inizio con il forex

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
  • SONDAGGIO: Potrebbe interessarti una sezione "Trading Sportivo"?

    Ciao, ci piacerebbe sapere se potrebbe interessarti l'apetura di una nuova sezione dedicata unicamente al trading sportivo o betting exchange. Il tuo voto è importante perchè ci consente di capire se vale la pena pianificarla o no. Per favore esprimi il tuo voto, o No, nel seguente sondaggio: LINK.
    Puoi chiudere questo avviso premendo la X in alto a destra.

    Staff | FinanzaOnline

sognidirock&roll

Utente Registrato
Registrato
20/11/10
Messaggi
165
Punti reazioni
9
salve,

mi chiamo marco ed opero da qualche tempo sull'azionario.

infastidito dalle tante ore di borsa chiusa e quindi il rischi di gap vorrei avvicinarmi al forex che mi premetterebbe di gestire meglio la posizione.

non ho le idee chiare sui cross valutari.

la quotazione è data da una dinamica di incontro domanda-offerta uguale a quella che vige sui mercati azionari?
e quindi è la maggiore o minore pressione di acquisto e vendita che fa muovere le quotazioni ?

grazie :bow:
 
salve,



non ho le idee chiare sui cross valutari.

la quotazione è data da una dinamica di incontro domanda-offerta uguale a quella che vige sui mercati azionari?
e quindi è la maggiore o minore pressione di acquisto e vendita che fa muovere le quotazioni ?

grazie :bow:

Che sezione deludente questa del forex, nessuno che risponde...
Vige la diceria che questa sezione sia frequentata per la maggior parte da trader demo, a vedere la mancanza di risposte a domande fondamentali come la tua mi sa che la diceria e' vera. :(

Voi pochi che conoscete il trading ( e so che leggete ) RISPONDETEEEEEEEEE
 
salve,

mi chiamo marco ed opero da qualche tempo sull'azionario.

infastidito dalle tante ore di borsa chiusa e quindi il rischi di gap vorrei avvicinarmi al forex che mi premetterebbe di gestire meglio la posizione.

non ho le idee chiare sui cross valutari.

la quotazione è data da una dinamica di incontro domanda-offerta uguale a quella che vige sui mercati azionari?
e quindi è la maggiore o minore pressione di acquisto e vendita che fa muovere le quotazioni ?

grazie :bow:


Leggi qui:

consultingtrading.it

tutto quello che trovi è legato all'andamento dei prezzi forex. Tutte le variabili incidono sulle quotazioni (news, analisi macroeconomica, eventi politici, ecc ecc ecc)

Ciao

Ones :)
 
Leggi qui:


tutto quello che trovi è legato all'andamento dei prezzi forex. Tutte le variabili incidono sulle quotazioni (news, analisi macroeconomica, eventi politici, ecc ecc ecc)

Ciao

Ones :)

Ma questo e' vero anche per le azioni e il resto, tutto e' correlato a queste cose.
Ma che differenza c'e' ( se c'e' ) tra la formazione del prezzo di un azione e quella del forex?

" la quotazione è data da una dinamica di incontro domanda-offerta uguale a quella che vige sui mercati azionari?
e quindi è la maggiore o minore pressione di acquisto e vendita che fa muovere le quotazioni ? "
 
Ma questo e' vero anche per le azioni e il resto, tutto e' correlato a queste cose.
Ma che differenza c'e' ( se c'e' ) tra la formazione del prezzo di un azione e quella del forex?

" la quotazione è data da una dinamica di incontro domanda-offerta uguale a quella che vige sui mercati azionari?
e quindi è la maggiore o minore pressione di acquisto e vendita che fa muovere le quotazioni ? "

Danilo non ho capito..lo spieghi? :D
 
Ma questo e' vero anche per le azioni e il resto, tutto e' correlato a queste cose.
Ma che differenza c'e' ( se c'e' ) tra la formazione del prezzo di un azione e quella del forex?

