Indennità di accompagnamento per anziani. Esperienze?

tantoquanto

Nuovo Utente
Registrato
18/6/03
Messaggi
8.530
Punti reazioni
490
@tantoquanto Tu hai ragione ma la mia ignoranza in materia si taglia col coltello. Sapevo la questione degli scaglioni di tassazione in base al reddito ma non sapevo si applicasse anche per il calcolo di questa deduzione nè come procedere. Quindi il conto che hai fatto è: 1100 (cdr) * 0.5 (quota sanitaria regione parente) * 0.25 ? Se sì allora fanno 137,5eur/mese * 12 = 1650 eur/anno.

OK! un pelino in meno perché il 25% lo deduce su 4000, su 2600 deduce il 23%
 

Maste72

Nuovo Utente
Registrato
30/7/16
Messaggi
402
Punti reazioni
22
Io non conosco i prezzi del sud (al nord 1100 sarebbe da mettersi a ballare nudi sotto la pioggia per la gioia) ... sei sicuro che non sia già in rsa con quota sanitaria a carico dello stato ?

Ma , in quale caso la quota sanitaria è a carico dello stato?
 

Maste72

Nuovo Utente
Registrato
30/7/16
Messaggi
402
Punti reazioni
22
@Maste72 Quanto tempo è passato per ottenere la 104? Intendo dal 1^ passo, che dovrebbe essere un documento del medico di base. Ti ricordi quanto hai sborsato complessivamente?

Il costo che devi sostenere è solo quello del medico di base che ti fa la prima richiesta da presentare alla commissione (Se non ricordo male €60).
Questa domanda se la inoltri tu stesso sul sito dell'Inps non paghi più nulla, altrimenti al patronato potrebbero chiederti qualcosa.
Dopo circa un mese verrai convocato dalla commissione.
A me la 104 l'hanno data subito però dipende dalla gravità delle condizioni...
Una cosa certa è che non guardano certificati di medici privati ma solo dottori ASL.
Per laccompagnamento, mi hanno fatto tribulare 2 anni nonostante che mia madre è in demenza forte.
 

ortego

Nuovo Utente
Registrato
27/4/10
Messaggi
2.140
Punti reazioni
44
Io l'ho fatta un annetto fa per mio nonno, poi purtroppo venuto a mancare dopo qualche mese ...

Ottenuta senza problemi (parkinsonismo) ... oltre ad ausili sanitari (letto per disabili con materasso antidecubito e compressore, carrozzina, deambulatore, "comoda") e alla fornitura dei pannoloni


Però se sta in rsa con quota sanitaria a carico dello stato (e quota alberghiera a carico del degente) te lo tolgono l'accompagnamento

Considera però che la quota sanitaria è più del doppio dell'accompagnamento, quindi conviene la rsa ...

... soprattutto rispetto ai badanti, con i quali si può spendere molto di più.

Mia madre è in RSA tramite convenzione post domanda Uvg. La pensione di accompagnamento non gli è mai stata tolta, e sono trascorsi 3 anni dall'ingresso.
Lasciamo stare le badanti...mi sono trovato male, anzi molto male. Per loro siamo solo limoni da spremere, vogliono solo diritti e pochi doveri... L'ultima, peruviana, ladra, colta con le mani nel sacco, licenziata e denunciata.
In bocca al lupo.
 

asimpleplan

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
27/11/19
Messaggi
4.037
Punti reazioni
51
Il costo che devi sostenere è solo quello del medico di base che ti fa la prima richiesta da presentare alla commissione (Se non ricordo male €60).
Questa domanda se la inoltri tu stesso sul sito dell'Inps non paghi più nulla, altrimenti al patronato potrebbero chiederti qualcosa.
Dopo circa un mese verrai convocato dalla commissione.
A me la 104 l'hanno data subito però dipende dalla gravità delle condizioni...
Una cosa certa è che non guardano certificati di medici privati ma solo dottori ASL.
Per laccompagnamento, mi hanno fatto tribulare 2 anni nonostante che mia madre è in demenza forte.

ciao Maste, quali errori ( che col senno del poi ) non rifaresti più nel caso dell'accompagno o della 104 , a livello burocratico o di tempistica?

@Maste72
 

Maste72

Nuovo Utente
Registrato
30/7/16
Messaggi
402
Punti reazioni
22
Per l'accompagnamento non è questione di cosa sbagliare...
È tutto in mano alla commissione invalidi...
Nel mio caso (demenza grave) nonostante il neurologo ASL dell'unità valutazione alzheimer (UVA) avesse scritto per 2 anni che la persona necessita di essere seguita in modo continuativo xchè non in grado di svolgere le attività, la commissione non gli ha concesso mai l'accompagnamento, meno male che nel 2020 col covid hanno dovuto considerare solo la diagnosi del neurologo senza presenziare, e l'hanno concessa.
 

