Immobile a NY.

paspas

CDsvixBunGlobalMtMin
Registrato
30/12/09
Messaggi
5.468
Punti reazioni
174
Ho visto i tassi sui mutui del trentennale statunitense . sembrano aver toccato il fondo . 3.33 . nel 2009 >6

Mi dite brevemente i pro per comprare in US
Quali adempimenti e obblighi ci sono apparte IMU in italia.
Quanto costa mantenere un immobile li supponendo di pagarlo per una parte a reddito se ci consentito?
Mi date un indicativo % anche per la compravendita.

Grazie per la cortesia. Vorrei farmi un idea ipotetica prima di fare ricerche o approfondire la consulenza. Siate clementi , almeno a Natale, visto che qui allevolte per pigrizia o avidità non consigliate i dubbiosi o chi non sà .

COn l'occasione , un augurio sincero per le festività.
 
New York (manhattan), considerazioni sciolte:

il 75% degli immobili multifamiliari sono coop (cooperative), la restante parte sono condos (condomini).

Per le coop c'è il board di ingresso che fa la selezione dell'acquirente con delle regole più o meno stringenti dove bisogna dimostrare di essere ricchi ed avere un attività (ti fanno le pulci). Per le coop spessissimo c'è il divieto di affitto. Per le coop si compra non l'immobile, ma le quote della società cooperativa che da diritto ad avere quell'immobile.
Per i condos vale più o meno come in Italia, solo che il prezzo mensile è un tantinello esagerato a NYC. Si va dai 400$ a più di 1000$. Il condominio lo paga il proprietario, anche quando è affittato (quindi nella pigione è incluso anche il valore di condominio medio). I condos possono essere affittati.

Agenzie immobiliari: sono pagate solo dal venditore.

La rendita è bassina a NYC, sotto il 3% mi pare di aver letto una volta.
 
Ho visto i tassi sui mutui del trentennale statunitense . sembrano aver toccato il fondo . 3.33 . nel 2009 >6

Mi dite brevemente i pro per comprare in US
Quali adempimenti e obblighi ci sono apparte IMU in italia.
Quanto costa mantenere un immobile li supponendo di pagarlo per una parte a reddito se ci consentito?
Mi date un indicativo % anche per la compravendita.

Grazie per la cortesia. Vorrei farmi un idea ipotetica prima di fare ricerche o approfondire la consulenza. Siate clementi , almeno a Natale, visto che qui allevolte per pigrizia o avidità non consigliate i dubbiosi o chi non sà .

COn l'occasione , un augurio sincero per le festività.

Caro Paspas, molte volte non consigliamo perchè non lo sappiamo neppure noi! O comunque non abbiamo certezze e quindi non vogliamo fare danni!:censored:
Comunque mando su, così lo vedono.
 
New York (manhattan), considerazioni sciolte:

il 75% degli immobili multifamiliari sono coop (cooperative), la restante parte sono condos (condomini).

Per le coop c'è il board di ingresso che fa la selezione dell'acquirente con delle regole più o meno stringenti dove bisogna dimostrare di essere ricchi ed avere un attività (ti fanno le pulci). Per le coop spessissimo c'è il divieto di affitto. Per le coop si compra non l'immobile, ma le quote della società cooperativa che da diritto ad avere quell'immobile.
Per i condos vale più o meno come in Italia, solo che il prezzo mensile è un tantinello esagerato a NYC. Si va dai 400$ a più di 1000$. Il condominio lo paga il proprietario, anche quando è affittato (quindi nella pigione è incluso anche il valore di condominio medio). I condos possono essere affittati.

Agenzie immobiliari: sono pagate solo dal venditore.

La rendita è bassina a NYC, sotto il 3% mi pare di aver letto una volta.



Questo chiarimento è a dir poco prezioso . grazie sabotage .