" la quotazione è data da una dinamica di incontro domanda-offerta uguale a quella che vige sui mercati azionari?
e quindi è la maggiore o minore pressione di acquisto e vendita che fa muovere le quotazioni ? "

Scusa ma ti riferisci a "dinamiche" TECNICHE(suppporti resistenze ...medie....) oppure a "dinamiche" FONDAMENTALI (politica economica, monetaria in generale)?
 
Danilo non ho capito..lo spieghi? :D

Ma ho solo riportato la domanda e cioe'


(nel forex) la quotazione è data da una dinamica di incontro domanda-offerta uguale a quella che vige sui mercati azionari?
e quindi è la maggiore o minore pressione di acquisto e vendita che fa muovere le quotazioni ?


Qualcuno sa rispondere?
 
salve,

mi chiamo marco ed opero da qualche tempo sull'azionario.

infastidito dalle tante ore di borsa chiusa e quindi il rischi di gap vorrei avvicinarmi al forex che mi premetterebbe di gestire meglio la posizione.

non ho le idee chiare sui cross valutari.

la quotazione è data da una dinamica di incontro domanda-offerta uguale a quella che vige sui mercati azionari?
e quindi è la maggiore o minore pressione di acquisto e vendita che fa muovere le quotazioni ?

grazie :bow:




Domanda Offerta--------

Cosa influenza le valute...

Fattori che INFUENZANO LE VALUTE

Possono essere molteplici banche centrali--- tassi interesse--- istabilità politica

Variabili MACROECONOMICHE

Hedge fund segnali tecnici -Operatori livelli tecnici.:)


ABC ,,,,,,,,.


(ROLLARE GIORNO per GIORNO)......Posizioni..........
 
Ultima modifica:
Ulteriori Considerazioni Studio.


Alcune Basi del Forex

Fonte esterna per ULTERIORE STUDIO.

Nel mercato Forex, le valute sono quotate e scambiate a coppie.

In pratica mente si compra una valuta se ne vende contemporaneamente un'altra.

L'obbiettivo dello scambio valute nel Forex è di scambiare una valuta con un'altra, nell'aspettativa che il valore di mercato, o la quotazione, cambi in modo tale che la valuta che si è acquistata incrementi il suo valore nei confronti di quella che si è venduta, o viceversa.

In genere nei mercati le regole e le convenzioni sono imposte da enti di controllo nazionali. Nel mercato Forex, invece, essendo un mercato OTC, le convenzioni possono essere diverse a secondo degli enti regolatori regionali esistenti (FSA, FSC, CFTC, NFA, BCSC, ecc.).

A differenza del mercato azionario, sul mercato FOREX è impossibile (almeno in generale) l'insider trading. Sul mercato FOREX le informazioni riguardanti un paese e le sue performance economiche sono disponibili a tutti indistintamente. I dati macroeconomici nazionali sono divulgati contemporaneamente in tutto il mondo, e ogni operatore ne viene a conoscenza nello stesso momento. Dal cambista della grande banca allo speculatore privato, ognuno è in possesso delle stesse informazioni su cui basare le proprie decisioni di trading.

Inoltre il FOREX è aperto 24 ore su 24, di conseguenza un ordine viene lavorato in continuo e, in condizioni di normale liquidità, sarà eseguito ad un prezzo non distante da quello indicato; solo tra il venerdì e la domenica sera c'è il rischio di una apertura in gap; rischio che nel mercato azionario e nei derivati è invece quotidiano.

Spot o termine:

Quando si apre una posizione speculativa in una valuta si deve decidere se operare spot o termine.

Sul mercato FOREX, infatti, si può trattare qualsiasi valuta fino ad un anno. In questo caso parliamo di transazioni a termine (forward). Mentre le transazioni Spot vanno normalmente in valuta due giorni lavorativi successivi al giorno in cui la transazione è stata effettuata.
Un cambio a termine verrà trattato sempre o a premio o a sconto rispetto all'equivalente cambio spot. Questa differenza non riflette un' aspettativa che il cambio spot si alzerà o scenderà, ma riflette la differenza nei tassi di interesse relativi alle due valute nel periodo di tempo di riferimento.
La maggior parte degli speculatori, se non vogliono aprire una posizione di lungo periodo, operano sullo spot, procrastinando le posizioni nel tempo con il meccanismo del rollover.