Maste72

Nuovo Utente
Registrato
30/7/16
Messaggi
402
Punti reazioni
22
Mia madre è in RSA tramite convenzione post domanda Uvg. La pensione di accompagnamento non gli è mai stata tolta, e sono trascorsi 3 anni dall'ingresso.
Lasciamo stare le badanti...mi sono trovato male, anzi molto male. Per loro siamo solo limoni da spremere, vogliono solo diritti e pochi doveri... L'ultima, peruviana, ladra, colta con le mani nel sacco, licenziata e denunciata.
In bocca al lupo.

Scusate ma queste convenzioni con quota sanitaria a carico dello stato come si ottengono?
Io invece con le badanti (soprattutto polacche) mi sono sempre trovato bene
 

baratto80

Nuovo Utente
Registrato
11/1/15
Messaggi
496
Punti reazioni
3
Mia madre è in RSA tramite convenzione post domanda Uvg. La pensione di accompagnamento non gli è mai stata tolta, e sono trascorsi 3 anni dall'ingresso.
Forse mi sbaglio ma credo che l'indennità di accompagnamento e la copertura della rsa in convenzione vadano in contrasto. Mi sbaglio io o sei "fortunato" tu? Vabbè acqua in bocca per ortego :)

Questa domanda se la inoltri tu stesso sul sito dell'Inps non paghi più nulla, altrimenti al patronato potrebbero chiederti qualcosa.
Ho accesso al sito inps con account fatto alla mia parente. E' semplice inoltrare questa richiesta? L'hai inoltrata tu stesso per tua madre?

Scusate ma queste convenzioni con quota sanitaria a carico dello stato come si ottengono?
Visto che è la 2^ (o forse 3^) volta che poni la domanda, provo a rispondere io per quel che posso. Tempo addietro, dovendo scegliere la CdR, ho sentito di queste strutture convenzionate e ne contattai telefonicamente una proprio per chiedere delucidazioni circa le convenzioni. Tutte quante mi risposero in modo dettagliato indicandomi la trafila da seguire per ottenere la convenzione, parziale o totale che fosse, l'unica cosa che ricordo è che il paziente doveva trovarsi in gravi condizioni socio-economiche oltre che di salute. La trafila riguardava sia i servizi sociali sia quelli sanitari. Non prestai grande attenzione perchè la mia parente non vi rientrava.
Ti posso solo consigliare di fare come me, cominciando con una ricerca sul web delle strutture convenzionate della tua provincia (forse vale anche fuori la provincia, non saprei), poi cerchi i numeri di telefono e chiedi, anche perchè non credo potrai andarci a parlare di presenza causa covid.

Io invece con le badanti (soprattutto polacche) mi sono sempre trovato bene
Difatti l'assistente preferita della mia parente in cdr è polacca. Avranno una buona genetica... :)
 

asimpleplan

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
27/11/19
Messaggi
4.037
Punti reazioni
51
Per l'accompagnamento non è questione di cosa sbagliare...
È tutto in mano alla commissione invalidi...
Nel mio caso (demenza grave) nonostante il neurologo ASL dell'unità valutazione alzheimer (UVA) avesse scritto per 2 anni che la persona necessita di essere seguita in modo continuativo xchè non in grado di svolgere le attività, la commissione non gli ha concesso mai l'accompagnamento, meno male che nel 2020 col covid hanno dovuto considerare solo la diagnosi del neurologo senza presenziare, e l'hanno concessa.

Non hai fatto ricorso avverso le prime decisioni della commissione? In base a quali motivi la commissione negava l'accompagno?

Un saluto
 

asimpleplan

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
27/11/19
Messaggi
4.037
Punti reazioni
51
Mia madre è in RSA tramite convenzione post domanda Uvg. La pensione di accompagnamento non gli è mai stata tolta, e sono trascorsi 3 anni dall'ingresso.
Lasciamo stare le badanti...mi sono trovato male, anzi molto male. Per loro siamo solo limoni da spremere, vogliono solo diritti e pochi doveri... L'ultima, peruviana, ladra, colta con le mani nel sacco, licenziata e denunciata.
In bocca al lupo.

Hai avuto SEMPRE esperienze negative con le badanti?
 