Caro Paspas, molte volte non consigliamo perchè non lo sappiamo neppure noi! O comunque non abbiamo certezze e quindi non vogliamo fare danni!:censored:
Comunque mando su, così lo vedono.


a te premia il buon senso .


grazie.
 
esimi :) riapro l'argomento
http://www.nytimes.com/2013/01/20/r...dle-class-in-manhattan.html?pagewanted=2&_r=1

articolo su ciò che puo essere considerata la middle class americana ed insieme un utile spaccato dei costi della vita in relazione agli stipendi... uno dei parametri tra le varie definizioni mi ha sconvolto:

Using the rule of thumb that buyers should expect to spend two and a half times their annual salary on a home purchase, the properties in Manhattan that could be said to be middle class would run between $200,000 and $588,000...

2 anni e mezzo di stipendio per comprarsi casa a Manhattan. Ora da noi ce ne vogliono almeno 15/20 di anni
per chi non può ecco il piano di edilizia sociale a NY... Ho gli occhi sbarrati da quando l'ho letto :eek:

edilizia sociale a NY
As of January 1, 2012:
Families in the Conventional Public Housing and Section 8 programs pay no more than 30% of their family income for rent. The rent difference is subsidized by the federal Department of Housing and Urban Development (HUD)
Average monthly rent is $434
Working families account for 47.2% of NYCHA families
36.7% of the households are headed by persons over 62 years-of-age
18.5% of the NYCHA Population is age 62 or older.
35.2% of the NYCHA population are residents under age 21 and 28.4% are minors under age 18

More than 400,000 New Yorkers reside in NYCHA’s 334 public housing developments around the five boroughs, and another 235,000 receive subsidized rental assistance

Public Housing Income Limits - New York City Housing Authority
Person(s) in Family Income Limits
1 $48,100 :eek: :eek:
2 $55,000 :eek: :eek:
3 $61,850 :eek: :eek:

personalmente, da milanese, non ho parole... davvero
in ogni caso sembra che a NY una spesa per la casa (comprese spese condominiali) oltre il 30% del reddito sia indice di necessità di sussidi e quindi da agevolare... :eek:

voi cosa ne pensate?
 
insomma può considerarsi un affare?
 
insomma può considerarsi un affare?

non sono un analista ma in confronto alle metropoli Italiane decisamente direi di si,
gli immobili rispetto agli stipendi sono 7/8 volte più bassi dei nostri, ma è più probabile che sia un nostro difetto di sopravvalutazione e il rineallimeanto avverrà più a scapito nostro che in favore loro.

L'esempio di reuters è questo:
una casa adatta alla middle class costa tra i 200.000 e i 580.000 dollari a Manhattan.
the 'properties in Manhattan that could be said to be middle class would run between $200,000 and $588,000' (non a Quarto Oggiaro, Giambellino, Quarto, Viale Padova etc... o nel loro Bronx, eh?)

quando uno stipendio pubblico tipo (che da loro sono più bassi che nel privato) è abbastanza alto: nel loro esempio
un poliziotto con meno di 5 anni di esperienza prende 69.000 dollari / anno,
mentre un insegnante pubblico sempre con 4 anni di lavoro prende dai 64.000 ai 75.000 USD / anno. Ben lontano dai nostri 1200 euro / mensili

A police officer with five years’ experience in New York makes about $69,000 a year. A teacher with the same number of years in the city’s public school system makes $64,000 to $75,000.

In questi parametri la loro domanda di abitazioni non può che essere più consistente della nostra.

Per dire se è il posto più conveniente al mondo dove ora investire nel mattone si dovrebbero confrontare nei loro parametri macro tutte le altre aree metropolitane come Berlino, Mosca, Sidney, Toronto, Vancouver, Rio de Janeiro e cosi via...

