info art. 111 D.Lgs. 58/98

rothko

Nuovo Utente
Registrato
13/3/00
Messaggi
5.544
Punti reazioni
151
cari Verm&Solitair
mi potreste dare qualche delucidazione sull'art. in questione?
(caso concreto comunicazione S.Paolo-IMI per BAncoNApoli)
e che effetti potrebbe avere (credo formalmente nessuno)
sulle rnc?
grazie ed a presto
 
La norma in questione introduce in Italia un meccanismo di "espropiazione forzata", più correttamente l'acquisto coattivo delle azioni da parte di chi detiene più del 98% delle azioni con diritto di voto. Attenzione!!! Il prezzo è fissato (non dalla Consob ma) da un esperto nominato dal Pres. del Trib. Talvolta si usa il termine (che riteniamo improprio, ma il discorso è lungo) di squeeze out (o più correttamente squezingout, come il dentifricio che viene spremuto per cacciare gli azionisti).
 
La norma italiana riprende in parte una disposizione francese (retrait obligatorie) con qualche sostanziale differenza. A te interessa che si tratta di un DIRITTO che appartiene a chi detiene più del 98% e non ci puoi far nulla: in parole povere, lo subisci e basta! In soldoni, la norma tutela il forte contro i possibili "rompiballe" che si sono tenute le azioni fino alla fine
 
grazie per la risposta che avevo intuito (non ci vuole molto)
ma è interessante avere la certezza che nel caso concreto
S.Paolo-Imi non abbia voluto proprio nessun rompiballe in assemblea

mi chiedo quali sono ora gli strumenti in mano ai fondi che possiedono solo le rnc

(immagino che per sfizio di presenza abbiano comprato a suo tempo anche 1 o 2 azioni ord, ma ora ne sono privi)

e quali possono essere le decisioni della società ritenibili lesive dei diritti dei portatori di azioni rnc.
C'è giurisprudenza o letteratura in materia?
ciao e grazie ancora
 
Scritto da rothko
mi chiedo quali sono ora gli strumenti in mano ai fondi che possiedono solo le rnc


I fondi hanno comprato le rnc a da quota 1.30 (mentre noi le vendavamo, se ricordi, dopo averle comprate parecchio più sotto:D) poco prima dell'opa residuale sulle ordinarie, sperando in un ritiro anche delle rnc, ritiro che non è avvenuto.

Adesso i fondi hanno impugnato la delibera che aumenta il dividendo minimo delle rnc (da 80 a 95 lire) e stabilisce il riacquisto graduale delle rnc "a prezzi in linea col valore patrimoniale del titolo".

E' una manovra che tende a far scendere a patti SanPaoloImi, soprattutto.
 
Le competenze per l'acquisizione del 2% appartengono agli amministratori.

Ogni decisione assembleare lesiva di una categoria di azioni necessita dell'intervento dell'assemblea speciale di quella categoria (vale a dire, si sotituisce il consenso individuale con il consenso reso dalla maggioranza di quella categoria di azionisti).
 
mi potete dare il riferimento legislativo per l'assemblea speciale dei possessori di rnc
per saprene di più sulla costituzione dell'assemblea in base a quali maggioranze vengono prese le delibere and son on
grazie
penso che potrebbe interessare a molti rinfrescare un po' di diritto societario
 
Alle assemblee speciali si applica la disciplina delle assemblee straordinarie: art. 2376 c.c.

La disciplina tutela gli azionisti di categoria come GRUPPO e NON INDIVIDUALMENTE.
 
in mancanza dell'approvazione dell'assemblea di categoria, la decisione dell'assemblea generale è improduttiva di effetti (non meramente annullabile ex art. 2377 c.c.).
 
Artt. 145 e seguenti T.U.F.

L'assemblea speciale dei possessori di azioni di risparmio è convocata dal rappresentante comune degli azionisti di risparmio, ovvero dagli amministratori della società, entro due mesid all'emissione o dalla conversione delle azioni e quando lo ritengano necessario o ne sia fatta richiesta da tanti possessori di azioni di risparmio che rappresentino almeno l'1% delle azioni della categoria. In caso di omissione, l'assemblea deve essere convocata dal Collegio sindacale.

L'assemblea delibera in prima e seconda convocazione col voto favorevole di tante azioni che rappresentino almeno (rispettivamente) il 20% o il 10% delle azioni in circolazione. In terza convocazione delibera a maggioranza dei presenti, qualunque sia la parte di capitale rappresentata.

Cio' vale nel caso di deliberazioni sulla nomina e revoca del rappresentante comune e dell'azione di responsabilità nei suoi confronti, sulla costituzione di un fondo per le spese necessarie alla tutela dei comuni interessi e sul rendiconto relatovo, sugli altri oggetti di interesse comune.

L'assemblea, invece, delibera col voto favorevole di tante azioni che rappresentano almeno il 20% del totale della categoria sempre in caso di approvazione di deliberazioni dell'assemblea della società che pregiudicano i diritti della categoria e sulla transazione sulle controversie con la società.
 
LOOK!
Il 146 terzo comma Tuf contiene deroga al 2376 secondo comma, MA "salvo i casi previsti dal comma 1 lettere b e d", e cioè "approvazione delel deliberazioni dell'assemblea della società che pregiudicano i diritti di categoria": e qui ci vuole anche il voto favorevole di tante azioni che rappresentano almeno il 20% delle azioni della categoria (lett. b). Attenzione ai coordinamenti delle norme.
 
Ed io cosa ho scritto?



Scritto da Voltaire
L'assemblea, invece, delibera col voto favorevole di tante azioni che rappresentano almeno il 20% del totale della categoria sempre in caso di approvazione di deliberazioni dell'assemblea della società che pregiudicano i diritti della categoria e sulla transazione sulle controversie con la società.
 
grazie ancora
molto utile
anche nel caso concreto

mi permetto di chiedervi ancora una cosa
tempo addietro la Consob aveva
ahimè
solo raccomandato alle società quotate di rendere noto
gli acquisti di proprie azioni di risp

i casi di Fiat e Generali (per Alleanza) sono delle eccezioni
oppure si possono reperire delle informazioni al riguardo?
 
Appunto, ha "raccomandato", non imposto.

Pertanto le società non hanno l'obbligo di comunicarlo.

Ultimi casi, appunto, Generali con Alleanza rnc ed Ifil con le proprie rnc.
 
Volt, nun t'arrabbià, è che si può far confusione nel leggere il tutto (per via dei quorum delle assemblee straordinarie!)
 
No, è che la vita familiare non è compatibile con lo studio serio e rigoroso della finanza.........
 
Volt, non è che ho fatto confusione io, si fa confusione se si legge, per cui ho precisato la cosa.

Mannaggia, ma oggi che avete magnato tutti quanti che vi incacchiate per nulla (scherzo)

Ciao.
 
Io ho mangiato spaghetti col tonno (al sugo) a pranzo e bocconcini di mozzarella (in onore al web mozzarell manager di FOL) a cena.......entrambi ottimi...........
 
Indietro