Indovinello su frasi RaSSiste. (NON GOOGOLATE)

*Bushido*

No tengo Dinero!
Registrato
23/6/12
Messaggi
17.825
Punti reazioni
940
qual è il personaggio che ha pronuciato queste frasi: vi aiuto NON sono Borghezio ne Prosperini. ;)

"il negro è indolente e sognatore, spende il suo magro salario in frivolezze o bevande, l'europeo ha una tradizione di lavoro e risparmio che lo ha portato fino a quest'angolo di america e lo porta a migliorare se stesso, anche indipendentemente dalle sue stesse aspirazioni individuali."


"i negri quei magnifici esempi della razza africana, che hanno conservato la loro purezza razziale grazie alla scarsa affinità col lavarsi."


"Faremo per i negri quello che i negri hanno fatto per la rivoluzione: NIENTE"
 
Ultima modifica:

CryptoMAV

grillopopulista
Sospeso dallo Staff
Registrato
1/3/15
Messaggi
16.020
Punti reazioni
429
la prima di che guevara se non sbaglio le altre non lo so
ricordo al liceo avevamo la sua maglietta poi uno dei nostri amici fece presente :asd:
 

CryptoMAV

grillopopulista
Sospeso dallo Staff
Registrato
1/3/15
Messaggi
16.020
Punti reazioni
429
hai vinto, sono tutte sue...:D
le altre non ero sicuro ma pensavo cmq qlkno non sospetto :asd:

dopo la figuraccia che hai fatto sul thread dell'aggressione a firenze dovresti evitare di parlare di bufale
chiamava polli e cretini tutti quanti me compreso poi alla fine 48 ore dopo il pollo era lui ed è sparito dalla conversazione
evito di linkare la conversazione perchè a differenza tua ho rispetto per l'utenza di AP ;)

Eri un sinistrello ai tempi della scuola?
andavo dove tirava il vento ed essendo un contesto povero si virava a sinistra
poi qnd la sinistra ha abbadonato i lavoratori per trasferirsi nei salotti del padrone banchiere e parlare di clandestini e delinquenti ci abbiamo sputato sopra
 

Malastrana

Nuovo Utente
Registrato
23/11/00
Messaggi
8.846
Punti reazioni
434

swheart

Ahllàmmektemmurt
Registrato
25/8/07
Messaggi
40.132
Punti reazioni
1.139
Che figura de mmedda per Bushido&co!! :asd: :asd:

Insomma il Che da giovanissimo aveva gli stessi stupidi pregiudizi di Bushido , poi per fortuna a differenza sempre di Bushido, é migliorato assai essendo una persona colta.

Bushido come era é rimasto invece... :yes::yes:

Sostanzialmente è la differenza tra destri e sinistri:D:p
 

swheart

Ahllàmmektemmurt
Registrato
25/8/07
Messaggi
40.132
Punti reazioni
1.139
:asd: :asd:

In effetti la sua é una risposta ( apz ha detto?? :mmmm:) bambinesca da terza elementare.

Roba da forum insomma:):):)

Del resto il topic è quanto di più infantile: cercare di legittimare le proprie paranoie attribuendole anche a grandi personaggi di altra area, diciamo

Il Che ha dato la vita per i "negri" e i diseredati del Sudamerica, ma che ne sanno
 

Malastrana

Nuovo Utente
Registrato
23/11/00
Messaggi
8.846
Punti reazioni
434
Lasciando da parte personaggi come Bushido che personalmente trovo un po' squallido e provinciale , anni fa proprio sulla figura del dottor Ernesto
Guevara, che rispetto per la sua coerenza morale,avevo letto questo libro su un periodo dell'argentino poco conosciuto.

Ancora riecheggia in me un passaggio del libro " lungo sbadiglio socialista...".

http://www.ilisso.it/prodotto/diari-di-praga/

Sempre rimanendo a Praha-Praga, a breve , esattamente il 16 gennaio, ricorrerá il quasi 50esimo anniversario di questo tragico evento, prodotto diretto della fine del sogno Dubčekiano di un socialismo dal volto umano e democratico.

 

suro2009

sentiti trollato
Registrato
14/8/13
Messaggi
26.107
Punti reazioni
685

per aiutare coloro che non perdono tempo a leggere le non smentite di Buffale.net

dal link

Siamo nel 17 luglio del 1952, ed un Ernesto Guevara, non ancora il Che, non ancora un rivoluzionario, intriso dell’educazione borghese dell’epoca fino al midollo, arriva per la prima volta nella città di Caracas, in pieno boom petrolifero.

Il giovane studente di medicina si imbatte così nei lavoratori poveri degli slums, le baracche di migranti e stagionali senza aver mai visto un uomo di colore se non dalle descrizioni condiscendenti della sua famiglia e dei suoi pari sociali, gli uomini bianchi dell’Argentina bene.