La cosa che mi ha sconvolto è che il costo complessivo di un'abitazione è N multipli minore in relazione al loro potere di acquisto rispetto a Milano.
Non vorrei fare prendere infarti a qualcuno ma se traslassimo la stessa situazione a Milano avremmo i prezzi delle abitazioni ad 1/4 del loro prezzo attuali (stando buoni). Per capirci bilocale periferia a 50.000 euro e non 200.000. :eek:
 
Ultima modifica:
quando uno stipendio pubblico tipo (che da loro sono più bassi che nel privato) è abbastanza alto: nel loro esempio
un poliziotto con meno di 5 anni di esperienza prende 69.000 dollari / anno,
mentre un insegnante pubblico sempre con 4 anni di lavoro prende dai 64.000 ai 75.000 USD / anno. Ben lontano dai nostri 1200 euro / mensili

Però la sanità va pagata a parte...attenzione! o mi sbaglio? e i contributi previdenziali?

Non è che stiamo confrontando le pere con le mele???? :no:
 
Però la sanità va pagata a parte...attenzione! o mi sbaglio? e i contributi previdenziali?

Non è che stiamo confrontando le pere con le mele???? :no:

Purtroppo due mele uguali da confrontare in economia non esistono.
Applicando il tuo principio non potrei confrontare niente a niente essendo le leggi diverse tra Usa e Italia. E in effetti in natura comunque due mele uguali non esistono per davvero ma ci fa comodo astrarre e considerarle uguali tra loro. L'utilità è proprio nel confrontare sistemi diversi per cercare di stabilire dove un mercato potrà espandersi maggiormente o meno.

Veniamo a noi.
I benefit di cui parli sono spesso inclusi negli stipendi pubblici. Per esempio l'assicurazione medica e pensione. Nel caso nostro dei poliziotti di Ny presi ad esempio puoi documentarti qua:
Benefits & Salary Overview | NYPDRECRUIT.COM

27 Paid vacation days after 5 years of service
Unlimited sick leave with full pay
A choice of paid medical programs
Prescription, dental, and eyeglass coverage
Annuity fund
Deferred Compensation Plan, 401K and I.R.A.
Optional retirement at one half salary after 22 years of service*
Annual $12,000 Variable Supplement Fund (upon retirement)
Annual banking of $12,000 Variable Supplement Fund after 22 years of service (if not retiring)

cioe i benefit li includono a parte dallo stipendio. A memoria di quando mi leggevo i bilanci della LM mi ricordo che c'era anche li un piano pensione aziendale per i dipendenti. Certo la pensione integrativa nessuno te la vieta.
In ogni caso quando le spese per l'abitazione superano il 30% del reddito disponibile ecco partire i programmi di abitazione sussidiata.
About NYCHA - New York City Housing Authority

Ora questa percentuale del 30% del reddito da destinarsi alla casa come limite massimo sostenibile, per quanto sapendo di paragonare sistemi diversi, la vorrei paragonare alla situazione italiana.

Infine sull'idea che da noi convenga pagare la pensione statale, con tutte le zozzerie che hanno fatto, lo riterrei questionabile come il fatto che siano 'gratuite' le spese mediche (mai andato in ospedale italia? ti fanno morire con le liste di attesa se non corri dal privato).

In altri termini, anche se dovessero pagarla, credi davvero che lo stipendio annuo di 64.000 usd si riduca tanto da arrivare simile ai nostri fatidici 1200 euro/mese una volta pagate assicurazione medica e pensione? Davvero?
 
Ultima modifica:
non ho approfondito . ma non conosco poi i costi di mantenimento di immobili in nyse . i caricamenti fiscali tributari , notarili, eventuali legali eo assicurativi legati all'immobile . la briga di andar li o mandare chi che sia... quanto costa??
li e qui . insomma . a scopo rivalutazione o rendita? per la rivalutazione ha poco senso . si entra nell'asse speculativo con la speranza che il prezzo di casa aumenterà... mi sà di speculazione e professionista.
Io tengo ferma la considerazione dei reit rivalutati per scopi speculativi. ma sono altre paie di maniche , escludono quindi i beni materiali. bensi si entra nei finanziari.
poi si sà per coprirsi dal rischio . basta indicizzare all'irs
 
L'hai mai vista l'edilizia sociale a NYC ? Mica e' Madison Avenue, io non ci vivrei neanche se mi pagassero.