Per le transazioni di breve periodo, prendere un posizione spot e rollarla ha chiari vantaggi:

1. Lo spread tra denaro e lettera sarà quasi sempre più largo per una transazione forward che per una transazione spot. Se non si intende tenere una posizione più di venti giorni, è normalmente meno costoso, in termini di spread, operare sullo spot e rollare giorno per giorno.

2. Nel mercato dei cambi i profitti realizzati non possono essere prelevati fino alla data valuta. Quando si tratta spot, la data valuta è due giorni lavorativi; con una posizione a termine si potrebbe dover aspettare mesi.

3. Premi e sconti sul termine non rimangano costanti. Su una posizione a termine il profitto o la perdita è funzione di due fattori: l'andamento del premio (forward swap rate) come pure l'andamento del prezzo spot.

4. Ogni tanto, bruschi movimenti dei tassi di interesse a breve termine creano condizioni caotiche nel mercato a termine. Questo può succedere quando l'autorità monetaria di un paese adopera il meccanismo dei tassi di interesse per difendere la sua valuta. Tassi punitivi a breve termine aumentano il rischio e riducono il ritorno potenziale degli speculatori che tengono posizioni corte in una valuta vulnerabile. In tali condizioni i dealers possono quotare spread sul termine molto



Fonte esterna per STUDIO ULTERIORE spero di esserti stato aiuto
 
la quotazione è data da una dinamica di incontro domanda-offerta uguale a quella che vige sui mercati azionari?
e quindi è la maggiore o minore pressione di acquisto e vendita che fa muovere le quotazioni ?

grazie :bow:

La mia visione delle cose:

in tutti i mercati la formazione e determinazione del prezzo e' sempre legata per forza di cose alla domanda e all'offerta ma nel forex le cose sono diverse rispetto alle azioni.
Mentre nelle azioni il prezzo e' puramente determinato dai partecipanti del momento ed e' quindi possibile studiare il book e attuare strategie di "scalping da book " nel forex non e' efficace perche e' piu assimilabile a quello che succede su un futures.
Premesso che le quotazioni sono riferite al circuito interbancario che e' il luogo dove si forma il vero prezzo legato alla domanda e all'offerta, i vari broker si rifanno a quel riferimento, e quotano il loro bid e ask continuamente muovendolo anche se nessuno compra / vende.
Esattamente come sui futures, nel book sono presenti vari market maker che spostano le loro pdn indipendentemente dal book del momento, pdn che ovviamente saranno anche legate a tutti i fattori esposti precedentemente ( news, correlazioni etc)
In definitiva le dinamiche sono diverse rispetto a quelle delle azioni.

Ciao
 
Dan, ma perchè non fai un bel copia e incolla come fanno tutti ?
Sei proprio un maniaco del trading ! :)
 
Sono maniaco a prescindere... la tua ragazza e' bionda o mora? OCCHIO :D

Scusa non avrei dovuto usare quella parola.
Volevo dire che hai la passione di metterti in gioco.
Comunque io felicemente quasi single, bionda...spiritual.
 
grazie millle delle risposte, :bow:

sulla base delle risposte che mi avete dato approfondirò ulteriormente.

mi rifarò vivo quando mi sarò fatto le idee piu chiare.

saluti
 
La mia visione delle cose:

in tutti i mercati la formazione e determinazione del prezzo e' sempre legata per forza di cose alla domanda e all'offerta ma nel forex le cose sono diverse rispetto alle azioni.
Mentre nelle azioni il prezzo e' puramente determinato dai partecipanti del momento ed e' quindi possibile studiare il book e attuare strategie di "scalping da book " nel forex non e' efficace perche e' piu assimilabile a quello che succede su un futures.
Premesso che le quotazioni sono riferite al circuito interbancario che e' il luogo dove si forma il vero prezzo legato alla domanda e all'offerta, i vari broker si rifanno a quel riferimento, e quotano il loro bid e ask continuamente muovendolo anche se nessuno compra / vende.
Esattamente come sui futures, nel book sono presenti vari market maker che spostano le loro pdn indipendentemente dal book del momento, pdn che ovviamente saranno anche legate a tutti i fattori esposti precedentemente ( news, correlazioni etc)
In definitiva le dinamiche sono diverse rispetto a quelle delle azioni.

