Il Treno dei desideri, sempre all'incontrario va

alessioildoge

Nuovo Utente
Registrato
24/1/17
Messaggi
670
Punti reazioni
45

Trasporti pubblici: in Svizzera si ritorna verso livelli pre-Covid

BERNA (awp/ats) - Nel secondo trimestre, gli svizzeri hanno totalizzato 4,9 miliardi di persone-chilometri col trasporto pubblico ferroviario. Si tratta di una cifra molto superiore rispetto a quella di un anno prima, dominato dal Covid-19, ma ancora inferiore del 7,8% rispetto al record stabilito nel secondo trimestre del 2019. Nel trasporto merci su rotaia la domanda si è mantenuta a un livello elevato, di 3,18 miliardi di tonnellate-chilometro.

Rispetto allo stesso trimestre del 2021, l'aumento dei persone-chilometri (somma dei tragitti percorsi da persone in un determinato periodo) in ferrovia è stato del 55,2%, precisa una nota odierna del Servizio d'informazione per i trasporti pubblici (LITRA).

Comunque il divario rispetto a prima della pandemia continua a diminuire costantemente. A giugno si è registrato un -4,9% rispetto allo stesso mese del 2019. L'utilizzo della capacità nel trasporto ferroviario passeggeri è ora superiore al 90% di quello precedente allo scoppio del Covid-19.



Che sia di buon auspicio
 

alessioildoge

Nuovo Utente
Registrato
24/1/17
Messaggi
670
Punti reazioni
45
Nonostante i cali di questi giorni FNM si sta difendendo alla grande e sembra che sotto questo livello al momento non voglia andare, sarà che con 180 milioni di capitalizzazione e utili di 50 o più i multipli sono già belli compressi e scontano già scenari catastrofici.
Per assurdo poi sembra che recentemente stia aumentando velocemente il numero di persone che usa i mezzi pubblici come misura di risparmio di fronte al caro prezzi, questo potrebbe portare ad un miglioramento dei dati di Trenord e del trasporto su gomma a fronte di un peggioramento del business autostradale, anche se per ora i report Aiscat e i dati del traffico Aspi non sembrano mostrare grossi peggioramenti.
 

robver

Nuovo Utente
Registrato
1/5/15
Messaggi
595
Punti reazioni
51
Alessio condivido tutto il ragionamento. Speriamo di vedere un cambio di trend a partire dalla semestrale, perchè di mio su questo titolo sono abbastanza esposto ed è quello che va peggio in assoluto. Non voglio lamentarmi troppo perchè da inizio anno ho perso meno del 2% (a ieri) e visto l'indice generale non posso fare la vittima.
buona giornata
 

alessioildoge

Nuovo Utente
Registrato
24/1/17
Messaggi
670
Punti reazioni
45
Usciti i dati di Autostrade per l'Italia di agosto e prima week di settembre:

https://www.autostrade.it/documents...9-bef1-84f8-43c8-a9edcb659b53?t=1662544720178

Agosto chiude a -2.3% sul 2021 e +1.3% sul 2019

Il totale aggiornato dal 01/01/2022 al 04/09/2022 quindi compreso un 4 giorni di settembre, è +14.2% sul 2021 e -2.4% sul 2019, dati ottimi direi, considerando anche l'aumento del pedaggio per MISE dovremmo riuscire a essere ai livelli del 2019 che ricordo si è chiuso con un Risultato Netto di 57.848, se tutto il resto di FNM comprese le società ad equity facesse 0, saremmo a un p/e di 3 circa :eek: per un titolo infrastrutturale :eek::eek::eek:
 

alessioildoge

Nuovo Utente
Registrato
24/1/17
Messaggi
670
Punti reazioni
45
Ferrovie: Il fondo GIP valuta la vendita di Italo
Categoria: Treni reali
Pubblicato: 15 Settembre 2022
Global Infrastructure Partners — il fondo Usa che ha acquisito NTV — starebbe valutando l’uscita dopo essere entrato come socio di maggioranza al 72% nel 2018 per 2 miliardi.

L’exit, secondo indiscrezioni di Bloomberg rilanciate dal Corriere della Sera, potrebbe aggirarsi intorno ai 4 miliardi di euro.


Gip potrebbe iniziare a valutare l’interesse per Italo da parte di potenziali acquirenti nei prossimi mesi, qualora decidesse di procedere con la vendita, ma l’uscita potrebbe avverarsi a partire dal 2023, cioè alla scadenza dei cinque anni di gestione.

Secondo il quotidiano, insomma i "se" non mancherebbero. NTV, scrive il Corriere nella sezione Economia, ha in pancia un debito di 1,2 miliardi dovuto agli investimenti sui nuovi convogli (raddoppiati a 51 dall’ingresso del fondo), sul personale (passato da poco meno di mille unità a 1.500) e in tecnologia. L’exit a quel prezzo significherebbe per Cib una plusvalenza di "soli" 800 milioni.