Per quanto riguarda la sanita e i suoi costi, il reddito familiare mediano e', a naso, sui 50k. Famiglia di 4, a meno di agevolazioni che ti vengono tramite datore di lavoro, un' assicurazione sanitaria cosi cosi puo essere sui 10k e bada bene che se qualcuno e' malato cronico ti rifiutano.

La vita a NYC e' splendida per chi e' ricco. Per gli altri non tanto.
 
cari, grazie delle opinioni mi fa piacere poter confrontare qualche dato.

il reddito familiare mediano e', a naso, sui 50k
By one measure, in cities like Houston or Phoenix — places considered by statisticians to be more typical of average United States incomes than New York — a solidly middle-class life can be had for wages that fall between $33,000 and $100,000 a year.
By the same formula — measuring by who sits in the middle of the income spectrum — Manhattan’s middle class exists somewhere between $45,000 and $134,000.
a family of four with an annual income of $68,700 or less qualifies to apply for the New York City Housing Authority’s public housing.

Fidandosi dei dati di Reuters siamo sui 70.000. Allora la cosa mi ha messo la pulce nell'orecchio e ho cercato in giro un po di grafici 'house to wages'.

global-house-price-comparison.png


Non sono riuscito a trovare un grafico sul nostro scarpone. Ma credo a naso che siamo tra Spagna e Uk. Se mi correggete... :)

uk
http://3.bp.blogspot.com/-k2fIBU_O2...Ak/5Yniv2sCzbg/s1600/houseprice_wage_rent.jpg

Finlandia
http://tilastokeskus.fi/til/ashi/2009/03/ashi_2009_03_2009-10-30_kat_003_en_001.gif

Irlanda
http://dublinopinion.com/wp-content/uploads/2010/06/houses-wages-inflation.jpg
http://theunlikelyeconomist.files.wordpress.com/2011/04/ireland-house-price-to-wages.png?w=640

canada
http://4.bp.blogspot.com/-6JQKT5q9O...ar+Over+Year+Percentage++Change+1996-2010.jpg

La deviazione standard della distribuzione dei redditi a NY è da terzo mondo. Household incomes in Manhattan are about as evenly distributed as they are in Bolivia or Sierra Leone — the wealthiest fifth of Manhattanites make 40 times more than the lowest fifth, according to 2010 census data.

Sul fatto che sia un affare comprare a NY ci andrei davvero con i piedi di piombo...deficit di bilancio, fiscal cliff, bilancia commerciale non sono ottimali per un futuro sereno immobiliare. Ovviamente comprare da qua e gestire degli affittuari là è impraticabile. Tra l'altro i costi condominiali sono proprio altini come è bassina la resa sugli affitti. Di positivo è che a differenza dell' Italia dove il reddito disponibile continua a calare da loro aumenta, cosa che mi fa pensare ad una tenuta dei prezzi immobiliari sull'inflazione.

Come sul fatto che le case popolari non siano il massimo non ho dubbi ma sempre la reuters mi ha tolto qualche certezza con questa frase.
Manhattan — probably the only place in the United States where a $5.5 million condo with a teak closet and mother-of-pearl wall tile shares a block with a public housing project.


Comunque, volevo dire che il fattore principale per stabilire se il prezzo di un immobile è adeguato al suo mercato è il confronto con il reddito del potenziale acquirente (ovviamente proiettato nel futuro). E da questa dinamica si può capire dove andrà il prezzo.
 
Ultima modifica:
cari, grazie delle opinioni mi fa piacere poter confrontare qualche dato.


