In economia Monti riparte da eguaglianza, mercato e crescita. E a Bersani dice...

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

ceck78

Omnis homo mendax
Registrato
18/5/05
Messaggi
26.850
Punti reazioni
1.177
In economia Monti riparte da eguaglianza, mercato e crescita. E a Bersani dice: il vero progressivismo non è quello della Cgil

Un radicalismo riformista di centro per contrastare le nuove diseguaglianze senza frenare la crescita. È nella citazione dell'editoriale dell'Economist la chiave dell'agenda economica che Mario Monti propone al Paese.

In quell'articolo si parla di "vero progressivismo" in una chiave tipicamente liberale. La priorità si dice è l'attacco ai monopoli e alle barriere protettive, «che siano le grandi imprese di Stato in Cina o le grandi banche di Wall Street».

Perché - dice l'Economist - non è possibile che l'uomo più ricco del mondo sia Carlos Slim, che ha accumulato il suo patrimonio nel settore protetto delle telecomunicazioni messicane.

Lotta alle posizioni di rendita, trasparenza, buon funzionamento del mercato, dunque, in primissimo piano. Un riformismo moderno, invoca Monti. E si capisce subito qual è il suo cruccio e il messaggio che vuole dare: la crescita economica può venire dalle riforme fatte da una politica che non si nasconde, che non si svende per farsi rieleggere, che non si mette sotto la protezione dei gruppi di interesse.

È anche un modo di rileggere questo anno di governo. L'aver dovuto fronteggiare l'emergenza finanziaria ha avuto un impatto inevitabilmente negativo sulla crescita, dice Monti. Ma certamente si poteva fare di più. Si poteva fare di più e meglio sulle liberalizzazioni, frenate in Parlamento e nell'attuazione dal peso delle lobby. Si poteva fare di più sulle semplificazioni. Si doveva, soprattutto, fare di più e meglio sul lavoro.

Eccolo il punto centrale. Qui l'obiettivo polemico è stato forte e chiaro: la Cgil e una certa sinistra che pensano di difendere il lavoro attraverso «un arroccamento nel passato su tutele che oggi in realtà penalizzano i lavoratori». L'auspicio di Monti è che quelle forze evolvano, «perché così danneggiano i lavoratori italiani».

Torna quindi il concetto di "vero progressivismo". E sul lavoro Monti non potrebbe essere più chiaro nell'elencare le priorità: semplificazione delle leggi e delle regolamentazioni che ingessano il mondo del lavoro, superamento del dualismo tra lavoratori protetti e non protetti, spostamento della contrattazione verso i luoghi di lavoro collegando le retribuzioni alla produttività.

La vicinanza alle ricette di quel Pietro Ichino che rischia oggi l'emarginazione definitiva nell'ambito del Pd è evidente. Monti sembra quasi parlare a Bersani: il vero riformismo è su queste ricette, non in quelle della Cgil.

Qui l'operazione di Monti si fa anche politica, perché è evidente la volontà di collaborare con il Pd dopo il voto (non con il Pdl di Silvio Berlusconi, costante obiettivo polemico della conferenza stampa), ma possibilmente un Pd depurato dai vincoli delle ideologie più di sinistra e da un rapporto asfissiante con la Cgil. Per un "vero progressivismo", appunto.

Resta un dubbio: può questa battaglia di riformismo moderno contro le posizioni di rendita camminare sulle gambe di piccole forze politiche tradizionalmente vicine alla spesa pubblica indiscriminata e a un certo assistenzialismo clientelare al Sud?
In economia Monti riparte da eguaglianza, mercato e crescita. E a Bersani dice: il vero progressivismo non è quello della Cgil - Il Sole 24 ORE
 
Indietro