Il suo commento è esattamente quello che ci si può immaginare da un pomposo giovinetto di buona famiglia, e non dissimile dal ciarpame che ci ritroviamo a moderare nei nostri commenti quando pomposi ed arroganti giovinetti di buona famiglia decidono di commentare notizie sull’immigrazione:

I neri, magnifici esemplari della razza Africana che hanno conservato la loro purezza mediante la loro scarsa dimestichezza col sapone, vedono il loro territorio invaso da un diverso tipo di schiavi: i Portoghesi. Queste due razze ora condividono un’esperienza comune, fatta di lotte e risse. Discriminazione e povertà li uniscono, ma le loro abitudini li dividono. I neri sono indolenti e festaioli, consumano il loro denaro in alcol e frivolezze; l’Europeo viene da una tradizione di duro lavoro e risparmio che in questo angolo di America nutre le sue aspirazioni e lo stimola ad andare avanti


per cui nessuna smentita l'Ernesto Che Guevara ha pronunciato quanto sopra

:):):)
 

suro2009

sentiti trollato
Registrato
14/8/13
Messaggi
26.107
Punti reazioni
685
leggete la superiorità morale di questi sinistri

se mi permette a me risultano ributtanti


Praticamente, siamo di fonte ad un Ernesto Guevara in giacca e cravatta, che secondo Paco Ignacio Taibo II (Senza perdere la tenerezza. Vita e morte di Ernesto Che Guevara) aveva dimostrato un antimilitarismo più sentimentale che reale e che aveva trascorso i suoi studi lontano dalle contestazioni studentesche, ancora lontano anni luce dal Che.

Un ometto bianco di buona famiglia intriso del fardello dell’Uomo Bianco, la teoria per cui l’uomo bianco operoso e lavoratore dovesse educare l’uomo “nero” gaudente, “sempliciotto” e farfallone per farne un cittadino del mondo responsabile.

L’equivalente degli anni ’50 del ragazzetto di buona famiglia spocchioso e con la puzza sotto il naso che si lamenta di aver visto “uno straniero con l’iPhone che prende 30 euro dalle coop senza lavorare ed io che sono italiano vero dico che è uno sfruttatore”.

come se essere in giacca e cravatta fosse peggio di essere in mimetica o con l'eskimo

il diminutivo di ometto bianco direi che è raccapricciante (quelli che non si accorgono del loro razzismo e del loro classismo)

intriso del fardello dell'Uomo Bianco , orrendissimi


insomma siamo sinceri altro che criticar Bushido

:):):)
 

suro2009

sentiti trollato
Registrato
14/8/13
Messaggi
26.107
Punti reazioni
685
teniamo buona nota che:
-Nel socialismo cubano successe quanto sotto riportato
-gli Sbuffalatori di Buffale.net non considerano la possibilità di collegamento per problemi di logistica, per parallelo se Hitler non fosse mai stato a Dachau non sarebbe stato a conoscenza di ciò che vi avveniva


insomma a ben leggere la sinistra ne esce piuttosto male

Formalmente le UMAP erano l’equivalente del servizio civile obbligatorio: tutti coloro che erano obiettori di coscienza (come i Testimoni di Geova o altri obiettori in un periodo in cui l’obiezione era vista con estremo sfavore) o a cui, se pur non riformati, la leva obbligatoria era inibita (gli omosessuali nel regime castrista) erano inviati in una sorta di “servizio ausiliario” in campi di lavoro agricolo che, sin troppe volte, devolvevano in autentici campi di concentramento, sia per aperto pregiudizio verso gli omosessuali, che per pregiudizio verso tutti coloro che non partecipavano “attivamente” alla rivoluzione.

Il problema fondamentale è che le UMAP erano in attività dal 1965 al 1968, mentre Che Guevara in quegli anni era impegnato nella Guerriglia in Africa.

Sostanzialmente, a meno che di postulare che tra le infinite attribuzioni di Che Guevara ci siano la bilocazione e/o il teletrasporto come quello di Son Goku, il campione di arti marziali alieno protagonista della serie di cartoni animati Dragonball col potere di teletrasportarsi istantaneamente in ogni posto che desideri e dove vi siano avversari capaci, ipso facto il rapporto tra Che Guevara e le UMAP è stato molto, molto esagerato.

Si è cercato di collegare le UMAP al campo di lavoro di Guanahacabibes, luogo di “detenzione” per i “traditori della rivoluzione” caldeggiato da Che Guevara, ma in ogni caso le UMAP furono la creazione di Raul Castro, fratello di Fidel.

Tre anni dopo la loro fondazione, nel 1968, Fidel Castro a seguito di indagini interne personalmente compiute nei campi UMAP decise di sciogliere le unità UMAP, ma aprì nuovi campi simili, sostanzialmente ritenendo (a torto) che avrebbe potuto controllare gli abusi nei campi di lavoro e che gli omosessuali avrebbero subito un trattamento peggiore nell’esercito, ritenendo inoltre di dover affrontare, benaltristicamente, problemi maggiori “di vita e di morte”

:):):)
 

alexpivi

mai pd mai islam
Registrato
25/11/09
Messaggi
18.220
Punti reazioni
676
Oddio, questa è grossa! E' già paradossale in generale, detta in Ap è da ribaltarsi.:D:wall:
Allora puoi capotarti e ribaltarti a vita .....!!!! purtroppo per noi destri è proprio così perché nel 90% dei casi voi sinistri avete sempre un tragico rapporto col mondo produttivo .... !!! siete forti a parlare , ma quando si tratta di fare .... di solito siete sullo stesso livello di tutti quei neretti che arrivano qui
pensando di non fare un hazso e di vivere tranquillamente sulle nostre spalle e sulla nostra pelle bianca che ormai per voi non è più da sbiancare ma da colorare a tutti i costi ....!!!! ma vdvic ....!!!! 👎😡:cool:
 
Ultima modifica: