con sé una qualche strumentazione che aiutasse a guidare missili ucraini a colpo sicuro, eventualmente disturbando eventuali misure di disturbo da parte russa così a naso, non sono un esperto, faccio per dire i danni potrebbero essere notevoli non solo a livello strategico ma anche a livello di immagine, a maggior ragione dopo l'ultimo post di Dugin, probabilmente la punta dell'iceberg dell'ala radicale
 

kimo

STAY ALIVE !!!
Registrato
30/4/05
Messaggi
7.929
Punti reazioni
360
Può darsi, ma il danno che si procurano con i ritardi (e i relativi costi) per l'approvvigionamento verso il Mar d'Azov sembra eccessivo.

---> una scelta semplice ma innalza di molto la sicurezza intrinseca della zona...i russi iniziano ad usare il cervello...
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.653
Punti reazioni
1.865
---> una scelta semplice ma innalza di molto la sicurezza intrinseca della zona...i russi iniziano ad usare il cervello...

È probabile che lo scopo sia proprio la sicurezza. :yes:

Considerando che la zona è un via vai di carichi di fertilizzanti (che hanno un certo livello di pericolosità) sembrerebbe un modo per "passare" il carico (pericoloso) su una nave russa o comunque sotto controllo "locale".
 

Pred_01

compro i sogni
Registrato
21/10/14
Messaggi
25.641
Punti reazioni
596
Dato il danno procurato da ritardi e costi ci deve essere una ragione importante per una misura di questo tipo. Se gli dovessero distruggere il ponte in modo serio immagino sarebbe anche peggio.

Se impongono il caricamento in porti russi e non in altri porti l'unica spiegazione che mi viene in mente è che vogliono essere certi che a bordo non venga portato altro (mezzi, esplosivi, strumentazione di disturbo o di offesa, uomini o un mix di tutto ciò)

Se dovessero riempire una nave di esplosivi o se portasse con sé una qualche strumentazione che aiutasse a guidare missili ucraini a colpo sicuro, eventualmente disturbando eventuali misure di disturbo da parte russa così a naso, non sono un esperto, faccio per dire i danni potrebbero essere notevoli non solo a livello strategico ma anche a livello di immagine, a maggior ragione dopo l'ultimo post di Dugin, probabilmente la punta dell'iceberg dell'ala radicale

Si, ma il controllo al fine di evitare che la nave sia autorizzata a passare sotto il ponte dove lo fanno?
Perché potrei tranquillamente riempire la nave di esplosivo e mandarla in qualche modo nelle vicinanze del ponte (se non proprio sotto) e quindi farla esplodere.
Quindi, secondo me, resta da capire l'eventuale controllo dove avverrebbe e con quali modalità.
 

ToriToriTori

+ NATO + + OTAN +
Registrato
17/3/04
Messaggi
30.537
Punti reazioni
1.446
Forse che forse non conviene assolutamente ai russi di putin riparare il ponte della Crimea... se continuano a ritirarsi come hanno fatto Kherson... :cool:
Magari ci penseranno gli ucraini a ripararlo, eh!
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.653
Punti reazioni
1.865
Si, ma il controllo al fine di evitare che la nave sia autorizzata a passare sotto il ponte dove lo fanno?
Perché potrei tranquillamente riempire la nave di esplosivo e mandarla in qualche modo nelle vicinanze del ponte (se non proprio sotto) e quindi farla esplodere.
Quindi, secondo me, resta da capire l'eventuale controllo dove avverrebbe e con quali modalità.

Non fanno un controllo, si impedisce di attraversare il ponte di Kerch a navi che abbiano fatto il carico in un porto non russo (vedi notizia alla pagina precedente).

Questo significa che una nave X caricata in Turchia non potrà passare, quindi o scarica in un porto russo fuori del Mar d'Azov e qualcun altro si incarica di ricaricare la merce e portarla o non può passare.

Non è chiaro se sarà ammesso anche un trasferimento ship-to ship.

Ovviamente alla Russia non mancano pattugliatori per bloccare le navi prima che si avvicinino troppo al ponte.

Edit. La notizia proviene dal Direttorato turco che si occupa di navigazione, il che implica che la Turchia diramerà queste limitazioni alle navi cargo in passaggio dal Bosforo che dovranno stabilire come destinazione un porto russo esterno al Mar d'Azov.
 
Ultima modifica:

mib30

acquisto BUONSENSO
Registrato
21/8/00
Messaggi
44.029
Punti reazioni
1.425
Come controllano le navi che sono dirette VERSO il mare di Azov?
 

torre1

Un passo alla volta
Registrato
15/5/08
Messaggi
44.961
Punti reazioni
2.688
Non fanno un controllo, si impedisce di attraversare il ponte di Kerch a navi che abbiano fatto il carico in un porto non russo (vedi notizia alla pagina precedente).

Questo significa che una nave X caricata in Turchia non potrà passare, quindi o scarica in un porto russo fuori del Mar d'Azov e qualcun altro si incarica di ricaricare la merce e portarla o non può passare.

Non è chiaro se sarà ammesso anche un trasferimento ship-to ship.

Ovviamente alla Russia non mancano pattugliatori per bloccare le navi prima che si avvicinino troppo al ponte.

Edit. La notizia proviene dal Direttorato turco che si occupa di navigazione, il che implica che la Turchia diramerà queste limitazioni alle navi cargo in passaggio dal Bosforo che dovranno stabilire come destinazione un porto russo esterno al Mar d'Azov.

Sempre che non glieli affondano prima con i droni marittimi ......
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.653
Punti reazioni
1.865
Sempre che non glieli affondano prima con i droni marittimi ......

Beh, nella zona est del Mar Nero sarebbe un po' difficile, la porzione di navi militari della flotta del Mar Nero attualmente dislocate a Novorossiysk fanno sia pattugliamento che logistica per sopperire a parte dei trasporti proprio in quella zona.