Ma ieri dal ministero delle Infrastrutture a NTV è arrivata la seconda tranche di ristori: 91,5 milioni più altri 86,5, mentre 145,6 milioni erano già stati assegnati (a Trenitalia sono arrivati invece 279,8 milioni più 2138 milioni; 364 quelli già incassati). Il rosso quindi diminuirebbe e la plusvalenza salirebbe a un più congruo miliardo.


È poi vero che gli investimenti del PNRR sull’Alta velocità, in particolare al Sud possono essere un volano per il business di Italo.

La società presieduta da Luca Cordero di Montezemolo, con Flavio Cattaneo vicepresidente — e azionisti di peso come Allianz (11,5%), Ip Infra Investors (7,6%), e altri soci come blasonati quali gli stessi vertici, Alberto Bombassei, Isabella Seragnoli e Peninsula Capital — ha infatti realizzato ricavi operativi per 487 milioni di euro (dai 413,4 del 2020) con un risultato operativo positivo per 91 milioni (dai 51 dell’anno prima) e un utile netto di 104,3 milioni.


Quindi anche Trenord avrà preso dei ristori però se fossero arrivati ieri non saranno nella trimestrale ma nei dati ai 9 mesi, vediamo come va nei prossimi giorni tra elezioni e trimestrale ma in caso di ulteriori cali sono pronto a incrementare fiducioso nel business OK!
 

zac84

Nuovo Utente
Registrato
16/5/16
Messaggi
1.151
Punti reazioni
23
Mi dicono utile +40% a/a, a 30 mln.
Significa conservativi 60 mln a/a... p/e <3.
0.43 non se po' vedè !
Quotasse 1.2 (il triplo) non sarebbe nemmeno cara.
Ma andrà anche sotto 0.40. Siamo in Italia :yes:
 

alessioildoge

Nuovo Utente
Registrato
24/1/17
Messaggi
670
Punti reazioni
45
Mi dicono utile +40% a/a, a 30 mln.
Significa conservativi 60 mln a/a... p/e <3.
0.43 non se po' vedè !
Quotasse 1.2 (il triplo) non sarebbe nemmeno cara.
Ma andrà anche sotto 0.40. Siamo in Italia :yes:

Dati ottimi considerando che sono arrivati senza i ristori di Trenord che dovrebbero essere arrivati a luglio, purtroppo il contesto non è dei migliori e l'utile viene tutto dalle autostrade mentre la vecchia FNM è in perdita nonostante continui ad investire copiosamente non si capisce bene a che ritorno a sto punto, e forse con questi tassi varrebbe la pena diluire un po' di più gli investimenti nel tempo e ridurre la PFN
 

brasil77

Nuovo Utente
Registrato
2/3/12
Messaggi
270
Punti reazioni
5
Mi dicono utile +40% a/a, a 30 mln.
Significa conservativi 60 mln a/a... p/e <3.
0.43 non se po' vedè !
Quotasse 1.2 (il triplo) non sarebbe nemmeno cara.
Ma andrà anche sotto 0.40. Siamo in Italia :yes:

Il rilancio in termini di quotazioni può avvenire se ritornano a distribuire il dividendo altrimenti rischia fi non essere presa in considerazione nonostante i risultati
 

robver

Nuovo Utente
Registrato
1/5/15
Messaggi
595
Punti reazioni
51
Il rilancio in termini di quotazioni può avvenire se ritornano a distribuire il dividendo altrimenti rischia fi non essere presa in considerazione nonostante i risultati

Credo anche io che il problema principale sia la politica dei dividendi. Sui risultati nulla da eccepire, ottimi, con trenord in forte ripresa dovrebbero venire a mancare tutte le problematiche e rimarrebbero solo i fattori positivi. Tuttavia dopo un piano presentato dalla società che prevedeva dividendi significativi vedere lo stop senza nessuna indicazione ulteriore lascia lo spazio aperto a qualunque ipotesi sul futuro, ed a zero dividendo fisso naturale che anche i forti utili rimangano poco apprezzati.
Buona giornata.
 

Verde

k9 Training
Registrato
9/5/02
Messaggi
17.133
Punti reazioni
690
Dai dati ASPI continua la buona performance del traffico a settembre

September
-0,9% sul 2021 e +1,0% sul 2019


01/01/2022 to 30/09/20
+12.3% sul 2021 e -2,3% sul 2019

https://www.autostrade.it/documents...d-1e6c-2e0f-2594-0168f7ff2ceb?t=1664960600269

Confermo,tangenziali sature.
Basta un piccolo incidente e ti fai 1 ora di colonna.
Pedemontana poco trafficata.
Ebitda confermato.Debito alto e penso andra ricollocatoe il rialzo dei tassi non e certo terapeutico.
Le quotazioni sono sacrificate.
 

