Inizia la ribellione in Russia.?! Forse.....ma era ora

Penrose

Utente Registrato
Registrato
31/1/16
Messaggi
5.700
Punti reazioni
914
13:55 - Partigiani russi: «Basta con la dittatura del Cremlino, abbiamo attaccato noi a Belgorod e Bryansk»

I partigiani russi di Freedom of Russia e il Corpo dei volontari russi hanno annunciato oggi in diversi messaggi su Telegram, anche con video, di aver lanciato dei raid al confine tra Russia e Ucraina e di aver messo le loro bandiere nelle località di Bezlyudovka, Churovichi e Lyubimovka, nelle regioni russe di Belgorod, Bryansk e Kursk. E hanno lanciato un appello: «Cittadini della Russia, siamo russi come voi. L'unica differenza è che non vogliamo più giustificare le azioni dei criminali al potere e vogliamo che la dittatura del Cremlino finisca. Le prime bandiere di una Russia libera all'alba sulle città liberate», scrivono
 
saranno questi che stanno cercando di ritornare in ucraina ,sara' dura .

Le unità dell'esercito in avvicinamento con veicoli blindati si unirono alla distruzione del distaccamento speciale di neonazisti al confine con la regione di Belgorod.
Источник: https://rusvesna.su/news/1684758016
 
Легион «Свобода России»

Легион «Свобода России»
Легион и РДК полностью освободили н/п Козинку, Белгородской области. В Грайворон зашли передовые отряды.

Двигаемся дальше.

Россия будет свободной!

За Россию! За Свободу!


"La Legione e l'RDK hanno completamente liberato l'insediamento di Kozinka, nella regione di Belgorod. Distaccamenti avanzati sono entrati a Grayvoron. Andiamo avanti. La Russia sarà libera! Per la Russia! Per la libertà!"
 
Russkaya Vesna mi pare in affanno
 
Questi legionari sono veri eroi, Balabiott vi sta aspettando a braccia aperte correte.
Respect for free Russians OK!
 
Magari iniziasse davvero. OK!
 
Sarebbe la cosa migliore per tutti, se si liberassero da soli: sono caduti imperi e regimi che sembravano eterni, potranno ben essere rovesciati quei quattro affamapopolo sanguinari
 
Baza parla di evacuazione parziale dei villaggi di confine, anche se per ora non c'è conferma ufficiale.

Baza

"Una fonte dell'amministrazione del distretto di Graivoronovsky ha riferito di una possibile evacuazione parziale dei villaggi di confine nel prossimo futuro.
Non ci sono ancora informazioni ufficiali."
 
se non vogliono morire di fame e di freddo bisogna che si svegliano in gran numero...

il ducetto putin e la sua cricca di ubriaconi corrotti se ne sbattoni dei russi....a loro interessano soldi e potere

ad ogni costo
 
e' ovvio ,la popolazione non deve essere presa per farsi scudo mentre si ritirano verso l'ucraina ,cosa non facile perche' li hanno gia' agganciati in una localita' e per il resto inseguiti con elicotteri , il gruppo di assaltatori e' dotato di fuoristrada . la situazione e' in movimento.
dopo la liberazione di Artemivsk era necessario distogliere l'attenzione per il morale

.
In alcuni insediamenti del distretto di Graivoronsky, la popolazione viene evacuata in luoghi sicuri e rifugi antiaerei.

Testimoni oculari pubblicano foto delle conseguenze della battaglia con il DRG nemico vicino al villaggio di Gora-Podil.


Источник: https://rusvesna.su/news/1684760342
 
13:55 - Partigiani russi: «Basta con la dittatura del Cremlino, abbiamo attaccato noi a Belgorod e Bryansk»

I partigiani russi di Freedom of Russia e il Corpo dei volontari russi hanno annunciato oggi in diversi messaggi su Telegram, anche con video, di aver lanciato dei raid al confine tra Russia e Ucraina e di aver messo le loro bandiere nelle località di Bezlyudovka, Churovichi e Lyubimovka, nelle regioni russe di Belgorod, Bryansk e Kursk. E hanno lanciato un appello: «Cittadini della Russia, siamo russi come voi. L'unica differenza è che non vogliamo più giustificare le azioni dei criminali al potere e vogliamo che la dittatura del Cremlino finisca. Le prime bandiere di una Russia libera all'alba sulle città liberate», scrivono
FINALMENTE si stanno svegliando dal torpore e magari capiscono che l'unico ad avere dei benefici di questa assurda guerra e' il nano sotto al kremlino
 
Baza

"Il Ministero degli affari interni della regione di Belgorod ha introdotto il piano Edelweiss.

È stato annunciato un raduno generale dei dipendenti in tutti i dipartimenti di polizia della regione."
 
Легион «Свобода России»

Легион «Свобода России»
Легион и РДК полностью освободили н/п Козинку, Белгородской области. В Грайворон зашли передовые отряды.

Двигаемся дальше.

Россия будет свободной!

За Россию! За Свободу!


"La Legione e l'RDK hanno completamente liberato l'insediamento di Kozinka, nella regione di Belgorod. Distaccamenti avanzati sono entrati a Grayvoron. Andiamo avanti. La Russia sarà libera! Per la Russia! Per la libertà!"
Ottimo 👍👍
 
dovrebbero fare un blitz e liberare navalny
prima che ci lasci le cuoia
e con lui marciare verso mosca

in fondo come fece 100 anni fa lenin
 

I partigiani di Freedom of Russia lanciano raid in 3 regioni: «Stop alla dittatura del Cremlino»​

I partigiani russi di Freedom of Russia e il Corpo dei volontari russi hanno annunciato oggi in diversi messaggi su Telegram, anche con video, di aver lanciato dei raid al confine tra Russia e Ucraina e di aver messo le loro bandiere nelle località di Bezlyudovka, Churovichi e Lyubimovka, nelle regioni russe di Belgorod, Bryansk e Kursk. E hanno lanciato un appello: “Cittadini della Russia, siamo russi come voi. L’unica differenza è che non vogliamo più giustificare le azioni dei criminali al potere e vogliamo che la dittatura del Cremlino finisca. Le prime bandiere di una Russia libera all’alba sulle città liberate’, scrivono.
Il governatore di Belgorod ha detto che gli attacchi sono stati condotti non da cittadini russi ma da gruppi di sabotatori ucraini e che le forze di sicurezza regionali si stavano attivando per respingere questi attacchi.
 

Media ucraina: “Checkpoint russo di Grayvoron sarebbe stato accerchiato”​



Secondo i media ucraini il checkpoint russo di Grayvoron, nella regione di Belgorod, che si trova vicino a un deposito di armi nucleari, sarebbe stato accerchiato. Nell’area del checkpoint sarebbero in corso scontri anche con armi pesanti tra partigiani russi ed esercito della Federazione, secondo Unian. L’area è quella della 12ma direzione principale del ministero della Difesa russo. L’unità militare 25624 è un deposito di armi nucleari. Intanto la legione partigiana Libertà della Russia ha annunciato la “liberazione del villaggio di Kozinka, nella regione di Belgorod. Mentre unità avanzate sono entrate a Grayvoron”.
 
[...]Secondo i media ucraini il checkpoint russo di Grayvoron, nella regione di Belgorod, che si trova vicino a un deposito di armi nucleari,[...]

:yes:

Il sito di Belgorod-22 è uno dei siti del 12th GUMO per lo stoccaggio di testate nucleari a livello nazionale.

Geolocalizzazione: (50.5575443, 35.7553680)
 
Indietro