Informazione legale

luigino

Nuovo Utente
Registrato
16/7/00
Messaggi
49
Punti reazioni
3
In merito a successione ereditaria.
A mia moglie è mancato il padre; in posta ci sono buoni fruttiferi, un libretto al portatore ed obbligazioni. E' stato dato mandato alle poste che il tutto sia intestato agli eredi con firme congiunte (eredi: moglie del defunto e quattro fratelli).
Oggi mia moglie ha ricevuto una telefonata dal fratello il quale le spiegava di recarsi in tribunale con un testimone per sbloccare quanto sopra. A mia moglie non interessa sbloccare nulla.
E' vero che entro i sei mesi dal decesso del padre bisogna sbloccare tutto? Se è così che cosa succede se non si sblocca?

Grazie per chi mi risponderà in merito.

Luigino
 
penso ci sia un po' di confusione: i sei mesi ritengo siano riferibili al periodo concesso per la denuncia di successione. Forse è ciò che hanno chiesto alla posta?
 
Scritto da Verm & Solitair
penso ci sia un po' di confusione: i sei mesi ritengo siano riferibili al periodo concesso per la denuncia di successione. Forse è ciò che hanno chiesto alla posta?


La denuncia di morte all'ufficio postale è stata fatta sucessivamente al decesso, infatti l'ufficio postale ha fatto firmare a tutti gli eredi per l'intestazione dei vari titoli.
La mia domanda era: può moglie lasciare quanto sopra menzionato senza obbligo di sbloccare per la divisione ereditaria?

Ciao.
 
Indietro