Immobiliare in crisi, Censis: transazioni a livelli pre-2006

reganam

Utente Registrato
Registrato
19/11/09
Messaggi
25.636
Punti reazioni
1.461
Immobiliare in crisi, Censis: transazioni a livelli pre-2006
Roma - 7 dic (Prima Pagina News) A fine anno le transazioni immobiliari si attesteranno sulle 485.000 unità, tornando così ai valori precedenti a quelli del ciclo espansivo, che arrivò nel 2006 a registrare il picco di 870.000 compravendite. Lo registra il 46mo rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese. Nel periodo 2008-2011 il numero di mutui per l’acquisto di abitazioni è diminuito di oltre il 20% rispetto al quadriennio 2004-2007. Nel primo semestre del 2012 la domanda di mutui ha fatto registrare un’ulteriore contrazione del 44% rispetto allo stesso periodo del 2011. Sono però 907.000 le famiglie intenzionate a comprare casa nel 2012: erano 1,4 milioni nel 2001, sono poi scese a circa 1 milione nel 2007 e il consuntivo per il 2011 è stato di 925.000. Nel 2011 le famiglie che sono riuscite a realizzare l’acquisto sono state il 65,2%, ma quest’anno scenderanno al 53,5% (il 45,7% nei comuni capoluogo). Gli acquirenti sono in prevalenza già proprietari (8 su 10), per due terzi sono famiglie con due percettori di reddito, per il 61% appartenenti al ceto medio, per il 26% collocati nella fascia di reddito alta, per il 13% con reddito medio.
Prima Pagina News - Immobiliare in crisi, Censis: transazioni a livelli pre-2006
(PPN) 7 dic 2012 11:07
 
quindi rarissimo trovare un giove che compra

compra e vendono i "vecchi"
l'85% dei proprietari è pensionato

ecco perchè non succederà nulla di apocalittico finchè non toccano le pensioni in essere: questione di tempo oramai, poco direi
 
E quando comprano i giovani ci sono forti garanzie di genitori e nonni dietro...
 
Indietro