By one measure, in cities like Houston or Phoenix — places considered by statisticians to be more typical of average United States incomes than New York — a solidly middle-class life can be had for wages that fall between $33,000 and $100,000 a year.
By the same formula — measuring by who sits in the middle of the income spectrum — Manhattan’s middle class exists somewhere between $45,000 and $134,000.
a family of four with an annual income of $68,700 or less qualifies to apply for the New York City Housing Authority’s public housing.

Fidandosi dei dati di Reuters siamo sui 70.000. Allora la cosa mi ha messo la pulce nell'orecchio e ho cercato in giro un po di grafici 'house to wages'.

global-house-price-comparison.png


uk
http://3.bp.blogspot.com/-k2fIBU_O2...Ak/5Yniv2sCzbg/s1600/houseprice_wage_rent.jpg

Finlandia
http://tilastokeskus.fi/til/ashi/2009/03/ashi_2009_03_2009-10-30_kat_003_en_001.gif

Irlanda
http://dublinopinion.com/wp-content/uploads/2010/06/houses-wages-inflation.jpg
http://theunlikelyeconomist.files.wordpress.com/2011/04/ireland-house-price-to-wages.png?w=640

canada
http://4.bp.blogspot.com/-6JQKT5q9O...ar+Over+Year+Percentage++Change+1996-2010.jpg

La deviazione standard della distribuzione dei redditi a NY è da terzo mondo. Household incomes in Manhattan are about as evenly distributed as they are in Bolivia or Sierra Leone — the wealthiest fifth of Manhattanites make 40 times more than the lowest fifth, according to 2010 census data.

Sul fatto che sia un affare comprare a NY ci andrei davvero con i piedi di piombo...deficit di bilancio, fiscal cliff, bilancia commerciale non sono ottimali per un futuro sereno immobiliare. Ovviamente comprare da qua e gestire degli affittuari là è impraticabile. Tra l'altro i costi condominiali sono proprio altini come è bassina la resa sugli affitti. Di positivo è che a differenza dell' Italia dove il reddito disponibile continua a calare da loro aumenta, cosa che mi fa pensare ad una tenuta dei prezzi immobiliari sull'inflazione.

Come sul fatto che le case popolari non siano il massimo non ho dubbi ma sempre la reuters mi ha tolto qualche certezza con questa frase.
Manhattan — probably the only place in the United States where a $5.5 million condo with a teak closet and mother-of-pearl wall tile shares a block with a public housing project.


Comunque, volevo dire che il fattore principale per stabilire se il prezzo di un immobile è adeguato al suo mercato è il confronto con il reddito del potenziale acquirente (ovviamente proiettato nel futuro). E da questa dinamica si può capire dove andrà il prezzo.

Grafico ed informazioni molto interessanti. In Italia il dato ufficiale quale è ? A mia sensazione siamo ad un rapporto molto (troppo) alto....
 
Grafico ed informazioni molto interessanti. In Italia il dato ufficiale quale è ? A mia sensazione siamo ad un rapporto molto (troppo) alto....

Comprare casa costa 18 anni di stipendi - Corriere della Sera

18 anni di salario netto... non riesco a trovare la serie storica, ne' uno straccio di grafico...
Andrebbe costruito con stipendi medi / costo bilocale medio, se poi si potesse restringere alle aree metropolitane sarebbe il massimo perchè a Biella, per esempio, i prezzi sono una frazione di Roma e Milano.

In mancanza ho l'aneddoto di un mio amico:
negli anni 60 / 70 il padre, falegname (operaio specializzato), facendosi il mazzo comprava in provincia di Milano un bilocale ogni 4/5 anni (e ci manteneva la famiglia intanto). Ne comprò 3 (uno per lui e uno per ogni figlio) poi investi nei bot italiani con resa a doppia cifra.