Ciao

yes! la formazione dei prezzi e' data dalle pressioni esercitate da domanda e offerta come in ogni altro mercato finanziario.

la particolarita' del forex otc e' che non esiste un mercato regolamentato (e non potrebbe esistere). cio' significa che i clearer sono le grandi banche mondiali (non le banche centrali) che forniscono prezzi e liquidita' (tier1) alle societa' di brokeraggio e ai grossi clienti istituzionali e professionali (tier2). i soggetti di cui al tier2 poi creano il mercato retail (tier3) fatto da trader come voi, piccole e medie imprese, cambiavalute, investitori professionali e istituzionali, etc etc etc.

risalendo i tiers del forex dal basso, chi forma i prezzi sono piccoli traders che inviano i loro ordini al broker e le aziende che coprono il loro rischio di cambio sempre presso i broker. ovviamente questo mercato e' piccolo paragonato al tier2 che invia gli ordini direttamente alle banche aggregando gli ordini dei piccoli clienti o i grossi ordini delle aziende e degli istituzionali. inoltre anche le grandi banche si scambiano liquidita' influenzando il prezzo.

i fattori che influenzano il prezzo che avete illustrato negli altri post sono sicuramente variabili che fanno variare le quotazioni, ma la formazione del prezzo in se' si forma attraverso le operazioni che i vari player effettuano sul mercato.
 
yes! la formazione dei prezzi e' data dalle pressioni esercitate da domanda e offerta come in ogni altro mercato finanziario.

la particolarita' del forex otc e' che non esiste un mercato regolamentato (e non potrebbe esistere). cio' significa che i clearer sono le grandi banche mondiali (non le banche centrali) che forniscono prezzi e liquidita' (tier1) alle societa' di brokeraggio e ai grossi clienti istituzionali e professionali (tier2). i soggetti di cui al tier2 poi creano il mercato retail (tier3) fatto da trader come voi, piccole e medie imprese, cambiavalute, investitori professionali e istituzionali, etc etc etc.

risalendo i tiers del forex dal basso, chi forma i prezzi sono piccoli traders che inviano i loro ordini al broker e le aziende che coprono il loro rischio di cambio sempre presso i broker. ovviamente questo mercato e' piccolo paragonato al tier2 che invia gli ordini direttamente alle banche aggregando gli ordini dei piccoli clienti o i grossi ordini delle aziende e degli istituzionali. inoltre anche le grandi banche si scambiano liquidita' influenzando il prezzo.

i fattori che influenzano il prezzo che avete illustrato negli altri post sono sicuramente variabili che fanno variare le quotazioni, ma la formazione del prezzo in se' si forma attraverso le operazioni che i vari player effettuano sul mercato.

Ma sono le grandi banche a fare muro dove gli pare, o mi sbaglio ?
 
Ma sono le grandi banche a fare muro dove gli pare, o mi sbaglio ?

ti dico di no per quello che credo di aver capito, ma vorrei che spiegassi meglio la domanda. cosa intendi per "fare muro"?
 
ti dico di no per quello che credo di aver capito, ma vorrei che spiegassi meglio la domanda. cosa intendi per "fare muro"?

Naturalmente voglio dire che si posizionano su determinati livelli di prezzo impedendo che siano oltrepassati, ma è una mia supposizione.
 
Naturalmente voglio dire che si posizionano su determinati livelli di prezzo impedendo che siano oltrepassati, ma è una mia supposizione.

e' una eventualita' possibile, ma solitamente le grosse banche non si mettono i bastoni tra le ruote a vicenda. se pensi che il piccolo trader rappresenta un'inezia (in termini di guadagni e perdite e di volumi transati), il rischio che un'altra banca perda soldi per attivita' di questo tipo e si "vendichi" non appena possibile e' una possibilita' che non vale la pena sfruttare.

tuttavia, se ci sono molti interessi in acquisto o vendita ad un certo livello, questo e' un fatto che non dipende dalla volonta' dei clearer, e' mercato!
 
Indietro