Verde

k9 Training
Registrato
9/5/02
Messaggi
17.133
Punti reazioni
690
FNM - La CFO Valentina Montanari lascia FNM lascerà i propri incarichi per intraprendere nuovi percorsi professionali
26/10/2022 10:06 EQ
<> ha annunciato che la CFO Valentina Montanari lascerà il Gruppo dal 1° novembre 2022. Montanari ha lavorato in FNM per 3 anni curando le operazioni straordinarie come l`acquisizione di Milano Serravalle e la riduzione di quota in Autostrada Pedemontana Lombarda, l`acquisizione di BusForFun e Spoirtit e le attività di sviluppo del progetto immobiliare di Malpensa Distripark.
La società annuncerà il nuovo CFO entro i termini di legge e cioè entro il 31 ottobre.
 

alessioildoge

Nuovo Utente
Registrato
24/1/17
Messaggi
670
Punti reazioni
45
COMUNICATO STAMPA
IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE
2022
- Ricavi 447,2 milioni di Euro; al 30 settembre 2021 367,3 milioni di Euro reported e 397,0 milioni di
Euro pro-forma (+12,6%)
- EBITDA rettificato 155,7 milioni di Euro; al 30 settembre 2021 124,1 milioni di Euro reported e 135,9
milioni di Euro pro-forma (+14,6%)
- Utile Netto Rettificato 58,3 milioni di Euro; al 30 settembre 2021 38,3 milioni di Euro reported e 43,3
milioni di Euro pro-forma (+34,6%)
- PFN Rettificata pari a 739,4 milioni di Euro (755,6 milioni di Euro al 31 dicembre 2021)
- Guidance per il 2022 confermata



Dati forti e senza ancora aver ancora contabilizzato i ristori di Trenord che dovrebbero essere circa 75 milioni, con questi dati e se arrivano i ristori si potrebbero superare gli 80 milioni di utili, considerando che quota manco 200... uno sconto folle
 

robver

Nuovo Utente
Registrato
1/5/15
Messaggi
595
Punti reazioni
51
Dati positivi sicuramente. Per Trenord stimi in circa 75 milioni i ristori. Hai qualche elemento specifico per fare questa stimi o ti basi sul precedente 2021 ?
grazie
Rob
 

alessioildoge

Nuovo Utente
Registrato
24/1/17
Messaggi
670
Punti reazioni
45
Dati positivi sicuramente. Per Trenord stimi in circa 75 milioni i ristori. Hai qualche elemento specifico per fare questa stimi o ti basi sul precedente 2021 ?
grazie
Rob

Non è una mia stima è quanto ha detto Marco Piuri CEO di Trenord nella presentazione dei dati semestrali, se ti ascolti l’audio lo senti dalla sua bocca
 

robver

Nuovo Utente
Registrato
1/5/15
Messaggi
595
Punti reazioni
51
Non è una mia stima è quanto ha detto Marco Piuri CEO di Trenord nella presentazione dei dati semestrali, se ti ascolti l’audio lo senti dalla sua bocca

Grazie
non ricordavo di averlo sentito. Oggi qualche briciola ho incrementato, piuttosto che tenerli in un cassetto rischio qualche anno qua.
ciao
Rob
 

alessioildoge

Nuovo Utente
Registrato
24/1/17
Messaggi
670
Punti reazioni
45
Grazie
non ricordavo di averlo sentito. Oggi qualche briciola ho incrementato, piuttosto che tenerli in un cassetto rischio qualche anno qua.
ciao
Rob

da circa 18 minuti in avanti, il fabbisogno calcolato sul 2021 che quindi dovrebbe essere pagato nel 2022 è 75 milioni, e poi ribadito al minuto 44 e 30 sec

Vediamo con la call di oggi che dicono, forse sono stati pagati a ottobre visto che a settembre erano ancora "in arrivo"

https://www.italiaoggi.it/news/tras...-e-178-milioni-a-italo-ntv-202209131720433617
 
Ultima modifica:

alessioildoge

Nuovo Utente
Registrato
24/1/17
Messaggi
670
Punti reazioni
45
In attesa degli unici dati che arriveranno in anticipo rispetto alla trimestrale di fine anno, ossia la performance del traffico autostradale a novembre e dicembre, il titolo continua a quotare su valori irrisori e i principali analisti finanziari che seguono il titolo hanno pure tagliato il rating a hold con target tra 0.65 e 0.7, che per carità rispetto ai prezzi attuali sarebbero comunque manna. Per un vero rerating del titolo sarà fondamentale il dividendo che dovrebbe essere di 0.026 da previsioni o comunque almeno 0.023 come quello proposto e non accordato del 2021, ma per l'effettivo pagamento siamo in mano a regione Lombardia e nulla si saprà fino all'assemblea degli azionisti di aprile, con probabilmente l'esito delle imminenti elezioni regionali già definito.
Purtroppo il più grosso scoglio all'emersione del valore del titolo è proprio avere un azionista di maggioranza come regione Lombardia che si è dimostrata veramente un pessimo azionista alla prova dei fatti.