Se qualcuno lo riesce a trovare 'sto grafico gli faccio una statua virtuale ;)
Sono convinto che nelle centrali di rischio che erogano mutui in Italia lo stanno guardando preoccupati. :D
 
Anche io ho ricordi di articoli tipo questo del Corriere della Sera.
Francamente penso che in Italia il costo delle case sia spropositato appunto in rapporto ai salari. Si che ci sono ancora fette di popolazione che riescono ad evadere e quindi ad avere risparmi consistenti ma la grande parte della gente ha possibilità di risparmio vicine allo zero. Rimane il grande vantaggio che quasi tutti hanno una casa di proprietà quindi l'acquisto è sempre agevolato da una vendita , in pratica si paga solo il delta del miglioramento ma credo che il mercato sia in una vera e propria bolla. La Toscana da sempre meta di acquisti da parte degli inglesi mi pare sia un esempio di questa controtendenza, piano piano stanno vendendo tutti, poi chissà magari comprano in Spagna o in Grecia.
In un mercato sempre più globalizzato in tutti i suoi aspetti non può continuare ad esserci questa sproporzione.
 
orca, tabella potere acquisto / costo immobili italia
appena pubblica a due thread di distanza da questo un paio di ore fa
(ahahah, le coincidenze. la cercavo da un pezzo) :yes:

http://www.finanzaonline.com/forum/...li-stipendi-con-gli-immobili-come-stiamo.html

sto leggendola con gusto...
fonte Cresme:
per uno stipendio medio a Roma nel 1985 nella peggior ipotesi presentata siamo a 3,1 volte il reddito netto annuo... (adesso siamo a 18, e prego che ci rineallineamo a valori simili con un aumento degli stipendi perchè se no...)
 
Ultima modifica:
Attenzione a fare le medie, perché Harlem si trova a Manhattan...
 
Attenzione a fare le medie, perché Harlem si trova a Manhattan...

hai ragione, ma quindi gli abitanti di Harlem rientrano a diritto anche nel calcolo degli stipendi medi di tutta Manhattan abbassandoli. Da qua credo derivi l'enorme dispersione nei redditi che hanno.
Sono dati macro elaborati dal NYtimes non credo che possano fare errori metodologici cosi grossolani.

In ogni caso sempre nell'articolo riportano
“My niece just bought a home in Atlanta for $85,000,” she said. “I almost spend that on rent and utilities in a year. To them, making $250,000 a year is wealthy. To us (noi di NY), it’s maybe the upper edge of middle class.”

L'articolo cerca di stabilire un rapporto tra i prezzi doppi degli immobili a Manhattan sul resto degli Usa in relazione agli stipendi dei suoi residenti sostenendo che il livello di reddito per essere nella middle class a NY sia molto più alto che negli altri stati e che allo stesso tempo il rapporto tra reddito netto annuo e costo dell'abitazione non supera il numero 3 ne a NY ne in giro per l'America.

Quindi la conclusione che sconvolge me e vedo molti altri è che da noi, che siamo a 18 nel rapporto, si sta 6 volte sopra. 6 volte. :eek:
(mentre nel 1985 stavamo anche noi sul 3 se vedi i dati fonte Cresme citati sopra).

Ora, calcolatrice alla mano, dividere per 6 il prezzo degli attuali immobili è inconcepibile per la nostra economia e per la mia mente. Devono salire gli stipendi ma sembra che Draghi voglia recuperare la competitività persa con il differenziale di inflazione tra noi e Germania con la riduzione dei salari italiani (i sacrifici). Non se ne esce cosi. Davvero.
 
Ultima modifica:
Non ho capito bene i dati che citi. Il reddito mediano USA e' 50k. A NYC sara un po' piu alto, ma non credo di tantissimo. Se diciamo 60k, tre anni fanno 180k e sai che ci compri a New York ?

A San Francisco la mediana e sui 70k e sotto i 500k siamo a livelli da paura (paura di abitarci). Credo che il prezzo medio sia sui 700k.
 
Indietro