Ultima modifica:

baratto80

Nuovo Utente
Registrato
11/1/15
Messaggi
496
Punti reazioni
3
In base a quali motivi la commissione negava l'accompagno?
Io sono l'ultimo arrivato ma credo sia l'ennesima prova di ciò che proponevo, come mia personale opinione, nel post d'apertura: non ci sono abbastanza soldi, da parte inps/stato, per dare a tutti i richiedenti che ne hanno diritto e subito i soldi dell'indennità, perciò la tirano per le lunghe, ovvero cercano di minimizzare l'esborso delle pensioni d'accompagnamento contando che il paziente tiri le cuoia il prima possibile. Non dimentichiamoci che il nostro paese è uno dei più anziani del globo e che la nostra economia non è tra le più solide nè fiorenti. Ovviamente non ho alcuna prova inconfutabile per dimostrare questa mia tesi :)
 

Maste72

Nuovo Utente
Registrato
30/7/16
Messaggi
402
Punti reazioni
22
La commissione invalidi non deve giustificare niente...
manda la raccomandata con la decisione dopo un mese.
Poi uno può fare ricorso se vuole.
Mia madre, fortunatamente, non ha bisogno di quei soldi perciò io non mi sono mai impuntato
 

Maste72

Nuovo Utente
Registrato
30/7/16
Messaggi
402
Punti reazioni
22
Forse mi sbaglio ma credo che l'indennità di accompagnamento e la copertura della rsa in convenzione vadano in contrasto. Mi sbaglio io o sei "fortunato" tu? Vabbè acqua in bocca per ortego :)


Ho accesso al sito inps con account fatto alla mia parente. E' semplice inoltrare questa richiesta? L'hai inoltrata tu stesso per tua madre?

Si, l'ho inoltrata io, è abbastanza semplice, devi avere il PIN dispositivo
 

ortego

Nuovo Utente
Registrato
27/4/10
Messaggi
2.140
Punti reazioni
44
Forse mi sbaglio ma credo che l'indennità di accompagnamento e la copertura della rsa in convenzione vadano in contrasto. Mi sbaglio io o sei "fortunato" tu? Vabbè acqua in bocca per ortego :)


Ho accesso al sito inps con account fatto alla mia parente. E' semplice inoltrare questa richiesta? L'hai inoltrata tu stesso per tua madre?


Visto che è la 2^ (o forse 3^) volta che poni la domanda, provo a rispondere io per quel che posso. Tempo addietro, dovendo scegliere la CdR, ho sentito di queste strutture convenzionate e ne contattai telefonicamente una proprio per chiedere delucidazioni circa le convenzioni. Tutte quante mi risposero in modo dettagliato indicandomi la trafila da seguire per ottenere la convenzione, parziale o totale che fosse, l'unica cosa che ricordo è che il paziente doveva trovarsi in gravi condizioni socio-economiche oltre che di salute. La trafila riguardava sia i servizi sociali sia quelli sanitari. Non prestai grande attenzione perchè la mia parente non vi rientrava.
Ti posso solo consigliare di fare come me, cominciando con una ricerca sul web delle strutture convenzionate della tua provincia (forse vale anche fuori la provincia, non saprei), poi cerchi i numeri di telefono e chiedi, anche perchè non credo potrai andarci a parlare di presenza causa covid.


Difatti l'assistente preferita della mia parente in cdr è polacca. Avranno una buona genetica... :)

Stralcio da casa di riposo.it :
Diverso è il caso del ricovero in RSA, in cui i costi della retta sono suddivisi in quote variabili tra il paziente e il Servizio Sanitario Nazionale. In questi casi, l’INPS ha precisato che l’assegno di accompagnamento può essere mantenuto, perché il ricovero non può essere considerato gratuito.
 

ortego

Nuovo Utente
Registrato
27/4/10
Messaggi
2.140
Punti reazioni
44
Hai avuto SEMPRE esperienze negative con le badanti?

Sempre esperienze negative.
Ancora peggio quando mi appoggiavo alle Agenzie. Me ne hanno mandate 2 nel giro di 15 gg, entrambe marocchine.
Pensa che si scambiavano tra connazionali gli scontrini di acquisto alimentari.
Poi ho fatto da me.
La situazione è migliorata, ma solo nelle prime settimane.
Le badanti peruviane erano conviventi.
Un giorno, la signora dirimpettaia mi chiama al telefono, dicendomi di andare lì il più presto possibile.
Dopo 10 minuti ero là.
Un peruviano della stessa cricca stava caricando su un furgoncino oggetti di nostra proprietà. Peccato per loro, che nel frattempo, avevo allertato i carabinieri che arrivati in contemporanea, lì presero in flagrante.
Da quando mia madre è in RSA è rinata...curata, alimentata e comunque sempre seguita.
Buona fortuna.
 

