Il progetto di riforma UE sui servizi di investimento

Gli articoli sulla consulenza, che tanto interessa molti di noi, si trovano a partire da pagina 29 del documento.

La consulenza viene considerata nuovamente come servizio di investimento.

Per i consulenti, obbligo di autorizzazione iniziale ed anche altre regole che pongano il cliente al riparo dai rischi della cattiva consulenza.

La consulenza deve essere l'attività principale o anche esclusiva, e ciò vale anche per le persone fisiche.

La riforma non comporta regolamentazione ingiustificata o eccessivamente onerosa rispetto allo specifico status della consulenza.

E' previsto un capitale minimo, ma commisurato ai soggetti che espletano la sola consulenza.

Data la particolare localizzazione geografica (in genere, il consulente lavora nel proprio paese in maniera prevalente o anche esclusiva), la riforma attribuisce alle autorità locali le funzioni di autorizzazione e di controllo.

E' consentito, agli intermediari che effettuano altri servizi, di prestare anche consulenza: per prevenire conflitti di interesse, sono previste norme stringenti.
 
Indietro