Imposte E Broker Estero

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK

ironblade79

Utente Registrato
Registrato
5/2/03
Messaggi
1.316
Punti reazioni
146
Salve a tutti...

Voelvo sapere esattamente cosa devo fare se apro un conto con un broker estero (IB nel caso mio), a livello fiscale...

Devo riportare operazione per operazioni con cambio della giornata o cosa?

devo dichiarare tipo

ho portato 100,000 euro, ho fatto 20,000 di utile (al netto delle commissioni) e quindi pago il 12.5% su 20,000 euro o devo specificare singola operazioni?

Il costo delle commissioni è detraibile?

Non capisco.

Grazie a chi mi aiuta

ironblade79
 
strumenti

Per precisione, opererei su strumenti non OTC, ma su strumenti futures, opzioni su titoli e indici americani, e non.

Quello che intendo dire è se devo fare una dichiarazione tipo enciclopedia britannica dato che userei program trading automatici che mi gerano anche 70 operazioni giornaliere su 10 strumenti diversi oltre che mantenere azioni USA sia long, che scoperto, con il rischio (se sono short di pagare dividendo o long di riceverlo). Parlo di Rischio per dire: come faccio a far capire allo stato cosa stro facendo?

Credo che la materia sia ampia.

Spero che basta tutte le certificazioni di IB altrimenti rinuncio... Anche perchè credo che una dichiarazione con 10,000 operazioni annue costerebbe l'ira di Dio.

Ironblade79
 
Li avevo letti ma in pratica non capisco...

Cioè se io faccio 10000 operazioni su svariati strumenti con IB cosa mi devo far rilasciare da IB e quanto mi costa tutta sta cosa dal commercialista?

Grazie, Ironblade
 
altra cosa: come spiegare al fisco la leva sui titoli???

Ironblade79
 
..

bisogna che ti tieni una contabilità dei saldi attivi e passivi della gestione, documentazione del broker estero. Inoltre a fini fiscali, accertarsi anche quale è l'aliquota prevista nell' eventuale trattato contro le doppie imposizioni su utili (es: broker Usa, generalmente per i non cittadini americani (non resident) ti fa compilare il modulo W8-ben per evitare un aliquota del 30% su utili esteri; nè applicherà una del 15%). E' una contabilità analitica delle operazioni che deve essere mantenuta e supportata da documentazione
 
Ti ringrazio RENDON, ma materialmente è possibile facendo 10.000 transazioni all'anno?



C'è qualcuno che lo fa?

Grazie
 
questo è altro discorso

Infatti è sconsigliato operare direttamente con broker esteri a meno che non lo si faccia "professionalmente", se no è consigliabile la via del risparmio amministrato con operatori interni per investire all'estero. Purtroppo rebus sic stantibus
 
ok

Come al solito pr0tezionismo al massimo...

Che dire...?

E si che allo stato farebbe comodo il 12,5% invece che dargli niente... Mah...

Ironblade79
 
sì ma non è semplice

comunque, c'è sempre da calcolare un saldo di gestione, se non lo fa il contribuente chi lo fa? Se compi svariate movimentazioni intraday...non è una cosa agevole da risolversi, se non appoggi su intermediario interno:rolleyes:
 
considera poi

la carenza di valore legale, se non a valore indiziario, della documentazione che viaggia via email...
 
Credo che un broker estero potrebbe fare una certificazione dell'utile e di tutti i dettagliati sia su supporto file e cartaceo senza grandi problemi.

Certo che a nessun legislatore può interessare una materia come questa...

I grossi trader sanno come arrangiarsi e così non gli pagano nemmeno il 12.5%...

Certo che in Italia si è così.

Io ad esempio mi trovo impossibilitato nell'operare, in quanto piccolo... 3 euro di andata-ritorno MAX su DAX contro 6 se mi va bene con 10,000 transazioni l'anno tutti di scalping... fan la differenza...

Pazienza!!

Grazie rendon:'(
 
cosa è sta storia del 15%?
Non si paga solo il 12.5 sul gain?
Fabio spiega non capisco
 
In riferimento a che?
 
copio
compilare il modulo W8-ben per evitare un aliquota del 30% su utili esteri; nè applicherà una del 15%

15%%%%%%% che storia è?
 
Certo utili non capital gain, utili. Se compro un azione e la detengo come titolare allo stacco dividendo mi darà un utile: quello è tassato al 15% se compili modulo se no al 30%. Tieni conto che si dovrebbe anche autotassare (quando uscirà UNICO 2005 vedremo come) l'utile. Dico vedremo perchè il regime attuale prevede che gli utili siano tassati, anche se esteri, con regime di imposta sostitutivo al 12,5% da parte dell'intermediario residente. Però, se io bypasso l'intermediario come so essere tuo caso, come faccio? Dovrò autotassarmi teoricamente, teoricamente. questo per utile. Per il capital gain invece sei tu che ti autotassi dichiarandolo. Ma appunto questo per il capital gain.
Comunque tieni conto che il broker che tu usi non è autorizzato in Italia quindi qualunque cosa accada...
 
l'Italia piccola e bigotta non autorizza borker esteri perche se no le varie sim piccoline e care fallirebbero. Questa è la motivazione per me.
Poi se si crede che la solidità di bank of america o refco siano solidi meno di altre sim piccole di cui non faccio nome allora si crede alla befana e questo puo' anche essere visto che in Italia si crede ad un tipo che abbassa le tasse da una parte e le raddoppia da un'altra. Italiani popolo di creduloni ( vedi La mitica Wanna Marchi)
 
Indietro