baratto80

Nuovo Utente
Registrato
11/1/15
Messaggi
496
Punti reazioni
3
Si, l'ho inoltrata io, è abbastanza semplice, devi avere il PIN dispositivo
Ok, allora ci penso io così risparmiamo il compenso del CAF, comunque mi pare che adesso si entra solo con spid anche sul sito inps, giusto?
Avevo parlato con la CdR ad inizio anno e mi avevano detto che potevano pensarci loro a questa richiesta dell'indennizzo, vorrei quindi ricontattarli per far loro presente di dare a me la documentazione per la 104 da mandare all'inps tramite l'account. Immagino mi daranno il cartaceo delle visite, quindi dovrò scansionare tutto e così inviarlo, giusto? Qual è il percorso, a partire dalla pagina personale, per inoltrare documenti e domanda? Quello per l'inoltro della 104 è a comune con quello dell'accompagnamento?
Vediamo a distanza di 1 mese che risultati hanno raggiunto con visite e documenti...

La commissione invalidi non deve giustificare niente...
Ancora meglio (o peggio): bocciatura assicurata :D
 

asimpleplan

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
27/11/19
Messaggi
4.037
Punti reazioni
51
Ok, allora ci penso io così risparmiamo il compenso del CAF, comunque mi pare che adesso si entra solo con spid anche sul sito inps, giusto?
Avevo parlato con la CdR ad inizio anno e mi avevano detto che potevano pensarci loro a questa richiesta dell'indennizzo, vorrei quindi ricontattarli per far loro presente di dare a me la documentazione per la 104 da mandare all'inps tramite l'account. Immagino mi daranno il cartaceo delle visite, quindi dovrò scansionare tutto e così inviarlo, giusto? Qual è il percorso, a partire dalla pagina personale, per inoltrare documenti e domanda? Quello per l'inoltro della 104 è a comune con quello dell'accompagnamento?
Vediamo a distanza di 1 mese che risultati hanno raggiunto con visite e documenti...


Ancora meglio (o peggio): bocciatura assicurata :D

Infatti mi chiedo perché , sapendo come funziona, non parte il ricorso immediato avverso la decisione della commissione?
 

asimpleplan

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
27/11/19
Messaggi
4.037
Punti reazioni
51
Sempre esperienze negative.
Ancora peggio quando mi appoggiavo alle Agenzie. Me ne hanno mandate 2 nel giro di 15 gg, entrambe marocchine.
Pensa che si scambiavano tra connazionali gli scontrini di acquisto alimentari.
Poi ho fatto da me.
La situazione è migliorata, ma solo nelle prime settimane.
Le badanti peruviane erano conviventi.
Un giorno, la signora dirimpettaia mi chiama al telefono, dicendomi di andare lì il più presto possibile.
Dopo 10 minuti ero là.
Un peruviano della stessa cricca stava caricando su un furgoncino oggetti di nostra proprietà. Peccato per loro, che nel frattempo, avevo allertato i carabinieri che arrivati in contemporanea, lì presero in flagrante.
Da quando mia madre è in RSA è rinata...curata, alimentata e comunque sempre seguita.
Buona fortuna.

Ne parlo perché ci sono anche quelli che dicono il contrario; da quando è in RSA , sta peggio, le manca casa sua , non ha un ambiente familiare.....

Inoltre, alcuni evidenziano come le RSA siano in media molto più costose delle badanti a casa....

Certo il rischio è differente.....
 

baratto80

Nuovo Utente
Registrato
11/1/15
Messaggi
496
Punti reazioni
3
a marzo il medico ha inviato il certificato con la richiesta sia per handicap sia per invalidità, quindi a breve dovremmo ricevere l'esito della richiesta ma, come è ampiamente prevedibile, l'accompagnamento sarà rifiutato. volevo chiedervi qual è il periodo minimo di tempo, a partire dalla ricezione dell'esito di questa richiesta, per ripresentare una nuova richiesta in cui si chiede una "revisione" (?) del paziente per aggravamento e chiedere nuovamente l'accompagnamento. nel frattempo, non so perchè, l'artrite alle mani è peggiorata molto e non riesce più a mangiare da sola.
 

Biostene

Nuovo Utente
Registrato
8/5/22
Messaggi
54
Punti reazioni
3
Dal ricevimento del verbale sanitario si hanno sei mesi per presentare un ricorso.
Se il ricorso viene vinto si ha diritto anche gli arretrati decorrenti dal mese successivo alla data della domanda.
Trascorso tale tempo puoi ripresentare una nuova domanda facendo ripartire l'iter praticamente da zero.